Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)  (Letto 39921 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9881
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« il: Novembre 01, 2012, 08:24:04 am »
### ETC1 Elenco Topic Correlati: cliccare sui TAG arancioni in cima ed in  fondo a questa discussione (altre info sui TAG  qui)
------------------------------------------

Un ladro spiega come si ruba una bici (e come non farsela rubare)
Dal crick delle auto all’azoto liquido per ghiacciare e frantumare i lucchetti, ecco i trucchi del mestiere. Più qualche dritta su come proteggere la nostra due ruote

29 ottobre 2012  di Michela Dell'Amico
da Life.wired


(da BitontoTv)

Ha 37 anni ed è nato a Milano, ama le bici e le ruba per se stesso e per gli amici, ma solo “ogni tanto”. Le apre di notte, di giorno, in centro o in periferia, senza curarsi dei passanti e neppure della polizia. Le rivende nei “soliti” mercatini di Milano - a volte anche ai negozi di bici -, ma più spesso agisce su commissione.  Alcune bici però le lascia perdere, se sono legate in un certo modo o appese troppo in alto, perché nessuno dei suoi metodi sarebbe sicuro per rubarle. Ecco come ruba un ladro di biciclette, e quanto ci guadagna.

Come si ruba una bici?
“Dipende da come è legata. Una prima differenza si vede subito se c'è la catena o il bloster (il lucchetto a U). Se la bici è legata con un bloster è più difficile da aprire. Una sezione d'acciaio più grossa della catena, e tagliarla è fatica. Posso dire che il nemico numero uno per me è il Criptonite newyorker, costa parecchio ma ha una sezione d'acciaio di 18 mm; pesa tanto, ma è quasi impossibile aprirlo. Si può fare tutto, intendiamoci, ma in questo caso secondo me solo usando una trancia pneumatica”.

Cosa si usa per aprire una catena o un bloster?
“Una volta si usava l'azoto liquido. Porta a bassissima temperatura il lucchetto, e quando è ghiaccio – dopo pochi secondi - si frantuma con una botta. Però si trova difficilmente e se ti va sulle mani ti si staccano le dita. Io uso soprattutto il tronchese taglia-bulloni o il seghetto. Il primo devi saperlo usare, bisogna esercitare molta forza, in genere si appoggia uno dei due manici per terra e poi spingi con tutto il corpo sull'altro. Un secondo e apri tutto. Si usa per le catene e i bloster piccoli. Altrimenti c'è il crick delle macchine, che spacca il bloster dilatandolo. Anche con il crick servono non più di due minuti. Il seghetto al carbonio, con l'archetto, lo uso per tagliare i bloster, ma serve di più, circa 10 minuti, quindi si fa solo se la bici è abbastanza appartata”.

Tornando a come è legata una bici, cos'altro c'è da dire?
“Beh, se la catena è in alto è difficile utilizzare il tronchese, che come ho detto va appoggiato a terra. Il bloster lo si può legare ovunque, e più è corto, più è difficile tagliarlo. Per le moto e gli scooter la catena è del tutto inutile. Bisogna mettere come minimo un blocca-disco, quelli che si mettono sul freno a disco e non si riesce ad afferrarli e quindi a tagliarli, e allora l'unico modo per rubare è sollevare e mettere la moto su un camion. Ecco diciamo che la catena può servire in aggiunta al blocca -disco, legando il mezzo a un palo, quindi per evitare che te lo carichino su un camion”.

Qual è quindi la soluzione più sicura?
“Per una bici direi un bloster, il più corto possibile, legato a un palo, e con l'aggiunta del cavo che attraversa le ruote o la sella. Ottimo il KryptoFlex. Lo passi nelle ruote e poi leghi il cavo al bloster e il bloster al palo. A proposito di pali: è bene stare attenti che quello scelto sia solido.

Spesso facciamo prima a tagliare il palo che non il lucchetto, perché magari è debole o traballante”.

Rubi di notte o di giorno?
“In genere si ruba di notte nelle zone meno frequentate, ma capita di rubare in pieno giorno e a volte è anche più facile. Una volta stavo aprendo una catena, in centro, e mi si è avvicinato un vigile. Mi ha chiesto 'Cosa stai facendo?'. E io: 'Ho perso le chiavi e cerco di recuperare la mia bici'. Lui mi guarda e mi fa: 'Posso aiutarti?'. Comunque per rubare di giorno devi essere bravo piuttosto ad aprire i lucchetti. Per fare in un lampo” .

Aprire i lucchetti? Come si fa?
“I lucchetti a u classici li apri con una falsa chiave o un semplice cacciavite. Lo metti dentro la serratura: martelli, giri e si apre”.

Rubi in periferia o in centro?
“Indifferente. Tanto guarda, se ti vedono rubare di notte nessuno ti dice niente, non mi guardano neppure in faccia. Una volta ho aperto una catena multifilo – formata da tanti fili d'acciaio intrecciati - che è difficile da aprire con un tronchese taglia-bulloni ma con tronchesino da 5 euro ci vogliono 3 minuti, perché tagli un filo alla volta. Mentre lo stavo facendo mi è passato accanto un ragazzo, ma non ha alzato lo sguardo da terra”.

Ha fatto bene?
“Mah, in generale secondo me quando si vedono furti o borseggi non ha senso intervenire, meglio piuttosto chiamare la polizia o cercare di fare rumore e richiamare l'attenzione della gente”.

Le bici “brutte” sono al riparo dai furti?
“In genere sì, si rubano le 'medie', le classiche city bike, e le 'belle', che oggi sono quelle a scatto fisso”.

Quanto rende una “media” e una “bella”
“Una city normale ti rende 50 euro mediamente. Il prezzo si fissa magari su 70, 80, e poi dipende da come sei bravo a contrattare. Al mercato di Senigallia, appena fuori, si vendono bici rubate, in Bovisa o Bonola. Anche alcuni negozi rivendono le bici rubate, in zona Navigli ad esempio ce ne sono un paio. Una scatto fisso la rivendi a 300, quando il suo valore è intorno ai 700. Ma queste non le trovi nei negozi, sono troppo facili da individuare, ma ai mercati sì” .

Quante bici rubi?
“Mah, io rubo di tanto in tanto. Ci sono quelli che lo fanno proprio di mestiere e ne rubano una, due al giorno”.

Esiste un racket delle bici?
"Ci sono zone controllate dove puoi andare o no a vendere, ma è un mercato abbastanza libero, almeno a Milano".

E qual è l'identikit del ladro?
“Quello di uno che tira a campare, non è che si guadagnano tanti soldi. Sono principalmente extracomunitari, arabi, africani. Ai Rom e sudamericani non interessa”.

Da ottobre 2011 a oggi la polizia municipale di Milano ha sequestrato nei mercatini 136 biciclette e ne ha riconsegnate ai legittimi proprietari solo 30. Eppure solo i furti denunciati sono un paio al giorno.

Secondo te perché non ne sequestrano di più?
“Secondo me per attirare l'attenzione su questo tema bisogna rubare la bici di un politico. I vigili non sono attivi perché non hanno mezzi e non possono dimostrare nulla. Alla fiera di Senigallia ogni sabato c'è gente che vende bici sempre diverse e lì davanti ci sono i vigili”.

Perché non rompono almeno un po' le scatole, che ne so, chiedendo i documenti?
“Probabilmente non sono interessati perché il giro di denaro è limitato. E poi i ladri sono 50 e tu uno, magari hanno anche paura”.

L'assessore milanese Pierfrancesco Maran ha proposto un registro nazionale, un modo unico per i produttori di registrare le bici con un codice, per poi legare quel codice a un proprietario. L'obiettivo è anche svuotare i depositi di bici rubate, accatastate lì e impossibili da restituire ai legittimi proprietari. Secondo te funzionerebbe?
“Guarda che a Milano due anni fa hanno lanciato il chip, che era un'idea intelligente, da inserire nel tubo verticale sotto il sellino. Solo che poi non hanno mai distribuito i lettori del chip, che servono per leggere appunto chi è il proprietario una volta che si trova la bici rubata. Mi sembra che in tutta Milano ce ne sono 2 e oltretutto i vigili non sanno usarli. Questo per dire che non credo sarà mai organizzato un registro nazionale. Costerebbe anche troppo”.

Invece cosa funzionerebbe?
“Il chip, come ho detto. Ma bisogna anche fornire i poliziotti di lettore e fare una campagna che spieghi ai ciclisti come funziona, ovvero 5 minuti di tempo per istallarlo e 5 euro si spesa. La polizia potrebbe bloccare il mercato almeno dove è più evidente, cioè nei mercatini. Adesso, anche se le sequestrano, non riescono a riconsegnarle, perché il proprietario non è identificabile. Il chip sarebbe molto meglio di un numero seriale da punzonare alle bici, perché è retroattivo, si mette dentro il tubo di tutte le bici, anche quelle vecchie. Punzonare un telaio poi costa caro, e rischi di storcere i tubi o di far saltare la vernice, e la bici si arrugginisce. Il chip è più facile, non serve neppure un registro, perché vai con il lettore e compare il nome del proprietario. C'è poi una password per riprogrammare se il mezzo cambia proprietario”.

Hai qualche altro consiglio per la sicurezza dei ciclisti?
“Legate le vostre bici sempre vicino a dove andate, se vi spostate portatela con voi e parcheggiate in modo da averla sott'occhio. In generale, ovviamente, legatela in posti illuminati, visibili e trafficati, in modo da rendere più visibile anche il ladro. Per lo stesso principio, cercate di legarla in modo eccentrico: appesa a un palo o a una ringhiera, a testa in giù, sollevata da terra. Se nel tuo gruppo ci sono altri ciclisti, legate una bici al palo e le altre tra loro. Catene e bloster devono essere il più corti possibile, ma comunque devono arrivare ad agganciare anche il palo. Legate sempre il telaio e la ruota anteriore (la più facile da portare via) e poi accendete un cero alla madonna”.
« Ultima modifica: Marzo 12, 2017, 11:33:49 am by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline vincemail99

  • apprendista
  • **
  • Post: 70
  • Reputazione: +3/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #1 il: Novembre 01, 2012, 08:56:41 am »
Si sarà anche sentito importante per il fatto di essere stato intervistato magari... Questo articolo è proprio un invito al malumore...

Offline Hopton

  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #2 il: Novembre 01, 2012, 10:55:02 am »
Concordo, certe interviste dovrebbero poterle rilasciare al massimo durante l'ora d'aria, prima di riprendere i lavori forzati.  >:(
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline metrosur

  • assistente
  • ***
  • Post: 182
  • Reputazione: +21/-0
    • iBinari+CityRailways
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #3 il: Novembre 01, 2012, 12:01:56 pm »
Potrebbe anche essere una falsa intervista, come mai nomina due bloster? sembra una super pubblicità... se lo dice un ladro che sono sicuri, potete comprarli e stare tranquilli... in ogni modo a noi qui dentro la cosa non dovrebbe toccare più di tanto, noi la bici ce la portiamo ovunque andiamo, vero? per me lasciarla per strada è come se dovessi legare il mio laptop a un palo la sera prima di andare a casa, una follia, non capisco come la stragrande maggioranza della gente non lo abbia ancora capito...

Offline bromptonian

  • maestro
  • ****
  • Post: 260
  • Reputazione: +3/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #4 il: Novembre 01, 2012, 12:46:24 pm »
Idea disgustosa questa intervista e ancora peggio i suoi contenuti.
bromptonian

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9881
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #5 il: Novembre 01, 2012, 01:02:22 pm »
secondo me può stimolare la riflessione su questo tema.  ::)
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline alesblues

  • maestro
  • ****
  • Post: 489
  • Reputazione: +66/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #6 il: Novembre 01, 2012, 02:00:13 pm »

Rubi in periferia o in centro?
“Indifferente. Tanto guarda, se ti vedono rubare di notte nessuno ti dice niente, non mi guardano neppure in faccia. Una volta ho aperto una catena multifilo – formata da tanti fili d'acciaio intrecciati - che è difficile da aprire con un tronchese taglia-bulloni ma con tronchesino da 5 euro ci vogliono 3 minuti, perché tagli un filo alla volta. Mentre lo stavo facendo mi è passato accanto un ragazzo, ma non ha alzato lo sguardo da terra”.


..e' la cosa che , pultroppo, mi ha piu' colpito...
Brompton M3L black

Offline bromptonian

  • maestro
  • ****
  • Post: 260
  • Reputazione: +3/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #7 il: Novembre 01, 2012, 02:43:27 pm »
@ occhio.nero: ho cercato anche io argomenti passibili di discussione ma non ne ho visti! questa intervista in soldoni dice: qualunque cosa i ciclisti facciano per assicurare la bici, noi ladri le freghiamo e le continueremo a rubare, indisturbati nel nostro "mestiere" e nelle nostre attività visto che anche nel caso in cui siamo colti in flagrante delitto noi agiamo indisturbati!

certo, per certi versi l'intervista è un inno alle pieghevoli che non si lasciano al palo! ma non mi sembra un punto a favore dell'articolo e dell'intervista.
bromptonian

Online Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 2776
  • Reputazione: +198/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #8 il: Novembre 01, 2012, 03:02:13 pm »
Io la penso come Federico; qualche spunto interessante c'è, magari anche solo in negativo (ci dice quali sistemi non servono a niente, quindi tanto vale abbandonarli); non condivido invece lo sdegno di altri: credo che ci siano stati esempi di fuorilegge (hacker, falsari ...) poi "riciclatisi" come esperti al servizio delle forze dell'ordine, quindi se parla un "esperto" può valere la pena di starlo ad ascoltare. Dopo tutto non è un ex terrorista pluriomcida che cerca di riciclarsi come maitre-à-penser...

Sempre che sia tutto vero: anche a me viene il sospetto che fra le righe ci sia anche  un mezzo spot per Kriptonite.

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline Piegaevai

  • iniziato
  • *
  • Post: 6
  • Reputazione: +1/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #9 il: Novembre 01, 2012, 03:53:08 pm »
Per quanto mi riguarda può anche usare il flessibile...la mia cara viaggia sempre con me!!! Me la dovrebbe staccare dalle mani o rubare mentre ci sono seduto sopra...non la mollo neanche in treno!!!!!! Anche se possa essere uno spot, comunque, occhi aperti ragazzi!!!!!!
« Ultima modifica: Novembre 01, 2012, 03:57:36 pm by Piegaevai »

Offline foldingfan

  • non penserai di sorpassarmi impunemente solo perché ho le 20"?! ;)
  • maestro
  • ****
  • Post: 463
  • Reputazione: +31/-0
  • chi va soltanto in auto ha qualcosa da nascondere
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #10 il: Novembre 01, 2012, 07:21:41 pm »
Secondo me e' da prendere per buona, in fondo dice cose che piu' o meno sapevamo gia': lucchetto corto, a U, ecc...

Certo viene un po' da diffidare non essendo questo un pentito: va bene la commedia all'italiana, siete talmente fessi che ve lo dico tanto poi ve le frego lo stesso... ahah pero' scherzi a parte, non mi aspetto che dica proprio proprio tutto... ma chissa' magari e' in via di pentimento...

Il kryptonite newyorker era il lucchetto che mi aspettavo dicesse, che ci crediate o no non lavoro per la kryptonite e quindi non penso neanche lui...

trovo interessanti due conferme a quello che un po' si subodora: che le bici brutte son meno prese di mira, e soprattutto che lasciarla in giro di notte fa una bella differenza...

scrivo questo per segnalare invece l'unico pezzo un po' incredibile: il vigile! o lui e' un attore da Oscar (possibilissimo) o (anche) ha beccato il vigile ingenuo... perche' una mia amica straniera aveva lasciato una bici legata in italia, ho chiesto a un ferramenta se potevamo prenderla e lui ha detto che non poteva venire senza accompagnamento (previa credo, esplicita richiesta, ecc.) di un vigile. Insomma anche una bici che sai che nessuno reclamera' mai (perche' di amici o tua) e' ben poco prelevabile!

(la bici in questione l'abbiam lasciata al palo... non valeva la richiesta e lo sbattimento...)

E, dulcis in fundo, non oso pensare a chi se la trova sparita, poi riappare sequestrata dalle forze dell'ordine e non puo' neanche farsela restituire perche' non puo' provarne la proprieta'... riderei ma invece tocco ferro  ::)

« Ultima modifica: Novembre 01, 2012, 07:24:04 pm by foldingfan »
FF

Offline bitzo

  • assistente
  • ***
  • Post: 179
  • Reputazione: +43/-0
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #11 il: Novembre 05, 2012, 03:25:50 pm »
Pare che il lucchetto che usa il kryptonite abbia un baco sfruttabile.
http://www.wired.com/culture/lifestyle/news/2004/09/64987
ci sono diversi video in rete su prove fatte da non addetti ai lavori che riescono a forzarlo. Un alternativa decisamente costosa è un lucchetto Sargent & Greenleaf .

Offline foldingfan

  • non penserai di sorpassarmi impunemente solo perché ho le 20"?! ;)
  • maestro
  • ****
  • Post: 463
  • Reputazione: +31/-0
  • chi va soltanto in auto ha qualcosa da nascondere
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #12 il: Novembre 05, 2012, 05:28:49 pm »
ottimo il link, mi prenderei male ma se vedo bene questa scoperta è del 2004... da un lato spero che la Krypto si sia aggiornata, dall'altro che se non si è diffusa come pratica finora, magari non si diffonde ancora per un po'...  :)

anzi vedo qua da Wikipedia ("Kryptonite lock"):

Until 2004, Kryptonite locks used the tubular pin tumbler locking mechanism. Videos circulating on the Internet demonstrated that some tubular pin tumbler locks of the diameter used on Kryptonite locks could be easily opened with the shaft of an inexpensive Bic ballpoint pen of matching diameter.
 
In 2005, Kryptonite changed their locks from a tubular-key to an I-key, which stopped the ability of a BIC pen or other cylinder shaped object from defeating the locking system.

Poi wikipedia dice che ci sono altri metodi, del calibro di pompe idrauliche, motoseghette per metalli, vabbeh... a quel punto allora infatti posson sempre segare il palo e portarsi via anche un pezzo di casa a cui l'hai legata  ;D
« Ultima modifica: Novembre 05, 2012, 05:33:22 pm by foldingfan »
FF

Offline Andre@

  • gran visir
  • *****
  • Post: 864
  • Reputazione: +53/-0
  • Io pedalo ... e l'ho voluto ;)
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #13 il: Agosto 27, 2013, 11:24:53 pm »
[STAFF: questi contributi vengono da un'altra discussione ]

Non sono io che dico che..tutti sono apribili, vai su youtube e cerca li i tuoi dubbi.

Dico che non c'e' un lucchetto sicuro, appena viene immesso sul mercato, per quanto nuovo possa essere, dopo 3 giorni su internet c'e' come aprirlo, con le buone o con le cattive.

Ho visto...
lucchetti enormi fallire, avendo il ladro tagliato la catena
catene sicurissime fallire, avendo il ladro tagliato il lucchetto
fallire catene lucchetti e kriptoniti....tutto per pali tagliati, sdradicati, smontati cartelli...

Insomma se la puntano la prendono, valgono le solite regole, rendere la cosa meno appetibile.
Io la tern non la lascio mai, e se proprio devo sgancio i fermi come suggerito, e metto un lucchetto ad U cinese da 25 euro che almeno suona se la toccano. Sono conscio del fatto che e' una bici e come ti giri non c'e' piu. Lo so, vivo la vita in modo pessimistico, ma se non fai cosi...beh...sgratsgrat...

Detto questo, la tratto come fosse un cellulare, lo lascio dove mi fido.

PS: vai a vedere come si aprono quelli a combinazione ;)

« Ultima modifica: Agosto 28, 2013, 09:35:23 am by occhio.nero »
It's my Tern P9 ... Ex-Frecciarossa ... Bellizzzima  ::)    -    E-MtB: La Pinta

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9881
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Un ladro: come rubare una bici (e come non farsela rubare)
« Risposta #14 il: Agosto 27, 2013, 11:25:35 pm »
sante parole... concordo in pieno  ;D
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Tags: furti