Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)  (Letto 25075 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9987
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« il: Luglio 09, 2011, 10:51:20 am »
### ETC1 Elenco Topic Correlati: cliccare sui TAG arancioni in cima ed in  fondo a questa discussione (altre info sui TAG  qui)
---------------------------

Citazione da: sacchi,9/7/2011, 00:24 ?t=56649829&st=0#entry462612144
Ciao a tutti,

Dopo tre anni di tragitto casa - stazione - lavoro fatto per scelta con bici + treno + bici era venuto il tempo di fare un po' di pesante manutenzione ai mezzi che devono stare anche sotto l'acqua. Ho poi conosciuto il mondo delle bici pieghevoli e ho pensato che potesse essere la scelta giusta, così da non lasciare le bici in stazione sotto l'acqua. Venerdì scorso ho acquistato una Dahon Ios XL in UK e oggi l'ho ricevuta.
Tutto perfetto a parte il fatto che il meccanismo in oggetto non blocca adeguatamente il manubrio tanto che al primo avvallamento il manubrio si muove.

C'è qualcuno che ha una bici con il meccanismo in oggetto?

Ciao e grazie!

L


......

Quanto poi allo stem: giusto criticare il fatto del manubrio, non gli costava molto fare quello che ho fatto poi io sulla Speed Pro, cioè metterci l'Andros Stem (che c'è anche in versione nera. era dahon, ora forse è tern...). Forse l'han fatto per ridurre al minimo il prezzo al pubblico. Forse han ritenuto più sicuro lo stem fisso, viste le sollecitazioni col manubrio bullhorn. Devo però dire che non ho mai avuto problemi di appoggio e a quanto ne so, neanche il tipo che ce l'ha da due anni. Era fantastico anche poter regolare l'angolo del manubrio a tuo piacimento ogni volta, da basso e 'aggressivo', a quasi verticale stile joystick e videogioco :)))

https://www.youtube.com/watch?v=Wgk6wvzNfCQ

Con l'Andros la parte del cambio più delicata (le lancette con una leggerissima copertura in plastica), restava riparata e la bici offriva ai colpi esterni invece la parte più dura e robusta del manubrio (le vicine 'punte' dei cornetti del manubrio bullhorn).

Diventava un blocco perfetto e ridottissimo!  :)

E aggiungo sulla questione pedali e peso, che l'Andros pesa qualche etto ma appunto quando l'ho rivenduta ci avevo messo non solo l'Andros ma anche i parafanghi, sicuramente un mezzo chilo in più c'era, ma quando ho detto che era leggerissima ho incluso tutto questo :)

Indi per cui, la ANNIVERSARIO resta fantastica mettendoci l'Andros (tanto se vi ci spendete 5000 euri, 70-80 in più per l'Andros cosa vuoi che siano :D ) e quanto ai pedali, non solo non li toglierei comunque (neanche a ingombro ridotto), ma invece di quelli ce ne metterei due superleggeri e robusti come quelli che infatti (contate tutto nel peso) avevo messo (credo fossero system-ex)........



a vedere il video su youtube

sembrerebbe ci siano delle viti di regolazione per calibrare la frizione.
A meno che il problema non sia più serio e riguardi la giunzione al canotto manubrio.
Ma senza nè leggere nè scrivere, porterei tutto al venditore (ammesso che sia possibile) per usufruire della garanzia.

Citazione da: sacchi,9/7/2011, 15:10 ?t=56649829&st=0#entry462663304
...sono troppo rintronato...
si ci sono due brugole; è bastato stringerle un attimo e il problema è rientrato.

Ora parrebbe tutto OK!
Grazie molte!

L

da altra discussione:
Ciao a tutti...ho appena ricevuto la mia nuova Dash P18 direttamente dalla Germania e, con mia somma sorpresa, la Dahon ha un manubrio differente a quello che risulta sul sito. Credo che sia un Andros anche se è un po diverso dallo Stem. Ha due regolazioni: con classica levetta in alluminio per regolare l'altezza e con una specie di maniglia per l'alzata...da -180° a +180°. Di seguito le foto...




scusate se mi intrometto, ma come dice mastermig81 il piantone è quello di una Mu SL che lui aveva installato sulla sua Mu P8. Come detto anche da Catorcio qualche post più su è identico a quello della sua Speed TR. Quindi si piega verso destra rimanendo esterno al telaio. Me lo ha confermato lo stesso venditore quando l'ho contattato per info. ;)

Foto della Mu SL
(Image removed from quote.)

Foto della Speed TR
(Image removed from quote.)
« Ultima modifica: Marzo 15, 2017, 07:51:51 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline foldingfan

  • non penserai di sorpassarmi impunemente solo perché ho le 20"?! ;)
  • maestro
  • ****
  • Post: 463
  • Reputazione: +31/-0
  • chi va soltanto in auto ha qualcosa da nascondere
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #1 il: Novembre 14, 2012, 06:36:00 pm »
Vorrei segnalare che l'Andros Stem e' davvero utile soprattutto, se non solo, nel caso delle Dahon da corsa con il manubrio bullhorn, l'ho messo sulla Speed Pro che ho avuto per qualche tempo ed era fantastico, il manubrio invece di sporgere in fuori con le delicate lancette dello shimano Tiagra, con questo Andros Stem si appiattiva contro il telaio come una qualsiasi pieghevole e lasciava sporgere invece i duri spuntoni del manubrio.

Una volta in corsa ha ruotato di un po' (e ho temuto di aver danneggiato la sbarra), ma appunto una volta stretto il giusto, era ok.

Non mi sento di dire che sia sicuro, su queste bici! diciamo che non lo sollecitavo troppo, ingenuamente penserei che la Dahon non lo mette su quelle per due questioni: peso e costo. Ma appunto non ne so abbastanza per pensare invece che faccia troppa forza sullo stelo manubrio (essendo piu' lungo e pesante dei morsetti in dotazione).

Mi sono anche reso conto che queste bici sono sportive, appunto per tenersi in allenamento, magari per agonisti, non son pensate tanto per l'intermodalita' quindi coi morsetti normali bastano due giri di brugole e se la devi trasportare una volta ogni tanto, in fondo e' come con lo Stem (piu' fissi, vantaggio).

Comunque per appunto l'uso moderato che ne facevo, mi aveva trasformato la speed pro in una pieghevole parecchio compatta!
FF

Offline giannib

  • gran visir
  • *****
  • Post: 609
  • Reputazione: +43/-0
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #2 il: Novembre 14, 2012, 08:02:09 pm »
C'ho fatto un pensierino anche per la brompton con eventuale bullhorn, se funziona bene è veramente comodo!
brompton m2l-x 06/2011
mandrin 20"dallacinaconfurore" 05/2012

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4884
  • Reputazione: +230/-1
  • Solvitur ambulando (pedalando)
    • Bikes & Co on Pinterest
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #3 il: Novembre 14, 2012, 08:13:58 pm »
Tenete presente che i bullhorn e gli stem regolabili con quick release non sono sempre un'accoppiata perfetta.

Le "corna" infatti riescono a produrre uno sforzo decisamente maggiore dei manubri normali per via della leva che esercitano ed ho letto spesso in rete lamentele di slittamenti indesiderati.... specie quando le strade sono ridotte come le nostre.... e non sempre basta serrare di più il morsetto rapido.
Ovviamente molto dipende dal manubrio e dallo stem, così come dalle loro verniciatuere, trattamenti superficiali e presenza o meno di zigrinature per aumentare il grip.

Una soluzione che ho letto per aumentare il grip esercitato ed evitare rotazioni del manubrio, consiste nell'applicare i gel utilizzati per i cannotti sterzo in carbonio.
Questi infatti non possono essere strizzati come quelli in metallo, pena la rottura, quindi per ovviare alle basse coppie di serraggio applicabili si applica un gel costituito da microsfere in gomma che vengo schiacciate tra le 2 superfici aumentandone l'attrito.

Offline foldingfan

  • non penserai di sorpassarmi impunemente solo perché ho le 20"?! ;)
  • maestro
  • ****
  • Post: 463
  • Reputazione: +31/-0
  • chi va soltanto in auto ha qualcosa da nascondere
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #4 il: Novembre 14, 2012, 09:21:48 pm »
Sbridola sei un mito, anche dell'andros (che se non erro non hai, cmq non coi bullhorn) hai una cultura esagerata!

Beh a me una volta e' successo appunto un piccolo slittamento, che pero' e' una cosa brutta se sei in corsa e se cmq l'hai gia' stretto abbastanza: pensi che abbia rigato o rovinato la sbarra.
inoltre attenzione anche all'alluminio, che ha tanti vantaggi ma ha il limite di non essere stretto o sforzato piu' di tanto pena il rischio di rottura (dico bene?)

a quanto ricordo (non la usavo ormai da mesi visto il tempo e pensando di rivenderla bene), cioe' poco, mi pare che la sbarra e il manubrio Dahon siano abbastanza ruvidi. cmq ottimo sapere di questi gel. Del resto durante la piega o apertura, quello che gli chiediamo e' invece il contrario, di scorrere bene (e' proprio per questo che lo mettiamo).

Diciamo che la "presa" mi pare uguale, se non maggiore, dei morsetti a brugola. Quello che cambia, e' che appunto rischia o tende a, essere meno stretto.

Trovo invece molto interessante il tuo contributo sul fatto che il bullhorn esercita parecchia forza, leva, infatti lo stem e' appunto piu' lungo, allunga il braccio della leva, e mi rendevo conto che esercitava un "momento" (giusto?) maggiore... insomma la mia paura era piu' per il cardine di base dello stelo manubrio!!!

Anche se, pensando appunto ai morsetti a brugola, con un po' di cura me l'ero cavata... diciamo che non salivo in piedi sui pedali appoggiandomi tutto al manubrio...  ;D (tra l'altro leggo opinioni online di montanari pieghevoli ecc., anche loro dicono di non alzarsi mai, su una pieghevole...)

Sulla Brompton: gia', perche' no? il bullhorn e' comodissimo ma siamo sicuri che la sbarra su cui lo fissi e' di diametro compatibile alle morse dello stem? e poi, se cambi un manubrio normale con un bullhorn, dovrai cambiare anche le leve freno e cambio... non e' un'operazione tanto semplice (come puo' sembrare). Io ci avevo pensato per la Mu SL e sono giunto poi alla conclusione che il bullhorn e' un lusso esagerato, ma le leve tipo tiagra, sti, ecc., sono anche delicate (specie nell'intermodalita') e che un lavoro decente e MOLTO ma MOLTO piu' semplice lo fanno le care vecchie appendici che ti richiederanno semplicemente di cambiare le manopole (o forse neanche!).

And the topic must go on...  :D
FF

Offline FoldingStyle

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1292
  • Reputazione: +105/-0
    • Folding Style
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #5 il: Novembre 14, 2012, 10:14:16 pm »
Secondo me questo sistema è un po' fragile,

Chiaramente è molto comodo, ed è stato costruito per un uso urbano della bici. Però se ti alzi sui pedali in salita o lo solleciti un poco in più non c'è regolazione che tenga, puoi stringere quanto vuoi, slitta due volte su tre :(.
 Ho visto questo altro sistema sulla Dahon Dash vorrei sapere come va, qualcuno ce l'ha?

Saluti.
Dahon Ios X9 Nickel - Dahon Classic III Burgundy Red - Brompton M6L Black Edition Black - Birdy City Premium White

Offline foldingfan

  • non penserai di sorpassarmi impunemente solo perché ho le 20"?! ;)
  • maestro
  • ****
  • Post: 463
  • Reputazione: +31/-0
  • chi va soltanto in auto ha qualcosa da nascondere
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #6 il: Novembre 15, 2012, 12:37:45 am »
si ma come dicevamo (e anche se ci sono diverse scuole di pensiero in merito, tipo mi pare il Presidente...), su una pieghevole se ti alzi sui pedali solleciti anche "parecchio" il cardine centrale... che non vorresti mai si incrinasse anche perché se succede poi non è una parte che aggiusti con un giro di brugola (nella maggior parte dei casi almeno)...

certo una soluzione che ruoti e che faccia allo stesso tempo presa stabile non è facile da trovare, questo è evidente... vedremo...  :)
FF

Offline giannib

  • gran visir
  • *****
  • Post: 609
  • Reputazione: +43/-0
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #7 il: Novembre 15, 2012, 01:00:33 am »
I bullhorn sulla brompton che si vedono in giro sono sempre fissati al piantone con uno sgancio rapido classico, bello e pulito a vedersi ma per serrarlo bene devi faticare non poco (Alesblues ci potrebbe illuminare). Per l'intermodalità secondo me non è il massimo. L'andros dovrebbe essere più morbido da serrare, perchè  la leva per azionarlo è molto lunga, e le superfici di attrito che servono a bloccare il manubrio raddoppiano rispetto ad un fissaggio normale, quindi a parità di coppia di serraggio la resistenza allo scorrimento dovrebbe essere doppia.
Insomma, a me non sembra particolarmente fragile.
Certo è che l'attacco del manubrio al piantone è una delle parti più sollecitate della bici, e quindi ogni accoppiamento in questa zona mi sentirei di verificarlo attentamente.Forse alla lunga, considerando le forze in gioco, potrebbero sorgere problemi legati all'usura.
brompton m2l-x 06/2011
mandrin 20"dallacinaconfurore" 05/2012

Offline battle71

  • iniziato
  • *
  • Post: 47
  • Reputazione: +3/-0
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #8 il: Dicembre 23, 2012, 10:08:34 am »
@foldingstyle:
La dash che ho appena ricevuto ha il blocco che hai indicato. Oggi spero di fare il primo giro e ti faccio sapere come si comporta.... A dopo
Dahon Dash P18

Offline battle71

  • iniziato
  • *
  • Post: 47
  • Reputazione: +3/-0
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #9 il: Dicembre 23, 2012, 06:04:57 pm »
Oggi primo giro di quasi 19 km con la mia piccolina. Ho dovuto regolare il manubrio per tre volte perche' e
' abbastanza difficile trovare la giusta posizione. La prima volta ho dovuto regolare la leva piu' piccola a causa del gioco verticale della barra, la seconda ho regolato l'altezza dello snodo e la terza quella della barra. Una volta trovato l'assetto giusto consiglio pero' di non fare altre regolazioni. Il blocco a levetta che regola l'altezza e'abbastanza difficile da fissare dal momento che blocca il manubrio serrando una ganascia dentellata sul manubrio stesso, anch'esso dentellato, per non farlo inclinare durante la marcia suppongo. Dopo la regolazione definitiva tutto e' filato liscio fino a casa. Per la bici, non ho parole...scorrevolissima e praticamente difficile da associare ad una pieghevole. Riporto anche che diverse persone, durante il tragitto, mi hanno affiancato per avere maggiori info.. Eheheh
Dahon Dash P18

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9987
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #10 il: Gennaio 12, 2013, 01:44:02 pm »
Con il recente acquisto della Dahon Dash P18 anche io ho potuto analizzare un po' più da vicino l'Andros Stem.

Colpisce innanzitutto il carattere poderoso della struttura, per certi versi anche fin troppo vistoso (il confronto con le ruotine potrebbe suscitare qualche stonatura).
Ma il passato deve aver insegnato che questo componente è troppo strategico per essere sottovalutato/sottodimensionato.

Le due leve sommitali permettono di variare la postura in maniera continua, lungo un ampio angolo d'azione.
Con la prima ("a") si decide il tipo di guida (più sportiva con il manubrio tutto in avanti/in basso;  viceversa più comoda e rilassata tirandolo tutto sù).
La seconda leva ("b") permette di riallineare il manubrio in funzione della regolazione della prima, perchè le leve freno/cambio siano ergonomicamente accessibili senza dover intervenire con le brugole sul loro corretto orientamento (come invece accade in tutti gli altri casi).
Il limite superiore è poco inferiore alla perpendicolare al terreno, quando la leva "a" non riesce più  a chiudersi correttamente a causa dell'ostacolo rappresentato dal "ponte" (vedere dettaglio n.1).


dettagli dell'Andros Stem

In fase di manutenzione, sganciando la morsa  superiore ( dettaglio n.2) si mette in luce l'asse di rotazione.
La vistosa zigrinatura (già sottolineata in un contributo precedente) sembra garantire  l'accoppiamento necessario ad evitare che il manubrio possa ruotare  accidentalmente durante la pedalata (i primi  test su strada  confermano una  sensazione di generale solidità).
Questo a condizione che il "nottolino  inferiore" (in figura, indicata dalla freccia viola) sia correttamente stretto  (come tutti già possono sperimentare nella classica  regolazione dell'altezza  del sellino).

In celeste ho invece evidenziato le 3 viti su cui intervenire nel caso si voglia sostituirlo con una pipa standard (con le due laterali esterne si regola il giusto allineamento del manubrio con la ruota, la terza permette invece di sfilarlo dal tubo sterzo).

Concordo con quanto detto sopra: una volta individuata l'inclinazione più vicina al proprio stile, ho qualche dubbio che si senta la necessità di regolarlo frequentemente.
Considerazione che renderebbe superfluo tutto il marchingegno (senza considerare l'aumento della vulnerabilità di un sistema regolabile rispetto ad uno fisso).
Fanno eccezione, a mio avviso, i seguenti due scenari, quando cioè la bici sia utilizzata:
 
  • spesso da più persone (ognuna con le proprie esigenze in termini di postura)
  • per parecchie ore al giorno (come talvolta  accade nel cicloturismo), con il corpo che potrebbe ottenere sollievo da una decisa variazione della postura

La presenza dell'Andros Stem mi sembra  però strategica nel caso in cui, in fase di piega,  si voglia agevolmente sfilare il manubrio per guadagnare in termini di ingombro laterale.
A quel punto rimarrebbe però penzolante (senza contare il rischio di sporcarsi con il grasso che ricopre l'asse zigrinato o di perdere il nottolino  inferiore, che regola la presa della morsa).


« Ultima modifica: Gennaio 12, 2013, 06:14:09 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline FoldingStyle

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1292
  • Reputazione: +105/-0
    • Folding Style
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #11 il: Gennaio 12, 2013, 01:55:28 pm »
Grazie per questa review, stavo cercando info su questo sistema, ma sei sicuro che si chiami anche questo Andros? Secondo la scheda si chiama Dahon Flat Pack, Patented Infinite Adjust Flat Pack Technology http://dahonbikes.com/mainnav/folding-bikes/single-view/bike/dash_p18-1.html .
A me risulta che l'Andros sia questo, anche perché lo ha la mia bici: http://it.dahon.com/technology/dahon-andros-stem
« Ultima modifica: Gennaio 12, 2013, 02:08:52 pm by FoldingStyle »
Dahon Ios X9 Nickel - Dahon Classic III Burgundy Red - Brompton M6L Black Edition Black - Birdy City Premium White

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9987
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #12 il: Gennaio 12, 2013, 02:41:01 pm »
Cavolo! Mi sa che hai ragione. :o

Ho rinominato la discussione per considerarli entrambi (se non erro sono lontani parenti).

Grazie della correzione.  :)
« Ultima modifica: Gennaio 12, 2013, 05:35:27 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline foldingfan

  • non penserai di sorpassarmi impunemente solo perché ho le 20"?! ;)
  • maestro
  • ****
  • Post: 463
  • Reputazione: +31/-0
  • chi va soltanto in auto ha qualcosa da nascondere
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #13 il: Gennaio 12, 2013, 05:05:50 pm »
Sembra effettivamente che il flatpak abbia una forma un po' diversa, ma onestamente a meno che ci sian problemi di diametri i due mi sembrano abbastanza intercambiabili. magari assottigliandolo un po' in larghezza, risparmiano peso (e' l'unico problema per quanto comunque convivibile, dello stem)
« Ultima modifica: Gennaio 12, 2013, 05:08:50 pm by foldingfan »
FF

Offline FoldingStyle

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1292
  • Reputazione: +105/-0
    • Folding Style
manubri regolabili (Andros Stem, Dahon FlatPack, ...)
« Risposta #14 il: Gennaio 12, 2013, 06:06:55 pm »
Ho rinominato la discussione per considerarli entrambi (se non erro sono lontani parenti).
Grazie della correzione.  :)
Ma dai, non era mica una correzione, in realtà ancora non ho capito come si chiama  ???;
ovviamente sarai comunque "fustigato in sala mensa"  ;D
Grazie di nuovo a te per la review di quest'aggeggio dal nome complicato.
Saludos!
« Ultima modifica: Gennaio 12, 2013, 06:10:50 pm by FoldingStyle »
Dahon Ios X9 Nickel - Dahon Classic III Burgundy Red - Brompton M6L Black Edition Black - Birdy City Premium White

Tags: comfort oversize