Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: recensione pieghevole esso/pininfarina  (Letto 18853 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline heyyou_77

  • newbie
  • apprendista
  • **
  • Post: 57
  • Reputazione: +5/-0
recensione pieghevole esso/pininfarina
« il: Settembre 26, 2012, 02:54:54 am »
Ciao a tutti,
finalmente dopo un po' di settimane riesco a postare una piccola revisione della pieghevole esso/pininfarina.
Si tratta di una mtb pieghevole da 26", per me che abito al 7° piano non è male: entra alla perfezione nel mio miscroscopico ascensore ed occupa non troppo spazio sul terrazzino.
Per ciò che riguarda il peso, posso dire che la trasporto a braccio tranquillamente e senza particolare sforzo. Purtroppo non ho avuto modo di poterne verificare direttamente il peso, in rete si trovano pareri discordanti: c'è che dice 11kg, c'è chi dice 13,5kg...
L'aspetto è quello di una Dahon jack, e nonostante porti il marchio di licenza dahon, ovviamente vi sono delle differenze non di poco conto: innanzitutto, per ciò che riguarda la componentistica, NON monta i Big Apple (di serie invece, se non erro, sulla Jack), il giunto di piegatura è a facce piatte. Le misure da piegata sono 34x80x95.
Il manubrio non è regolabile. Monta un cambio Altus Shimano a 7x3velocità, manopole Biologic (molto comode!), freni V-brake, sostegno proteggi-corona per quando è piegata, sistema di fissaggio a calamita.
Su strada nulla di particolare da dire, fa il suo sporco lavoro. Il cambio risponde decentemente, i freni, dopo regolazione in officina sono più che ok.
Ovviamente non azzardo a paragonare le sue prestazioni  quelle di bici di più alta fascia e miglior fattura (stasera sono stata silenziosamente sorpassata da un velocissimo bromptoniano, ma tant'è, dopo anni di inattività sono fuori allenamento ;D)
Sottolineo che le mie competenze tecniche in materia sono da neofita, per cui non posso fornire dei paragoni su biciclette di altre fasce.
Posso dire senza ombra di dubbio che questa bici risulta essere un compromesso decente per chi vuole approcciare il mondo delle mtb pieghevoli senza troppo impegno. E' sufficientemente leggera per essere trasportata a mano entro piccole distanze,  può essere trasportata senza eccessivi sforzi in treno (ripiegata e dentro una borsa - anche sulle frecce).
Non la consiglio per chi cerca una bici per intermodalità, e questo credo sia un discorso che si può estendere tranquillamente a tutte le pieghevoli da 26": al di là del regolamento atac, è troppo poco maneggevole per essere trasportata senza sforzo su di un bus affollato.
Ah, dimenticavo, io sono alta circa 175cm, peso intorno ai 55kg, e la bici calza perfettamente!
Ad ogni modo allego un po' di foto... :)
spero non siano troppe, in caso chiedo già scusa con un po' di cenere sulla testa :D






 











Martina - I'd rather go slower
Pieghevole Esso 26" - Hoptown 5

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9971
  • Reputazione: +174/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:recensione pieghevole esso/pininfarina
« Risposta #1 il: Settembre 26, 2012, 09:09:01 am »
Grazie dei fotodettagli.  Molto interessante.

Se ne è parlato qui
le raccolte punti... pieghevoli (raccogli, vinci, premiati)
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=162.msg501#msg501

tanto tempo fa.
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline Peo

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1473
  • Reputazione: +202/-2
Re:recensione pieghevole esso/pininfarina
« Risposta #2 il: Settembre 26, 2012, 09:52:38 am »
Ciao Hey you!
Bella recensione e foto.
Come giustamente affermi, non è una bici concepita per l'intermodalità (anche se c'è gente che non si farebbe troppi problemi a portarla nei mezzi pubblici  :) ) ma le pieghevoli con ruote grandi hanno altri pregi, tra cui quello di poter percorrere con tranquillità terreni improponibili per il "velocissimo bromptoniano" che ti ha sorpassata  :)
Complimenti ancora per la bella recensione.


PEO



p.s.: l'antifurto nella prima foto che hai pubblicato però non mi convince molto  :( :-\ ;D
« Ultima modifica: Settembre 26, 2012, 10:01:07 am by Peo »
Dahon Vitesse D7  /  Dahon Classic III  /  Velital / Brompton M3(+8) L

Offline heyyou_77

  • newbie
  • apprendista
  • **
  • Post: 57
  • Reputazione: +5/-0
Re:recensione pieghevole esso/pininfarina
« Risposta #3 il: Settembre 26, 2012, 02:33:56 pm »
Grazie mille!
Per ora l'ho trasportata senza difficoltà in treno http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=156.msg18530#msg18530,
ma su bus tipo 105 o 409, dove spesso e volentieri si viaggia pressati come in una scatola di sardine, io evito di cimentarmi.
Anzi, la bici l'ho presa proprio per liberarmi dalla schiavitù della sardina! E ne sono ben felice  :)
Martina - I'd rather go slower
Pieghevole Esso 26" - Hoptown 5

Offline heyyou_77

  • newbie
  • apprendista
  • **
  • Post: 57
  • Reputazione: +5/-0
Re:recensione pieghevole esso/pininfarina
« Risposta #4 il: Settembre 26, 2012, 02:36:17 pm »
Ovviamente, l'antifurto in foto è stato già sostituito con un Trelock BS 400 a U.
Vorrei che la bici resistesse il più possibile al mio fianco!
Martina - I'd rather go slower
Pieghevole Esso 26" - Hoptown 5

Offline sileno.sc

  • assistente
  • ***
  • Post: 128
  • Reputazione: +25/-0
    • Centro d'Educazione Ambientale "Riserva Litorale Romano"
Re:recensione pieghevole esso/pininfarina
« Risposta #5 il: Febbraio 07, 2013, 05:39:27 pm »
Ciao Martina,
grazie per questo tuo buon contributo illustrativo.
A distanza di tempo dall'acquisto, con l'esperienza maturata e con i Km percorsi in svariate condizioni meteo e di fondo, quali impressioni hai della bici? Ci sono parti strutturali che hanno fatto nascere in te qualche perplessità all'atto pratico? Che so... lo snodo centrale a "facce semplici piatte", la forcella o che altro?
Mi piacerebbe anche provarla sta bici, la sto infatti consigliando ad amiche ed amici che mi chiedono consulenze sull'acquisto di bici pieghevoli ma che non vorrebbero ruote "troppo" piccole. Io oriento sempre tutti sul mercato dell'usato e questa Dahon si può trovare a prezzi relativamente ragionevoli.
Buona serata,
         Simone :-)

P.S.: ma tu a quanto l'ha trovata sta bici? Spulciando tra annunci mi sono imbattuto con un tale che la venderebbe a 80 Euro, solo che lui sta a Torino e non mi ha ancora fatto sapere se è intenzionato a spedirla da me a Roma... il prezzo sarebbe ghiotto anche compresa una spedizione di 30 Euro, non trovi?
« Ultima modifica: Febbraio 09, 2013, 10:18:09 am by sileno.sc »
"Non ereditiamo il mondo dai nostri padri, ma lo prendiamo in prestito dai nostri figli" - Antico Proverbio Navajo

Tags: