Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Tern BYB - bring your bike  (Letto 918 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline boccia

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3396
  • Reputazione: +170/-0
Tern BYB - bring your bike
« il: Maggio 29, 2019, 09:41:41 am »
Interessante modello tern caratterizzato da doppia trave principale, dotata a sua volta di due snodi, con assi non paralleli.
La piega sembra molto compatta, perché la bici è divisa di fatto in tre, pur mantenendo ruote da 20" e componenti standard.

https://www.ternbicycles.com/bikes/byb



Che dire, mi sembra qualcosa di realmente innovativo nel mondo pieghevole, che realizza una sorta di N-fold 2.0 donando a Tern una bici dalla piega davvero compatta.

« Ultima modifica: Maggio 29, 2019, 01:58:48 pm by boccia »

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2722
  • Reputazione: +195/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #1 il: Maggio 29, 2019, 11:10:55 am »
L'estetica richiede di farci un po' l'occhio, ma le caratteristiche descritte nel sito sono davvero interessanti. Non resta che sapere quando (la vedremo in giro) e quanto (costa)

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline lelebass

  • assistente
  • ***
  • Post: 171
  • Reputazione: +31/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #2 il: Maggio 29, 2019, 11:20:02 am »
Molto bella. Ma non economica...

https://www.bikeradar.com/reviews/bikes/folding-bikes/tern-byb-s11-review/

"The £1300 P8 is the cheaper model in the BYB range Tern"

"The S11 is an expensive machine, even Brompton’s range-topping Superlight M6L comes in cheaper at £1,720, but the S11 does have the advantage of its broader gearing and superior handling. I’d be happier riding the S11 longer distances, but this is going to find its place among commuters rather than tourers or general riders, so it may be a tougher sell. The P8 is more competitively priced against the higher-grade Brompton’s but it’s still going to be a pricier proposal."

E neppure leggera, da quanto leggo la P8 14.3 kg e la S11 13.3 kg.

https://www.wired.com/review/review-tern-byb/

Comunque finalmente una novità!

Ciao,
Daniele
« Ultima modifica: Maggio 29, 2019, 11:22:42 am by lelebass »
Hoptown 320 - Vybe D7

Offline boccia

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3396
  • Reputazione: +170/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #3 il: Maggio 29, 2019, 11:25:46 am »
Esteticamente non so perché mi ricorda la prima Tilt.
Notavo che lo snodo più vicino al reggisella è verticale e più o meno nella stessa posizione delle bici a piega centrale, chissà se è prevista anche una sorta di piega parziale più veloce...
Prezzi e pesi piuttosto alti, in effetti. E non l'ho vista rossa...  ::)

Offline nino#

  • gran visir
  • *****
  • Post: 938
  • Reputazione: +60/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #4 il: Maggio 29, 2019, 11:57:12 am »
Molto bella.
Secondo me costituisce una vera svolta in Tern, dato che si distacca totalmente dai modelli Dahon...
Certo, non è economica. Ma i componenti sembrano tutti di alto livello: già quelle ruote costano un botto.
Pieghevolista nel cuore (ex possessore di Dahon: Speed P8 e Ios XL) - Attualmente in sella di una bellissima Orbea Katu 40
LASCIA L'AUTO PER LA BICI! FAI BENE A TE E FAI BENE A TUTTI!

Offline boccia

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3396
  • Reputazione: +170/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #5 il: Maggio 29, 2019, 12:04:40 pm »
Il telaio sembra decisamente più complesso dei classici telai Tern, difficile secondo me ottenere modelli sufficientemente economici risparmiando troppo sui componenti. Forse non avrebbe neanche senso.  :-\

Teniamo conto anche che si tratta di una novità, e la novità costa di più in termini di progettazione e sperimentazione.

Offline alex

  • assistente
  • ***
  • Post: 164
  • Reputazione: +2/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #6 il: Maggio 29, 2019, 12:18:52 pm »
bici molto interessante, peccato per il peso piuttosto elevato e per il prezzo ma tern alla fine non costa poco

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9841
  • Reputazione: +170/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #7 il: Giugno 02, 2019, 09:34:04 pm »
a me tutti quegli snodi preoccupano non poco.  :-\
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline lelebass

  • assistente
  • ***
  • Post: 171
  • Reputazione: +31/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #8 il: Giugno 21, 2019, 11:47:48 am »
Prime disponibilità e prezzi reali in Italia per la BYB, in un sito di un negozio milanese:

BYB P8 € 1.195

BYB S11 € 2.295

Si pone come alternativa a Brompton, anche nella fascia di prezzo.  :o

Ciao,
Daniele
Hoptown 320 - Vybe D7

Offline bic

  • apprendista
  • **
  • Post: 87
  • Reputazione: +8/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #9 il: Giugno 21, 2019, 08:45:33 pm »
M'era sfuggita, penso sia la prima volta che mi trovo in disaccordo con voi :) Io la trovo completamente sbagliata: complicata (quante leve azionare per chiuderla, 5 o 6?), pesante e pure costosa. E. sempre per me, è pure brutta* :D

*per quanto possa esserlo una bici eheh
Dahon Speed D7 "Jolly Rasta"

Offline Peo

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1469
  • Reputazione: +200/-2
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #10 il: Agosto 23, 2019, 09:30:52 pm »
------ ADMIN ON
FTGLRY


------- ADMIN OFF


Di seguito la recensione di Vittorio e le mie foto. Buona lettura....


---------------------------------------------------------------------------------------------------

Tern BYB

Da un po' di tempo, nelle discussioni fra appassionati di biciclette pieghevoli, si diceva che da tempo non compariva sul mercato qualcosa di significativamente nuovo al di fuori delle tipologie ormai codificate.
Con l'arrivo di questo nuovo modello di Tern siamo stati smentiti.




La Tern BYB che viene distribuita in Italia in queste settimane inaugura una nuova tecnologia, brevettata col nome TriFold, che potrebbe anche essere definita "doppia piega centrale" o "piega a N", come vedremo più in dettaglio e si caratterizza per numerose caratteristiche originali, a cominciare dal nome, acronimo di Bring Your Bike, cioè "porta (con te) la tua bici", che è la peculiarità classica della bicicletta pieghevole, ma evoca chiaramente la più diffusa espressione gergale Bring Your Bottle, ovvero "porta la tua bottiglia" (sottinteso alla festa).

Questioni... alcolemiche a parte, alla prima occhiata colpiscono il telaio denominato Double Deck, d'alluminio a doppio tubo trapezoidale con due massicce cerniere, che gli danno quasi l'apparenza di un traliccio, mutuato dalla longtail da carico GSD.
Per meglio valorizzare la novità, la BYB viene proposta in due allestimenti: base, peraltro già piuttosto ricco (P8), e "lusso" (S11), con una sensibile differenza di prezzo, intorno a 1200 e 2300 euro rispettivamente. Nella descrizione faremo riferimento alla prima, decisamente la più abbordabile delle due, disponibile in tre colorazioni: bronzo, Champagne e azzurro metallizzato.

Le dimensioni principali che abbiamo rilevato sono: lunghezza 158 cm, passo 103 cm, larghezza 36 cm (manubrio 60 cm), altezza massima 103 cm per il manubrio e, grazie al tubo reggisella telescopico (34,9 e 30,9 mm), addirittura 114 cm per la sella, misura del tutto teorica perché è difficile immaginare chi (a parte un cestista professionista) possa alzare la sella così in alto. Il costruttore la dichiara adatta a stature fra 147 e 195 cm e fino a 105 kg.
Da piegata la BYB misura invece 55 cm di lunghezza, 33 di larghezza e ben 82 cm di altezza in configurazione di trasporto passivo. Se l’altezza dovesse rivelarsi eccessiva per parcheggiare la BYB, per esempio sotto una scrivania, è sempre possibile invertire altezza e lunghezza ruotandola di 90° a sinistra e facendola quindi appoggiare sulle ruote e su un apposito piedino fisso di plastica che protegge la guarnitura da contatti indesiderati col terreno.

Prima di entrare nel vivo, passiamo in rassegna un po’ di particolari:
manubrio d’alluminio 6061 con leve freni Shimano e comando del cambio a levette Shimano Claris



e morsetto Andros Stem G2 per una rapida regolazione in altezza e avanzamento.



Dispositivo per la lubrificazione, presente sulle guaine di tutti i cavi.



La solida staffa anteriore Combo Mount per il montaggio del robusto portapacchi dedicato o di un adattatore per attacchi Klickfix, mutuata anch’essa dalla GSD.



Il giunto TFL anteriore, il freno V-Brake Kinetix SpeedStop da 110 mm e la forcella anteriore Tarsus, d’alluminio 6061 idroformato.



Il piantone Physis RF con snodo dotato di pulsantino rosso di sicurezza.



Panoramica sul carro posteriore, con la guarnitura smontabile da 52 denti, protetta da un vistoso carter avvolgente di plastica traslucida (che mostra tutta la sua utilità a bici piegata, quando la guarnizione rimane in alto e piuttosto esposta) e abbinata a una cassetta a 8 rapporti (11-32 denti) per uno sviluppo metrico da 2,50 a 7,28 m.



Il deragliatore Shimano Acera a gabbia lunga (un po' esposto),



sopra il quale si riconosce la sede circolare dell’aggancio meccanico Anchor Bolt, altra novità della BYB, con la sua leva di sblocco che va azionata per aprire la bici infilando la mano tra portapacchi e pignoni del cambio.



La sella Porter con il marchio Tern e la scala graduata sul binario per la regolazione di precisione.







Il tubo reggisella telescopico, con scala graduata nella parte superiore.



Le pedivelle hanno la misura classica di 170 mm, e i pedali MKS EZY sono di fibra, il destro fisso e il sinistro estraibile da riporre nell’alloggiamento previsto sul braccio inferiore sinistro del carro posteriore.





Zona centrale del telaio, con il secondo giunto TFL e l’attacco per il portaborraccia.




Giunto centrale aperto, con la sua conformazione brevettata che dovrebbe assicurare una tenuta più rigida e senza giochi.



Piede d’appoggio fisso sotto il movimento centrale, utile durante la piega e per il parcheggio, collocato in modo da proteggere la guarnitura.



Portapacchi Metro Transit Rack con rotelle pivotanti doppie per il trasporto passivo, piastra standard per l’attacco di un fanalino (al posto del catarifrangente di serie) e conformato in modo da potervi agganciare due cestelli o borse laterali.



Le ruote sono da 20" con cerchi d’alluminio a doppia parete e raggi d’acciaio inossidabile, 20 all'anteriore e 28 al posteriore, con pneumatici Schwalbe Citizen 20x1,50.



Come si piega

La sequenza di piega richiede un minimo di pratica per essere eseguita correttamente; al primo tentativo abbiamo impiegato circa 50 secondi ma il costruttore dichiara che non ne servono più di 30.
Per prima cosa, si abbassa la sella agendo su entrambi i collarini di blocco e ruotandola di 180°.



Si aprono i due snodi del telaio e, dopo aver disposto in avanti il pedale destro, si impugnano le due estremità del telaio e ,,,



... con una mossa fluida e coordinata (dopo un po’ di pratica…) si chiude il telaio portando a combaciare tra loro i due elementi dell’aggancio Anchor Bolt che si chiudono a scatto assicurando una tenuta di assoluta solidità.



A questo punto la bici appoggia sulle due ruote e sul piede centrale in maniera molto stabile [25] e può essere ricoverata per esempio sotto una scrivania, oppure impennata in verticale e comodamente spinta come un carrello della spesa, con le due ruote in avanti e le rotelle pivotanti indietro (per evitare che i pedali si blocchino girando all’indietro), senza timore che il telaio possa aprirsi grazie all’ottima tenuta dell’aggancio Anchor Bolt, oppure trascinata per il manubrio come un trolley scorrendo solo sulle rotelle.





Si prosegue alzando in verticale i due bracci dell’Andros Stem,



 dopo di che si abbatte il piantone e lo si fissa al telaio mediante la cinghietta di gomma tipica delle Tern.



Una volta piegata, la Tern BYB conferma le sue qualità di trasporto passivo; disposta in verticale sulle due ruote e le rotelle si lascia guidare docilmente, proprio come una valigia a quattro rotelle. In questo caso l'altezza da chiusa si rivela un vantaggio poiché il telaio "cade" sotto la mano esattamente alla giusta altezza.


S11: le differenze

Identica nel telaio e nelle dimensioni e disponibile solo in color argento opaco, la versione S11 vanta una componentistica di gamma alta, che tra l'altro consente una leggera riduzione del peso (12,7 kg, dichiarati dal costruttore, contro 14,3 della P8): manubrio Kinetix con Andros Stem G2,



manopole Ergon GS1 con appoggio palmare molto comodo,



leve dei freni Shimano,



movimento centrale su cuscinetti esterni e pedali MKS UB-Lite EZY di lega leggera,



ruote Kinetix Pro X entrambe da 16 raggi,



freni V-Brake Tektro V da 105 mm,



guarnitura smontabile da 54 denti, cassetta a 11 rapporti da 11-32 denti (sviluppo metrico da 2,57 a 7,48 m), deragliatore Shimano Ultegra a gabbia corta, pneumatici Schwalbe Marathon Racer 20x1,50, e sella Ergon SMC30 Pro.



E ora, la “prova baule”, comodamente alloggiata nel bagagliaio della Honda Jazz che normalmente accoglie di misura una Dahon Vitesse,



le inevitabili immagini a confronto che parlano da sole





e il nostro tester impegnato nello sprint con la S11.



Su strada
In entrambe le versioni, la Tern BYB ha una pedalabilità quasi da bici a ruote alte, grazie al telaio estremamente rigido, un allungo velocistico notevole (per chi ha abbastanza gamba e fiato per spingere il rapporto più lungo...) e una frenata potente.
L'obiettivo del progettista era inequivocabilmente quello di coniugare trasporto passivo, rigidezza e qualità di marcia e possiamo confermare che è stato centrato; la Tern BYB è una bici che può essere usata con pari soddisfazione sia durante la settimana nel pendolarismo casa-lavoro (specie una volta fatta la mano alla sequenza di piega, che è meglio non aspettare di eseguire mentre il treno si sta fermando al marciapiede) sia nel weekend per qualche sgambata veloce o per gite anche di discreto raggio grazie alla buona capacità di carico. Il prezzo può essere un deterrente soprattutto per la versione più dotata; probabilmente oltre alla componentistica, di pregio in entrambe le versioni, si paga anche la novità.

Un gran ringraziamento a Claudio ed al team del negozio Mi-Wheels che ci hanno concesso in prova questa gran pieghevole oltre a fornirci supporto tecnico e preziosi suggerimenti.


review by: Vittorio              photographer: Peo              assistant ph. : Vittorio

« Ultima modifica: Agosto 31, 2019, 08:12:39 pm by occhio.nero »
Dahon Vitesse D7  /  Dahon Classic III  /  Velital / Brompton M3(+8) L

Offline rossi6468

  • apprendista
  • **
  • Post: 70
  • Reputazione: +9/-0
  • Atala folding 16 1v
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #11 il: Agosto 25, 2019, 11:03:24 am »
Buon giorno a tutti:
complimenti per la recensione veramente ben fatta e corredata di foto esaustive.
Concordo circa l'esposizione del cambio e trovo praticamente inutilizzabile il portapacchi, almeno in configurazione standard.
Visto il prezzo pero', se avessi intenzione di spendere una cifra così  importante per una pieghevole, non avrei dubbi nel scegliere una Brompton. Ingombro inferiore ed affidabilità nel tempo a ttuta prova
saluti.
rv

Offline lelebass

  • assistente
  • ***
  • Post: 171
  • Reputazione: +31/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #12 il: Agosto 26, 2019, 10:41:32 am »
Grazie per la bella recensione!!!
Mi intriga molto questa bici, soprattutto il fattore di forma da chiusa è qualcosa di veramente nuovo ed interessante.
Resto perplesso per la fascia di mercato che va ad attaccare (ovvero Brompton). Probabilmente un prezzo al di sotto dei 1000 EUR (tipo 999 EUR) per la "entry level" sarebbe stato più consono, ma alla Tern avranno ben fatto i loro calcoli.
Il peso della P8 inoltre spaventa un poco per il trasporto passivo.
Avete una foto a confronto con la Dahon di Vittorio chiusa?

Ciao,
Daniele
Hoptown 320 - Vybe D7

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2722
  • Reputazione: +195/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #13 il: Agosto 26, 2019, 04:24:27 pm »
No, purtroppo non ci abbiamo pensato  :(
Vediamo se si riesce a rimediare nella prossima fine settimana

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2722
  • Reputazione: +195/-0
Re:Tern BYB - bring your bike
« Risposta #14 il: Agosto 30, 2019, 10:34:20 pm »
Ecco qui: stamattina sono passato dalla Stazione delle Biciclette ed ecco le foto comparative, con la BYB impennata (appoggiata sulle rotelle) e coricata in orizzontale (appoggiata sul piede di gomma sotto il movimento centrale). Come si può vedere, nel primo caso l'altezza è maggiore ma non in maniera eccessiva; nel secondo caso la BYB è più lunga ma molto più bassa, il che agevola per esempio il trasporto coricata su un fianco anche nel bagagliaio di un'automobile abbastanza piccola.

Vittorio

     
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Tags: