Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: [MTP] sviluppo metrico (velocità e fatica della pedalata; info, calcolo, modifica, effetto criceto)  (Letto 48332 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline sergiozh

  • maestro
  • ****
  • Post: 421
  • Reputazione: +18/-1
la bici che ho comandato ha 8 marce con sviluppo metrico da 2.57 a 7.04.

ero un po' titubante sul numero inferiore perchè c'è anche un modello che va da 1.76 a 8.89 con un cambio dual drive da 24 marce che però non mi entusiasma.

credo andrà bene......

Offline bicimici

  • iniziato
  • *
  • Post: 1
  • Reputazione: +0/-0
Ho acquistato da poco la mia prima pieghevole, ho scelto una brompton con due marce, sostituendo la corona con una 44 denti,
lo sviluppo metrico ottenuto è stato di 3.60m e 4,86m, questo mi ha consente di affrontare tutti i percorsi di Roma,
ho privilegiato il peso e la semplicità della trasmissione, è vero si "frulla" ma le occasioni di spingere al massimo sono poche,
la mia scelta è stata dettata dalla mia esperienza di giuda in mtb singlespeed (salsa el mariachi)

Offline echelon78

  • iniziato
  • *
  • Post: 14
  • Reputazione: +0/-0
scusate ma allora io che ho una Olmo wave 16 con uno sviluppo metrico di poco più di 4 m cosa devo dire.
Sono poco esperto di biciclette, ma la mia olmo ha una corona con 48 denti quindi deduco che lo sviluppo metrico della curve è generato completamente grazie al cambio interno al mozzo della ruota (non so come si chiamano questo tipo di cambi)?
Inoltre aggiungo anche: sarebbe possibile sostituire un cambio tradizionale con deragliatore con uno interno al mozzo?

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9901
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
ho aggiunto nel primo post l'elenco delle discussioni collegate al tema di questo topic.
Spero che la loro lettura possa esservi d'aiuto.
 
:)
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline boccia

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 3408
  • Reputazione: +170/-0
EDIT Correggo questo post essendomi accorto di aver precedentemente basato i calcoli su dati inesatti.

Ciao Echelon78, provo a scrivere qualche numero.
In effetti 4m di sviluppo metrico nella marcia più alta sono un po' pochi, il minimo indispensabile secondo me sarebbe 5.5-6m.
La Curve raggiunge un buono sviluppo metrico a mio parere grazie proprio alle caratteristiche del cambio interno al mozzo a 3 rapporti e alla scelta di guarnitura e pignone.

Per quanto riguarda la eventuale installazione di un cambio interno al mozzo (Internal Gear Hub = IGH) secondo me si può fare, con l'aiuto di un buon ciclomeccanico, facendo attenzione che la larghezza del nuovo mozzo sia inferiore allo spazio tra i forcellini del carro posteriore.

Farei inoltre due calcoli preventivi di massima perchè alla fine del lavoro la bici abbia la rapportatura desiderata.

A puro titolo di esempio prenderei in considerazione un mozzo Sturmey Archer 3 velocità, che utilizzo da molti anni (ma lo schema di calcolo è simile anche per altri mozzi di altre case come p.es. Shimano Nexus o Sram).
Questo cambio ha i seguenti rapporti:
prima marcia 75%
seconda marcia 100% (diretta)
terza marcia 133%

escursione totale rapporti 177%

Se supponiamo di modificare la tua bici con cambio al mozzo,  abbiamo una ruota 16", con circonferenza pari approssimativamente a 16 x 2.54 x 3.14 = 1.28m, con guarnitura 48T e pignone 16T si otterrebbe

prima marcia 1.28 x 48/16 x 75/100 = 2.88m

seconda marcia 1.28 x 48/16 x 100/100 = 3.84m

terza marcia 1.28 x 48/16 x 133/100 = 5.11m

Ripetendo lo stesso calcolo con diversi pignoni :

Pignone 13T Sviluppo metrico = 3.54-4.73-6.29m
Pignone 14T Sviluppo metrico = 3.29-4.39-5.84m
Pignone 15T Sviluppo metrico = 3.07-4.10-5.45m
Pignone 16T Sviluppo metrico = 2.88-3.84-5.11m

Sono disponibili anche pignoni più grandi, fino a 22 denti, ma a mio parere in questo caso darebbero sviluppi metrici troppo corti.

Lo svantaggio è nella leggera riduzione di estensione dei rapporti rispetto al cambio esterno standard della Olmo Wave 16, 177% contro 200% (pacco pignoni 14T-28T) per ovviare potresti scegliere un mozzo a 5, 7 o più marce, facendo attenzione a quale sia rapporto diretto (100%).

Se ho scritto inesattezze vi prego di criticare senza remore...  :)

Offline Tatranky

  • apprendista
  • **
  • Post: 50
  • Reputazione: +2/-0
Per cercare di guadagnare un po' di velocità sulla Link Uno ho cercato un pignone più piccolo del 17t attuale(corona 53 e SM di 4.9m).

 Il problema è stato trovarne uno per contropedale più piccolo di 16t, dopo qualche ricerca (non volevo ricorrere a internet per 3/4€ di pignone) mi stavo per arrendere, quando il meccanico di Rossignoli mi da un'ottima dritta: i pignoni della Brompton usano lo stesso standard e ovviamente ce n'è di ogni misura da ogni rivenditore.

Stasera proverò a montare un 16t per arrivare a 5.3 di sviluppo metrico, ma per l'estate ho già preso un 14t sperando che ci arrivi la gamba perché inizia a diventare bello duro(5.9 di SM)

Inviato dal mio GT-I9505


Offline boccia

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 3408
  • Reputazione: +170/-0
attenzione, ho idea che se diminuisci i denti del pignone diminuisce in proporzione il momento frenante a parità di sforzo sui pedali quando azioni il contropedale.

Offline Tatranky

  • apprendista
  • **
  • Post: 50
  • Reputazione: +2/-0
Non sono sicuro di capire cosa intendi per momento frenante. EDIT: Ma effettivamente un pignone più piccolo rende più dura la frenata, in compenso riduce il movimento a vuoto delle pedivelle prima dell'inizio della frenata, quindi mi viene da dire che si compensi abbastanza la cosa. In ogni caso straconsiglio sempre l'uso abbinato del freno anteriore

;)
« Ultima modifica: Marzo 02, 2014, 02:18:04 am by Tatranky »

Offline boccia

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 3408
  • Reputazione: +170/-0
Scusa, in effetti in meccanica il "momento", per semplificare, è la tendenza di una forza a generare la rotazione di un corpo intorno ad un asse fisso.

Per fare un esempio il momento espresso nella pedalata è pari alla componente perpendicolare alla pedivella della forza impressa sul pedale moltiplicata per la lunghezza della pedivella stessa, misurata dall'asse del movimento centrale all'asse del pedale.

Di fatto, come dici correttamente tu nell'ultimo post, inserire un pignone più piccolo può rendere la frenata "più dura" per ottenere gli stessi spazi d'arresto, o generare frenate meno efficaci a parità di sforzo impresso sui pedali.
« Ultima modifica: Marzo 02, 2014, 07:59:17 am by boccia »

Offline Tatranky

  • apprendista
  • **
  • Post: 50
  • Reputazione: +2/-0
Grazie mille per la risposta tecnica, devo ripassare un po' fisica :D
In ogni caso all'atto pratico con un dente in meno il peggioramento della frenata è pressoché impercettibile (vedremo questa primavera con il 14t) D'altro canto sento la bici molto più "consistente" con il nuovo setup e credo ci siano margini per indurire ancora, ma purtroppo intervenire sulla corona diventa più complicato avendo già una consistente padella col 54.

Inviato dal mio GT-I9505

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9901
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
i contributi successivi sono stati dirottati in

cambio interno al mozzo (scelta, rumori, manutenzione & co)
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=75.0

:)
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline boccia

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 3408
  • Reputazione: +170/-0
[STAFF: questi contributi vengono da un'altra discussione ]

Non so forse ho sbagliato qualcosa. :-\ Non avendo in casa una ruota 16" da misurare mi sono affidato alle misure delle circonferenze indicate dal manuale del mio ciclo computer, un Cateye Velo Wireless+ :

cateye.com/images/manual/CC-VT210W_IT_v3.pdf

A pagina 3 in alto a destra è riportata la tabella delle circonferenze per ogni misura di pneumatico. Per il 16"x1.50" è indicata una circonferenza di 119cm (in realtà sulla mia copia cartacea è indicato 118,5cm)

con un 52/11 ottengo 1,185m x 52/11 = 5.601818m.

Ho fatto la controprova con la Olmo 20" e i conti tornano. Per la ruota 20"x1.50" il manuale dà una circonferenza L=149cm. Nella configurazione di fabbrica col 14-28 ottengo:

1,49m x 52/14 = 5.534286m

E 5.53m è esattamente lo sviluppo metrico che ho misurato all'epoca sulla Olmo quando aveva ancora il pacco pignoni originale:

Come promesso, ecco lo sviluppo metrico di ogni marcia, direttamente misurato sulla mia bici. Da sinistra il numero della marcia, lo sviluppo metrico e il diametro della ruota equivalente (gear inches).

1' = 2,77 m = 34,7"
2' = 3,25 m = 40,7"
3' = 3,68 m = 46,1"
4' = 4,25 m = 53,3"
5' = 4,80 m = 60,2"
6' = 5,53 m = 69,3"

Se ho sbagliato qualcosa per favore aiutami a capire così la prossima volta scrivo cose meno imprecise. ;)
« Ultima modifica: Aprile 14, 2014, 08:30:01 pm by occhio.nero »

Offline gip

  • gran visir
  • *****
  • Post: 868
  • Reputazione: +227/-0
La circonferenza della ruota è data da Diametro x Pgreco. Quindi è 16x25,4x3,1416/1000. il 25,4 è il fattore di conversione tra pollici e millimetri. Se esegui il calcolo ottieni 1,276 m. Questo moltiplicato per 52/11 fa 6,035 m. E' il calcolo teorico che non tiene conto dello schiacciamento della gomma sotto il peso del ciclista. Ma introdurre questo parametro è complicato e per semplicità non si fa. Dipende dal tipo di gomma, dalla sua pressione e dal peso del ciclista.  Non vorrei che tu sottraessi la larghezza del pneumatico al diametro e facessi il calcolo come se la ruota fosse da 14" 1/2. Il sospetto mi viene perché quando indichi i pneumatici metti sempre anche la larghezza (es.20"x1,5). Spero di averti chiarito e non aver fatto ancora più confusione. Ciao.
Solo chi pedala va avanti!

Offline echelon78

  • iniziato
  • *
  • Post: 14
  • Reputazione: +0/-0
Ringrazio sbrindola e boccia per i consigli.
in questa discussione ho trovato anche un link ad un sito che fa i calcoli in automatico dello svilippo metrico.
Ho fatto un confronto tra il mio attuale cambio e quello della Sturmey Archer a 5 marce che mi avete consigliato e devo dire che sarebbe perfetto per la mia bici. Nella immagine potete vedere il confronto



Ho fatto un confronto anche con lo Shimano Nexus 3, ma mi sembra poco flessibile



Sicuramente lo Shimano Nexus 7 sarebbe il top, ma devo dire che su internet è veramente difficile avere informazioni tecniche su questi cambi: qual'è il peso di questi cambi?
Per Sturmey Archer devo dire che il sito della casa produttrice è molto dettagliato e quello a 5 marce pesa poco più di un kilo (1090 g); sono andato a vedere anche quello da 8 marce che pesa 700 g in più (non poco!!). Quindi mi chiedo quanto pesa lo Shimano Nexus 7 rispetto allo Sturmey Archer a 5 marce.
Inoltre il ciclomeccanico mi spiegava che con il cambio interno al mozzo si può eliminare il freno posteriore, perchè si frena direttamente con il pedale, ma io ho visto sempre sul sito della Sturmey Archer che ci sono anche dei modelli con il freno a disco o a tamburo o altri con ruota libera (freewheel). Quelli con freewheel sono con la frenata tramite pedale?
Sempre il ciclomeccanico mi diceva che lo shimano Nexus 3 ha un costo di circa 60-70 euro (senza montaggio), invece il kit che mi avete proposto voi mi sembra costare il doppio, è normale?
Per chi è di Roma conoscete un altro ciclomeccanico oltre a ciclolab. Ho fatto le stesse richieste anche in altri negozi di biciclette, ma tutti erano scettici sulla modifica.
Scusate per le mille domande, ma prima di fare questa modifica vorrei valutare tutto.

La circonferenza della ruota è data da Diametro x Pgreco. Quindi è 16x25,4x3,1416/1000. il 25,4 è il fattore di conversione tra pollici e millimetri. Se esegui il calcolo ottieni 1,276 m. Questo moltiplicato per 52/11 fa 6,035 m. E' il calcolo teorico che non tiene conto dello schiacciamento della gomma sotto il peso del ciclista. Ma introdurre questo parametro è complicato e per semplicità non si fa. Dipende dal tipo di gomma, dalla sua pressione e dal peso del ciclista.  Non vorrei che tu sottraessi la larghezza del pneumatico al diametro e facessi il calcolo come se la ruota fosse da 14" 1/2. Il sospetto mi viene perché quando indichi i pneumatici metti sempre anche la larghezza (es.20"x1,5). Spero di averti chiarito e non aver fatto ancora più confusione. Ciao.

gip concordo con il tuo ragionamento, infatti tutti i calcoli che ho riportato nelle immagini allegate sono fatti considerando un circonferenza di 1,276 m.

Offline Andre@

  • gran visir
  • *****
  • Post: 864
  • Reputazione: +53/-0
  • Io pedalo ... e l'ho voluto ;)
La cosa migliore e'.... Cit dal sito della campagnolo "Per una misurazione piu' precisa segui le seguenti istruzioni:
sali sulla bicicletta, prendi come punto di riferimento a terra la valvola di gonfiaggio del pneumatico, fai fare un intero giro alla ruota e misura la distanza coperta con il giro di ruota.
"

Io lo ho fatto, 1550 .... SM = Denti Corona DIVISO Denti Pignone MOLTIPLICATO circonferenza..... 55/11 = 5 * 1550 = 7,750 il mio rapporto piu spinto.

Altrimenti la circonferenza con 6,28 * raggio ....ma devi aggiungere lo spessore della gomma con te sopra.

Se sbaglio chiedo correzione cosi imparo anche io :)
It's my Tern P9 ... Ex-Frecciarossa ... Bellizzzima  ::)    -    E-MtB: La Pinta

Tags: faq studi corsa cambio comfort