Dahon Hemingway D9

Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Dahon Hemingway D9  (Letto 625 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Peo

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Post: 1459
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +196/-2

+Info

  • Last Active:Luglio 25, 2018, 10:38:07 pm
Dahon Hemingway D9
« il: Giugno 04, 2018, 09:47:51 pm »
Ciao a tutti.
Di seguito la recensione di Vittorio e le mie foto relative alla nuovissima DAHON modello Hemingway D9.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Abbiamo provato la Dahon Hemingway D9, un nuovo modello della celebre casa californiana. A una prima occhiata l’estetica generale ricorda un po’ le precedenti Jetstream e Jet, con la fondamentale differenza di non avere sospensioni né anteriori né posteriori.



Telaio e forcella sono di alluminio, con piega centrale, giunto centrale V-Clamp, piantone di sterzo non regolabile in altezza e le predisposizioni per il montaggio di parafanghi, portaborraccia, portapacchi posteriore, terza ruota (Dahon Landing Gear) per il trasporto passivo e staffa di carico anteriore (KlickFix o simili), i cui fori di innesto sono coperti da una placchetta con lo stemma della casa tenuta da una vite a brugola da 3 mm soluzione non solo elegante ma anche interessante perché perfettamente reversibile, a differenza della copertura adesive o con tappini di gomma che siamo abituati a vedere su altre bici.



Il carro posteriore della Dahon Hemingway D9 ha una larghezza tra i forcellini (OLD) di 135 mm.

Sotto il collarino di fissaggio del tubo reggisella si nota un adesivo con una zona da grattare sotto la quale immaginiamo si trovi un codice univoco per la registrazione della garanzia sul sito del costruttore.



L’aspetto generale è meno filante di altre pieghevoli della stessa categoria, con il trave principale del telaio alto e quasi perfettamente orizzontale; a una prima occhiata si può avere l’impressione di un bici “corta”, ma poi, metro alla mano, si scopre con una certa sorpresa che le misure di passo e lunghezza totale (102 e 153 cm rispettivamente) sono identiche a modelli classici come Vitesse e Speed. Interessante lo spazio triangolare sopra il movimento centrale, che si presta bene a esser sfruttato per inserirvi una borsetta porta attrezzi.



I passaggi dei cavi sono esterni, forse non eleganti ma sicuramente molto più pratici di quelli all'interno del telaio.
Il costruttore dichiara una massa di 12,3 kg e il valore ci è sembrato pienamente attendibile.
La bici della nostra prova era equipaggiata di catarifrangenti solo posteriore e sulle ruote, quindi ancora da completare per essere resa “codice”.
Le livree disponibili attualmente sono due: celeste/nero come nella bici della nostra prova e rosso scuro/grigio scuro. Molto elegante la finitura nera satinata del piantone di sterzo e del tubo reggisella, da verificare però la loro tenuta nel tempo.

IL MANUBRIO
Il manubrio è quasi dritto, largo 56 cm, e ha un diametro di 25,5 mm al centro e 22,3 mm alle manopole; è montato su un piantone non regolabile lungo 315 mm che determina un’altezza da terra di 97 cm, adatta per un assetto né troppo sportivo né troppo turistico per persone di corporatura media (la casa indica una statura massima di 1,90 m e un peso di 105 kg).



Può essere sbloccato con la leva a eccentrico (con blocco di sicurezza a molla) e ruotato per regolare l’angolazione ideale delle leve dei freni e per disporle verso il basso prima della piega.





Le manopole Ergo Confort hanno un aspetto un po’ dimesso e sono di gomma dura ma non rigida, senza appoggio palmare; resta quindi un’incognita il confort su lunghe distanze.
Sotto la manopola destra si trovano le levette del selettore del cambio SRAM X5, pratiche all’uso ma senza indicatore della marcia inserita.



IL SISTEMA FRENANTE
I freni sono V-brake da 110 mm, azionati da leve AVID con la classica presa “a tre dita” e regolatori di tensione dei fili.[/img]



LE RUOTE
Le ruote sono da 20”, con cerchi d’alluminio a doppia parete con finitura nera opaca, l’anteriore a 20 raggi, il posteriore a 28 raggi, entrambe con sgancio rapido, una finezza che però non ci sembra indispensabile e che potrebbe essere perfino controproducente se si dovesse lasciare la bici incustodita all’aperto.



Montano di serie pneumatici Kenda da 20x1,95 di aspetto un po’ economico, con pressione di gonfiaggio tra 2,8 e 4,6 bar.







La larghezza del carro posteriore e della forcella all’altezza dei pneumatici (circa 70 mm) fa ritenere che sia possibile montare senza troppe difficoltà anche copertoni più larghi come le Big Apple da 2,15”.


LA TRASMISSIONE
La corona singola, avvitata sul “ragno” centrale e quindi facilmente sostituibile, ha 53 denti e...



... i pignoni con la sequenza di 11-12-14-16-18-21-24-28-32 denti, determinano uno sviluppo metrico (distanza percorsa per ogni giro di pedivella) compreso tra 2,53 m con il rapporto più corto e 7,37 m con quello più lungo (calcolati in base a una circonferenza della superficie di rotolamento delle ruote misurata di 153 cm).
Il deragliatore è uno SRAM X5, a gabbia corta.



LA SELLA
La sella montata di serie ha un aspetto abbastanza economico ma si è comunque dimostrata molto comoda fin dal primo approccio.



Nella vista di dettaglio si notano la clip di fissaggio e i binari della sella senza impressa la scala graduata per una regolazione di precisione.



Anche il tubo reggisella, da 33,9 mm di diametro per 580 mm di lunghezza, non ha la scala graduata per la regolazione di precisione dell’altezza.


GLI SNODI
La cerniera alla base del piantone, posta a 65 cm da terra, è quella classica della maggior parte dei modelli Dahon, di aspetto solido e ben rifinito, con il blocco di sicurezza a farfalla con richiamo a molla.



In posizione di apertura la leva rimane bloccata a incastro in una piccola forcella.



Il giunto centrale V-Clamp, di aspetto molto solido, ha la leva di sblocco (con nottolino di sicurezza a molla) che a bici piegata rimane all’interno dell’articolazione.







I PEDALI
I pedali sono pieghevoli, dotati di catarifrangenti, e si sbloccano spingendoli verso il mozzo.





IL CAVALLETTO
Il cavalletto laterale è regolabile in lunghezza, particolarità non necessaria per questa bici ma adottata probabilmente a fini di razionalizzazione della componentistica all’interno della gamma Dahon, in modo da poter essere applicato anche su bici di tipo molto diverso.



I PARAFANGHI
I parafanghi non sono montati di serie ma sul telaio sono presenti i relativi attacchi.


IL SISTEMA DI PIEGATURA
La sequenza di piega della Hemingway è quella solita di tutte le pieghevoli a snodo centrale, con il manubrio all’interno dei semitelai, a vantaggio della compattezza; poiché lo spazio per il manubrio fra i due semitelai è abbastanza contato, prima di abbattere il piantone di sterzo bisogna ruotare il manubrio disponendolo con le leve dei treni verso il basso, in modo da renderlo il più “sottile” possibile; più di tante parole, il nostro video esemplifica le operazioni e la loro sequenza.

N.B: non riersco a caricare il video con protagonista il nostro Vittorio. Se volete vederle questo è il link:
http://milanofoldingbikers.blogspot.com/2018/05/dahon-hemingway-d9.html





Ecco come si presenta la bici da chiusa: sul sito del produttore le dimensioni dichiarate sono 79x65x32 cm, non molto distanti dagli 86x69x39 cm rilevati da noi.



TRASPORTO PASSIVO
Una volta chiusa, la Hemingway si lascia trasportare nei due classici modi “a trolley” e “a carrellino”, in entrambi i casi con una stabilità migliore della maggior parte di bici a piega centrale, grazie alle ruote che si dispongono ben parallele e quasi perfettamente allineate. I magneti però tendono a sganciarsi abbastanza facilmente, compromettendo la stabilità.





SU STRADA
Una volta in sella, la Dahon Hemingway D9 mostra un’indole brillante; il telaio rigido fa scaricare bene a terra la potenza e i rapporti più lunghi permettono di raggiungere buone velocità (a patto di avere la gamba per spingerli...); la posizione in sella è naturale e la rigidità del telaio invoglia allo scatto e a qualche fuorisella. Anche nelle frenate più decise non si avvertono segni di flessione. A compensare un po’ ci pensano le gomme “cicciotte” che incassano piuttosto bene le asperità.
La guida è precisa e agile, ma non è consigliabile tentare anche il “senza mani”.


CONCLUSIONI
La Dahon Hemingway D9 ha due aspetti contrastanti: a un telaio ben progettato e realizzato e un cambio di buona qualità si abbinano altri componenti (manopole, sella, pedali e pneumatici) dall’aria più economica, scelti probabilmente per contenere il prezzo finale (849 euro di listino).
Osservando però con attenzione i dettagli di questa bici, abbiamo scoperto le predisposizioni (vedi frecce rosse in foto) per il montaggio dei freni a disco anteriore e posteriore e per un deragliatore centrale (non dimentichiamo la guarnitura smontabile)







Tutto questo fa pensare che in futuro possa arrivare anche una versione “ricca” con dotazioni di gamma più alta.
Così come è adesso, la Dahon Hemingway D9 appare un interessante compromesso: sportiva ma non esasperata e utilizzabile anche quotidianamente da pendolare. La rigidità del telaio e il robusto snodo centrale assicurano una buona tranquillità anche su pavimentazioni “difficili” come il pavé e il basolato di Milano e sicuramente permettono di affrontare agevolmente anche qualche sterrato non troppo impegnativo.

Un ringraziamento va agli amici del negozio "La Stazione delle Biciclette" che ci hanno dato in prova la Dahon Hemingway D9  per il test.


E, per finire, i due tester che hanno provato per voi la Hemingway, rigorosamente in ordine di età…





Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0


Dahon Vitesse D7  /  Dahon Classic III  /  Velital / Brompton M3(+8) L

Offline lelebass

  • apprendista
  • **
  • Data di registrazione: Ago 2016
  • Località: Terni
  • Post: 93
  • attività:
    5%
  • Reputazione: +21/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:44:35 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #1 il: Giugno 05, 2018, 06:48:36 pm »
Grazie per la recensione, molto interessante!
Un telaio "diverso" e potenzialmente una bici da poter personalizzare abbastanza facilmente. Sono solo scettico sul costo che mi sembra elevato, ma soprattutto non ho capito ancora come si va a posizionare nell'offerta Dahon, va a sostituire la Vigor?

Ciao,
Daniele

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Hoptown 320 - Vybe D7

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2012
  • Località: avanti e indietro fra il Garda e Milano
  • Post: 2475
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +183/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:31:43 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #2 il: Giugno 05, 2018, 07:55:26 pm »
eh, questo non chiederlo a noi...  ;)
Mi sembra che la Vigor costi qualcosa in più e, se davvero dovesse vedere la luce anche una versione "ricca" della Hemingway, rischierebbe di essere presa nel mezzo.

Vittorio

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline Peo

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Post: 1459
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +196/-2

+Info

  • Last Active:Luglio 25, 2018, 10:38:07 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #3 il: Giugno 06, 2018, 09:16:50 pm »
Una curiosità sul telaio di questa Hemingway D9.
Alcuni folding bikers giapponesi mi hanno fatto notare che è lo stesso della "Horize", un modello Dahon destinato al solo mercato asiatico.

Una foto della Horize pescato in rete:



PEO


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Dahon Vitesse D7  /  Dahon Classic III  /  Velital / Brompton M3(+8) L

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2012
  • Località: avanti e indietro fra il Garda e Milano
  • Post: 2475
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +183/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:31:43 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #4 il: Giugno 06, 2018, 09:40:16 pm »
Ed ecco i freni a disco. Meccanici, direi

Vittorio

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline boccia

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2013
  • Località: Roma
  • Post: 3196
  • attività:
    20%
  • Reputazione: +164/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:24:14 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #5 il: Giugno 07, 2018, 11:23:58 am »
Complimenti per la bella recensione.  :D
La forma del telaio mi dà la sensazione di una maggiore robustezza grazie al posizionamento più alto del collarino reggisella e dello snodo centrale. Per contro la sella dovrebbe poter scendere qualche centimetro in meno, a scapito della compattezza da chiusa.  :-\

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2012
  • Località: avanti e indietro fra il Garda e Milano
  • Post: 2475
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +183/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:31:43 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #6 il: Giugno 07, 2018, 01:40:27 pm »
L'altezza del collarino secondo me inganna: l'ingombro in altezza è determinato dalla lunghezza del tubo reggisella (più beninteso l'altezza della sella) e il tubo è uno standard da 580 mm; infatti abbiamo misurato 69 cm di altezza, che mi sembra un valore abbastanza in linea con le altre pieghevoli da 20"

Vittorio

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline boccia

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2013
  • Località: Roma
  • Post: 3196
  • attività:
    20%
  • Reputazione: +164/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:24:14 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #7 il: Giugno 07, 2018, 08:15:58 pm »
Giusto. Infatti nella foto della bici piegata si vede il cannotto che tocca terra.

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0

Offline lelebass

  • apprendista
  • **
  • Data di registrazione: Ago 2016
  • Località: Terni
  • Post: 93
  • attività:
    5%
  • Reputazione: +21/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:44:35 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #8 il: Giugno 07, 2018, 11:26:40 pm »
Però da un confronto, come diceva un mio prof. "per ispezione visiva", a partire dalle foto presenti sul sito Dahon sembra ci sia una certa differenza nell'attacco del cannotto sella ad esempio con un telaio Vybe. La Hemingway sembra porti ad una posizione più "avanzata" ed alla possibilità di una postura corretta anche per persone alte.



Ciao,
Daniele

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Hoptown 320 - Vybe D7

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2012
  • Località: avanti e indietro fra il Garda e Milano
  • Post: 2475
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +183/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:31:43 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #9 il: Giugno 08, 2018, 03:06:01 am »
Io e Peo siamo alti quasi uguali, tanto che non abbiamo sentito la necessità di variare l'altezza della sella, però è vero che, a parità di tubo reggisella, un collarino posto più in alto permette di raggiungere una maggiore altezza da terra della sella (o, all'inverso, di estrarre meno tubo, a tutto vantaggio della maggiore rigidità d'insieme). Non abbiamo pensato a misurare l'altezza col tubo estratto fino alla tacca di sicurezza, lo terremo presente la prossima volta.

Vittorio

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline banfi77

  • iniziato
  • *
  • Data di registrazione: Giu 2018
  • Post: 2
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +0/-0

+Info

  • Last Active:Luglio 05, 2018, 09:48:30 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #10 il: Giugno 11, 2018, 07:47:51 pm »
Ciao a tutti..credo di essere il nuovo fortunato proprietario della bicicletta della prova in questione  ;D

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2012
  • Località: avanti e indietro fra il Garda e Milano
  • Post: 2475
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +183/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 13, 2018, 10:31:43 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #11 il: Giugno 11, 2018, 10:57:43 pm »
Caspita, siamo stati così convincenti?  ;)
Benvenuto, facci sapere come ti trovi.

Vittorio

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline banfi77

  • iniziato
  • *
  • Data di registrazione: Giu 2018
  • Post: 2
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +0/-0

+Info

  • Last Active:Luglio 05, 2018, 09:48:30 pm
Dahon Hemingway D9
« Risposta #12 il: Giugno 12, 2018, 09:33:20 pm »
Grazie per il "benvenuto"e mi scuso per eventuali errori di utilizzo del forum ,ma sono nuovo e poco tecnologico hehe...comunque credo di potere già dare qualche mia impressione su questa bici,visto che precedentemente avevo una Dahon Vybe d7,quindi credo di avere già un piccolo metro di paragone.La Dahon Hemingway da subito una bella sensazione di robustezza e rigidità,permette cambi di direzione fulminei ed è molto reattiva.Il cambio sembra abbastanza preciso e" da quello che ho letto in giro" anche affidabile.Rispetto alla Vybe ha un'impostazione un po'più sportiva ma non scomoda,Il manubrio infatti non è regolabile e quindi resta più basso rispetto a quello della D7 che poteva essere regolato in altezza permettendo una postura più eretta.per il resto a parte lo snodo centrale,il modo in cui entrambe si piegano è identico.Se dovessi tirare le somme direi che è una pieghevole che strizza l'occhio alla sportività ma non a quella esasperata,ben costruita e che da,fin dalla prima pedalata,un ottimo feeling e belle sensazioni.Unico neo magari il prezzo,ma si sa che la qualità ha un costo.Spero di essere stato di aiuto,magari anche a chi sta pensando di acquistarla.Per qualsiasi domanda non fatevi scrupoli,son qui,solo spero di rispondere correttamente"discorso sempre legato alla mie lacune su forum e via discorrendo"...buone pedalate a tutti!

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11001.0