Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)  (Letto 49233 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
ETCC1

segnalo:

pieghevoli del futuro
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=6028

orientamento e fitness
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?board=105.0

progetti e i prototipi
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?action=forum#c16

bicicletta volante
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=5334

--------------------------




Citazione
A San Paolo in Brasile c’è una fabbrica che sforna 50 biciclette al giorno; dall’inizio del progetto Escolas de Bicicleta lo scorso marzo a oggi sono state prodotte e consegnate 1500 biciclette alle scuole di San Paolo in Brasile e si arriverà alla cifra record di oltre 4680. La particolarità di queste biciclette distribuite gratis ai ragazzini che vanno a scuola è che hanno il telaio in bamboo. Il progetto infatti coinvolge i 46 Centros de Educação Unificados ossia gli istituti scolastici della città che accolgono scolari dagli 0 ai 14 anni.

Secondo Daniel Guth il coordinatore del progetto la scelta di avere biciclette con un telaio in bamboo non penalizza la qualità del mezzo. Anzi:

 La nostra idea non è solo dare autonomia di movimento ai ragazzi che vanno a scuola ma anche educare i bambini sui concetti quali la sostenibilità e l’ambientalismo. Il Bamboo ha un impatto ambientale, ossia consuma nell’insieme molta meno energia, rispetto all’alluminio ed è prodotto in zona a Bragança Paulista, il che riduce i costi di trasporto e ci restituisce un’impronta di carbonio piccola piccola.

Il telaio in bamboo prima di entrare in produzione è stato sottoposto a stress test richiesti dal Comune di San Paolo che finanzia in parte il progetto e li ha superati tutti. Spiega Flavio Deslandes il designer delle biciclette:

 La pressione a cui devono essere sottoposti i telai in bamboo prima che comincino a cedere è pari a 1,6 tonnellate mentre è stato calcolato che queste biciclette hanno una durata di 20 anni.




Fonte - altre foto: http://www.ecoblog.it/post/22279/biciclette-in-bamboo-gratis-per-gli-scolari-di-san-paolo-del-brasile
Indirizzo Progetto: http://www.escoladebicicleta.com.br/

La prossima pieghevole la voglio in bamboo  ::)
« Ultima modifica: Giugno 30, 2017, 01:14:09 pm by occhio.nero »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #1 il: Luglio 21, 2012, 03:13:53 pm »
Anche io. :) Immagino che debba essere molto leggero tra l'altro. Del resto in Cina usano il bambù per le impalcature per costruire i grattacieli, a riprova di quanto sia robusto.
Mario
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #2 il: Luglio 25, 2012, 07:32:48 am »
Mrs Hopton mi ha trovato questo sito che spiega come si costruiscono:
http://www.instructables.com/id/How-to-Build-a-Bamboo-Bicycle/step4/Tack-frame-togther/
Chi si cimenta? :)
Mario
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #3 il: Settembre 01, 2012, 01:31:22 am »
Tempo addietro avevo postato un articolo di un progetto interessante riguardo alla fabbricazione di bici in bamboo nel continente sudamericano: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1866.0 , oggi invece si parla del continente africano, precisamente in Ghana:



Citazione
Secondo quanto dice ad Inter press service (Ips) Bernice Dapaah, direttrice esecutiva della Bamboo Bikes Initiative, «la produzione di telai di bicicletta in bambù potrebbe essere la chiave per lo sviluppo sostenibile in Ghana, un paese con una crescente congestione veicolare».

La Bamboo Bikes Initiative punta a costruire, riparare e commercializzare telai di biciclette fatti con canne di bambù e la Dapaah spiega: «Stiamo formando donne, bambini e giovani e il progetto riduce le emissioni di carbonio e contribuisce a decongestionare il traffico, il che serve anche a combattere il cambiamento climatico».

L'iniziativa ha avuto numerosi riconoscimenti internazionali: nel 2009 ha vionto il Clinton Global Initiative Award, e nel 2010 il premio United Nations Environment Programme Seed Initiative, a giugno, all'Earth Summit  2012 di Rio de Janeiro, ha ricevuto il World Business and Development Award.

Ma la vera svolta è quella economica: Bamboo Bikes ha avuto l'appoggio di Ibrahim Djan Nyampong, proprietario  di Africa Items di Accra, e i telai vengono venduti all'estero a 350 dollari l'uno.  Fabbricare i telai costa circa 200 dollari e Nyampong, che è anche consulente tecnico dell'iniziativa, paga i giovani apprendisti 30 dollari a telaio, una bella somma per il Ghana. 

Secondo Nyampong le bici di bambù non hanno niente da invidiare a quelle in metallo o in fibra di carbonio: «Durano più dei telai di metallo. Una bicicletta di bambù non si rompe, è molto duratura. Un test di prova in Germania ha dimostrato che i telai di bambù possono essere 10 volte più leggeri di quelli di metallo  e che hanno una maggiore resistenza al peso.  Il bambù è fibroso e, pertanto, resistente ai colpi. Ammortizza naturalmente le vibrazioni, quindi i telaio non necessitano di ammortizzatori in acciaio o titanio. Il bambù viene anche trattato contro le screpolature e le termiti, per cui è molto forte».

Infatti le canne di bambù vengono sottoposte ad un trattamento che varia da 3 a 6 mesi prima di essere utilizzabile per produrre telai, dopo viene ricoperto da una laccatura che lo protegge dalla pioggia e da altri danneggiamenti. Insomma, un prodotto di qualità che ha sollevato l'interesse del mercato internazionale e l'impresa austriaca BambooRide ha cominciato ad importare i telai di bambù africani per venderli in Europa.
Attualmente l'impresa austriaca importa dal Ghana più di 10 telai al mese e Matthias Schmidt, responsabile vendite di BambooRide, dice che sta lavorando per espandere l'iniziativa: «Cominciamo a collaborare nella produzione di telai perché sono buoni, però devono rispettare alcuni standard europei. E' come una società, un trasferimento di conoscenze in entrambe le direzioni. La loro capacità è limitata... e nel caso avessimo necessità di più telai sarebbero necessarie altre fonti. Intanto, stiamo appoggiando gli sforzi di Dapaah per migliorare attrezzature e tecnologia».

Oltre a formare giovani e donne, la Bamboo Bikes Initiativecolabora a diminuire la disoccupazione e quindi la povertà. «Fino ad ora abbiamo formato 10 giovani - dice Nyampong - Sono in grado di fabbricare biciclette, però non tutti allo stesso livello,  quindi li seguiamo nella formazione».

L'obiettivo è quello ce questi ragazzi e ragazze mettano su imprese artigiane e che trasmettano ad altri quello che hanno imparato.

L'impiego di bambù al posto del metallo per fabbricare telai ha diversi vantaggi ambientali, secondo Dapaah, «La disponibilità del bambù come materiale locale non solo permette ai produttori di evitare alti costi di importazione  ma anche le emissioni di CO2 prodotte dal trasporto dei beni importati. Inoltre, il bambù è organico, riciclabile e, a differenza del metallo, non richiede alti livelli di energia durante l'estrazione e la fabbricazione. Le biciclette di bambù rispettano l'ambiente e servono anche per lottare contro il cambiamento climatico. Inoltre, l'iniziativa si impegna per la sostenibilità ambientale, lavorando con i produttori di bambù nelle comunità rurali, creando nuove coltivazioni e preservando quelle già esistenti.  Se tagliamo un bambù, ci assicuriamo di piantarne almeno più di 3 o 5».

Ma in Ghana le bici di bambù rappresentano anche un'alternativa di mobilità privata in un Paese sempre più dipendente da veicoli inquinanti a benzina, diesel e dalle strane e velenose "miscele" economiche che si usano in Africa. Certo, siamo lontanissimi dai numeri europei e statunitensi: in Ghana ci sono 30 veicoli a motore ogni 1.000 persone, ma le nuove sono centinaia ogni giorno e la crescita di auto e moto private sembra destinata a crescere insieme al Pil del Paese che nel 2011 ha segnato il record di 402,3 dollari per abitante, il più alto dell'Africa occidentale. Nelle città si registra un crescente inquinamento da  biossido di carbonio e particolato  e Isaac Osei,, direttore regionale dell'Agenzia di protezione ambientale del Ghana, conferma all'Ips che «Il traffico nel Paese sta crescendo e questo va associato alle tematiche ambientali. Credo che educare la gente perché usi le biciclette invece dei veicoli sia una cosa buona per il Paese e per il mondo intero».

fonte: http://www.greenreport.it/_new/index.php?lang=it&page=default&id=17573
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #4 il: Settembre 01, 2012, 08:44:15 am »
Davvero interessante, come del resto quest'altra iniziativa a San Paolo del Brasile, già segnalata da NessunConfine:
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1866

Per chi volesse cimentarsi a costruirle in proprio: :)
http://www.instructables.com/id/How-to-Build-a-Bamboo-Bicycle/?ALLSTEPS

Mario
« Ultima modifica: Settembre 01, 2012, 08:48:22 am by Hopton »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #5 il: Settembre 03, 2012, 09:00:08 pm »
Aggiornamento sul progetto: http://www.copenhagenize.com/2012/08/escolas-de-bicicletas-bicycle-schools.html
A quanto pare sta procedendo a pieno ritmo verso il traguardo della costruzione di 4.600 biciclette, 100 ciascuna per 46 scuole. Inoltre la cosa sta suscitando la curiosità di altre città brasiliane, che desiderano emulare il progetto...
Non so a voi, ma a me questo progetto stuzzica molto, ho come l'impressione che sia il futuro. L'acciaio e l'alluminio costano, sono richiesti in vari settori industriali, in primis quello dell'auto. Il bambù cresce in natura e si smaltisce senza problemi, e per ogni pianta che tagliano per questo progetto ne ripiantano altre 4/5. Immaginate se si potessero costruire pieghevoli in bambù, sarebbero leggerissime.  8)
Ricordo un analogo progetto in Ghana, sempre segnalato da NessunConfine: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=2187.msg18822#msg18822
Chissà se qualche grosso costruttore come Dahon o Brompton sta considerando in segreto quest'opzione...
Mario

"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline Ragadorn

  • assistente
  • ***
  • Post: 154
  • Reputazione: +0/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #6 il: Settembre 28, 2012, 03:15:23 pm »
belle le bici in bambù, sicuramente fa bene al mondo un nuovo modo di pensare il trasporto come questo :)

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #7 il: Settembre 28, 2012, 11:27:16 pm »
Non avevo letto l'aggiornamento, non può rendermi felice sapere che queste iniziative non si perdono nel nulla ma continuano. Hopton ha colto un particolare interessante, ovvero il materiale usato dalle nostre biciclette e le prospettive future. L'alluminio che sembra essere il materiale più utilizzato è esoso di risorse per la sua produzione quindi materiali con meno impatto sull'ambiente non possono che essere i benvenuti, non dimenticando l'aspetto di tenuta e sicurezza del mezzo.
Lorenzo - Tern Link P9

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #8 il: Ottobre 17, 2012, 10:21:34 am »


Il materiale alternativo alla base della Onyx Hemp Bike è la canapa. Il telaio pronto è a tutti gli effetti il risultato della combinazione di canapa (60%), bambù (15%) e polistirolo con l’integrazione di alluminio e carbonio. Ritenuta da Nicolas Meyer, il suo ideatore, più resistente di bambù e fibre di carbonio, il corpo della bici è realizzato imbevendo la canapa in una speciale resina epossidica che viene poi arrotolata intorno ad un nucleo di polistirolo.


Composito Onyx: http://www.onyx-composites.de/

fonte: http://www.greenstyle.it/le-migliori-biciclette-fatte-di-materiali-alternativi-12342.html

Se pensiamo che l'italia nei primi del novecento fino più o meno agli anni sessanta era il secondo produttore di canapa al mondo...
« Ultima modifica: Ottobre 17, 2012, 10:24:44 am by NessunConfine »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline beaturbano

  • pedalando s'impara
  • gran visir
  • *****
  • Post: 1640
  • Reputazione: +93/-1
  • broonpton S3L grezza
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #9 il: Ottobre 17, 2012, 11:34:33 am »
Se pensiamo che l'italia nei primi del novecento fino più o meno agli anni sessanta era il secondo produttore di canapa al mondo...

è fallito un intero comparto quando hanno deciso che fosse vietata la coltivazione e lavorazione di un materiale naturale e innovativo come la canapa.
in quell'occasione non si sono preoccupati dei posti di lavoro, né hanno percepito le potenzialità di questo materiale, lasciando prevalere istinti dettati dall'ignoranza e dal bigottismo.
lasciamo perdere va...
citizen cyclist [utente leggero della strada]
non possiamo pretendere di risolvere i problemi pensando allo stesso modo di quando li abbiamo creati - albert einstein ||| è una questione di qualità - cccp

Offline sim1

  • gran visir
  • *****
  • Post: 950
  • Reputazione: +56/-4
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #10 il: Ottobre 17, 2012, 01:17:12 pm »
Tutto ciò è successo perché i petrolieri si son messi d'accordo obbligando il congresso americano a dire che la canapa non dovesse venir più coltivate per il bene della società
; perchè era una droga.

Saluti.
Dott. Ing. Simone Lomuoio Tern Link D8 ND w/o
CO2 NON emessa a settimana: 9.36 kg - Carburante RISPARMIATO a settimana: 4.99 litri

Offline Fero

  • Ciclista urbano (e interurbano)
  • gran visir
  • *****
  • Post: 536
  • Reputazione: +26/-0
  • Fero
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #11 il: Ottobre 17, 2012, 01:34:14 pm »
I piemontesi sapranno meglio di me perchè il Canavese si chiama così :)
http://it.wikipedia.org/wiki/Canavese

In alcuni stemmi della zona c'è ancora la pianta di canapa.

Qui sotto quello di Barone Canavese...


http://www.comuni-italiani.it/001/023/stemma.html

Bom Alek :)
Dahon MU P7 - sella Brooks Flyer - Pedali MKS FD-7 - Big Apple 20x2.00

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #12 il: Ottobre 20, 2012, 03:59:31 pm »
Qui sul forum avevamo già parlato di biciclette realizzate in materiali come il bamboo ( [1] [2] [3] ) ma si è sempre trattato di progetti d'oltreoceano e poco vicini alle nostre realtà italiane, ma vorrei smentire questo luogo comune, come possiamo notare c'è qualcuno, qui in italia e precisamente a Magreglio (CO), che del legno applicato alle biciclette ne ha fatto una professione, qualcuno che affronta l'attuale crisi in questo modo:

MAGREGLIO Portare le bici in legno del Ghisallo alla fiera di Colonia, aumentare i distributori, raddoppiare i pezzi prodotti.
A Magreglio, la Cerchi in legno Ghisallo, azienda rilevata nel '46 dal padre di Giovanni Cermenati, 79 anni, ha gli anticorpi anti-crisi. Infatti, insieme al figlio Antonio, 48 anni, che si occupa anche dell'autofficina, produce 103 pezzi per bici all'anno: parafanghi, manubri, pedali, portapacchi, oltre ai famosi cerchi in legno e ad almeno cinque bici che, quasi tutte in legno di faggio di Slavonia stagionato, prendono ogni anno le destinazioni più disparate. Azienda speciale, ha capito che bisogna investire e innovare, sebbene non abbia concorrenza.



alcune foto:










fonte: http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Economia/322385_la_bicicletta_in_legno_vince_sullhi_tech/
Sito azienda: http://www.cerchiinlegnoghisallo.com/
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #13 il: Ottobre 20, 2012, 06:44:07 pm »
Interessante, grazie della dritta, è proprio dalle mie parti, se capita vado a trovarlo (ammesso che sia aperto di sabato).  :)
Mario
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline beaturbano

  • pedalando s'impara
  • gran visir
  • *****
  • Post: 1640
  • Reputazione: +93/-1
  • broonpton S3L grezza
L'evoluzione della bici (recuperate, legno, bamboo, alluminio riciclato, ...)
« Risposta #14 il: Ottobre 22, 2012, 12:56:40 pm »
Interessante, grazie della dritta, è proprio dalle mie parti, se capita vado a trovarlo (ammesso che sia aperto di sabato).  :)
Mario
prendi un giorno di ferie, non te ne pentirai (consiglio e minaccia)  :)
citizen cyclist [utente leggero della strada]
non possiamo pretendere di risolvere i problemi pensando allo stesso modo di quando li abbiamo creati - albert einstein ||| è una questione di qualità - cccp

Tags: cultura