Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Drauradweg - La ciclovia della Drava  (Letto 792 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline lelebass

  • assistente
  • ***
  • Data di registrazione: Ago 2016
  • Località: Terni
  • Post: 117
  • attività:
    20%
  • Reputazione: +24/-0

+Info

  • Last Active:Oggi alle 10:56:51 am
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« il: Giugno 20, 2018, 10:28:38 pm »
Come accennato in altro topic, causa furto della bici da "viaggio", ho affrontato le vacanze in bici di quest'anno con la pieghevole.
E' stato un buon test per verificare la possibilità di affrontare un viaggio di più giorni con bagaglio al seguito con la pieghevole. Ovviamente ci sono, anche in questo forum, molte esperienze e recensioni di viaggi in pieghevole, tra l'altro ben più impegnativi di quello che ho affrontato io. Ma come sempre l'esperienza in prima persona è "diversa" e "sana", nel solco del detto "sbagliando si impara".
Dunque armato di buona volontà e poca pratica ho prima affrontato il montaggio di un portapacchi dimensione standard sulla mia Dahon Vybe D7 su cui ho montato due borse da 30 litri di Decathlon ed ho acquistato una borsa anteriore Rixen and Kaul per il supporto da telaio Klickfix. Il resoconto del montaggio è nel topic dedicato al portapacchi, poi provo a linkarlo.

La borsa anteriore che ho preso è questa:

http://amzn.eu/5Ohn7h9

Normalmente sul supporto da telaio (quello frontale per capirci) utilizzo il Vario Rack, ed avevo anche sperimentato la possibilità di montare una borsa Decathlon da 20 lt davanti, ma alla fine ho deciso di prendere la borsetta anteriore piccola (circa 7 lt) con comoda tracolla in cui ho riposto tutto quanto volevo portare con me durante le soste. La borsa è molto ben fatta e si aggancia facilmente al supporto KlickFix anteriore della Dahon. La sacca trasparente per il libro di viaggio rimane un pochino in basso, ma alla fine è tutto molto funzionale.

Il percorso affrontato è quello della ciclovia della Drava:

https://www.drauradweg.com/it/

Molto facile, ben attrezzato e tenuto molto bene. Noi abbiamo percorso il tracciato da Dobbiaco a Villach con deviazione finale verso Klagenfurt. Circa 220 km in 5 tappe con figlia undicenne e moglie.

Ho tratto ispirazione dalla guida edita da Ediciclo:

https://www.ediciclo.it/libri/dettaglio/ciclovia-della-drava/

La guida pubblicata nel 2009 è risultata in alcune parti un po' datata, ci sono alcune novità rispetto alla guida lungo il percorso, migliorie soprattutto.

Abbiamo prenotato tutti i pernottamenti in anticipo dall'Italia, ma vista la grande offerta di Zimmer sul posto avremmo anche potuto evitare. Avendo scelto però dove possibile sistemazioni con piscina, non ci siamo pentiti della scelta e ne abbiamo approfittato.

La truppa quindi comprendeva: figlia su bici da bambina 24'' 6v con borse al seguito (2 x 20 lt + borsa manubrio 7 lt), moglie con bici da città 28'' 27v ed enormi borse Ortlieb + borsa manubrio 7 lt ed infine io con la mia Dahon Vybe D7 con 2 x 30 lt + borsa manubrio 7 lt. Essendo la prima esperienza con bagagli al seguito abbiamo ovviamente esagerato con le quantità, ma è stato utile anche per questo affrontare una ciclabile semplice e con pochi pernottamenti.

Purtroppo non ho pensato di raccogliere materiale fotografico per un racconto più articolato, di seguito comunque un po di foto scattate con il cellulare.

Le tappe sono state: Dobbiaco - Lienz - Berg Im Drautal - Spittal am der Drau - Villach - Klagenfurt.

Il tratto Dobbiaco - Lienz presenta un certo dislivello in discesa, niente di pericoloso, comunque in caso di strada bagnata occorre porre una certa attenzione soprattutto considerando le bici appesantite dai bagagli. Il tracciato scorre quasi interamente in ciclabile accanto al fiume. Molti affrontano solo questo tratto e rientrano verso San Candido in giornata. In questo tratto abbiamo incontrato veramente molti ciclisti seppure fosse un lunedì. Lienz è un paese di circa 15 mila abitanti molto carino e tenuto benissimo.

Il tratto da Lienz a Berg Im Drautal vede ancora la presenza di prati e boschi accanto al fiume e si attraversano placidi paesini tipici. Forse anche troppo tranquilli, a volte sembra di passare in dei paesi quasi fantasma. Più mucche che persone, più trattori che auto e tante bici, ma molte meno del giorno precedente. Di queste probabilmente la maggioranza a pedalata assistita.
Qui abbiamo sperimentato l'unico acquazzone del viaggio, ed alla fine ne siamo usciti indenni. Berg è un paese molto piccolo, per cui la sera non abbiamo avuto grossi svaghi e ci siamo goduti la nostra "casetta" in una sorta di campeggio per ciclisti.

Il tratto Berg - Spittal è meno caratteristico, la strada passa sempre accanto al fiume che in questo tratto ha scavato una gola piuttosto profonda e si sente più vicina la strada dove transitano le automobili. Spittal è una cittadina piuttosto anonima, potrebbe essere migliore l'alternativa di pernottare presso il vicino lago di Millstatter(?). Su grande insistenza di mia figlia siamo andati a visitare un giardino di Bonsai che si trova a una decina di km da Spittal. Data la pioggia ma soprattutto la presenza di una salita piuttosto impegnativa sul tragitto abbiamo dovuto far ricorso ad un Taxi. Esperienza comunque interessante, peccato solo per la pioggia. 

Il tratto Spittal - Villach invece è molto bello e scenografico. Durante il tragitto abbiamo anche sperimentato l'attraversamento su barca della Drava. Lungo la ciclabile c'è un barcaiolo che trasborda i ciclisti sulla sponda opposta, interessante memoria del passato e divertimento assicurato per grandi e piccini. Tutto molto bello a parte l'ultimo tratto per entrare a Villach dove si transita, sempre in ciclabile, accanto a degli stabilimenti industriali. Villach ha dimensioni di città con circa 60 mila abitanti ed offre un bel centro storico con chiara influenza della vicinissima Italia. Tarvisio è a poca distanza.

Da Villach invece di proseguire lungo il tracciato della Drava, che conduce fino a Maribor, abbiamo deviato e puntato verso la città di Klagenfurt costeggiando il lago Worthersee. Il percorso è ancora interamente in ciclabile. Siamo rimasti però un poco delusi, le sponde del lago nella parte nord, dove siamo transitati, sono quasi esclusivamente ad accesso privato e la ciclabile scorre spesso accanto alla strada o la ferrovia che complici le barriere anti-rumore, occlude la vista del lago. Siamo comunque stati ricompensati alla fine dalla visita a Klagenfurt.

Il sabato mattina, dopo un ottimo pernottamento in un bellissimo hotel vicino al lago, abbiamo visitato il mercatino di Klagenfurt e poi abbiamo preso il treno direzione Lienz. Da qui, non senza alcune difficoltà, abbiamo poi raggiunto con un altro treno San Candido e poi abbiamo pedalato per i pochi chilometri che ci separavano dalla nostra macchina parcheggiata a Dobbiaco. Abbiamo infatti scoperto che il sabato e la domenica in primavera/estate l'accesso con bici è limitato a pochi treni che fanno solo due fermate da Lienz: Sillian in Austria e San Candido in Italia. Questo a causa del grande afflusso di ciclisti che rientrano dopo aver percorso (in discesa) il primo tratto della ciclabile. Il treno è composto da due carri merci in cui si caricano le bici e quattro vagoni passeggeri. Purtroppo sono informazioni che abbiamo scoperto solo arrivati sul posto a Lienz e che non erano chiaramente indicate, o che io non ero riuscito a cogliere, sul sito delle ferrovie Austriache.

Nel prossimo viaggio il bagaglio sarà sicuramente maggiormente ottimizzato, avevamo forse qualche capo di troppo e ci siamo concessi anche un poco di shopping! Ma ce la siamo comunque cavata, anche in presenza di un forte temporale (che dicono essere tipico nei pomeriggi estivi nella zona) ed è stato anche divertente.

Alla fine, a parte il piacere del viaggio in bici, che dopo la prima esperienza dello scorso anno in Olanda ora diventerà a pieno diritto un classico delle nostre vacanze estive/primaverili, l'esperienza con la pieghevole è stata più che positiva e mi/ci permetterà di poter programmare itinerari partendo direttamente con il treno da casa, invece di raggiungere la partenza in auto. Certo, mi dovrò dotare di altre due pieghevoli, o almeno di una, pensando di recuperare la Hoptown 320 che ho in garage, ma quale migliore scusa per comprare un'altra pieghevole? Che dite? Brompton? Magari!

Daniele

Le nostre ruote:



Da qualche parte verso Lienz:



In discesa nei boschi verso Lienz:



Bel ponte di legno sulla Drava:



Verso Berg Im Drautal presso un punto di avvistamento sulla Drava:



Indicazioni sempre precise:



La Drava scorre impetuosa:



Loacker che bontà!



Mucche:



Casetta in legno camping:



Bisogno di riparazioni? Ce ne sono diversi di questi punti distribuiti lungo la ciclovia.



Ovetto ciclistico:



La mia Dahon in configurazione viaggio:





Pedalando nel verde:







La Drava, presenza costante, ora scorre più placida:





Sempre tante indicazioni lungo il percorso:



Stazione di ricarica per bici elettriche:



Orzo (?):



Il traghetto per ciclisti:



Muuuuuuuu!



Villaco:





Stazione di ricarica per ciclisti affamati:



Cigni:



Worthersee:






Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11013.0
« Ultima modifica: Giugno 20, 2018, 10:54:32 pm by lelebass »


Hoptown 320 - Vybe D7

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Roma
  • Post: 9779
  • attività:
    40%
  • Reputazione: +170/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 12:04:23 pm
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
      • il mio nome è al termine del mio viaggio
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« Risposta #1 il: Giugno 21, 2018, 10:14:14 am »
grazie del bel resoconto. Notizie preziosissime visto che anche io ci andrò, a luglio.   :)

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11013.0
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2011
  • Località: Lecco
  • Post: 4123
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +156/-0

+Info

  • Last Active:Ottobre 29, 2018, 01:49:03 pm
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« Risposta #2 il: Giugno 21, 2018, 08:09:48 pm »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline giosatta

  • iniziato
  • *
  • Data di registrazione: Nov 2016
  • Località: Cagliari
  • Post: 31
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +3/-0

+Info

  • Last Active:Dicembre 17, 2018, 05:58:37 pm
  • Brompton M6L RL
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« Risposta #3 il: Giugno 25, 2018, 11:12:33 am »


Concordo pienamente, la pista è molto bella. L'ho fatta anche io lo scorso anno da San Candido a Villach con mia moglie e mio figlio di quattro anni e mezzo ed è andata splendidamente.
Bellissimi posti, molto verde, tutto ben curato e albergatori (quasi) sempre cordiali.

A me personalmente è piaciuta molto la tappa da San Candido a Lienz, nonostante sia molto gettonata (ma con il temporale le bici si sfoltiscono parecchio: nel tratto che abbiamo fatto sotto la pioggia c'eravamo noi scriteriati con un bambino e solo cicloviaggiatori veri - che tra l'altro la facevano in salita...). Molto bello anche il tratto da Dellach a Sachsenburg (carino il centro) che è un po' movimentata in saliscendi. Ho trovato invece un po' monotoni (e pieni di vespe) i tratti lunghi in mezzo a campi di mais.

L'acqua può essere un problema, se becchi i temporali (in cinque giorni ne abbiamo presi due!). Il mio consiglio è di avere buoni vestiti e borse antipioggia e degli stracci per asciugare le bici. Oppure un piano B: noi abbiamo dovuto interrompere poco oltre la metà la prima tappa da San Candido a Lienz per un temporale da paura, ma la pista è parallela alla ferrovia per cui siamo arrivati a Lienz senza troppi problemi. A Villach avevamo in programma il giro dell'Ossiachersee, ma per temporale siamo andati alle terme (molto belle).

Sistemazioni: essendo la prima volta, in pieno agosto e con un bambino piccolo, abbiamo preferito non rischiare e siamo andati con un tour operator. Avevamo quindi il vincolo delle sistemazioni già prenotate e quindi tappe obbligate, ma ci è andata bene con gli alberghi e ci è rimasta solo la libertà di girare senza il pensiero di dover trovare una sistemazione al volo. Tra l'altro, facendo i conti, credo che la spesa alla fine sia stata più o meno equivalente.

Bagaglio e bici: ci siamo portati le nostre bici (due Brompton M6 e la 16 di mio figlio) e abbiamo provato a fare un minimo di test di bagaglio per le prossime volte. Ovviamente anche noi abbiamo sovrastimato il necessario, ma abbiamo capito cosa è davvero indispensabile e per le prossime volte abbiamo verificato che con due borse grandi e due piccole (due ortlieb back roller e due sport roller - totale 65 l) ce la caviamo tutti e tre per dieci giorni, dormendo in b&b o alberghi.
Questa è la foto dell'assetto di viaggio. Due zaini ce li portava il tour operator, ma in realtà abbiamo riportato indietro le cose senza usarle. Per quest'anno aggiungiamo una borsa piccola sottosella.



Le Brompton sono andate alla grande, ma le piste sono in ottimo stato e i pochi tratti di sterrato li abbiamo trovati sempre asciutti. I treni austriaci sono fantastici, e infatti anche per questo motivo quest'anno torniamo in Austria (pista del Danubio) tentando una formula un po' più indipendente.


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11013.0
« Ultima modifica: Giugno 28, 2018, 11:44:19 am by occhio.nero »
"It is wholly a confusion of ideas to suppose that the economical use of fuel is equivalent to a diminished consumption. The very contrary is the truth." (William Stanley Jevons, "The Coal Question", 1865)

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Roma
  • Post: 9779
  • attività:
    40%
  • Reputazione: +170/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 12:04:23 pm
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
      • il mio nome è al termine del mio viaggio
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« Risposta #4 il: Giugno 26, 2018, 08:52:49 am »
contributi sulle borse spostati qui: :-)

Bagaglio anteriore Brompton alternativo (Portapacchi, adattatore, ortlieb,.... )
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1414.msg96627#msg96627

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11013.0
« Ultima modifica: Giugno 28, 2018, 11:49:28 am by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Roma
  • Post: 9779
  • attività:
    40%
  • Reputazione: +170/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 12:04:23 pm
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
      • il mio nome è al termine del mio viaggio
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« Risposta #5 il: Novembre 04, 2018, 05:12:31 pm »
Ho seguito i consigli preziosi di Lelebass ed anche io, a luglio, mi sono avventurato lungo la ciclovia della Drava,

Consigliatissimo per tutti coloro che amano il cicloturismo, tra i paesaggi superbi e la dolcezza del percorso.

Qui il fotoracconto:

http://reginaciclarum.it/wordpress/?p=4067

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11013.0
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Online Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2012
  • Località: avanti e indietro fra il Garda e Milano
  • Post: 2571
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +189/-0

+Info

  • Last Active:Oggi alle 01:10:36 pm
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« Risposta #6 il: Novembre 04, 2018, 06:06:12 pm »
Ma capo! Tu quoque.... Se anche tu ti metti a pubblicare le cose da un'altra parte e qui metti solo il link, dove andremo a finire? ;););)

Vittorio

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11013.0
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Roma
  • Post: 9779
  • attività:
    40%
  • Reputazione: +170/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 12:04:23 pm
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
      • il mio nome è al termine del mio viaggio
Drauradweg - La ciclovia della Drava
« Risposta #7 il: Novembre 05, 2018, 08:12:16 am »
Ma rimane tutto in famiglia, visto che anche quel sito lo gestisco io  ;D
Lì c'è la fotoslide, molto più pratica. Tanto le foto qui le ha già caricate Lelebass. Le mie non aggiungo granchè, volevo solo ribadire la bellezza del percorso  ;)



Ma visto che ci siamo..... ecco un breve collage:  :)




Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=11013.0
« Ultima modifica: Novembre 05, 2018, 09:08:48 am by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci