Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Vivere rinunciando all'auto  (Letto 16292 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
Vivere rinunciando all'auto
« il: Dicembre 13, 2012, 12:12:39 pm »
### ETC1 Elenco Topic Correlati: cliccare sui TAG arancioni in cima ed in  fondo a questa discussione (altre info sui TAG  qui)
-----------------------------



Riusciresti a vivere senza un'auto? Per una famiglia di Vancouver è stato più facile di quello che sembrava...

Melissa Bruntlett vive a Vancouver con il marito e due bambini piccoli. A giugno del 2010, insieme hanno preso una decisione che ha cambiato per sempre la vita della loro famiglia.

Con un lavoro a circa dieci 10 km da casa e l'accesso alle piste ciclabili, hanno deciso di vendere la loro auto e rinunciare all'auto. A quel tempo, sembrava una decisione davvero difficile e Melissa aveva molti dubbi in merito ma, poi, con i soldi che hanno ricavato dalla vendita della loro macchina, hanno acquistato alcune bici, tra cui una per la figlia maggiore di quattro anni e un rimorchio per il loro bambino di 1 anno.

Sono allora partiti per un viaggio alla scoperta del mondo che li circondava e hanno imparato a vivere la loro città in modo diverso. Come diventa piccola quando si viaggia su due ruote! La cosa più importante che hanno imparato, però, è cercare di condividere questa esperienza con gli altri per incoraggiarli a rinunciare all'auto e provare come muoversi in sella ad una bici posso essere più semplice e divertente di quanto sembri.

Se la vostra città prevede piste ciclabili, iniziate subito a sfruttarle. Melissa ha così scoperto che i posti che una volta considerava troppo lontani per essere raggiunti in bici erano in realtà molto più vicini, e talvolta era persino più semplice e veloce raggiungerli in bicicletta.
Un esempio? Un viaggio per accompagnare i bambini in piscinaper cui ci sarebbero voluti 20 minuti di auto, li raggiunge adesso in appena 10 minuti!

Con le bici... addio preoccupazioni e addio autobus, traffico e parcheggi. Sì, una macchina in alcuni casi è indispensabile e quando fa freddo può essere più comoda... ma chi non rinuncerebbe ad un po' di comodità per trascorrere del tempo con i propri bambini restando attivi allo stesso tempo?
E' una scelta sulla quale Melissa -e tanti come lei- non si sognerebbero mai di tornare indietro!

Marianna Norillo

fonte: http://www.yeslife.it/vivere-senza-auto-famiglia-in-bici-2863
« Ultima modifica: Marzo 16, 2017, 09:31:33 pm by occhio.nero »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline speedtriple

  • assistente
  • ***
  • Post: 126
  • Reputazione: +21/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #1 il: Dicembre 13, 2012, 12:33:28 pm »
Nessunconfine, sei una fonte inesauribile di interessanti spunti. Complimenti!
Speed
Paolo - Specials Oyama and Hoptown biker -

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #2 il: Dicembre 13, 2012, 12:36:49 pm »
ma figurati, riporto solamente  ;)
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #3 il: Dicembre 13, 2012, 01:13:05 pm »
Interessante che per parlare di giugno 2010 si dica "A quel tempo, sembrava una decisione davvero difficile". Questo dimostra come le cose (e la percezione delle cose) in questo campo possano cambiare radicalmente in appena 2 e mezzo. Almeno in Canada, poi da noi boh...
« Ultima modifica: Dicembre 13, 2012, 01:14:40 pm by Hopton »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline beaturbano

  • pedalando s'impara
  • gran visir
  • *****
  • Post: 1640
  • Reputazione: +93/-1
  • broonpton S3L grezza
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #4 il: Dicembre 13, 2012, 01:31:03 pm »
siiii può fareeee!!
grazie Lorenzo!
citizen cyclist [utente leggero della strada]
non possiamo pretendere di risolvere i problemi pensando allo stesso modo di quando li abbiamo creati - albert einstein ||| è una questione di qualità - cccp

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #5 il: Febbraio 04, 2013, 03:51:52 pm »


Senz’auto: è nato un progetto.

Mi chiamo Paolo Pinzuti, ho 34 e sono pulito da quasi due anni.

Non ho mai posseduto un’automobile, ma per un breve periodo della mia vita ho avuto a disposizione un’auto aziendale.

Nella mia vita ho vissuto in posti molto diversi tra loro: in provincia di Varese e di Monza, a Forlì, a Mallorca, Brema, Norimberga, Kassel e oggi vivo in Turchia, nella città di Smirne. Anche senz’auto sono riuscito a condurre una vita estremamente piacevole e ricca di soddisfazioni: con i (tanti) soldi risparmiati mi sono permesso di viaggiare e di visitare luoghi lontani, anche per periodi di tempo abbastanza lunghi. Non avendo un’auto da mantenere, anche i periodi di disoccupazione non sono mai stati troppo duri.

Certo, ho dovuto sostenere dei compromessi: niente spesa al centro commerciale fuori città, ma solo nel quartiere dove ormai sono amico di tutti i negozianti (ieri il pasticcere mi ha visto un po’ giù di morale, mi ha fermato e mi ha regalato un dolcetto appena sfornato), tessera annuale dei mezzi pubblici, perfetta conoscenza delle reti di trasporto pubblico, qualche amicizia tra i tassisti del quartiere, tanta bicicletta e niente tessera della palestra.

Chiarisco subito: non sono contrario all’automobile in se che, anzi, ritengo sia un mezzo di trasporto fantastico, ma sono profondamente disgustato dalla motorizzazione di massa che ha portato le nostre città a diventare dei luoghi inquinati e invivibili, in cui ogni giorno si consumano delle lotte disumane per lo spazio.

Appartengo a quella generazione che da bambini poteva giocare in strada, poteva andare a scuola da sola e trascorrere i pomeriggi in giro e l’importante era tornare a casa prima che facesse buio.  Guardando le nuove generazioni, penso di essere stato molto fortunato. In qualche modo è successo che un giorno la convinzione che tutti debbano necessariamente possedere un’auto abbia scalzato il diritto a vivere in città pulite e sicure e vorrei poter tornare indietro.

Questo spazio web nasce quindi come strumento di resistenza e per diffondere consapevolezza perché un futuro diverso per i nostri figli e per le nostre città è possibile. Ho aperto questo spazio web, ma non lo voglio considerare mio, bensì di tutti coloro che vorranno sognare città diverse. Se anche tu sei pulito e vuoi raccontare come fai a sopravvivere senz’auto, scrivimi ( ilpinz@yahoo.it ) . Pubblicherò volentieri la tua testimonianza.

Scrivi anche se hai dei dubbi o delle domande su come fare a… troveremo una soluzione insieme.

E per essere informato su quello che avviene nel mondo senz’auto, iscriviti alla pagina Facebook ( https://www.facebook.com/LiberaciDallauto ).

fonte: http://liberacidallauto.wordpress.com/2013/01/31/senzauto-e-nato-un-progetto/
indirizzo blog: http://liberacidallauto.wordpress.com/
« Ultima modifica: Febbraio 11, 2017, 09:58:49 pm by occhio.nero »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #6 il: Aprile 24, 2013, 04:44:06 pm »
Senzauto.it | Diana, che ha scambiato l’auto per una bici pieghevole



Sono Diana, vivo a Modena e da oltre un anno ho abbandonato l’auto per gli spostamenti in città e in particolare per andare al lavoro e per fare le commissioni.
L’approccio alla bici è stato graduale ma alla fine ho deciso che potevo fare a meno di spesa in benzina e stress causato dal traffico e dalla ricerca strenua di un parcheggio.
Ho così deciso di acquistare una bici pieghevole, che mi ha permesso di andare in bici al lavoro e in più posso stipare la bici sul posto di lavoro senza paura che me la rubino, nonchè di portarla sempre con me.

Molti aspetti della mia vita sono cambiati:

1) ho venduto una delle due auto di casa e l’altra la usiamo solo saltuariamente con una spesa mensile complessiva  di euro 20 di benzina.

2) mi sposto ogni giorno in bici pieghevole per andare al lavoro, sia con il sole che con il freddo e il caldo, nonchè con la pioggia (quella cosa strana che cade dal cielo e che vedevo come una maledizione può risultare rilassante e
divertente se ci pedali in mezzo con le dovute protezioni rainproof!!). Impiego meno tempo, mi incavolo meno (no stress per parcheggio nè per automobilisti incapaci di guidare), mi rilasso pedalando e vedo la città non più distrattamente attraverso un finestrino, ma vivendo il viaggio fino al lavoro, metro per metro.

3) con i miei 7/10 km al giorno di bici evito di spendere soldi in palestra ma faccio la mia bella attività fisica quotidiana, che migliora umore, gambe e cuore.

4) Raggiungo i posti più rapidamente e guadagno tempo: quando per lavoro mi sposto con le colleghe da un cantiere ad un altro tra mattina e pomeriggio, con solo 1 ora e poco più tra recupero auto, spostamento e pranzo, lo faccio, anzi, lo facciamo in bici + auto. Guadagnamo circa 15 minuti in più!!E per noi vuol dire mangiare con più calma e prepararci al lavoro pomeridiano con maggiore
serenità.

5) Anche per piccole commissioni/ spesa uso la bici: un anno fa non l’avrei mai pensato possibile, e invece si può fare ed è veloce e comodo! Per questo ho attrezzato la city bike in versione Cargo bike con due supporti rinforzati e due capienti cestini e un carrello per la spesa più impegnativa!!

6) Ho imparato a conoscere meglio il mezzo su cui pedalo e ho risistemato anche bici di colleghe..Io, che non sapevo neanche cambiare una camera d’aria!!!

Posso dire che tutti questi cambiamenti sono stati positivi, e mi fanno ora approcciare alla vita in modo diverso e più ecologico e sostenibile: questo grazie all’uso della bici, nel mio caso pieghevole.
Mi sono così appassionata a questo nuovo modo di spostarmi  che ho realizzato anche un video per pubblicizzare la diffusione delle bici pieghevoli e più in generale dell’uso della bici.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=Xs5wGHFO-LY

Fonte | http://www.senzauto.it/diana-che-ha-scambiato-lauto-per-una-bici-pieghevole/

Ecco la nostra moderatrice  ;D
Lorenzo - Tern Link P9

Offline FoldingStyle

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1292
  • Reputazione: +105/-0
    • Folding Style
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #7 il: Aprile 24, 2013, 05:51:00 pm »
A quanto pare quest'articolo era già stato postato:
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=2793.msg34051#msg34051

Comunque sia complimenti Diana!! ;D

Un saluto.
Dahon Ios X9 Nickel - Dahon Classic III Burgundy Red - Brompton M6L Black Edition Black - Birdy City Premium White

Offline Brivido

  • assistente
  • ***
  • Post: 210
  • Reputazione: +6/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #8 il: Maggio 13, 2013, 11:18:43 am »
chi è riuscito ad intraprendere una vita senza auto è ammirevole ma deve sapere anche che la sua scelta implica, tranne rari casi, delle conseguenze tutt'altro che ecologiche

mi spiego

ho un caro amico che è senza patente, parliamo di persona con più di 40 anni......trovarci è sempre un problema perchè abitiamo a circa 40 km ... e se per me non è un problema andarlo a trovare per lui lo è venire....... treno certo ma poi? devo andarlo a prendere in stazione o deve venire in taxi e sempre auto è............ ora si è sposato e le moglie ha l'auto, non potrebbero non essere cosi perchè ha figli.........e chi li porta e come nelle varie attività?
senza parlare degli acquisti............si certo comperi quel che necessiti dietro l'angolo ma parliamo di cibo che pagherai molto di più e tutto il resto? beh lo acquisti on-line e ti arriva a casa certo, tramite corrieri con trasporto merce a gomma.......e dov'è il non inquino?

al giorno d'oggi non è concepibile non avere almeno 1 auto a casa, piaccia o no.........a meno di non essere single e non acquistare nulla a distanza......... (gusti)
Brivido.............. Brompton M3L black, brooks B17 special honey, Schwalbe Marathon

Offline giorgio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 525
  • Reputazione: +21/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #9 il: Maggio 13, 2013, 11:41:36 am »
quindi la adesso la bici inquina più dell'auto?  ???
Brompton H3L Racing Green - B17 special - plump leather grips - bikefun chain tensioner - 35° BIC 2013 - 69° BIC 2014

Offline b.saso93

  • assistente
  • ***
  • Post: 192
  • Reputazione: +12/-0
  • mezzo di trasporto? trasporto del mezzo!
    • casa-universit
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #10 il: Maggio 13, 2013, 11:45:56 am »
non mi trovo d accordo. vero che non ho nemmeno la macchina ma penso di potermi permettere una,analisi...
molto semplicemente chi usa la bici quotidianamente non usa la macchina e quindi in tutti quei momenti non inquina, nei momenti in cui deve fare lunghi spostamenti puo usare i mezzi di trasporti pubblici e allora in quel caso starà comunque facendo una scelta eco friendly maggiore che usare una nacchina. in fine nei casi estremi in cui nn puo usare x nessuno motivo la bici e verrà costretto a usare un irdine online e quindi un corriere o altro avrà comunque usato la bici  tt il resto drl suo tempo. cn il corriere farà arrivare cio che voleva a casa (che ne so penso ad un mobile) , con un corriere che magari in giornata fa altre dieci consegne...  quindi imho è possibile fare il 90% delle cise su una bici (soprattutto se pieghevole) e il resto sarà comunque rmeglio, da un punto di vista ambientale (un po x tt i tipi d inquinamento) se viene effettuato senza auto.
no auto= un auto in meno.
:-)

Offline Brivido

  • assistente
  • ***
  • Post: 210
  • Reputazione: +6/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #11 il: Maggio 13, 2013, 11:47:07 am »
quindi la adesso la bici inquina più dell'auto?  ???

mi sembra che tu abbia una particolare predisposizione ad interpretare a modo tuo quel che io scrivo..................per cortesia mi quoti LA ESATTA FRASE dove io avrei detto questo?
Brivido.............. Brompton M3L black, brooks B17 special honey, Schwalbe Marathon

Offline Brivido

  • assistente
  • ***
  • Post: 210
  • Reputazione: +6/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #12 il: Maggio 13, 2013, 11:53:31 am »
non mi trovo d accordo. vero che non ho nemmeno la macchina ma penso di potermi permettere una,analisi...
molto semplicemente chi usa la bici quotidianamente non usa la macchina e quindi in tutti quei momenti non inquina, nei momenti in cui deve fare lunghi spostamenti puo usare i mezzi di trasporti pubblici e allora in quel caso starà comunque facendo una scelta eco friendly maggiore che usare una nacchina. in fine nei casi estremi in cui nn puo usare x nessuno motivo la bici e verrà costretto a usare un irdine online e quindi un corriere o altro avrà comunque usato la bici  tt il resto drl suo tempo. cn il corriere farà arrivare cio che voleva a casa (che ne so penso ad un mobile) , con un corriere che magari in giornata fa altre dieci consegne...  quindi imho è possibile fare il 90% delle cise su una bici (soprattutto se pieghevole) e il resto sarà comunque rmeglio, da un punto di vista ambientale (un po x tt i tipi d inquinamento) se viene effettuato senza auto.
no auto= un auto in meno.
:-)

non voglio ricordare che un camion, pur facendo consegne multiple, inquina ben di più di un'auto
ma ti esorto a non "potare" la restante mia riflessione riguardante i figli............. da quel che vedo hai 19 anni............ sforzati di immaginarti (e ti assicuro è difficile) d'essere già convivente e con un paio di figli...........ed avere solo biciclette

basta che un figlio stia male in pieno inverno ed hai la necessità di portarlo in ospedale.............. ma credo tu sia molto lontano da questi ragionamenti......

il principio del non-inquino è lodevole e bisogna spingere su questo..............ma è sempre integrato con le esigenze personali, intese come famiglia, non come singolo
Brivido.............. Brompton M3L black, brooks B17 special honey, Schwalbe Marathon

Offline Matt-o

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3217
  • Reputazione: +100/-2
    • Alcune delle mie foto (certe infattibili senza arrivarci in Brompton)
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #13 il: Maggio 13, 2013, 01:22:37 pm »
Brivido,
mi trovo in linea di massima in accordo con i principi che esprimi (magari meno con alcune modalità ::) ): la bici è un ottimo mezzo ed è bellissimo poterla usare tutte le volte che si può/vuole. Ci sono dei casi in cui non si può fare a meno dell'auto (a meno di accettare gravissimi disagi), in tali casi la uso (oggi sono in auto per dirne una) assolutamente senza farmi problemi (ed avendo famiglia e due figlie capisco perfettamente il tuo ultimo ragionamento, infatti uso la bici essenzialmente per spostamenti casa-lavoro e viceversa quando le figlie le porta a scuola mia moglie).
Detto questo per quanto riguarda il tuo primo commento
chi è riuscito ad intraprendere una vita senza auto è ammirevole ma deve sapere anche che la sua scelta implica, tranne rari casi, delle conseguenze tutt'altro che ecologiche
mi sa che non hai letto del tutto l'articolo legato all'esperienza raccontata da Diana, ed in particolare:
Citazione
1) ho venduto una delle due auto di casa e l’altra la usiamo solo saltuariamente con una spesa mensile complessiva  di euro 20 di benzina.

Dal canto mio posso dire che ho acquistato la pieghevole quando, causa un trasferimento di lavoro, non avrei più potuto raggiungere il posto di lavoro coi mezzi pubblici e sarei stato costretto ad acquistare una seconda auto o altro mezzo a motore. In questo modo invece in famiglia andiamo avanti benissimo con un'auto sola. Certo, qualche raro caso in cui due auto farebbero comodo pure a noi ci sono, ma niente di irrinunciabile e non legati a casi di urgenza (vedi esempio del bimbo che sta male). Piccolissimi e rari "disagi" ampiamente ripagati da tutti i giorni in cui mi sposto in bici ed arrivo a casa prima di quel che faccio quando, come oggi, son costretto a venire in auto per altre contingenze familiari.
« Ultima modifica: Maggio 13, 2013, 01:24:22 pm by Matt-o »
Brompton M6L nera - CO2 NON emessa a settimana: 9.3 kg

Offline Brivido

  • assistente
  • ***
  • Post: 210
  • Reputazione: +6/-0
Re:Vivere rinunciando all'auto
« Risposta #14 il: Maggio 13, 2013, 01:39:33 pm »
Brivido,
mi trovo in linea di massima in accordo con i principi che esprimi (magari meno con alcune modalità ::) ): la bici è un ottimo mezzo ed è bellissimo poterla usare tutte le volte che si può/vuole. Ci sono dei casi in cui non si può fare a meno dell'auto (a meno di accettare gravissimi disagi), in tali casi la uso (oggi sono in auto per dirne una) assolutamente senza farmi problemi (ed avendo famiglia e due figlie capisco perfettamente il tuo ultimo ragionamento, infatti uso la bici essenzialmente per spostamenti casa-lavoro e viceversa quando le figlie le porta a scuola mia moglie).
Detto questo per quanto riguarda il tuo primo commento
chi è riuscito ad intraprendere una vita senza auto è ammirevole ma deve sapere anche che la sua scelta implica, tranne rari casi, delle conseguenze tutt'altro che ecologiche
mi sa che non hai letto del tutto l'articolo legato all'esperienza raccontata da Diana, ed in particolare:
Citazione
1) ho venduto una delle due auto di casa e l’altra la usiamo solo saltuariamente con una spesa mensile complessiva  di euro 20 di benzina.

Dal canto mio posso dire che ho acquistato la pieghevole quando, causa un trasferimento di lavoro, non avrei più potuto raggiungere il posto di lavoro coi mezzi pubblici e sarei stato costretto ad acquistare una seconda auto o altro mezzo a motore. In questo modo invece in famiglia andiamo avanti benissimo con un'auto sola. Certo, qualche raro caso in cui due auto farebbero comodo pure a noi ci sono, ma niente di irrinunciabile e non legati a casi di urgenza (vedi esempio del bimbo che sta male). Piccolissimi e rari "disagi" ampiamente ripagati da tutti i giorni in cui mi sposto in bici ed arrivo a casa prima di quel che faccio quando, come oggi, son costretto a venire in auto per altre contingenze familiari.

ciao
si ma avevo letto bene il post di Diana, infatti il mio intervento era un discorso in generale e non mirato a nessuno in particolare, mi sembrava semplicemente  inutile aprire un nuovo thread su questo argomento ma implementare quel che c'era già

a riguardo della tua scelta.........hai fatto bene...........ma è sempre un caso personale, se tua moglie avesse un lavoro ad una ventina di km di distanza senza mezzi pubblici e tu fossi nella stessa situazione non avresti alcuna scelta ed avresti due auto

mi sembra (e non è rivolto a te) che qui si parli solo di persone che vivono a milano, roma, torino e che lavorano a 5 km dal posto di lavoro o che hanno 100 modi diversi di raggiungere il posto di lavoro......si autodefiniscono ecologici e criticano gli altri...............beh in quei casi è OVVIO che si deve prediligere i mezzi pubblici/biciclette...........ma mica l'Italia è fatta da 3/4 città...............e tutti gli altri?

mah................
Brivido.............. Brompton M3L black, brooks B17 special honey, Schwalbe Marathon

Tags: auto_bici cultura