Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: pieghevole e treni regionali (pendolari e non)  (Letto 335626 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline gip

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1044
  • Reputazione: +233/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #195 il: Maggio 28, 2014, 08:09:55 am »
Il fatto che la semipilota sia chiusa e/o fredda non è una condizione normale. Evidentemente ha avuto qualche guasto che nessuno si è degnato di sistemare. Sul resto hai ragione la pieghevole non è come le altre bici. Non fraintendermi non ti sto dicendo che necessariamente la devi mettere nel vano multiuso. La puoi mettere dove ti pare purché non rappresenti un pericolo. Il regolamento è chiaro. L'unico posto dove non si può mettere è sulle bagagliere che per necessità di cose sono molto basse e poco profonde. Però l'unica volta che mi è capitato di salire su un Vivalto con l'Atala ho viaggiato venti minuti in vano multiuso con un altro passeggero dotato di bici normale e sono stato benissimo. Seduto è vero sulla panchetta di servizio, ma niente affollamento come nel resto del treno. Naturalmente parlo dell'unica volta da civile perché in fabbrica li produciamo i Vivalto e l'Atala conosce tutte le carrozze. una per una.  ;)
Solo chi pedala va avanti!

Offline mancio00

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1163
  • Reputazione: +45/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #196 il: Maggio 28, 2014, 09:59:29 am »
lasciamo perdere i guasti sulla nostra linea… comunque sia, anche io preferisco patire piuttosto il freddo, rispetto all'effetto carro bestiame che puntualmente mi capita, in 8 mesi di intermodalità non mi è mai capitato di avere la bici in mezzo alle pelotas di qualcuno se non me stesso ;D
la bagagliera poi non l'ho mai presa in considerazione, anche se legata, sarei comunque continuamente in ansia con lo sguardo in su…  ::)
MassimoBrompton S6E Orange Black

Offline Fölle

  • assistente
  • ***
  • Post: 101
  • Reputazione: +11/-0
  • B'Twin Hoptown 7 cuz'tom
R: pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #197 il: Giugno 04, 2014, 07:28:29 am »
..rispolvero la discussione x chiedere aggiornamenti sul Vivalto.
Devo per forza aspettare il treno a metà sfacchinando in testa o in coda verso il vano bici (e perdendo i miei compagni di viaggio), o c'è un posto dove posso lasciare la mia hoptown in piedi x 2 fermate senza che rovini a terra?
Io x ora la lascio sul pianale di salita (sotto l'estintore), ma le maniglie non sporgono abbastanza da appoggirci le ruote, per cui ogni tanto cade :(
Grazie a tutti in anticipo x i consigli!!
« Ultima modifica: Giugno 04, 2014, 07:36:58 am by Fölle »
"Lascia che la pace della natura entri in te, come i raggi del sole penetrano le fronde degli alberi. Lascia che i venti ti soffino dentro la loro freschezza e che i temporali ti carichino della loro energia, allora le tue preoccupazioni cadranno come foglie in autunno"
(John Muir)

Offline gip

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1044
  • Reputazione: +233/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #198 il: Giugno 04, 2014, 06:14:27 pm »
Ciao Folle. Il Vivalto  è un treno ad alta frequentazione. Gli spazi interni alle carrozze sono estremamente risicati e inadatti al trasporto di qualsiasi cosa di voluminoso, anche semplici trolley. E' stata una scelta progettuale consapevole. Se hai una bici particolarmente compatta puoi trovare forse sistemazione al piano superiore tra o sotto i divani. Nel piano inferiore vi sono due posti agli inizi del corridoio centrale dove è possibile tenere anche una bici accanto, ma bisogna trovarli liberi. Ai piani di estremità la vedo dura. E' per questo che è stato fatto il comparto multiuso sulla pilotina. Comunque non devi per forza portare la bici là. Il regolamento parla chiaro. Nel vestibolo si può lasciare tranquillamente. Non è poi colpa del Vivalto se la bici non sta in piedi. Ti consiglio di procurarti un cordino con un moschettone all'estremità per legarla. L'ho visto fare ad un ragazzo con una Bfold e mi è sembrata una buona idea. Ha impiegato dieci secondi a legarla e altrettanti per slegarla. Quando poi dico che il treno va atteso a metà vale finché non vedi dove si trova la pilotina. Si capisce quando è ancora lontano così puoi portarti in zona corretta prima ancora che sia fermo. Se poi i tuoi amici ti abbandonano... te ne troverai sicuramente altri.  :'(
Solo chi pedala va avanti!

Offline mancio00

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1163
  • Reputazione: +45/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #199 il: Giugno 04, 2014, 06:42:44 pm »
confermo, sul vivalto nel piano rialzato la brompton sta in piedi fra gli schienali dei sedili, altrimenti in uno dei due scomparti con il segno della valigia agli estremi del vagone al piano terra… sarà per la mia natura "orsaiola", ma il più delle volte la scusa della bici mi serve per passare in solitaria i 20 minuti di tragitto e leggere un bel libro, unico tempo in cui posso dedicarmici :D

altra conferma invece l'ho avuto su un modello che però non ho riconosciuto, dove però tra gli schienali anche una brompton non ci sta per via delle clips che la rendono troppo alta se tenuta in piedi, di sdraiarla non avevo voglia, sempre visto il tempo di percorrenza piuttosto ridotto (20 minuti appunto)  ::)
« Ultima modifica: Giugno 04, 2014, 06:45:02 pm by mancio00 »
MassimoBrompton S6E Orange Black

Offline Fölle

  • assistente
  • ***
  • Post: 101
  • Reputazione: +11/-0
  • B'Twin Hoptown 7 cuz'tom
R: pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #200 il: Giugno 04, 2014, 08:32:06 pm »
Ottimo
Grazie Gip e Mancio x i consigli, credo che la soluzione "cordino-moschettone" o simile possa essere buona (essendo l'area di salita sufficientemente grande..) inoltre così la potrei posizionare dalla parte opposta rispetto all'estintore (il cui sportellino non sarebbe agevole da aprire se no con la mia bici davanti) e così salvo capre e cavoli senza nuocere nessuno.
Il vivalto non ha colpa ovviamente.. i miei compagni di viaggio sono importanti anche se ognuno si fa i fatti suoi, semplicemente perché sono persone educate, pulite e coi quali si vivono bene 20 minuti di treno..non credo ci sia necessità di spiegare chi si raduna invece con abitudine in coda al treno, masse di genti non paganti, poco civili e di scarsa cura personale dove raramente si avventurano anche i controllori (un tentativo di multa a gente senza documenti infatti comporterebbe cmq il non pagamento della multa alla fine, perdita di tempo alla stazione successiva con la polizia per niente di fatto, e rimborso del 20/30% dell'abbonamento a tutti gli altri per i ritardi accumulati per questi problemi.. quindi non conveniente x l'azienda), ecco, non escludo ovviamente che questa situazione riguardi esclusivamente, magicamente, solo la mia piccola tratta di percorrenza..ma questi sono ot e semplici considerazioni sul "confort di viaggio" scusate.. :)


Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

"Lascia che la pace della natura entri in te, come i raggi del sole penetrano le fronde degli alberi. Lascia che i venti ti soffino dentro la loro freschezza e che i temporali ti carichino della loro energia, allora le tue preoccupazioni cadranno come foglie in autunno"
(John Muir)

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3294
  • Reputazione: +212/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #201 il: Giugno 16, 2014, 12:49:39 am »
Come promesso, ecco il resoconto della visita al nuovo treno regionale Coradia Jazz di Trenord, compiuta domenica 8 maggio e per la quale ringrazio la disponibilità di Trenord. Derivato dal Minuetto, è un elettrotreno articolato a cinque casse su sei carrelli, con le tre casse intermedie leggermente più lunghe di quella centrale del Minuetto, tutte con pavimento ribassato (ingresso a raso dai marciapiedi alti) nella parte centrale e più alto in corrispondenza dei carrelli e delle intercomunicazioni. Il dislivello, anzichè con uno scivolo come è d'uso oggi, è risolto con uno scalino, che per quanto ben segnalato con strisce gialle, resta pur sempre un possibile inciampo. Aria condizionata e prese elettriche per la ricarica di computer e cellulari, naturalmente.

E veniamo alle bici: i sedili retti da mensole arcuate e leggermente più bassi di quelli del FLIRT non permettono di infilarci sotto una bici piegata, ma per fortuna questo non è necessario perchè la disposizione dei sedili negli ambienti a piano ribassato lascia molti spazi dietro gli schienali che possono essere utilizzati per riporvi valigie o biciclette senza nessun problema.
Abbiamo spazi tra due schienali, che potremmo chiamare "tipo A"


oppure fra gli schienali e i sedili posti al livello più alto, che chiameremo "tipo B" e che mi sembrano anche leggermente più ampi, come si può vedere nella foto in cui la mia Vitesse sembra ballarci dentro.


La ripartizione degli spazi è abbastanza varia:
la carrozza pilota di sola seconda classe (56 posti a sedere) offre 4 spazi (2 A e 2 B);
la seconda e la quarta carrozza (52 posti) offrono 6 spazi (4 A e 2 B) ciascuna
la carrozza centrale (36 posti più 2 invalidi e ritirata) offre 3 spazi, di cui uno "tipo B", uno un po' di fortuna dietro uno dei sedili singoli adiacenti la ritirata (c'è una sporgenza - forse un condotto d'aria - che "rompe"):


e uno fra la ritirata e una coppia di sedili (spazio previsto per eventuali sedie a rotelle ripiegate):


inoltre lo spazio invalidi - se non utilizzato a questo scopo - permette di sistemare una o forse anche due bici di fronte alle due poltroncine con seduta ribaltabile:


lnfine la carrozza pilota di prima e seconda classe (24+28 posti a sedere rispettivamente) offre 4 posti (2 A e 2 B) in seconda classe e altri 4 (tutti A) in prima:


Curiosamente questo è l'unico caso di spazi per bici in un ambiente a piano rialzato.

In totale, quindi, ci sono 26 spazi (più altri 2-3 sfruttando gli spazi per invalidi se non occupati) comodamente utilizzabili per bici da 20" a piega centrale; come si vede nelle foto, la mia Vitesse entra sempre con ampio margine, tanto che mi azzarderei a dire che dovrebbe entrarci senza troppa difficoltà anche una Tilt, quanto meno negli spazi "tipo B".

Considerando il numero di bici trasportabili in totale e la comodità di stivaggio (niente bici coricate sul pavimento) oserei dire che il nuovo Coradia è il treno regionale più "folding bike-friendly" che ho visto finora e poichè il programma annunciato prevede la messa in servizio a partire da settembre sulla relazione Milano-Tirano (con relativi salti di gioia di Hopton), credo che abbiamo un'ottima scusa per cominciare a programmare qualche gita in Valtellina...

Coradia, ciclabili e pizzoccheri, arriviamo!

Vittorio
« Ultima modifica: Giugno 16, 2014, 03:29:09 pm by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline gip

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1044
  • Reputazione: +233/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #202 il: Giugno 16, 2014, 12:34:49 pm »
Ciao Vittorio. Ma sul Jazz non esiste uno specifico spazio per le biciclette standard come sul Minuetto?
Solo chi pedala va avanti!

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3294
  • Reputazione: +212/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #203 il: Giugno 16, 2014, 03:21:05 pm »
In questo allestimento per Trenord non ne ho visti (se riesco, più avanti pubblico un figurino schematico ma devo ancora realizzarlo sulla base degli appunti presi in loco).
Non so se gli allestimenti per le altre regioni differiscano e in che cosa, ma è possibilissimo: tempo fa avevo visto dei figurini della disposizione interna che mostravano sedili quasi tutti a correre e spazi per posti in piedi (allestimento "metropolitano") o bagagli (allestimento "metropolitano") ricavati semplicemente eliminando alcuni posti a sedere accanto a una delle porte, quindi potenzialmente utilizzabili anche come spazi per bici convenzionali.

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4135
  • Reputazione: +158/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #204 il: Giugno 20, 2014, 09:46:37 pm »
Vittorio leggo solo ora in quanto ero all'estero per lavoro, e ti ringrazio per il tuo test! :) Come hai giustamente notato mi riguarda in prima persona dato che "pendolo" sulla linea Milano - Tirano, su treni che oramai sono scalcagnatissimi. :) La realtà quotidiana finora è stata quella di vecchi arnesi nei quali tante volte già operazioni banali come il poter aprire completamente le porte per scendere diventa un'impresa: a volte non si aprono, e bisogna correre – con la bici in mano e per corridoi angusti – per trovare una porta che si apre, oppure la porta prima "fa la finta" e si apre ma poi, mentre si sta scendendo, si richiude improvvisamente sui fianchi del malcapitato pieghevolista, o sulla sua pieghevole (ed entrambe le cose fanno male...). Per non parlare di finestrini che non si aprono e aria condizionata che non funziona mai (la settimana scorsa avevamo 38 gradi, all'interno del treno si superavano tranquillamente i 40), etc etc. Insomma ben vengano gli spazi per riporre le pieghevoli, ma soprattutto ben vengano dei treni che non sono tenuti insieme con lo spago, era ora. :)
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3294
  • Reputazione: +212/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #205 il: Giugno 21, 2014, 02:38:44 am »
OT: la chiave di tutto sono due lettere: M ed E. Manutenzione ed Educazione, senza le quali anche l'Orient Express diventa rapidamente un cesso.
Per la manutenzione da parte dell'esercente ci vogliono i soldini, l'educazione dei passeggeri si ottiene anche con qualche salutare legnata sulle orecchie.

(- Forse è vero che abbiamo trascurato nostro figlio.
 - Che sciocchezze! Ho sempre trovato il tempo per bastonarlo. Gli ho insegnato la Bibbia a bastonate!

Woody Allen, Prendi i soldi e scappa, 1969)

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3294
  • Reputazione: +212/-0
Re:pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #206 il: Giugno 25, 2014, 08:26:03 pm »
Siccome ogni promessa è debito, ecco le piantine schematiche (vogliate perdonare la qualità canina: è già tanto se riesco a usare Paint...) dell'allestimento interno dei nuovi Coradia Jazz per Trenord:

          Trenord                  Trenitalia
 

 

Specifico di Trenord, perché gli altri Jazz, quelli di Trenitalia, riconoscibili per la colorazione blu e argento, che stanno entrando in servizio per ora in Marche, Umbria e Piemonte, hanno un allestimento "alta densità - zero bici": in pratica, in ogni ambiente di ogni carrozza c'è una fila di sedili in più rispetto ai Trenord, e sono quasi tutti disposti a correre (tipo autobus o aereo), quindi non rimane un centimetro libero. Ci sono 40 posti in più, è vero (288 contro i 248 di Trenord), ma sono sicuramente meno comodi...
Qualche pagina fa Gip parlava del modulo (la distanza fra i sedili), che nei treni regionali tedeschi di ultima generazione si avvicina ai due metri (si sa, o tedeschi sono alti...): sul Coradia Trenord ho potuto misurare solo lo spazio libero fra le sedute di due posti affacciati, rilevando 50 cm negli ambienti a pavimento alto e 60 in quelli a pavimento basso, mentre per i posti a correre la distanza fra il bordo della seduta e lo schienale davanti era di 26 o 31 cm secondo i casi. Nell'allestimento standard per Trenitalia temo che siano tutti da 26...

Vittorio


P.S. non prendeteci l'abitudine: non è che adesso mi metto a disegnare treni a tutt'andare per farvi vedere dove mettere le bici; dovrete ingegnarvi un po' anche voi ;) ;) ;)


Edit: poi alla fine non ho resistito e ho ricavato anche le piantine dell'allestimento standard di Trenitalia; per facilitare il confronto le ho inserite a fianco di quelle Trenord: credo che non servano commenti





« Ultima modifica: Giugno 27, 2014, 05:59:15 pm by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline mancio00

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1163
  • Reputazione: +45/-0
pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #207 il: Giugno 26, 2014, 07:01:27 am »
Grande Vittorio!


Massimo
MassimoBrompton S6E Orange Black

Offline dandy79

  • iniziato
  • *
  • Post: 21
  • Reputazione: +2/-0
pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #208 il: Giugno 26, 2014, 10:00:23 am »
Io e la mia Dahon Vybe sul treno regionale Colleferro-Roma Termini..stavolta mi sono proprio seduto visto che lo scompartimento per le bici non c'era!

Offline dandy79

  • iniziato
  • *
  • Post: 21
  • Reputazione: +2/-0
pieghevole e treni regionali (pendolari e non)
« Risposta #209 il: Giugno 26, 2014, 10:02:35 am »
Questa invece è sul trenino Roma Laziali- Giardinetti..

Tags: trasferimenti