Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Tern Eclipse P20  (Letto 283 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline yumatu

  • iniziato
  • *
  • Post: 15
  • Reputazione: +0/-0
Tern Eclipse P20
« il: Luglio 03, 2022, 05:48:05 pm »
Manca un topic su questa bici da 26,forse è uscita da poco?
Comunque segnalo l'esperienza di un utente su FB:
Citazione
Buondì, vorrei condividere con voi le modifiche che ho apportato alla mia tern p20, adesso che mi sono disintossicato dall'auto e utilizzo (quasi) unicamente bici più treno per andare a lavoro. Per prima cosa, mi sembra giusto ricordare le condizioni in cui viaggio e le caratteristiche principali della bici. Io vivo a 6 km dalla stazione più vicina (raggiungibile facilmente anche in auto con un bel parcheggio comodo), viaggio in treno per 90 km e devo percorrere altri 6 km per raggiungere il posto di lavoro. La bici (ovviamente pieghevole) ha ruote da 26 e non è particolarmente portatile, la definirei più che altro "portabile". Per fortuna i treni sono tutti nuovi e comodi  (soprattutto il rock Hitachi) e riesco a trovare posto a sedere e tenermi la bici in vista o addirittura a fianco. Però ho dovuto apportare importati modifiche alla bici, perché fosse più adatta al pendolariato quotidiano. Prima di tutto, l'ho alleggerita togliendo il cambio: non ho particolari salite da affrontare e non nascondo che ogni tanto la bici cade (piegata infatti non è molto stabile), e mi è capitato più volte di dover mettere mano alla regolazione del deragliatore. Con un rapporto 52/18 mi trovo benissimo e non sento assolutamente la mancanza del cambio! Usare la modalità single Speed, mi ha permesso di risolvere un annoso problema: le macchie di olio della catena sui pantaloni. Non solo durante la pedalata (problema facilmente risolvibile con uno di quei così che tengono stretto il pantalone) ma soprattutto durante il sollevamento e spostamento quando ripiegata. Infatti, è possibile afferrare la bici unicamente dalla parte della catena rendendosi esposti a possibili interferenze fastidiose con la catena (ho già sputtanato 4 paia di pantaloni). La soluzione, che ho adottato, consiste in una chain cage che copre esternamente la catena, proteggendo i pantaloni dalla catena, e anche quest'ultima dallo sporco della strada. Se da una parte ho alleggerito la bici, dall'altra l'ho appesantita con i parafanghi, un lucchetto pieghevole al posto del porta borraccia, e un portapacchi in alluminio con una piccola borsa, a cui ho applicato un lucchetto, con il kit gonfiaggio rapido e giacchetta e pantaloni impermeabili economici. Infine, utilizzo i pedali da mtb per avere più grip, ma sarebbe comodo averne almeno uno pieghevole.
Spero che le mie modifiche possano aiutare qualcuno a configurare meglio la propria bici. Ormai sono settimane che non faccio il pieno all'auto e devo dire che sono felice (e con qualche soldo in più in tasca)!
https://www.facebook.com/groups/287303677979281/posts/5208225999220333/

Tags: