Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme  (Letto 2097 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2741
  • Reputazione: +195/-0
Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« il: Ottobre 16, 2017, 06:45:15 pm »
Ieri mi sono deciso ad andare in ricognizione sul percorso della greenway Voghera-Salice Terme, realizzata sulla sede della Ferrovia elettrica Voghera-Varzi (FVV) chiusa nel 1966. È stata una di quelle iniziative estemporanee la sera per la mattina: domani c’è bel tempo, mia moglie va in piscina a nuotare, pronti via!
Cinquanta minuti di auto (lo so, un buon pieghevolista dovrebbe usare l'intermodalità con mezzi di trasporto su ferro il più possibile, ma non mi trovavo molto bene con gli orari dei treni...), in gran parte nella prima nebbia della stazione, e poco prima delle 9 parcheggio giusto davanti alla stazione di Voghera, tiro giù la bici, la apro, gonfio le gomme col solito compressorino elettrico (e meno male, erano a 2-3 bar, da 4,5 che dovrebbero essere!) e comincio a guardarmi intorno.
Davanti alla stazione non ci sono indicazioni specifiche, ma basta seguire la pista ciclabile lungo via Matteotti e le successive vie Montebello e Amendola per poche centinaia di metri per trovare, subito dopo il benzinaio Esso, un cartello e poche decine di metri dopo l’inizio della ciclabile.

con tanto di indicazione della progressiva chilometrica. Fico!

Quasi subito si incontra la principale opera d’arte della ferrovia, il ponte sul torrente Staffora, parallelo a quello della linea FS per Piacenza e Bologna

Il percorso corre inizialmente in rilevato, scavalca la via Emilia e scende gradualmente verso il piano di campagna

alternandosi a tratti in trincea, dove si incontrano alcuni cavalcavia, su uno dei quali si riconoscono ancora gli ancoraggi della linea aerea
   

Ex passaggio a livello della strada provinciale 33 Voghera-Torrazza Coste, poco prima di Codevilla


Procedendo verso Retorbido il tracciato sale leggermente verso le colline, conservando un andamento sostanzialmente pianeggiante, tra vigneti e lievi ondulazioni (niente che IO non riesca a superare con la quinta della Vitesse (5 m di sviluppo metrico), quindi assolutamente alla portata di tutti.


Scorcio verso Retorbido, di cui si riconoscono il campanile della chiesa della Natività di Maria e il castello


A circa due terzi del percorso, al km 7+400, si incontra il ristorante-vineria “Al Casello”, dove è possibile sostare in un’area attrezzata e rifocillarsi


All'altezza di Retorbido, all’attraversamento di via Guerra, dall’asfalto emergono ancora le rotaie


Infine, a circa 11,5 km da Voghera, la ciclabile su sede ferroviaria termina bruscamente in corrispondenza dell’ex stazione di Rivanazzano, posta sulla sponda opposta della Staffora rispetto all’abitato e trasformata in abitazione privata.

Ci sono comunque speranze per un proseguimento verso o fino a Varzi (altri 21 km), sempre sull’ex sede ferroviaria (alcuni brevi tratti esistono già come ciclopedonale, 500 m a Godiasco e 1 km a Ponte Nizza, altri sono diventati strade secondarie, asfaltate e no).
Anche qui non vi sono indicazioni, ma basta svoltare a destra e immediatamente dopo a sinistra e scendere sull’ex viale della stazione (viale Martiri della Libertà) fino al ponte sulla Staffora, piuttosto stretto e trafficato, che conviene attraversare sfruttando il marciapiede lato monte


Immediatamente dopo il ponte si svolta a sinistra attraverso il parco alberato che si vede nell’immagine e si procede su un itinerario ciclopedonale indipendente dall’ex ferrovia che costeggia la Staffora
   
terminando a Salice Terme… in un parcheggio alla progressiva chilometrica 12+350.


Salice non mi è sembrata offrire particolari attrattive, per cui sono ritornato a Rivanazzano per una pausa caffè prima di rientrare a Voghera percorrendo, per fare prima, la strada provinciale 461, diretta (7 km) e abbastanza trafficata, che passa davanti all’aeroporto (promemoria per Aviator…).

Nell’insieme il percorso è abbastanza breve, praticabile da chiunque con qualunque bici, asfaltato in maniera decorosa; Voghera si raggiunge agevolmente in treno o autostrada un po’ da tutte le provenienze. Bisogna solo trovare un posto dove si mangi bene e fissare una data…

Vittorio

EDIT: aggiungo la cartina, che avevo dimenticato

« Ultima modifica: Ottobre 17, 2017, 05:50:42 pm by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline veeg

  • gran visir
  • *****
  • Post: 928
  • Reputazione: +97/-0
  • RUN!RUN!RUN!
    • 90RPM
Re: Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« Risposta #1 il: Ottobre 16, 2017, 10:43:26 pm »
Bisogna solo trovare un posto dove si mangi bene e fissare una data…
Mi piace il tuo incrollabile ottimismo  ;D

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2741
  • Reputazione: +195/-0
Re: Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« Risposta #2 il: Ottobre 16, 2017, 11:04:48 pm »
No, è come la firma, una frase in memoria che parte in automatico... ::)

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline menegodado

  • maestro
  • ****
  • Post: 334
  • Reputazione: +138/-0
Re:Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« Risposta #3 il: Ottobre 18, 2017, 09:58:24 am »
CI potrebbe stare come gita di Natale..

 ;)


Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2741
  • Reputazione: +195/-0
Re:Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« Risposta #4 il: Ottobre 18, 2017, 10:21:23 am »
Perchè no? dato il percorso ridotto, se si decidesse di mangiare al Casello, ci sarebbe tutto il tempo all'andata di proseguire fino a Rivanazzano o Salice e poi tornare indietro, in modo da tenere il tratto più breve (in discesa...) per il ritorno, caso mai ci si sentisse un po' appesantiti...
Se qualcuno conosce altri posti (magari più a buon mercato) dove mangiare, si faccia avanti.

Vittorio

Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline SGiallo

  • Strida MAS
  • gran visir
  • *****
  • Post: 521
  • Reputazione: +35/-0
  • 1a regola: non mettetemi fretta
Re:Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« Risposta #5 il: Ottobre 20, 2017, 03:34:28 pm »
Ho un collega che abita a Rivanazzano... quando lo vedo gli chiedo consigli  ::)

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2741
  • Reputazione: +195/-0
Re:Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« Risposta #6 il: Ottobre 20, 2017, 09:16:19 pm »
Daje!

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2741
  • Reputazione: +195/-0
Re:Lombardia - ricognizione sulla greenway Voghera-Salice Terme
« Risposta #7 il: Settembre 28, 2019, 03:09:37 am »
Buone notizie: dovrebbe essere imminente l'avvio dei lavori di completamento della ciclovia fino a Varzi, ultimando il recupero dell'ex ferrovia, nel quadro di un intervento più ampio che comprende la realizzazione di un acquedotto sotto il sedime della linea.
I lavori dovrebbero durare un anno.
https://ilperiodiconews.it/component/k2/item/18626-oltrepo-pavese-ponte-nizza-greenway-voghera-varzi-lavori-ai-nastri-di-partenza-l-inaugurazione-entro-il-2020-costera-circa-3-milioni-e-mezzo.html

Maggiori dettagli e immagini qui:
https://www.provincia.pv.it/attachments/article/10010/Presentazione_Greenway.pdf

Se interpreto correttamente la cartografia del progetto, il nuovo tratto avrebbe origine all'altezza dell'ex stazione di Salice Terme, cioè alla fine dell'itinerario che ho percorso io. Resterebbe esclusa dal recupero la sede ferroviaria tra le ex stazioni di Rivanazzano e Salice Terme, peraltro in parte compromessa e comprendente un attraversamento della strada ex statale 461. Poco male, il percorso alternativo già esistente è più suggestivo; bisogna solo che sia realizzato bene il raccordo fra i tratti vecchio e nuovo, che si trovano sulle due sponde del torrente Staffora.

Considerando come si mangia da quelle parti, ho già l'acquolina in bocca...

Vittorio
« Ultima modifica: Settembre 29, 2019, 02:40:02 pm by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Tags: