Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Rinpo Yak, l’esule tibetano su due ruote  (Letto 1418 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
Rinpo Yak, l’esule tibetano su due ruote
« il: Maggio 29, 2013, 08:53:29 pm »
Rinpo Yak, l’esule tibetano su due ruote

Zaino in spalla, grosse borse appese al portapacchi e una bici. Ecco l'equipaggiamento di Rinpo Yak, 42 anni, tibetano rifugiato negli Stati Uniti dal '98. Vive in Minnesota con la moglie e due figli pur sentendosi «sempre ospite in un altro Paese che non è il mio», ha raccontato. Per questo ha deciso di fare sentire la propria voce intraprendendo una pedalata solitaria, attraversando 150 paesi e città di 13 Stati europei per sensibilizzare i potenti alla causa del popolo tibetano.

«TORNI IL DALAI LAMA» - Mercoledì ha fatto tappa a Milano, accolto dall'assessore ai Trasporti della Provincia Giovanni De Nicola e dal presidente del consiglio Bruno Dapei dopo essere stato ospite dalla comunità dei monaci in città. Rinpo ormai è un bandiera mobile. Dal 2000 ha visitato 44 degli Stati Uniti e ora tocca all'Europa: partenza il 13 marzo da Bruxelles. «I giovani tibetani devono essere ascoltati, ci stiamo sacrificando e viviamo lontano dalla nostra Terra. Inoltre chiediamo il ritorno del Dalai Lama», ha dichiarato.


LE TAPPE - Dopo Milano si sposterà in Austria, Repubblica Ceca, Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia, Paesi Bassi e Inghilterra. Dalle tasche spuntano decine di piccoli quaderni pieni zeppi di appunti. I chilometri macinati (150 circa al giorno), il racconto della fatica del viaggio, le firme e le testimonianze delle persone che ha incontrato. E proprio queste firme saranno poi raccolte in un libro e spedito alla Comunità europea al termine della marcia. «Solo così si saprà che molti sostengono la causa del mio popolo».



29 maggio 2013 | 19:43

Foto | http://midilibre.fr/
Foto 2 | http://www.radical.es/
Fonte | http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_maggio_29/rinpo-yak-tibetano-rifugiato-ciclista-bicicletta-europa-2221397844145.shtml
Lorenzo - Tern Link P9

Tags: