Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Post recenti

Pagine: 1 2 3 4 5 6 ... 10
1
ruote 1di2 / Re:pneumatici che diventano appiccicosi
« Ultimo post by Vittorio il Oggi alle 01:28:12 pm »
Hai provato a scartavetrare l’etichetta, quanto meno per eliminare eventuali spigoli?
2
ruote 1di2 / Re:pneumatici che diventano appiccicosi
« Ultimo post by gerardostrida il Oggi alle 01:12:41 pm »
appiccicosi no, ma io ho all'interno dello pneumatico un etichetta che non riesco a rimuovere che PUNTUALMENTE mi danneggia irrimediabilmente le camere d'aria!

ripeto, è impossibile rimuoverla!
3
ruote 1di2 / pneumatici che diventano appiccicosi
« Ultimo post by LorenzoS il Oggi alle 09:16:41 am »

Ho un problema con i pneumatici della mia Brompton schwalbe maraton, stanno diventando appiccicosi  ,  a qualcuno è capitato ?
grazie
4
Grazie della segnalazione, me la leggo volentieri. La storia del “punto anatomico” da mettere in bolla l’ho letta su un altro sito che ora non ricordo, ma al di là di ogni teoria io penso che a contare sia la sensazione personale e con la prima regolazione, molto simile alla tua, ero meno comodo. Aggiungo che ho anche avanzato al massimo la sella, sarà per quello che non mi pare di scivolare in avanti.

Vittorio
5
la mia pieghevole / Re:La nuova biciclettona di Vittorio (Dahon Espresso D24 ex Boccia)
« Ultimo post by boccia il Maggio 15, 2022, 11:58:56 pm »
A mio modo di vedere non ha molto senso mettere in bolla una certa sezione della sella individuata da una determinata larghezza. Secondo me invece si deve mettere in bolla l'intera sella in senso longitudinale, appoggiando la livella tra naso anteriore e appoggi posteriori, per poi fare le regolazioni fini.
Soprattutto vedendo il risultato finale, la sella mi pare decisamente troppo inclinata in avanti. Così si finisce per scivolare con le parti più delicate proprio sulla zona meno accogliente della sella.

A questo indirizzo c'è un articolo della SMP che dà alcuni suggerimenti su come regolare al meglio le loro selle:

https://www.sellesmp.com/eu_it/blog/tech/regolazione-della-sella-smp-la-strada-per-la-comodita/

 ;)

Ripubblico qui una vecchia foto di come ho regolato io lo stesso tipo di sella. Come vedi è di poco inclinata in avanti rispetto alla bolla. Non lasciarti ingannare dalla punta rivolta apparentemente verso l'alto, le SMP sono selle particolari.






6
.....
Sono curioso di vedere come hai regolato la trk, se puoi pubblicare una foto. Io con quel modello di sella mi trovo piuttosto bene, regolandola più o meno in bolla.
.......


Ecco qui: come ricordavo, dopo aver determinato il "punto anatomico" misurando col calibro la larghezza di 75 mm della sella

ci ho poggiato sopra una piccola livella;

nella foto scattata stamattina la bolla tutta da una parte indica chiaramente che non mi sono limitato a mettere "in bolla" la sella ma l'ho inclinata ulteriormente in avanti

in modo da appoggiare quasi tutto il peso nella parte posteriore con le ossa ischiatiche, sgravando il più possibile la zona "delicata", che già si trova in corrispondenza del foto di scarico.
Complessivamente mi trovo abbastanza bene; vedremo con i prossimi giri un po' più lunghi che ho in programma.

Vittorio
7
tendo a concordare abbastanza: la Brompton (e altre miniformato, tipo Dahon K3 o Eezz) fanno storia a sè; poi ci sono le 20" di qualsiasi tipologia e infine le bici "intere". le pieghevoli "grandi", come la Espresso o le Montague, si collocano in una "zona grigia", in funzione dell'affollamento: a treno vuoto o quasi (o comunque senza posti in piedi, tipo alta velocità) si accomunanno alle 20"; a treno affollato, anche se piegate pongono problemi abbastanza simili alle bici non pieghevoli.

Vittorio
8
Butto là una teoria, basata ovviamente sull'osservazione. Credo che come molti fenomeni, la portabilità di una pieghevole in un mezzo ferroviario, sia soggetta al fenomeno della quantizzazione. Appare ci siano delle soglie sulla dimensione della pieghevole, c'è un primo livello di dimensioni che corrisponde a Brompton e sistemi di piega simile, che permette di infilare la bici sotto o tra i sedili. La piega centrale tipo Dahon con il manubrio tra le ruote o tipo Tern esterno, credo appartenga tutto allo stesso livello (quanto) di dimensioni che vanno necessariamente parcheggiate tra i bagagli o accanto al sedile, dove possibile. Io ad esempio nell'uso pratico non ho riscontrato grosse differenze tra la Vybe D7 e la Verge D9, nonostante le dimensioni ed il sistema di piega differente. Le osservazioni di Boccia e di Vittorio confermano la teoria. Al livello superiore di dimensioni poi ci sono le bici che non si piegano e che richiedono diverse strategie di stivaggio o addirittura del materiale ferroviario apposito.
Nel senso che i più di 10 cm di differenza in larghezza tra le mie pieghevoli da chiuse non sembrano cambiare la praticità del trasporto in treno. Diverso sarebbe il caso di una Brompton che potrebbe entrare in spazi differenti, oppure quello della bici non pieghevole, ma non c'è continuità tra le varie soluzioni.   

 ;D

Daniele
9
la mia pieghevole / Re:La nuova biciclettona di Vittorio (Dahon Espresso D24 ex Boccia)
« Ultimo post by boccia il Maggio 14, 2022, 07:09:09 pm »
(...) per cui per guadagnare magari due centimetri per parte non vale la pena di sostituirlo. (...)

2 cm di manubrio a mio modo di vedere non sono trascurabili. ;)

(...) L'ultima volta che ho regolato la sella mi pare di aver messo in bolla il "punto anatomico" (il punto dove la sella è larga 75 mm), ma poi nello stringerla potrei averla inclinata con il naso ancora un po' più in basso; (...)

Io tendo a regolarla "complessivamente" in bolla, cioè con parte alta del becco e appoggio posteriore all'incirca alla stessa altezza. Inizialmente la inclinavo un po' in avanti ma la trovavo fastidiosa, perché finivo per scivolare sulla parte più stretta e meno comoda della sella.
10
La prima sensazione quando mi metto in sella è di "manubrio stretto", non come i manubri "sportivi" di quando ero ragazzo ma in quel senso, però poi pedalando non riscontro particolari fastidi, per cui per guadagnare magari due centimetri per parte non vale la pena di sostituirlo.
Per la fanaleria non sono ancora convinto di aver trovato l'assetto definitivo, comunque ci stanno una torcia e il supporto della telecamera, per cui non serve altro spazio. L'unico limite è che entrambi vanno nel punto dove il manubrio è conico, quindi il serraggio non è ottimale, quantunque più che accettabile; a voler fare un lavoro di fino dovrei ricavare un paio di spessori asimmetrici per compensare. Vedremo.
L'ultima volta che ho regolato la sella mi pare di aver messo in bolla il "punto anatomico" (il punto dove la sella è larga 75 mm), ma poi nello stringerla potrei averla inclinata con il naso ancora un po' più in basso; proverò a misurarla e fotografarla alla prima occasione.

Vittorio
Pagine: 1 2 3 4 5 6 ... 10