Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Lombardia: Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)  (Letto 742 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3313
  • Reputazione: +213/-0
Tranquilli, niente macigni rotolanti o stregoni strappacuori; però la ferrovia Castellanza-Mendrisio (meglio nota come linea di Valmorea) maledetta sembra esserlo di sicuro: completata nel 1926 fino alla stazione svizzera di Mendrisio e chiusa nella tratta internazionale già nel 1928, si dice perché il regime del tempo non vedeva di buon occhio una ferrovia internazionale gestita da una società privata (le Ferrovie Nord Milano) con capitale in parte straniero, ha vivacchiato con pochi servizi sempre più radi, accorciata un po’ per volta, rimasta l’unica linea FNM non elettrificata, ha cessato gli ultimi servizi merci negli anni sessanta; negli anni ottanta un’associazione svizzera coadiuvata da volontari italiani è riuscita a ricostruire il breve tratto dal confine alla stazioncina di Malnate Olona (dal confine a Mendrisio è sempre rimasta in servizio come raccordo merci) e a farvi circolare saltuari treni turistici a vapore; poi sul tratto svizzero sono arrivati i lavori di ammodernamento legati alla costruzione del nuovo collegamento internazionale Arcisate-Stabio e il binario verso la valle dell’Olona è stato tagliato di nuovo, forse definitivamente.
Ogni tanto però nel libro dei sogni compare l’ipotesi di una riattivazione a fini turistici, a maggior ragione ora che c’è l’albero degli zecchini… pardon il PNRR, che ha scatenato grandi appetiti e progetti di ogni genere, dal concreto al farlocco.
Tutto questo per introdurre l’esplorazione che ho fatto di recente, ma che progettavo già da qualche anno; in effetti è un altro dei giri che mi hanno convinto di quanto fosse indispensabile per me acquistare la Espresso. E bene ho fatto, perché come vedrete non si trattava di un percorso adatto alle ruotine da 20” se non addirittura da 16”.
https://www.komoot.com/it-it/tour/1063360272?ref=wtd
Come di consueto, avvicinamento in treno, sulla linea per Varese e Laveno delle Nord, con il solito maledetto cambio a Bovisa dove annunciano sempre il binario di arrivo dei treni mai più di due minuti prima, così poi tocca scapicollarsi giù dalle scale con la bici in spalla o pregare di trovare pronto l’ascensore (lentissimo).
A parte questo, viaggio tranquillissimo su uno dei nuovi elettrotreni Caravaggio, dove la bici trova un posto improprio ma comodo nello spazio per persone a mobilità ridotta.

All’arrivo a Malnate faccio una piccola deviazione per un punto panoramico, subito sopra il cimitero, dove si ha un’ottima vista sul celebre viadotto ferroviario che scavalca la vallata dell’Olona, opera simbolo delle Nord.

Purtroppo al prossimo treno manca ancora troppo tempo, e oggi ho parecchia strada da fare, per cui mi tuffo giù per la discesa che mi porta presto in fondovalle. Uno stradello laterale mi porta all’ex stazione di Malnate Olona, sulla linea chiusa, volgendo le spalle alla quale comincia l’avventura: strada bianca, dopo le cataste di legna si svolta a sinistra;

strada un po’ meno bianca e un po’ più stretta,

ancora più stretta...

ed ecco le prime difficoltà.

Uno bravo scalerebbe cinque marce, si alzerebbe sui pedali e ci si arrampicherebbe: io ovviamente scendo e spingo, tanto si tratta di pochi metri e poi si riprende un sentiero pedalabile, da cui si intravede fra gli alberi il viadotto di prima.

Un altro passaggio “delicato” (al vero è mooolto più ripido di come sembra in foto)

porta al livello della vecchia ferrovia, dove termina il binario ricostruito per la linea turistica.

Riparto verso valle lungo il sentiero, che ora passa sotto i viadotti della tangenziale di Varese

e poco dopo ecco che dal terreno affiora il binario.
     
Poco più avanti l’Olona ha eroso il rilevato ferroviario in corrispondenza di un rio affluente; il sentiero attraverserebbe il rio

ma siccome il ponticello è ancora intatto, basta anche qui scendere e spingere la bici sul ponticello.

Nel corso dei decenni di abbandono le traverse di legno sono marcite e le rotaie si sono curiosamente allargate ben oltre lo scartamento normale di 1435 mm.

Uscendo dalla gola dell’Olona la valle si allarga, mentre il sentiero prosegue lungo le rotaie, a pochi passi dal fiume.
     
Il tratto più “avventuroso” e che più mi premeva ispezionare misura circa 1 km, dopo di che si arriva al caratteristico borgo di Molini di Gurone

completamente racchiuso in una diga a terrapieno di forma circolare che lo protegge dalle esondazioni dell’Olona, ai piedi del quale solo un tipico casello rivela che qui una volta passava il treno,

Proseguendo dopo il casello, la sede ferroviaria sopravvive sotto forma di una strada sterrata in mezzo agli alberi...

… e qualche volta anche sotto gli alberi stessi.

Un breve tratto di strada asfaltata

porta a Castiglione Olona, dove in corrispondenza dell’ex stazione

ha inizio il percorso ciclopedonale “ufficiale” che per le prime centinaia di metri corre a mezza costa

con un paio di riconoscibilissimi sottovia;

un po’ più avanti dalla superficie di terra battuta riaffiora il binario, deformato e allargato dal tempo.

Numerosi cartelli richiamano l’attenzione su questa particolarità, in effetti potenzialmente pericolosa per i ciclisti… soprattutto se si tratta dei coniugi Hopton!  ;)
Sulla destra compare il medievale monastero benedettino di Torba, patrimonio del FAI.

Proseguendo il viaggio, il percorso ciclopedonale alterna tratti di sterrato

e altri asfaltati,

mentre altrove si discosta completamente dall’ex ferrovia, correndo addirittura sulla sponda opposta,

Sotto Fagnano Olona, una passerella ciclopedonale costruita sopra un ponticello ferroviario

offre un punto di ripresa su uno scorcio dominato dal campanile della chiesa di S. Giovanni Battista

Poco più avanti, dopo un bel tratto asfaltato e alberato

mi fermo a fotografare un numeroso gregge di pecore: una visione bucolica che sembra incongruente con la “Brianza velenosa” cantata da Lucio Battisti, tutta strade, case e capannoni, che incomincia appena si risale dal fondovalle.

L’ultimo scatto della giornata lo dedico all’ex stazione di Marnate, restaurata e mantenuta dal Gruppo Ecologico Sanitario di Marnate, dove sembra quasi che il treno stia per arrivare da un momento all’altro.

Le foto si fermano qui, perché ormai si era fatta “una certa” e i miei interessi si erano rapidamente spostati sulla ricerca di una trattoria...

Vittorio
« Ultima modifica: Aprile 10, 2023, 12:15:55 pm by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline boccia

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 3545
  • Reputazione: +170/-0
Re:Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)
« Risposta #1 il: Aprile 08, 2023, 06:56:03 pm »
Complimenti, bellissimo racconto, come al solito ricco di dettagli interessanti.
Mi chiedo cosa stia pensando la Espresso.... secondo me non si è mai divertita tanto come in quest'ultimo periodo!… ;)

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3313
  • Reputazione: +213/-0
Re:Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)
« Risposta #2 il: Aprile 08, 2023, 08:58:34 pm »
Oppure si sta chiedendo: "Perchè proprio io, in nome del cielo, perchè?”

Vittorio
« Ultima modifica: Aprile 09, 2023, 07:17:35 am by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline boccia

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 3545
  • Reputazione: +170/-0
Re:Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)
« Risposta #3 il: Aprile 09, 2023, 12:24:03 pm »
Sì, in effetti dopo l'ennesima lucetta potrebbe chiedersi anche questo... ;D

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3313
  • Reputazione: +213/-0
Re:Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)
« Risposta #4 il: Aprile 09, 2023, 04:24:14 pm »
 :D :D :D
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline lelebass

  • maestro
  • ****
  • Post: 321
  • Reputazione: +39/-0
Re:Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)
« Risposta #5 il: Aprile 09, 2023, 08:08:23 pm »
Grazie Vittorio, anche se per me si tratta di itinerari piuttosto "fuori mano", leggo sempre con piacere i tuoi resoconti.

Saluti,
Daniele
Hoptown 320 - Vybe D7 - Bromtpon C Urban Low

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4135
  • Reputazione: +158/-0
Re:Lombardia: Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)
« Risposta #6 il: Aprile 15, 2023, 06:09:16 pm »
Bel racconto, complimenti per lo spirito avventuroso, un po' meno per la malvagità nel rivangare tristi episodi del passato..  >:( ;D

Tra l'altro avendo i suddetti episodi segnato i coniugi Hopton in maniera indelebile, li hanno anche resi super guardinghi in caso di binari (e anche di relitti di binari, come in questo caso). Quindi per noi il tragitto probabilmente non sarebbe fattibile, visto che ci faremmo prendere continuamente dal panico e andremmo più lenti che a passo d'uomo.  ;D
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3313
  • Reputazione: +213/-0
Re:Lombardia: Vittorio Jones e la ferrovia maledetta (Valmorea 29.3.2023)
« Risposta #7 il: Aprile 15, 2023, 07:10:28 pm »
“Sono bastardo biologicamente” (cit.)
Comunque il chilometro più avventuroso è sicuramente off-limits per le ruotine, ma anch’io l’ho percorso a velocità meno che a passo d’uomo.
Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Tags: