Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

informativa sulla privacy

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie (qui altre info).

Autore Topic: a lavoro in bici: estensione tutela INAIL  (Letto 6001 volte)

presenze attuali: 0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • location: Santena
  • Post: 4438
  • Reputazione: +216/-1
  • Solvitur ambulando (pedalando)
  • registrato dal 12/07/2011
    YearsYearsYearsYearsYearsYears
    • Bikes & Co on Pinterest
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« il: Giugno 12, 2012, 11:00:56 pm »
--- ADMIN ON

segnalo:

assicurazione (contro infortuni, furti, ...)
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=2120

Biciclette: targa e assicurazione obbligatorie?
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=2935

l'elenco delle discussioni legate alla salute, recuperabile cliccando sul tag "salute" in fondo a questa pagina

--- ADMIN OFF



26.12.15: BREAKING NEWS
finalmente qualche giorno fa è stato riconosciuto l'infortunio in-itinere per chi va in bici
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1662.msg82851#msg82851







Riporto qui dalla pagina Facebook del forum... mi sembra doveroso fare in modo che si metta una pezza ad una vaccata come questa.
Per chi non lo sapesse:
Citazione
Il Decreto Legislativo 23 febbraio 2000, n. 38 che disciplina gli infortuni sul lavoro, nei casi di infortunio in itinere (art. 12), copre il dipendente solo se il tragitto casa-lavoro è percorso a piedi o con i mezzi pubblici. Il Decreto non riconosce, invece, l’infortunio avvenuto con mezzi privati, vale a dire in macchina, in moto o in bici salvo che il lavoratore dimostri che “l’uso è stato necessitato” (es. assenza o insufficienza dei mezzi pubblici di trasporto, non percorribilità del tragitto a piedi). In particolare, poi, l’Inail con una recente circolare sugli infortuni in itinere, occorsi utilizzando la bicicletta privata o quella dei servizi di bike-sharing, ha chiarito che al lavoratore viene riconosciuta la tutela solo se l’infortunio avviene su pista ciclabile o zona interdetta al traffico.
Credo che chiunque si muova in bici per andare al lavoro abbia interesse a far si che questo cambi.

LINK ALLA RACCOLTA FIRME

Un grazie a Stefano Ics Rosolia per avere condiviso il link (chi sei degli utenti del forum?)
« Ultima modifica: Dicembre 26, 2015, 06:43:06 pm by occhio.nero »

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • location: Bologna
  • Post: 1947
  • Reputazione: +101/-0
  • registrato dal 03/04/2012
    YearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #1 il: Giugno 13, 2012, 12:24:57 am »
il link per firmare?
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • location: Santena
  • Post: 4438
  • Reputazione: +216/-1
  • Solvitur ambulando (pedalando)
  • registrato dal 12/07/2011
    YearsYearsYearsYearsYearsYears
    • Bikes & Co on Pinterest
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #2 il: Giugno 13, 2012, 08:18:06 am »
Oops!  :-[ link inserito, grazie per avermelo fatto notare

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • location: Lecco
  • Post: 4036
  • Reputazione: +154/-0
  • registrato dal 29/10/2011
    YearsYearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #3 il: Giugno 13, 2012, 10:38:28 pm »
Riporto il testo della lettera aperta di Guglielmo Minervini, assessore alla mobilità alla regione Puglia, già linkata da Sbrindola:

Tutela per chi va al lavoro in bici

LETTERA APERTA AL MINISTRO ELSA FORNERO
Egregio Ministro,
chi va al lavoro in bicicletta in Italia non è tutelato in caso di infortunio in itinere tra casa e ufficio. Anzi la normativa sugli infortuni in itinere penalizza, se non discrimina, chi usa la bicicletta per andare al lavoro.
Il Decreto Legislativo 23 febbraio 2000, n. 38 che disciplina gli infortuni sul lavoro, nei casi di infortunio in itinere (art. 12), copre il dipendente solo se il tragitto casa-lavoro è percorso a piedi o con i mezzi pubblici. Il Decreto non riconosce, invece, l’infortunio avvenuto con mezzi privati, vale a dire in macchina, in moto o in bici salvo che il lavoratore dimostri che “l’uso è stato necessitato” (es. assenza o insufficienza dei mezzi pubblici di trasporto, non percorribilità del tragitto a piedi). In particolare, poi, l’Inail con una recente circolare sugli infortuni in itinere, occorsi utilizzando la bicicletta privata o quella dei servizi di bike-sharing, ha chiarito che al lavoratore viene riconosciuta la tutela solo se l’infortunio avviene su pista ciclabile o zona interdetta al traffico.
Le nostre città, nonostante gli sforzi fatti negli ultimi anni dalle pubbliche amministrazioni, per la creazione di piste ciclabili non sono ancora a misura di ciclista. Molto deve ancora essere fatto e in un periodo di ristrettezza di risorse non è facile. Nonostante questo il bike-sharing, da Bari a Milano, è esploso nelle grandi città ed è utilizzato soprattutto da lavoratori per gli spostamenti verso i luoghi di lavoro privi di piste ciclabili. Com’è possibile negare ancora la tutela a chi meritoriamente sceglie di andare al lavoro in bicicletta?
Il Presidente del Consiglio Mario Monti ha pubblicamente invitato il movimento #Salvaiciclisti, al cui manifesto la Regione Puglia ha aderito, a proseguire il proprio impegno “per attirare l’attenzione su quanto si può fare a tutti i livelli per migliorare le condizioni di mobilità di chi usa la bicicletta per muoversi in città”. La tutela in caso di infortunio in itinere è un tema che come Governo è possibile concretamente aggredire, come già sollecitato qualche anno fa dalla stessa FIAB.
Le richiediamo un intervento legislativo che modifichi la tutela INAIL estendendola, senza condizioni, al lavoratore che usa la bicicletta per raggiungere il luogo di lavoro o che quanto meno l’ente previdenziale intervenga con un’interpretazione estensiva della tutela fornita dall’articolo 12.

Con viva fiducia


Guglielmo Minervini
« Ultima modifica: Giugno 13, 2012, 10:46:32 pm by Hopton »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline alesblues

  • maestro
  • ****
  • location:
  • Post: 492
  • Reputazione: +66/-0
  • registrato dal 06/09/2011
    YearsYearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #4 il: Giugno 13, 2012, 11:40:20 pm »
Ovviamente...firmato!  :)
Brompton M3L black

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • location: Bologna
  • Post: 1947
  • Reputazione: +101/-0
  • registrato dal 03/04/2012
    YearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #5 il: Giugno 14, 2012, 01:25:53 am »
Oops!  :-[ link inserito, grazie per avermelo fatto notare
figurati  :), firmato!
Lorenzo - Tern Link P9

Offline beaturbano

  • pedalando s'impara
  • gran visir
  • *****
  • location: Torino
  • Post: 1645
  • Reputazione: +93/-1
  • broonpton S3L grezza
  • registrato dal 12/07/2011
    YearsYearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #6 il: Giugno 20, 2012, 09:07:31 am »
Dopo la lettera inviata dall’assessore alla mobilità della Regione Puglia al Ministro Fornero, arriva l’adesione alla campagna Salvaiciclisti della Regione Lombardia.
Leggi la lettera del 12 giugno inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, dall’assessore Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo e dal Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni.

http://www.bici-initinere.info/?p=894
citizen cyclist [utente leggero della strada]
non possiamo pretendere di risolvere i problemi pensando allo stesso modo di quando li abbiamo creati - albert einstein ||| è una questione di qualità - cccp

Offline alek78

  • gran visir
  • *****
  • location: Delft, NL
  • Post: 864
  • Reputazione: +61/-2
  • registrato dal 05/01/2012
    YearsYearsYearsYearsYears
Parcheggium trovatus ! Dahon Classic I and others
e ora un consiglio commerciale: OCCHIO ALLE BORSE KLICKFIX !!! http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=524.msg21158#msg21158

Offline eliseo

  • iniziato
  • *
  • location: Jesi
  • Post: 17
  • Reputazione: +0/-0
  • registrato dal 02/09/2012
    YearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #8 il: Ottobre 02, 2012, 09:46:52 pm »
Sottoscrivo!
Brompton M3L - 12%, Marathon 2012, Sella Brooks B17 Special, pedali MKS FD7, leve freno Shimano XT

Offline LucaMor

  • Casco sempre allacciato, luci accese anche di giorno e campanello pronto!! Bep Bep!
  • iniziato
  • *
  • location: Brianza
  • Post: 12
  • Reputazione: +3/-0
  • registrato dal 24/09/2012
    YearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #9 il: Ottobre 25, 2012, 12:10:52 pm »
Sottoscrivo! Io uso la bici per casa/treno/lavoro e mi sembra pazzesco che venga escluso un mezzo di trasporto da una forma assicurativa obbligatoria!!! Io sto facendo una polizza infortuni extraprofessionale che al costo di 200€ anno copre tutti i rischi e un rimborso spese sanitarie. State attenti alla franchigia che certe compagnie applicano.

Pedalate serene, pedalate sereni!!!

 

Offline NessunConfine

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • location: Bologna
  • Post: 1947
  • Reputazione: +101/-0
  • registrato dal 03/04/2012
    YearsYearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #10 il: Ottobre 25, 2012, 12:34:36 pm »
mi raccomando condividiamo il più possibile questa petizione anche fra i familiari, amici, etc..  ;)
Lorenzo - Tern Link P9

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • location: Roma
  • Post: 8889
  • Reputazione: +154/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
  • registrato dal 07/07/2011
    YearsYearsYearsYearsYearsYears
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #11 il: Agosto 25, 2013, 07:33:35 pm »
riporto da una conversazione su Facebook, riguardante l'incidente occorso ad un mio amico.

"Ai sensi e per gli effetti delle disposizioni di cui D.P.R. 30 giugno 1965, n 1124 e successive modifiche,si comunica che: Non spetta alcuna indennità in quanto l'infortunio non risulta avvenuto per rischio lavorativo . bensì per il verificarsi di rischio generico incombente su tutti i cittadini e comune ad altre situazioni del vivere quotidiano. contro il provvedimento può essere avanzata opposizione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento. l'evento si è verificato su strada aperta al veicoli a motore, senza tratti di pista ciclabile. il responsabile del provvedimento C.R.M."

Di seguito una selezione dei  commenti:

"Deve essere avvenuto entro un'ora sia in entrata che in uscita lavorativa sul percorso casa lavoro e viceversa."

"Credo che la fiab abbia un ufficio di assistenza legale proprio per casi come il tuo."

"questo è un documento ufficiale inail , vedi se ci sono i termini per fare ricorso, in termini di vantaggio di tempo, spazio da percorrere a piedi e quant'altro. Siccome il documento è ufficiale e non menziona le bici, il mezzo privato "bici" è equiparato all'auto o alla moto e le ciclabili non c'entrano una beneamata mazza. Tu inoltre non possiedi auto, quindi dovrebbe esserci un ulteriore fattore di vantaggio."
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline yt

  • gran visir
  • *****
  • location: Roma
  • Post: 500
  • Reputazione: +52/-0
  • registrato dal 04/03/2013
    YearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #12 il: Marzo 06, 2014, 10:17:07 am »
...il mezzo privato "bici" è equiparato all'auto o alla moto e le ciclabili non c'entrano una beneamata mazza...
http://www.lastampa.it/2012/01/27/italia/i-tuoi-diritti/lavoro/infortunio-in-bicicletta-sulle-piste-ciclabili-viene-pagato-ma-in-strada-94xs9842yJWYmzhazWLuuJ/pagina.html
L'Inail afferma - attraverso una nota protocollo n. 8476/11 - che, l'infortunio occorso utilizzando la bicicletta, rientra tra le ipotesi di infortuni in itinere mediante utilizzo di un mezzo privato di trasporto. Infatti, precisa che si ha diritto all'indennizzo se l'infortunio avviene in un tratto di strada protetto, ossia nelle piste ciclabili o zone interdette al traffico.

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • location: Roma
  • Post: 8889
  • Reputazione: +154/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
  • registrato dal 07/07/2011
    YearsYearsYearsYearsYearsYears
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #13 il: Marzo 07, 2014, 07:57:57 pm »
Non so se ho capito bene.....
sembrerebbe che il risarcimento sia valido solo se ho un incidente lungo una ciclabile

:/

Ma, se fosse, quanti incidenti gravi avvengono lungo una ciclabile? :/
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline mancio00

  • gran visir
  • *****
  • location: avigliana
  • Post: 1158
  • Reputazione: +45/-0
  • registrato dal 31/07/2013
    YearsYearsYearsYears
a lavoro in bici: estensione tutela INAIL
« Risposta #14 il: Marzo 08, 2014, 11:42:56 am »
Secondo me sono quelle strategie decisamente all'italiana, tutelano sapendo che i km di vere ciclabili sono minori di quelli percorsi abitualmente, così da avere la quasi certezza di non darti un soldo... Sembra quasi il discorso che mi facevano in caserma, se devi sparare ad una persona, fallo ma fa che il corpo cada dalla parte giusta -_- quindi se cadiamo e non siamo su una ciclabile, è consigliabile strisciare fino al raggiungimento di questa...
MassimoBrompton S6E Orange Black