Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)  (Letto 111571 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline maurelio79

  • maestro
  • ****
  • Post: 419
  • Reputazione: +11/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #75 il: Aprile 12, 2013, 01:49:11 am »
Il tern trolley rack che ti suggerisce yt è compatibile solo con alcune tern, non tutte (mi pare solo le link, comunque c'è scritto sul sito della tern).
Poi per l'idea che mi sono fatto, per trasportabilità, intermodalità, ecc la ruota da 20" non è il massimo, se in più tua moglie non ci deve fare 20 km di fila tutti i giorni, mi orienterei su una 16".

Aspetta comunque consigli degli esperti. :-)

Offline Matt-o

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 3232
  • Reputazione: +100/-2
    • Alcune delle mie foto (certe infattibili senza arrivarci in Brompton)
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #76 il: Aprile 12, 2013, 10:34:57 am »
la Brompton è certamente ottima, ma devo segnalare che comunque non è una piuma e quando c'è da far le scale mia moglie spesso si lamenta (le poche volte che la prende lei). Ho visto proprio pochi giorni fa uno con una Strida, e secondo me nel trasporto passivo è fenomenale. E' vero che da chiusa è molto lunga, ma l'impronta a terra è ridottissima. La vedo bene per esser trasportata da una donna. Unica cosa per portarla in treno OK, ma su un autobus non ce la vedo. Non so se sia già stato postato sul forum, non ricordo, ma questo video ha una lunga recensione, con prove fatte fare in strada a gente che la Strida non l'aveva vista mai prima. A 22:30 c'è una ragazza con la gonna: http://www.youtube.com/watch?v=RkgWAgbVNNQ
Brompton M6L nera - CO2 NON emessa a settimana: 9.3 kg

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #77 il: Aprile 13, 2013, 12:19:29 am »
Ho provato il trasporto passivo della Tilt e mi è sembrato ottimo, in quanto con la bici piegata le ruote sono perfettamente parallele e scorrono bene. Purtroppo però, ovviamente secondo me, i lati positivi si fermano qui: è davvero ingombrante (47 cm di spessore, le ruote saranno pure parallele ma in mezzo c'è uno spazio vuoto notevole!) e pesantuccia, anche se il peso cambia a seconda delle versioni. Comunque sia la vedo poco adatta all'intermodalità.
Mario
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline ELIO

  • iniziato
  • *
  • Post: 7
  • Reputazione: +1/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #78 il: Aprile 17, 2013, 05:07:47 pm »
Secondo me per una donna una scelta impeccabile è la Dahon Curve D3. Pesa meno di una Brompton, piegata è pochissimo più ingombrante, scorre come un carrello e soprattutto costa la metà secca di una Brompton in configurazione paragonabile (cioè con cambio a 3 marce e parafanghi).

Oppure anche una Dahon Jifo, se una monomarcia può essere sufficiente.

Un saluto a tutti.

Elio

Offline Lambert

  • iniziato
  • *
  • Post: 26
  • Reputazione: +0/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #79 il: Giugno 13, 2013, 02:10:30 pm »
ciao, s ealuti a tutti su questo forum.
sono un po' 'adirato' a dir poco, perchè dopo infinite ricerche ho capito che meglio comprare la suddetta pieghevole da un riveenditore vicino a casa...
purtroppo costui è un ebete, nn sa nulla di come funzioni la pieghevole, ci ho provato io ma anche per la paura di rovinarla non ho osato tanto e mi ha fatto perdere solo tempo!! il manubrio è talmente grande secondo me che si impiglia ovunque in fase di piega!! ma puo' e deve stare tra le due ruote , internamente giusto?
nn ci siamo riusciti anche alzando al max il piantone del manubriosi incastrano i freni ... boh...
mi potete per favore spiegare la successione corretta del funzionamento? per chiudere/riaprire? è trasportabile una volta piegata, tipo trolley,sulle ruote, impugnano il telaio dove c'è la giuntura, dalla sella o dove?
rimane chiusa o sbatte , si apre durante il trasp.? a qualcuno è stata offerta con la sacca inclusa? prezzo? dove si puo' acquistare a buon prezzo?
Ringrazio noah75, e chiunque puo' darmi info in merito! quali sono i pro /contro di questa pieghevole?
Lambert

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #80 il: Giugno 13, 2013, 11:33:01 pm »
Ciao Lambert, innanzi tutto benvenuto. :)
Presumo che con "suddetta pieghevole" tu ti riferisca alla Dahon Curve, visto che è l'ultima di cui si è parlato. Se è così, e visto che qua si parla di rapporto peso/prezzo in generale, ti ho risposto nella discussione dedicata alla Curve: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=178.msg44444#msg44444
Se ho presunto male e non è quella la bici si cui parli, prova comunque a vedere nella sezione modelli se trovi le informazioni desiderate sulla bici da te acquistata. ;)
Mario

EDIT
Come non detto, ho appena letto quest'altro tuo post: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=4449.msg44403#msg44403 dove si capisce che intendevi la Olympia Zip.
Scusa giusto per curiosità: ma se intendevi la Olympia Zip in che senso parli di "suddetta pieghevole"? ??? Suddetta dove? ;) Nei post precedenti si parla della Curve e prima ancora di altri modelli (Brompton etc). Mi viene il sospetto che hai postato nella discussione sbagliata e poi hai fatto un copia-incolla nell'altra discussione aggiungendo il riferimento esplicito all'Olympia.... In questi casi meglio sempre cancellare il post doppione, può farlo la stessa persona che l'ha scritto, andando in modifica, si cancella tutto e si mette un puntino, oppure si chiede al moderatore della sezione di eliminare il post. Altrimenti rimangono due post (quasi) doppioni, e ci si confonde. ;)
Tra l'altro in realtà anche l'altro tuo post è messo nella sezione dedicata alla Olmo Wave, ma in realtà parli della Olympia Zip... Sulla Olympia c'è una discussione dedicata ed è http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=653.0
Per non "annegare" nei meandri del forum ed evitare di disperdere le informazioni in discussioni diverse, ti consiglio di utilizzare la funzione "cerca" (la trovo in alto a destra) e di dare un'occhiata alla sezione introduttiva "è la prima volta che passi di qua?". ;)
« Ultima modifica: Giugno 14, 2013, 12:12:17 am by Hopton »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9986
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #81 il: Luglio 30, 2013, 11:23:42 pm »
i contributi successivi sono stati dirottati in

Primo acquisto Brompton: Quale versione, dettagli ed accessori?
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=3128.0

-------------------------

da altra discussione:

Ciao ragazzi, io ho una MTB che ha 20 anni, anche di più, un pezzo assolutamente di basso valore, niente che avesse una destinazione d'uso sportivo, una roba da supermercato, e mi pesa 14 kg. Come fa una bicina pieghevole come la Tilt 740, con telaio e forcella in alluminio, e con la cinghia invece della catena, a pesare 13,8 kg ?

la prerogativa di tutte le pieghevoli non è la leggerezza, ma la robustezza e l'affidabilità degli snodi. Non ci si compra una pieghevole perchè più leggera di una bici standard

............

Adesso, capisco che 2 kg facciano la differenza ........... ma che senso ha se poi montiamo sulle nostre bici lucchetti, portapacchi, borse .....

...........

Concordo in pieno, trovo che il ragionamento non faccia una piega: anch'io sono uno che ha montato troppe cose sulla bici e non escludo un giorno di provare a quantificare la differneza fra bici nuda e accessoriata.
Forse è più corretto come ragionano i piloti, che devono calcolare il peso massimo al decollo contando aereo, passeggeri, carburante, bagagli e ogni ammennicolo vario. Oppure ricordare la battuta attribuita a Tarquinio Provini che quando seppe che il commendator Morini aveva speso una certa cifra per una serie di componenti che avrebbero alleggerito di un kg la sua moto da gara, commentò: "se mi dava la metà di quei soldi, dimagrivo io di due!"

Vitorio
« Ultima modifica: Giugno 14, 2016, 06:36:43 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline alozzup

  • iniziato
  • *
  • Post: 2
  • Reputazione: +0/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #82 il: Maggio 21, 2020, 12:56:50 pm »
Ciao a tutti!
Ho spulciato il forum (e il web) senza trovare risposta al mio dilemma (sarà perché la maggior parte delle recensioni sono di uomini con un'altezza importante?! :D)

Vivo a Roma e vorrei prendere una pieghevole per un tragitto che prevede casa-metro-lavoro e viceversa. I tragitti in bici sarebbero piuttosto brevi, circa 3km a tratta. Il mio problema principale riguarda il budget e il peso della bici.
Sono alta circa 1.60 per circa 50kg di peso, non in splendida forma fisica dunque vorrei una bici il più leggera possibile visto che spesso per l'accesso alla metro l'unica scelta sono le scale.
Come budget, essendo una prima pieghevole e un esperimento (non sono certa possa essere la soluzione ottimale per lo spostamento quotidiano), vorrei tenermi sui 200€. Non molto, lo so, ma questo concedono le mie tasche. Quindi sono ahimè da escludere Dahon e Brompton (ho provato una Brompton in UK e devo ammettere di essermene innamorata!).
Le meno costose che ho visto online sono a marcia unica, e avendo guidato per anni una esperia da città senza marce e avendola maledetta a ogni minima salita, le escluderei.
Preferirei l'acquisto in negozio, ma devo dire che finora almeno in zona Roma sud non ho avuto molta fortuna.

Stavo considerando la Tilt 100 ma è senza marce e 13,3kg temo possano essere eccessivi. Neanche a dire di orientarmi sulla 500, perché ha sì le marce, ma oltre al costo (che forse abbatterei con il bonus bici) il peso è di poco inferiore (12,9) e non so se varrebbe la pena.
Amazon mi suggerisce una Schiano che ha marce e pedali pieghevoli, ma prendendola online mi troverei senza assistenza o comunque con più difficoltà rispetto al negozio (vince sicuramente sul prezzo, visti i suoi €179,63). Qualcuno l'ha mai sentita o provata?
Infine, ci sarebbe la Atala Green Bay, la loro pieghevole più economica, leggermente fuori budget e non proprio bella ma è dotata di cambio e di un peso di 13kg e immagino non avrei problemi in caso di necessità di assistenza.

Insomma, per farla breve, dalle mie ricerche mi sembra di capire che tenendosi entro 200-250€ il peso minimo è 13kg. Sbaglio? Ci sono altre caratteristiche di cui non ho tenuto conto e che invece dovrei considerare? Ci sono altre pieghevoli con le caratteristiche che cerco che non ho menzionato?
Qualsiasi suggerimento o consiglio è più che bene accetto!

Grazie!



Offline sbatta

  • maestro
  • ****
  • Post: 253
  • Reputazione: +24/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #83 il: Maggio 22, 2020, 10:48:55 am »
Ciao, purtroppo per le pieghevoli il budget è inversamente proporzionale al peso. Della tilt 500 se ne parla spesso bene sul forum. Credo che difficilmente riesca a scendere sotto quel peso con una bici con le marce a parità di budget. A meno di non cercare tra l'usato (però in tal caso niente bonus).
In ogni caso considera che anche con budget maggiore difficilmente riesci a scendere sotto gli 11-11,5 kg.

Per ridurre un po' il peso un po' a parità di prezzo potresti pensare ad una bici con ruote da 16' (nel forum dovresti trovare la descrizione dell'atala). Un po' più compatta da piegata, di contro senti di più le buche rispetto ad una bici da 20'.
Se vai in metro credo sia importante, oltre al peso, la maneggevolezza della bici piegata e l'ingombro (soprattutti se vai nelle ore più affollate).

Per consigli sui negozi di Roma attendi fiduciosa, arriveranno :)



Offline alex

  • assistente
  • ***
  • Post: 216
  • Reputazione: +3/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #84 il: Maggio 22, 2020, 01:47:11 pm »
il budget è abbastanza limitato per trovare qualcosa di leggero, una bici leggera e comoda da portare in metro è la strida ma il prezzo per prenderla è il doppio rispetto al tuo budget se non ricordo male la versione senza marce è sui 10kg

Offline gerardostrida

  • iniziato
  • *
  • Post: 44
  • Reputazione: +3/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #85 il: Maggio 25, 2020, 11:45:59 am »
guarda la mia ragazza utilizza con moltissima soddisfazione una strida e si trova benissimo! sia per l'internodale sia per gli spostamenti solo in bici... il trasporto passivo è eccezionale, praticamente devi solo "spingerla" :-) si solleva solo per le scale...
concordo per il budget, aimè potresti cercare qualche occasione tra l'usato ma è un pò più cara... te lo dico perchè ne vendo una a 3 marce ma siamo lontani da quella cifra tenendo in considerazione il prezzo a cui si acquista nuova...

Offline lollazzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 10
  • Reputazione: +0/-0
Re:una pieghevole versatile e leggera (per donna e non)
« Risposta #86 il: Agosto 31, 2020, 10:55:54 am »
vorrei prendere una bici pieghevole con i seguenti requisiti:
- leggera;
- budget sotto i 1000€;
- facile e comoda da piegare (più o meno come un monopattino).

Su che modelli mi potrei orientare?