Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Post recenti

Pagine: 1 2 3 4 5 6 ... 10
1
Giusto, non avevo pensato a una zeppa. Provo a partire con un dischetto di pellicola trasparente (il classico acetato da scatola di camicie con cui generazioni di modellisti hanno riprodotto i vetri delle carrozze) e vediamo. Se il gioco è verticale e per questo lo strumento ruota nella base fino a sganciarsi, dovrebbe risolvere; se invece sono i risalti sulla circonferenza che non si impegnano saldamente tra loro, potrei tentare con la pellicola per alimenti, altrimenti temo proprio che ci vorrà la colla  :(
Vi terrò al corrente

Vittorio
2
orientamento,intrattenimento,fitness,... / Re:Contachilometri (col filo o senza?)
« Ultimo post by gip il Oggi alle 08:35:38 am »
Se fosse possibile eviterei di usare colle. Primo perché, come dicevi tu, la maggior parte di queste è inefficace sulla plastica. Secondo perché ti troveresti a rinnovarla ogniqualvolta rimuovi lo strumento. Hai provato ad inserire tra la basetta sul manubrio e il tachimetro un sottile spessore? Magari di cartoncino? Forse è sufficiente a ridurre i giochi a bloccarlo meglio. Partirei con un semplice dischetto di carta aumentando via via sino ad ottenere il risultato. Meglio ancora sarebbe uno spessore ottenuto da un sottile strato di gomma o plastica magari ottenuto da una vecchia camera d'aria o da un imballo commerciale. Certo poi bisogna stare attenti a non perderlo quando si toglie lo strumento ma rifarne un altro è un attimo.
3
orientamento,intrattenimento,fitness,... / Re:Contachilometri (col filo o senza?)
« Ultimo post by Vittorio il Gennaio 18, 2020, 08:47:34 pm »
Aggiornamento: il ciclocomputer continua a funzionare regolarmente ma di recente è emerso un altro problema: forse perché col freddo la plastica si è un po' ristretta, l'innesto a baionetta dello strumento sulla sua base fissata al manubrio non tiene più molto bene e si è già staccato alcune volte, soprattutto nel trasporto passivo, quando rimane appeso, ma qualche volta anche durante la marcia, col risultato che adesso lo schermo è tutto graffiato (ecco perché la pellicola protettiva, come i cartoni sulle forcelle, non andrebbe mai tolta...).
Mi sto chiedendo come consolidare l'attacco: un semplice elastico avrebbe il difetto di coprire parzialmente lo schermo; considerando che essendo senza filo non ci sono contatti elettrici e che andrebbe smontato solo una volta all'anno per il cambio della batteria, forse un ignorantissimo puntino di colla potrebbe essere la soluzione. Ma quale? Epossidica (bicomponente) no, troppo potente; neoprenica (Bostik) nemmeno perché imbratta e tiene fin troppo bene; per polistirene assolutamente no perché opera sciogliendo il materiale quindi è come una saldatura a freddo; cianoacrilica forse, perché è forte ma anche fragile, quindi se fosse proprio solo un puntino sarebbe facile farla saltare; vinilica probabilmente sì perché su materiali non porosi l'adesione non è fortissima.
Per cominciare potrei fare una prova con la colla in stick per carta (Pritt), che sulla plastica ha meno tenuta della vinilica e rimane sempre un po' elastica.

@Carlo: la retroilluminazione è estremamente fioca, quasi non c'è differenza se non forse al buio completo. Se fosse solo questo il criterio di scelta, non lo consiglierei.

Vittorio
4
Dahon / Re:Dahon Vitesse D7 (HG e non)
« Ultimo post by Vittorio il Gennaio 18, 2020, 07:11:44 pm »
Venerdì se non piove la vado a provare e nell'occasione mi faccio fare un preventivo di massima della RG da fare alla D7, poi vediamo. Dal punto di vista economico sarebbe preferibile farmi ritirare l'usato, ma la D7 è un regalo di mia moglie quindi non posso non tenerla "finché morte non ci separi".
Resta il fatto che ricomprare la stessa bici per non fare la manutenzione è un po' fare come lo sceicco che cambia la Rolls quando il posacenere è pieno...
Altra ipotesi che mi stuzzicava tempo fa era un upgrade da D7 a D8 (come la versione più recente), memore degli studi di Gip sui cambi per cui un 8x è sensibilmente meglio di un 7x.
Invece un argomento a favore della i7 è la predisposizione per il montaggio del Landing Gear originale, invece del mio accrocchio di tubi idraulici e rotelle da sedia d'ufficio.
Insomma, sono ancora in alto mare.

Vittorio
5
Dahon / Re:Dahon Vitesse D7 (HG e non)
« Ultimo post by gip il Gennaio 18, 2020, 12:27:11 pm »
La corona da 40 o 42 denti l'ho dedotta dalle foto in rete. Se guardi bene le sue dimensioni anche in termini qualitativi (a colpo d'occhio), sembra decisamente più piccola della tua. Senza comunque una prova le mie sono tutte ipotesi. Se i dati che riporti sono esatti, e non c'è motivo di dubitarne, i cambi sarebbero praticamente uguali nelle marce basse. Nelle alte è più performante la tua attuale. Resta il fatto che la decisione di comprarla resta a te. Personalmente non lo farei a meno di problemi sulla vecchia che, con una buona revisione, può tornare come nuova.
6
Dahon / Re:Dahon Vitesse D7 (HG e non)
« Ultimo post by Vittorio il Gennaio 17, 2020, 08:50:29 pm »
@boccia: in realtà non ci avevo pensato, però mi hai dato un motivo in più ...

@gip: oggi sono andato a contare i denti della mia Vitesse. Corona 52 denti; pignoni 30-24-21-18-15-13-11 denti.
Calcolando con la circonferenza effettiva misurata di 153 cm, gli sviluppi metrici sono:
2,65 - 3,31 - 3,79 - 4,42 - 5,30 - 6,12 - 7,23 m
Considerando che in prima non cambierebbe niente (e che comunque in salita sono un disastro, e lo sarei anche con un rapporto 1:1) e che la settima riesco a spingerla per 300 m quando va bene e poi devo scalare, la i7 comincia ad avere un suo perché...
Tra l'altro nel contare i denti ho visto che cominciano a essere un po' rovinati, quindi sarebbe da mettere in conto fra non molto la sostituzione di pignoni e catena. Che si aggiungerebbe a gomme, pattini dei freni e forse qualche intervento sugli snodi, cioè un conto abbastanza salato per il "tagliando".
A frenarmi non è solo la spesa, quanto il fatto che la vecchia Vitesse non saprei bene come utilizzarla, perché mia moglie ha già la sua Bianchina a cui non vuole rinunciare mentre cantina e garage sono già strapieni.
In definitiva sarebbe giusto uno sfizio e ho paura di pentirmene il giorno dopo. Forse dovrei seguire il consiglio che dispenso a tutti i neofiti che scrivono sul forum: andare a provarla.

Vittorio
7
mi presento / Re:Nuovo Brompton-munito!
« Ultimo post by wallace81 il Gennaio 17, 2020, 12:18:46 pm »
Alla Scogliera di Catania...l’inverno...quello rigido!!!😎

8
Comunque tornando sull'argomento, il tema è caldo in questi giorni nella mia città:

http://www.umbriaon.it/terni-ciclabile-lungonera-savoia-e-posti-auto-no-definitivo-ai-commercianti-per-la-variante-procedono-lavori/

Questa porzione di ciclabile, che comunque fa molto piacere al sottoscritto perchè si trova esattamente sul mio percorso casa-ufficio, sta facendo molto discutere perché va a "sacrificare" una fila di parcheggi a ridosso del centro città. Premesso che comunque si tratta di parcheggi a striscia blu e che è molto più comodo parcheggiare sempre a pagamento in un vicino parcheggio sotterraneo sempre libero e che tra l'altro sta più vicino al centro, secondo me è un buon progetto. Qualcuno dice che si poteva usare il marciapiede, piuttosto largo in un buon tratto di strada, ma penso che sia meglio la divisione della sede stradale con le auto, debitamente protetta da cordolo che stanno posando in questi giorni. Speriamo solo che risolvano bene i passaggi difficili, ovvero gli incroci che ci sono lungo il tragitto, altrimenti non servirà a nulla.

Ciao,
Daniele
9
A proposito del filmato, non ho potuto fare a meno di notare la bassa percentuale di ciclisti americani dotati di casco.
saluti,

https://helmets.org/mandator.htm

https://en.wikipedia.org/wiki/Bicycle_helmet_laws_by_country

Ciao,
Daniele
10
buon giorno a tutti:
qui da noi il problema non sono i binari, ma la promiscuità di tante ciclabili con la sede stradale automobilistica. Questo fa si che le auto le invadano regolarmente e che le usino per sostare.
Non dico nulla di nuovo.
A proposito del filmato, non ho potuto fare a meno di notare la bassa percentuale di ciclisti americani dotati di casco.
saluti,
rv
Pagine: 1 2 3 4 5 6 ... 10