Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)  (Letto 58562 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2011
  • Località: Lecco
  • Post: 4124
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +156/-0

+Info

  • Last Active:Aprile 20, 2019, 11:25:00 am
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #45 il: Agosto 27, 2012, 06:00:16 pm »
La vita è pericolosa, qualunque cosa si faccia. Questo però secondo me non è un buon motivo per rinunciare a vivere, o per smettere di cercare, ognuno di noi nel suo piccolo e con comportamenti saggi, di renderla meno pericolosa.
Se smettiamo di fare varie cose perché rappresentano un pericolo, non avremo rinunciato a vivere, ma avremo immiserito la nostra vita, specie rinunciando a cose piacevoli e utili allo stesso tempo, come l'andare in bici. Di conseguenza avremo un po' anche rinunciato a vivere.
Ognuno di noi, se continua nonostante il pericolo a usare la bici con le dovute precauzioni come quelle indicate da Jimmy, contribuirà doppiamente a diminuire il grado di pericolosità generale: grazie al fatto che usa tutta la prudenza necessaria, e grazie al fatto che con la sua scelta c'è una carcassa di lamiera semovente di 1000 kg o oltre in meno sulle strade. :)
FILOSOFO DEI POVERI MODE OFF ;D

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline catorcio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Nov 2011
  • Post: 1015
  • attività:
    10%
  • Reputazione: +36/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 18, 2019, 01:38:57 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #46 il: Agosto 27, 2012, 09:18:46 pm »
ho letto su questo sito(non ricordo dove) un padre che si lamentava perchè l'insegnante consigliava di non andare in bicicletta perche era molto pericoloso, devo dire che dopo 4 mesi che uso la bicicletta tutti i giori la maestra aveva ragione! io in questo periodo ho rischiato una decina di volte di finire sotto un automobile,se non di finire e basta, se questo non è un mezzo pericoloso che cos'è' e non venitemi a dire che è colpa degli automobilisti, che manca l'educazione, e palle varie, perchè una volta stirato non me ne può fregare di meno.
non vorrei cominciare una discussione già affrontata in altri luoghi ma è pericoloso oggi per le strade italiane anche essere un pedone (ne vengono uccisi il doppio rispetto ai ciclisti, guarda qui: http://www.achitocca.it/ ), quindi per questo non dovremmo camminare più? ;) questo topic si preme appunto di evitare questi incidenti facendo il possibile per rendersi visibili, per scegliere strade magari che hanno una buona illuminazione e meno trafficate..
e quanti sono i pedoni rispetto ai ciclisti?.
http://www.achitocca.it/
http://www.achitocca.it/  :)
non intendevo morti ma vivi!

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2012
  • Località: Bologna
  • Post: 1887
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +102/-0

+Info

  • Last Active:Marzo 14, 2019, 01:33:00 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #47 il: Agosto 27, 2012, 09:22:59 pm »
beh, tranne casi di handicap tutti siamo pedoni, non credo facciano statistiche sull'uso delle gambe ;)

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
Lorenzo - Tern Link P9

Offline catorcio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Nov 2011
  • Post: 1015
  • attività:
    10%
  • Reputazione: +36/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 18, 2019, 01:38:57 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #48 il: Agosto 27, 2012, 10:45:26 pm »
beh, tranne casi di handicap tutti siamo pedoni, non credo facciano statistiche sull'uso delle gambe ;)
è per questo che non si possono confrontare i morti pedoni con i morti ciclisti.

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2012
  • Località: Bologna
  • Post: 1887
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +102/-0

+Info

  • Last Active:Marzo 14, 2019, 01:33:00 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #49 il: Agosto 29, 2012, 11:56:33 am »
Consiglio di leggere questo manuale del comune di reggio emilia sui consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta, l'ho trovato abbastanza chiaro e pulito: https://docs.google.com/viewer?url=http://www.municipio.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/C88E89202BC53880C125779D0050CC64/$file/Manuale_BiciSicuraI_Sicurezza.pdf

anche la FIAB ha redatto alcuni consigli utili: https://docs.google.com/viewer?url=http://segrateciclabile.org/drupy/files/BiciSicuraFIAB+Comieco+08low.pdf

Citazione
Ci sono molte cose che puoi fare sia per ridurre il rischio di incidente che per mitigare le conseguenze di un eventuale incidente. Nessuno può sostituirsi a te nel prendere tutte le necessarie precauzioni. Devi proteggere la testa con un caschetto omologato in perfette condizioni (cioè che non abbia mai subito colpi e che sia sufficientemente nuovo), bisogna proteggere gli occhi e preservare la vista con degli occhiali adatti da vista o da sole, è importante rendersi visibili con un abbigliamento colorato e dotato di parti rifrangenti. L’abbigliamento deve essere attillato per evitare che possa impigliarsi sulla stessa bicicletta o su altri veicoli o oggetti. La bicicletta deve rispettare le normative vigenti nel luogo dove viene usata. L’uso con scarsa visibilità comporta rischi maggiori, per questo è fortemente sconsigliato. In ogni caso se si usa la bicicletta in condizioni di scarsa visibilità non bastano dei semplici catarifrangenti, sono necessarie delle vere e proprie luci, sia davanti che dietro. Il caschetto deve essere rimosso quando si scende dalla bicicletta, per evitare che possa strangolarti agganciandosi o impigliandosi ad esempio su un ramo. Prudenza e intelligenza nella guida sono molto importanti per aumentare la sicurezza. Non basta obbedire alle normative locali che regolano il traffico e le biciclette, bisogna cercare di evitare gli incidenti causati dagli altri. La bicicletta infatti non offre alcuna protezione in caso di incidente, quindi poco importa se il potenziale incidente non dipende da te, devi evitarlo comunque cercando di prevedere anche le mosse più imprevedibili degli altri utenti della strada. Per prevenire attivamente gli incidenti non usare mai la bicicletta se non sei nel pieno delle tue condizioni psicofisiche. Non usare il cellulare e non ascoltare musica con gli auricolari perché ti isola dal traffico e ti impedisce di effettuare delle efficaci azioni preventive degli errori altrui.
Devi evitare, nei limiti del possibile, il traffico e le strade dove gli automobilisti guidano veloce. L’asfalto bagnato e/o sporco (terra, ghiaino,ecc...) riducono di molto l’aderenza e rendono difficili le curve e le frenate, allungando gli spazi d’arresto. L’uso della bicicletta con neve e con ghiaccio è pericolosissimo, se sono previste temperature prossime o sotto lo zero non usare la bicicletta. L’acqua rende molto meno efficaci i freni. La strada presenta tanti altri pericoli che richiedono la massima prudenza e attenzione, ci è impossibile elencarli tutti ma ne citiamo alcuni: buche, tombini, superfici irregolari e oggetti sulla carreggiata possono farvi cadere e danneggiano la bicicletta; macchie d’olio, foglie bagnate, strisce pedonali possono essere estremamente scivolose; i binari del tram sono pericolosissimi. È fondamentale guidare la bicicletta in modo prevedibile, senza "zigzagare" e segnalando con sufficiente anticipo le tue intenzioni, per esempio in caso di svolta o di sorpasso. Devi fare in modo che gli altri capiscano bene cosa intendi fare. Velocità e rischio vanno di pari passo, quindi modera particolarmente la velocità tutte le volte che ritieni sussistano condizioni meno che ottimali. La particolare posizione che si assume sulle biciclette tipo “crono” o “triathlon” rende molto più difficile il controllo della bicicletta, sia a livello di sterzo che di freni, e allunga i tempi di reazione, per cui bisogna essere particolarmente attenti e prudenti. Non togliere mai le mani dal manubrio. Porta sempre con te un documento di identità e le informazioni sul gruppo sanguigno e sulla persona da contattare, nella remota eventualità di un incidente ti potrebbero salvare la vita. Alcune parti della bicicletta possono causare delle lesioni; ad esempio gli ingranaggi sono dotati di punte acuminate, le dita possono ferirsi nella trasmissione o tra i raggi delle ruote che girano, per cui sii prudente nel muoverti attorno o sulla bicicletta. Assicurati di aver letto e capito le istruzioni d’uso relative ai vari componenti montati sulla bicicletta, perché le note che seguono sono semplici indicazioni di carattere generale.
fonte: http://www.cymichip.com/istituzionale.asp?idpag=55&idsm=15&men=7

Citazione
Bambini sul percorso casa-scuola. Sicuri e indipendenti

A norma di legge i bambini possono circolare in bicicletta sulla strada quando raggiungono l’età scolastica e se sono in grado di pedalare restando seduti. Nell’ottica della sicurezza, tuttavia, i bambini di prima e seconda elementare non dispongono ancora della coordinazione necessaria per guardare indietro, tendere il braccio e mettersi in preselezione allo stesso tempo. Verifica che la bicicletta di tuo figlio sia dotata di tutti gli equipaggiamenti previsti dalla legge. Obbligalo a portare il casco e assicurati che lo metta correttamente.
fonte: https://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:Bw0xI8j-plUJ:www.fiab-scuola.org/attachments/114_Bambini%2520sul%2520percorso%2520casa-scuola%2520UPI.pdf+prevenire+gli+incidenti+in+bici&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEESi-64b8eoCx18C4KBZELIx2916FwKqUCo6-_iwBWYAw4WZ79-IHTso2ZzY1bBnd-WN_xFfyEqu53-k1vYodOyS83NvqSOk_qo7jxVj6YyFJ0bPoOgWhExx-D0FdRkX9Bj6AAvhf&sig=AHIEtbSFl8EmnRIMas3pJ9pSYxEfK2JpUA

Citazione
LA SICUREZZA DEL TUO BAMBINO IN BICI

Gli adulti possono trasportare a bordo della bicicletta un bambino fino a 5 anni di età solamente se prende posto nell’apposito seggiolino.

Il posizionamento anteriore o posteriore del seggiolino varia in base al peso dei bambino:

anteriore: trasporto di bimbi dai 9 ai 15 kg
posteriore: trasporto di bimbi dai 9 ai 22 kg

Il seggiolino deve essere fissato sempre ad una parte rigida del telaio della bici, mai al manubrio!

La visuale e la possibilità di libera manovra del conducente non devono essere mai ostacolate!

È fondamentale utilizzare sempre il Caschetto protettivo che, in caso di caduta, previene i possibili traumi alla testa nell’85% degli incidenti.

Requisiti indispensabili di cui deve essere dotato un seggiolino per bici:
 
1) bretelle/ cinture di contenimento
2) strutture di protezione per i piedi
3) fettucce di ancoraggio peri piedi
4) schienale
5) braccioli

Purtroppo ancora oggi gli infortuni stradali rappresentano la prima causa di morte per i bambini di età compresa tra 5 e 14 anni.
La maggior parte di questi avviene a causa del mancato utilizzo di un adeguato dispositivo di ritenuta per bambini!
Viaggiare sui comuni mezzi di trasporto può rappresentare un’insidia per i nostri figli: il rapporto ACI-ISTAT del 2009 fa emergere dati allarmanti sulla Sicurezza nelle strade, soprattutto per quanto riguarda i giovani ed i minori in età evolutiva.
A causa degli incidenti stradali, in italia, nel 2008, hanno perso la vita sulle strade quasi 2 bambini ogni settimana, mentre più di 30 bambini ogni giorno hanno riportato traumi con lesioni di gravità tale da conferire spesso disabilità permanenti.
La maggior parte dei Circa 90 decessi e 12.000 feriti, che si verificano ogni anno tra i bambini sulle nostre strade, potrebbe essere evitata, adottando buone e Semplici norme comportamentali e di sicurezza.
fonte: https://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:FUyaFJsYd2IJ:www.asl4.liguria.it/ovinternet/Resource/Prevenzione/Manti/vuoibene2.pdf+prevenire+gli+incidenti+in+bici&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEEShVavHXZ2MGreN5K9EQkv7PNJ6_rAbuzCsfvzDw7RSrLmdmrOsfdrI9xul3b3aidpBlhm15HMetl73IOIw91VmpSo7EQ1S6xemv3kk-rcSKLb2B86qbQDULf3rzCshKSz-V0Uep&sig=AHIEtbQ5OwTA905IhYs-up82C_uQhcWofw

Citazione
[..] La maggior parte degli incidenti avviene contro le auto, che provocano anche, per fortuna, il minor numero di decessi. In questi casi la parte del corpo coinvolta è la testa che subisce dei traumi senza conseguenze fatali, infatti la percentuale è intorno al 6%. Le conseguenze sono soprattutto trauma cranico con un decorso ospedaliero, dopo tutte le analisi di routine, molto veloce (nella maggior parte dei casi un giorno di ricovero).
Gli incidenti che avvengono contro mezzi pesanti, facilmente immaginabile, causano il maggior numero dei decessi (circa il 21%) e il prolungamento della permanenza ospedaliera (circa 12 giorni) con un decorso più delicato. In questi casi le parti del corpo interessate riguardano il torace, l’addome, il bacino, con conseguenti emorragie interne, traumi che necessitano il ricovero in un centro specializzato, ed una tempistica di azione molto veloce.[...]
fonte: http://www.tantasalute.it/articolo/attenzione-agli-incidenti-in-bicicletta-ecco-tutti-i-pericoli/38537/


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
« Ultima modifica: Agosto 29, 2012, 12:42:28 pm by NessunConfine »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2011
  • Località: Lecco
  • Post: 4124
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +156/-0

+Info

  • Last Active:Aprile 20, 2019, 11:25:00 am
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #50 il: Agosto 29, 2012, 10:17:27 pm »
Sul fatto di non usare la bici con temperature prossime allo zero penso che a Copenhagen non sarebbero tanto d'accordo. In pratica per loro quelle temperature sono la norma per molti mesi all'anno, ma nonostante ciò vanno in bici sempre e senza farsi problemi. È anche vero che stiamo parlando praticamente di pianeti differenti, questi consigli sono tarati sulla situazione italiana... Personalmente non mi sento di smettere di andare in bici perché fa freddo o piove, anche perché sono proprio le situazioni in cui gli autobus mi fanno penare di più, con attese estenuanti (bastano due gocce e il traffico si paralizza, e il bus che dovrei prendere arriva in ritardo, per non parlare della neve). IMHO è meglio procedere con MOLTA prudenza ma comunque procedere, e lavare e lubrificare la bici un po' più spesso per togliere zozzerie varie dalla catena.
Mario

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2012
  • Località: Bologna
  • Post: 1887
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +102/-0

+Info

  • Last Active:Marzo 14, 2019, 01:33:00 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #51 il: Ottobre 29, 2012, 11:12:05 pm »
Contributi provenienti dal topic: raccolta di incidenti (per non dimenticare)

[...] il ciclista, sapendosi un utente debole nei confronti degli altri mezzi, in mancanza di strutture a lui espressamente dedicate...deve prevedere i movimenti degli altri e quindi valutare o meno se percorrere quella strada che, forse, non presentava "vie di fuga" sicure nel caso si fosse accorto del tir dietro di lui che FORSE lo investiva....non vorrei passare per cinico però...mi è moolto difficile capire come avvengo questi incidenti...è come quello che viaggia di notte con il caschetto ma senza LUCI°_° [...]

[...]
Percorro ogni giorno un tratto della provinciale Monza / Agrate, ed essendo una zona piena di aziende e concessionarie sono costantemente affiancato da tir. I suddetti tir, data la conformazione della strada, devono necessariamente sorpassarmi facendomi il contropelo. Ovviamente vedendomi si allargano di 40/50 cm sulla sinistra prima di sorpassarmi (più di tanto non possono, invaderebbero la corsia riservata al senso di marcia opposto). Io sono sempre in allerta caso mai un giorno un camionista che ha bevuto anziché allargarsi mi aggancia. Io forse, essendo sempre vigile, potrei anche accorgermene E BUTTARMI SUL FOSSATO ALLA MIA DESTRA, visto che non avrei altre alternative. Mi spezzerei un po' di ossicine, ma almeno sarei vivo. Ma invece la cosa più probabile, visto che pur essendo vigile non posso mica pedalare con la testa costantemente girata all'indietro, è che io in un caso del genere venga trascinato dal tir e sbalzato via con violenza. In tal caso solo il caso deciderebbe se devo morire o sopravvivere con molte fratture e traumi.
Davvero non saprei come altro poter fare, visto che non dispongo di superpoteri. Anzi io almeno sono un "ex giovane" che è ancora dotato di riflessi e agilità discreti, ma uno più anzianotto come fa a pedalare e contemporaneamente guardarsi attorno a 360 gradi?
In quanto al valutare se percorrere o meno una certa strada: siccome non parlo di pedalare nel centro di Milano ma in una provinciale per recarmi al lavoro nella zona industriale, purtroppo non esistono altre alternative. La strada è quella, punto. L'unica alternativa è decidere se percorrerla in bici, in auto o con mezzi pubbici (pressoché virtuali, perché anche da questo punto di vista non stiamo parlando del centro di Milano).
Scusa se mi sono dilungato con il mio esempio, ma tante volte un esempio concreto aiuta a capire molto meglio di tanti ragionamenti astratti.
[...]

sono perfettamente d'accordo che chi ci tiene alla pelle dovrebbe avere coscienza, cultura e buon senso nell'essere più prudente possibile.
bisogna conoscere però anche la realtà stradale di certe zone, purtroppo.
se la statale è l'unica strada percorribile che collega i vari paesini sparsi qua e là ed è stretta e vecchia c'è poco da ragionare. e c'è pure poco da prevedere.
poi aggiungici i dislivelli che spesso non ti fanno vedere chi arriva, l'assenza di vie di fuga  e in ultimo le velocità irresponsabili di tutti che non danno il tempo di avere alcuna reazione...
mi verrebbe da dire che in questi casi forse un concorso di colpa lo dovrebbe avere anche la provincia incapace di riprogettare delle strade pericolose.
ma pure questo è demagogico. ci sono alcune statali che ai lati hanno il vuoto e quando passano nel centro abitato hanno ai 2 lati direttamente le case, senza spazi di arresto. altro che sterpaglie, bisognerebbe abbattere le case per creare delle vie di fuga o una corsia di emergenza. o come scrivono su wikipedia ridisegnarne una completamente nuova da un'altra parte.

 :(

Caro Mario...grazie per il tuo caso concreto: ma montare uno specchietto retrovisore per evitare i giramenti? anche quelli di 360°?..aiuterebbe e di molto...io mi faccio viale fulvio testi da cima a fondo per farmi i 15km casa-lavoro-casa e lì le biciclette non potrebbero circolare (con tanto di cartello) ma lo specchietto è basilare per prevedere i catamarani alti 10 metri. [...]



Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
Lorenzo - Tern Link P9

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2012
  • Località: Bologna
  • Post: 1887
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +102/-0

+Info

  • Last Active:Marzo 14, 2019, 01:33:00 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #52 il: Dicembre 02, 2012, 02:18:05 pm »
Proveniente da Treni & bici. Lazio - Volume 2:



Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
« Ultima modifica: Gennaio 31, 2013, 11:51:55 am by NessunConfine »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2012
  • Località: Bologna
  • Post: 1887
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +102/-0

+Info

  • Last Active:Marzo 14, 2019, 01:33:00 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #53 il: Dicembre 03, 2012, 10:01:55 pm »
Alcuni contributi riguardanti video sono stati spostati nella nuova discussione:"Video vari sulla sicurezza stradale": http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=3424.0

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
« Ultima modifica: Dicembre 03, 2012, 11:39:40 pm by NessunConfine »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2012
  • Località: Bologna
  • Post: 1887
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +102/-0

+Info

  • Last Active:Marzo 14, 2019, 01:33:00 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #54 il: Dicembre 03, 2012, 11:31:14 pm »
Proveniente dal topic "13 modi per farsi vedere usando la bici": http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=3422
Formato PDF
http://www.cittainbici.it/component/docman/doc_download/118-ferrara-13.html
Una carrellata riassuntiva con articolo codice della strada e indicazioni per chi vuole farsi un'idea di come farsi vedere di notte con la bici.

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
« Ultima modifica: Dicembre 03, 2012, 11:35:44 pm by NessunConfine »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Max mC

  • assistente
  • ***
  • Data di registrazione: Set 2012
  • Località: Genova
  • Post: 179
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +2/-0

+Info

  • Last Active:Giugno 30, 2015, 09:22:14 pm
      • Brompton Italia Fans Page
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #55 il: Gennaio 25, 2013, 07:10:08 pm »
Video istruttivo UK: safer lorries safer cycling



Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
« Ultima modifica: Gennaio 25, 2013, 09:45:26 pm by occhio.nero »
Brompton M3L Jubilee & Moulton TSR2 Belt Drive Orange
La bici non è un mezzo ma una forma mentale

Offline Fero

  • Ciclista urbano (e interurbano)
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Feb 2012
  • Post: 536
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +26/-0

+Info

  • Last Active:Giugno 28, 2015, 05:42:30 pm
  • Fero
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #56 il: Gennaio 25, 2013, 10:59:59 pm »
Comunque, 'stasera tornando a casa avevo davanti un paio di vigili in bicicletta, rigorosamente senza luci  ::)



Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
Dahon MU P7 - sella Brooks Flyer - Pedali MKS FD-7 - Big Apple 20x2.00

Offline veeg

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2012
  • Post: 920
  • attività:
    30%
  • Reputazione: +96/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 17, 2019, 09:31:47 am
  • RUN!RUN!RUN!
      • 90RPM
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #57 il: Gennaio 31, 2013, 08:55:55 am »
Vi è mai capitato:

state viaggiando all'estremità destra della strada, venite sorpassati da un'automobile che subito dopo frena e svolta a destra, tagliandovi letteralmente la strada e costringendovi ad inchiodare per non entrarle nella portiera.

Sono due sere che mi succede, in centro abitato.
Fortunatamente in mezzo al traffico riesco abbastanza ad anticipare le intenzioni degli automobilisti, ma questa mancanza assoluta di rispetto è davvero seccante...  mi verrebbe voglia di lanciare la bici nell'abitacolo di questi microcefali!

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0

Offline Jimmy

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mag 2012
  • Località: Sesto San Giovanni (MI)
  • Post: 761
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +18/-0

+Info

  • Last Active:Agosto 11, 2018, 05:24:23 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #58 il: Gennaio 31, 2013, 09:19:54 am »
vegg...haiiii vooooogliaaaa...ma sai tutto questo da cosa è dovuto?...alla scarsa conoscenza o ricordo di quante quali strumentazioni è dotato il loro mezzo semimovente....uno, in particoalre: lo specchietto retrovosore laterale DESTRO.

....come quello che, incolonnato al semaforo rosso non ha nessuna freccia quindi andrà dritto....scatta il verde, inizia a muoversi in avanti, avanza e all'ULTIMO freccia gialla lampeggiante a destra e svolta...per poi magari inchiodare perchè stanno attraversando dei pedoni sulle strisce...quindi, non solo il ciclista rischia il portieraggio ma anche "l'angolaggio posteriore sinistro" in caso non preveda questa inchiodata....

pe rora è tutto...ma solo pe rora e alla prossima...inc....ata!

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
Dahon Vitesse D7 HG....Full HG!!B-)

Offline homer

  • apprendista
  • **
  • Data di registrazione: Apr 2012
  • Località: Roma
  • Post: 61
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +0/-0

+Info

  • Last Active:Febbraio 13, 2017, 08:02:11 pm
Prevenire gli incidenti (raccomandazioni)
« Risposta #59 il: Gennaio 31, 2013, 09:55:30 am »
Vi è mai capitato:

state viaggiando all'estremità destra della strada, venite sorpassati da un'automobile che subito dopo frena e svolta a destra, tagliandovi letteralmente la strada e costringendovi ad inchiodare per non entrarle nella portiera.

Sono due sere che mi succede, in centro abitato.
Fortunatamente in mezzo al traffico riesco abbastanza ad anticipare le intenzioni degli automobilisti, ma questa mancanza assoluta di rispetto è davvero seccante...  mi verrebbe voglia di lanciare la bici nell'abitacolo di questi microcefali!

Un classico. Se si tratta di strade grandi, prima di avvicinarmi all'immissione guardo a sx e mi sposto dal bordo strada fino quasi il centro carreggiata. Se vedo un microcefalo che ha intenzione di farmi lo sgambetto comincio a girare la testa ripetutamente a sx per farmi vedere che lo sto puntando.  A quel punto frenano e ti fanno passare. Alcuni invece mettono il braccio a sx per chiedere precedenza; io non lo faccio perché mi sbilancio e mi distraggo dalla guida

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1437.0
Jetstream P8