Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: PERCORSO CICLABILE DEL LAGO D’IDRO (sponda sinistra)  (Letto 822 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2907
  • Reputazione: +199/-0
PERCORSO CICLABILE DEL LAGO D’IDRO (sponda sinistra)
« il: Ottobre 29, 2018, 07:00:03 pm »
Segnalo a chi si trovasse a passare da quelle parti un breve (meno di 8 km) percorso prevalentemente ciclabile sulla riva orientale del lago d’Idro, che ho provato alla fine dell’estate 2017.

La partenza è da Lemprato, dove si trova un piccolo parcheggio libero in riva al lago

In corrispondenza del quale parte il sentiero, grossolanamente asfaltato.

Dopo poche centinaia di metri (sulla cartina, in corrispondenza dell’ansa disegnata a tratto continuo) si incontra il ponte

sul canale di presa che alimenta la centrale elettrica di Vobarno, seguito da una passerella che sovrappassa una zona umida.

Si prosegue in riva al lago
     
fino a raggiungere la frazione Crone

con l’imbarcadero del battello elettrico che nella bella stagione fa la spola tra le due sponde del lago.
Alla fine del lungolago occorre fare attenzione a non seguire la strada

ma proseguire dritto per qualche decina di metri fino in fondo allo spiazzo sterrato, dove si imbocca la rampa pavimentata a destra

che porta al tratto nuovo di ciclabile inaugurato mi pare in primavera,

comprendente anche un paio di passaggi messi in sicurezza in corrispondenza di gallerie
     
che termina a Vantone,

località caratterizzata da un paio di camping frequentati soprattutto da turisti tedeschi, sul promontorio formato dalla conoide di deiezione dell’omonimo rio che scende dalla montagna, il che si traduce in un breve strappo per un dislivello di una decina di metri.
Da qui si prosegue sulla strada provinciale, peraltro non molto trafficata,

con un percorso abbastanza vario che comprende paio di gallerie (per fortuna abbastanza brevi e rettilinee, quindi non particolarmente pericolose) in corrispondenza di uno sperone roccioso,

tocca la frazione Parole
     
e termina a Vesta, dove la conoide di deiezione del rio che scende dalla val Piombino obbliga a un ultimo strappo

per aggirare il promontorio occupato da camping e seconde case e raggiungere la spiaggia dove la strada termina.

Almeno per ora: esiste in fatti un progetto di realizzare un itinerario ciclopedonale fino alla fine del lago, che vada a saldarsi alla rete di sentieri e ciclopedonali già esistenti lungo il Chiese fra Baitoni e Storo e a chiudere un futuro itinerario circolare attorno al lago.
Dubito però che lo si vedrà tanto presto: come si può vedere nell’ultima foto, la costa alta e in qualche tratto a picco non faciliterà certo le cose…[


Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Tags: