Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Dahon Dash P18 - Recensione  (Letto 71607 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline steo1971

  • iniziato
  • *
  • Post: 39
  • Reputazione: +4/-0
Dahon Dash P18 - Recensione
« il: Aprile 25, 2012, 11:38:06 pm »
--- ADMIN ON

segnalo:

Dahon Dash x20
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=3984

minivelo: minibiciclette pieghevoli e non
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=84.0

Ricevuta oggi DAHON DASH P18. A casa mi aspetta il pacco!
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=2179

--- ADMIN OFF


Ciao a tutti,
finalmente è arriva la tanto attesa Dash P18.  ;D
Per prima cosa devo subito dire che sono molto soddisfatto dell'acquisto, è veramente una bella bici, la sensazione è quella di stare sopra una bici da corsa, è scattante, veloce, reattiva, leggera e si guida benissimo.
Per quanto riguarda l'ingombro da piegata, beh, non è delle più piccole. Questo già si sapeva dopo aver letto la recensione sulla Bullhead. Nel mio caso però, questo aspetto non era fondamentale, a me interessava una pieghevole piccola abbastanza da poter essere messa in auto, ma al tempo stesso robusta, affidabile e rigida come una bici da corsa.

Veniamo allora allo spacchettamento...



Dopo aver montato il tutto mi sono con gioia accorto che il pacco pignoni era 11-32 e non 11-28 come scritto sul sito di Velokontor. Infatti, sul sito vecchio della Dahon, la Dash P18 come la mia è descritta con il 11-32, mentre sul sito nuovo la danno con 11-28. Non credevo che il cambio Tiagra riuscisse a salire su fino al 32. Sui vari siti lo danno solo fino al 28.
Bene, meglio così. Era mia intenzione cambiarlo, adesso non dovrò più farlo...magari in futuro proverò con un 11-34 o 12-36, ma per adesso va tutto bene così.

Guardando bene, ho visto che nel trasporto si è tolto un pezzetto di vernice su lato sinistro. Poco male, c'è il barattolino di vernice bianca in dotazione. Peccato però che la vernice fosse secca!



Vabbè, non è la fine del mondo. Mi pare però che sia successo pure a qualcuno con la Bullhead. Confermate? Sentirò quelli di Velokontor, anche se ormai non penso possano fare nulla se non farmi uno sconticino nel caso volessi comprare un'altra pieghevole.

Prima di metterla su strada ho dovuto però fare qualche regolazione importante.
  • La ghiera del pacco pignoni era praticamente svitata. Ho dovuto chiuderla per bene con la chiave dinamonetrica. Non si sa mai...sono preciso io.  :)
  • La catena era cosparsa di un grasso terribile che avrebbe appiccicato pure l'aria, perciò l'ho sgrassata tutta
  • Il tubo dello sterzo era chiuso a palla, perciò per girare il manubrio era richiesto un po' di sforzo. Dopo averlo sistemato e ben lubrificato è tornato a posto

Io sono alto 180cm, ma il reggisella l'ho dovuto mettere al massimo consentito. Un paio di cm in più non avrebbero guastato. Non mi sembra tanto di avere le gambe lunghe, perciò direi che 180-182cm è il massimo per questa bici con size L a meno di non procurarsi un reggisella più lungo. Cosa che comunque proverò a fare con uno da 400mm che ho in casa.

Bene, ecco la Dash montanta e finita (ho tolto i catarifrangenti dai cerchioni, non mi piaciono e poi vibravano).



L'occhio attento avrà sicuramente notato una cosa anomala. In prossimità dello snodo superiore il cavo del cambio ha una strana piega!
Beh, dopo 10 min sono riusciuto a fare già un piccolo danno.  >:(
Ho provato a piegarla, e guando l'ho ricomposta il cavo del cambio si è infilato all'interno dello snodo. Non so come sia successo, ma non me ne sono accordo, ho richiuso la vite, solo che dentro c'era pure il cavo  >:(
Ecco il risultato.



Incredibilmente il cavo non si è spezzato e funziona ancora benissimo. In questi giorni andrò però a comprare una nuova guaina.

Ah, a proposito di guaine. Ho notato che sono della Jagwire, marca nota per le guaine freno/cambio di una certa qualità. Quelle delle Shimano, ad esempio, sono molto più a buon prezzo.

Ripensando a quanto letto e visto della Bullhead, penso che Dash abbia esattamente lo stesso telaio. Ci sono tutti i fori per installare parafanghi e portapacchi...casomai uno volesse farlo.
Inoltre si possono montare le Big Apple 20X2.0 senza problemi. C'è un sacco di spazio all'interno della forcella e del carro posteriore. Posterò poi altre foto per chi fosse interessato, questa l'ho fatta velocemente tanto per dare l'idea.



Cosa carina: la chiavetta a brugola necessaria per sbloccare telaio e pipa-manubrio si inserisce nella manopola destra. Posterò poi una foto.

Peso
Per quanto riguarda il peso, beh, direi che che quanto scrivono sul sito sembra essere vero. Viene data a 10.6 kg nella versione M.
La mia pesa 11 kg in versione L, incluso i pedali che pesano ben 450 gr! Qui si potrebbe togliere qualcosa con dei pedali più leggeri, ma non si potrebbero però più piegare.

Altro elemento molto pesante, è il gruppo sella, tubo-pompa. Il tutto pesa 840 gr. In casa ho un sellino della Specialized leggero ed un tubo della Ritchey da 400mm, insieme arrivo a 450 gr. Con una pompa della Decathlon da 90 gr arrivo a 540 gr, contro gli 840 gr.
Devo dire però che il sellino in dotazione è veramente comodo, mentre quello della Specialized che ho da 205 gr è un po' meno confortevole.
Già che c'ero, perchè ho dovuto bloccarlo bene, ho pure pesato il pacco pignoni. Pesa 330 gr. Paragonabile ad un LX di quache anno fa. Adesso l'SLX 11-32 pesa 280 gr. Vabbè, non c'è molta differenza qui.

Prima uscita
Questa mattina ho deciso di andare al lavoro in bici, cosa che faccio spesso, ma con delle bici "normali". Sono 20 km con 300 m di dislivello.
È stato semplicemente fantastico, a parte i 2 gradi temperatura! Mi sono subito trovato a mio agio. Ho impiegato lo stesso tempo (49 min) di quando vado in moutainbike, ma facendo meno fatica. In discesa mi sono però tenuto, avevo un po' paura con queste ruotine, perciò penso di riuscire ancora a migliorare i tempi!

L'unica cosa che devo sostituire subito sono i pedali. Non sono più capace a percorrere lunghe distanze senza i click.

In salita è andata bene, col 44/32 sono riuscito a salire senza problemi il primo salitone di 2 km con pendenza media del 6% (con punte del 10%). Domani proverò un'altra salita che ha una prima rampa al 16%, lì forse troverò un po' duretto. Avessi una tripla con un 32 anche davanti potrei salire i muri. Con queste ruotine da 20" si riesce ad affrontare la salita con molta più disinvoltura rispetto alle 26" o 28", a parità di rapporto.

Bene. Per adesso passo e chiudo. Tornerò a breve con qualche altra impressione.
Lascio a voi le domande. Sicuramente mi sono dimenticato di menzionare qualche dettaglio importante.
Ciao,
Stefano
« Ultima modifica: Luglio 18, 2015, 12:00:22 pm by occhio.nero »

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9971
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #1 il: Aprile 26, 2012, 09:11:38 am »
grazie della recensione. Segnalata sul nostro gruppo facebook.

Mi interesserebbero le misure:
1) cannotto sella->cannotto sterzo 
2) cannotto sella->manubrio

Inoltre:

a) per quanto riguarda taglia Medium o Large, come si distinguono durante l'acquisto?
b) puoi misurare lo sviluppo  metrico del rapporto più lungo e di quello più corto?

grazie!
 :)
« Ultima modifica: Aprile 26, 2012, 09:18:47 am by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline steo1971

  • iniziato
  • *
  • Post: 39
  • Reputazione: +4/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #2 il: Aprile 26, 2012, 09:45:39 am »
Le misure che mi hai richiesto le controllo questa sera.
Per l'acquisto, ho richiesto quella Large visto che viene venduta in due misure. Non è stato facile trovarla però. Quasi tutti hanno la versione M. Ma da Velokontor sembra ce ne siano ancora.

Per lo sviluppo metrico
- Rapporto Anteriore: 44/55
- Rapporto Posteriore: 11/32
- Ruota da 20" (20-406): diametro 497 mm, circonferenza 1560 mm

Sviluppo Min = 44/32 => 1.375 ==> 2.14 m
Sviluppo Max = 55/11 => 5 ==> 7.8 m (80 RPM = 37.4 km/h)
Range = 363%

Ciao.
Stefano



Offline steo1971

  • iniziato
  • *
  • Post: 39
  • Reputazione: +4/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #3 il: Aprile 27, 2012, 09:08:44 pm »
Mi interesserebbero le misure:
1) cannotto sella->cannotto sterzo 
2) cannotto sella->manubrio

Ecco qui quanto ho misurato.
canotto sella - canotto sterzo: 540 mm
pipa: 115 mm



Per quanto riguarda la lunghezza del tubo sella, con una normale tubo da 400mm (x31.6 mm) si guadagnano dei bei centimetri. A causa della pompa inserita del tubo originale, il punto limite è di 3-4 cm più in su rispetto ad un tubo classico.

Ho ripesato tubo e sellino:
Tubo + pompa integrata: 470 gr
Sellino originale: 370 gr
Totale: 840 gr

Tubo Ritchey Pro Aluminio: 245 gr
Sellino Specialized: 205 gr
Pompa: Dechatlon: 90 gr
Totale: 540 gr

Dopo questo cambio, oltre ad avere aggiunto qualche cm alla distanza "sellino - movimento centrale", cosa per le mie gambe fondamentale, ho pure tolto altri 300 gr.

Ancora una nota sulla performance in salita: con il 44-32, il rapporto più corto, non ho avuto alcun problema a fare una salita con pendenza media del 15%.

Altra nota: a casa ho poi ancora centrato la ruota posteriore, un paio di raggi erano praticamente svitati dal nipple.

In generale, per chi compra su internet una bici semi montanta, è bene controllare tutti gli snodi, ghiere, raggi, e tutto quello che può essere stato pre-montato con poca attenzione da parte del produttore.

Ciao.
« Ultima modifica: Aprile 27, 2012, 09:11:31 pm by steo1971 »

Offline Fabrizio

  • apprendista
  • **
  • Post: 73
  • Reputazione: +3/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #4 il: Aprile 27, 2012, 11:09:31 pm »
si ti confermo che qualche piccolo pezzetto di vernice può saltare nel trasporto.
Hai visto anche tu che la chiave a brugola si inserisce nella manopola!!
Una cosa ti volevo far notare a me è capitato già due volte, quando apri la bici stai attento allo snodo superiore (nel tuo caso incastrato è rimasto il cavo), io invece la prima volta mi si è incastrato il jeans altezza gioiello, la seconda volta non mi sono salvato ...... ho visto i mostri  :'(, davvero pericoloso!

fabrizio
Dahon bullhead - Alpina Klapprad 1968 - Miele PX20 sxr - Brompton black edition 2016

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9971
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #5 il: Aprile 29, 2012, 01:46:41 am »
grazie per le info.
Anche se mi chiedo se non sia meglio prendere  la distanza  parallela al terreno.
(dubbio amletico delle 1.48 am)  :)
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline steo1971

  • iniziato
  • *
  • Post: 39
  • Reputazione: +4/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #6 il: Aprile 29, 2012, 11:26:52 pm »
grazie per le info.
Anche se mi chiedo se non sia meglio prendere  la distanza  parallela al terreno.
(dubbio amletico delle 1.48 am)  :)

Intendi per lo sviluppo metrico o per le distanze sella - sterzo - manubrio?

Offline steo1971

  • iniziato
  • *
  • Post: 39
  • Reputazione: +4/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #7 il: Aprile 29, 2012, 11:43:23 pm »
Tanto per completare la serie di foto. Ecco qui la chiave a brugola che viene fornita e il suo alloggiamento nella manopola destra.

Chiavetta (4/5/6 mm)


Alloggiamento nella manopola destra


Chiave inserita e bloccata all'interno della manopola


Offline lukasan

  • assistente
  • ***
  • Post: 112
  • Reputazione: +2/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #8 il: Maggio 01, 2012, 11:46:07 am »
Complimenti alla prima Dash p18 del forum!!
il fatto che, volendo, si possa trasformare in una bullhead con cambio tradizionale me la fa piacere ancora di più.

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9971
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #9 il: Maggio 01, 2012, 06:35:09 pm »
Intendi per lo sviluppo metrico o per le distanze sella - sterzo - manubrio?

la seconda che hai detto :)


--------------------

Allora, oggi pomeriggio finalmente ho fatto un giretto tranquillo sul mio nuovo bolide...
Il tragitto è stato tutta la Torrevecchia fino a Montespaccato (due borgate di Roma), poi da Montespaccato di nuovo tutta la Torrevecchia fino alla nuova pista ciclabile, che ho percorso fino a Balduina e poi sono tornato indietro perché il tempo non mi convinceva troppo.

Che dire, la bici si è comportata egregiamente, anzi di più: è veloce, scorre che è una meraviglia, con 18 rapporti trovi sempre quello che fa al caso tuo; un po' duretta sulle sconnessioni dell'asfalto ma niente di preoccupante (conto di sostituire i copertoni dopo l'estate), il cambio poi è di una precisione chirurgica: la chicca è che il deragliatore davanti ha delle "posizioni intermedie" tra le due marce che permettono di usare tutte le nove marce posteriori con entrambe quelle anteriori, senza che la catena tocchi sul deragliatore (spero sia stato comprensibile quello che ho scritto.... :) ).
Piega fantastica, l'ho caricata in macchina in due secondi.

Domani mattina conto di farmi tutta la ciclabile e di farmi una passeggiata in centro, tempo permettendo  (mi preoccupa molto di più il caldo della pioggia).

Che dire davvero soddisfatto. Ho scaricato anche un paio di app sul mio iphone, cyclometer e road bike, spero non siano troppo avare di batteria con il gps.

C'è una cosa però della bici che proprio non mi piace: lo snodo del manubrio: penso proprio sarà la prima cosa che verrà sostituita da qualcosa in stile vigor, molto più elegante.

Per concludere due parole sul negozio dove l'ho comprata, Bicity roma: due persone gentilissime, un accoglienza incredibile; in nessun altro negozio di bici sono stato trattato così bene. Quindi un grazie anche a loro, se mai dovessero leggere questo post.
« Ultima modifica: Luglio 17, 2014, 03:30:28 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline RobRM

  • apprendista
  • **
  • Post: 60
  • Reputazione: +0/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #10 il: Maggio 10, 2012, 09:55:18 pm »
Fantastica, è entrata di diritto tra le papabili per una futura pieghevole :D
BTwin BFold 20"

Offline Lunadix

  • assistente
  • ***
  • Post: 175
  • Reputazione: +3/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #11 il: Maggio 10, 2012, 10:25:31 pm »
stupenda. per me sarebbe l'ideale perche io la mia praticament enon la piego mai e questa ha sicuramente una struttura piu rigida della mia.
Btwin Hoptown Personalizzata

Offline RobRM

  • apprendista
  • **
  • Post: 60
  • Reputazione: +0/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #12 il: Maggio 11, 2012, 12:01:34 am »
L'unico dubbio che ho è sulla dimensione del telaio... In base a quali criteri posso capire la misura adatta?
BTwin BFold 20"

Offline steo1971

  • iniziato
  • *
  • Post: 39
  • Reputazione: +4/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #13 il: Maggio 11, 2012, 12:08:21 am »
L'unico dubbio che ho è sulla dimensione del telaio... In base a quali criteri posso capire la misura adatta?
Quanto sei alto? Ti può aiutare quando è dato sul sito della Dahon.
M per altezze da 157-167 cm
L per altezze da 170-188 cm

Offline steo1971

  • iniziato
  • *
  • Post: 39
  • Reputazione: +4/-0
Re:Dahon Dash P18 - Recensione
« Risposta #14 il: Maggio 11, 2012, 12:12:39 am »
Volevo far sapere a tutti che ho montato un pacco pignoni SLX 11-34. Funziona benissimo. Il cambio del Tiagra sale fin lassù.  ;D
Bisogna solo spingere al massimo la vite di tensione del cambio, altrimenti c'è il rischio di far toccare la puleggia superiore con l'ultimo pignone da 34. Io ho sostuito la vite di tensione con una più lunga.

Già con il 32 si fanno bene le salite impegnative, ma con il 34 sarà ancora più facile.

Tags: