Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: il casco (introduzione)  (Letto 174114 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline francesconazzaro

  • iniziato
  • *
  • Data di registrazione: Apr 2016
  • Post: 3
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +0/-0

+Info

  • Last Active:Dicembre 20, 2016, 12:24:59 am
il casco (introduzione)
« Risposta #420 il: Dicembre 16, 2016, 05:10:43 pm »
Preso il CLOSCA e rimandato indietro il giorno dopo
Che delusione

Ora aspetto di provare un ABUS

Ciao! mi puoi spiegare perchè il closca ti ha deluso? ero interessato a comprare il closca FUGA. E' lo stesso che hai provato tu?

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0

Offline Chiarella

  • assistente
  • ***
  • Data di registrazione: Giu 2017
  • Località: Bologna
  • Post: 139
  • attività:
    5%
  • Reputazione: +18/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 23, 2018, 01:24:50 pm
  • è tutto un equilibrio di periodi e di rapporti
il casco (introduzione)
« Risposta #421 il: Giugno 13, 2017, 09:01:33 am »
Ciao a tutti,
vorrei comprare un buon casco per i miei trasferimenti; per ora sto sto usando il btwin del mio compagno (taglia M) con cui però non mi trovo benissimo perché non lo sento molto calzante e aderente come vorrei.

Ho provato diversi modelli e...visto che mi piacciono le mezze misure (come le mezze stagioni  :P !!!) - la mia testa è a metà tra una taglia S e una M, nel senso che la S di solito calza bene alla larghezza massima, mentre la M calza bene con la regolazione.

Dalla vostra esperienza cosa mi consigliate?
Maglio una S pelo pelo o una M da stringere?

Per ora sarei orientata ai caschi della Nutcase perché - oltre che avere buone recensioni e prezzo abbordabile - sono anche molto belli  ;)

GRAZIE


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Santena
  • Post: 4792
  • attività:
    45%
  • Reputazione: +229/-1

+Info

  • Last Active:Maggio 22, 2018, 05:17:34 pm
  • Solvitur ambulando (pedalando)
      • Bikes & Co on Pinterest
il casco (introduzione)
« Risposta #422 il: Giugno 13, 2017, 09:25:40 am »
IMHO meglio abbondare un po' e giocare con le imbottiture che vengono fornite per "riempire"  (nella confezione di vendita solitamente ce ne sono di diversi spessori)
In questo modo avrai un casco sfruttabile anche in inverno che ti permetterà di indossare anche un berretto al di sotto.

Per quel che riguarda i Nutcase, l'unico problema è che non brillano per ventilazione, ma dipende molto dalle tue esigenze.

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0
« Ultima modifica: Giugno 13, 2017, 09:49:31 am by Sbrindola »

Offline boccia

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2013
  • Località: Roma
  • Post: 3183
  • attività:
    45%
  • Reputazione: +164/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 23, 2018, 01:45:42 pm
il casco (introduzione)
« Risposta #423 il: Giugno 13, 2017, 10:05:00 am »
Tendo a preferire i caschi che calzano ben aderenti alla forma della mia testa, senza stringere, ma senza "sciacquare" troppo. Diciamo che lascio lo spazio per un sottocasco invernale di quelli sottili. Il resto è regolazione.

Di solito scelgo caschi molto ventilati, ultimamente ho comprato un Briko Ventus e mi sto trovando bene. Questo però dipende dalle esigenze di ciascuno di noi, io sudo molto in testa.  ;)

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0

Offline Chiarella

  • assistente
  • ***
  • Data di registrazione: Giu 2017
  • Località: Bologna
  • Post: 139
  • attività:
    5%
  • Reputazione: +18/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 23, 2018, 01:24:50 pm
  • è tutto un equilibrio di periodi e di rapporti
il casco (introduzione)
« Risposta #424 il: Giugno 13, 2017, 01:05:23 pm »
Grazie per le info, metterò in pratica  a breve!  ;)

Non avevo pensato alla necessità di un sottocasco nel periodo invernale, ed effettivamente è una buona motivazione per propendere verso una M...

Grazie


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0

Offline Chiarella

  • assistente
  • ***
  • Data di registrazione: Giu 2017
  • Località: Bologna
  • Post: 139
  • attività:
    5%
  • Reputazione: +18/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 23, 2018, 01:24:50 pm
  • è tutto un equilibrio di periodi e di rapporti
il casco (introduzione)
« Risposta #425 il: Giugno 26, 2017, 09:56:26 pm »
Eccolo! Arrivato fresco fresco.
Casco nutcase.
È il mio primo casco....quindi potrei avere dei vizi di giuduzio.
A prima vista sembra estremamente leggero e protettivo. Tra i caschi nutcase è quello con maggiori fessure...in settimana lo testo e con i 35 gradi di Bologna potrò capire se sia abbastanza areato.

Calza bene e sembra molto aderente.
Il costo è di circa 70 euro (ci sono versioni anche x bambini).

Qui sono io con il casco e di seguito il casco...coloratissimo!!!

 



Con il casco vengono venduti 3 diversi cuscinetti interni



Ma è possibile regolare anche l'interno con la ckassica rotellina e una seconda regolazione interna





La chiusura è a scatto magnetico...super comoda e veloce e stra regolabile.

Ero a metà strada fra S e M....consiglio una M in questi casi perché si regola tutto veramente benissimo.
Credo che possa calzare diverse forme di testa senza problemi.  È molto avvolgente e stabile

La visiera si stacca e riattacca come preferisci!

Nel complesso super contenta....testo il casco questa settimana e vi aggiorno




Inviato dal mio GT-I9301I utilizzando Tapatalk
Ciao


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0
« Ultima modifica: Giugno 26, 2017, 10:07:52 pm by Chiarella »

Offline veeg

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2012
  • Post: 880
  • attività:
    35%
  • Reputazione: +90/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 17, 2018, 01:02:59 pm
  • RUN!RUN!RUN!
      • 90RPM
il casco (introduzione)
« Risposta #426 il: Giugno 27, 2017, 11:46:00 am »
Chiarella,
hai fatto bene a fotografarti con il casco indossato!
Mi permetto di dirti che così NON va bene: le imbottiture interne sono troppo spesse e rendono la calzata, nel tuo caso, troppo alta.
Hai la fronte, le tempie e la nuca troppo esposte e messo così il casco non ti garantice la protezione ottimale.

Sostituisci le imbottiture interne con quelle di minore spessore in modo che, indossato il casco, rimanga un dito tra sopracciglia e il casco.
Questo video ti può dare indicazioni più chiare:

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0

Offline Chiarella

  • assistente
  • ***
  • Data di registrazione: Giu 2017
  • Località: Bologna
  • Post: 139
  • attività:
    5%
  • Reputazione: +18/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 23, 2018, 01:24:50 pm
  • è tutto un equilibrio di periodi e di rapporti
il casco (introduzione)
« Risposta #427 il: Giugno 27, 2017, 11:56:10 am »
Ciao! ti ringrazio molto!! Questi suggerimenti, soprattutto per chi come me ha ancora tutto da imparare, sono importantissimi!!!! :D ;)

Grazie, oggi provvedo a sistemare il tutto per il meglio!
Grazie ancora  :-*

PS il video è il TOP

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0
« Ultima modifica: Giugno 27, 2017, 12:01:40 pm by Chiarella »

Offline veeg

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2012
  • Post: 880
  • attività:
    35%
  • Reputazione: +90/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 17, 2018, 01:02:59 pm
  • RUN!RUN!RUN!
      • 90RPM
il casco (introduzione)
« Risposta #428 il: Novembre 30, 2017, 12:08:12 am »
Visto che la tendenza è quella di non far preoccupare la mamma secondo voi sto MIPS nei caschi è solo marketing o può davvero fare la differenza tra un trauma cranico o un leggero mal di testa?
Guarda,
la tecnologia MIPS può essere utile in determinati casi, ma analizzando la capacità di scivolamento della controcalotta dei caschi da ciclismo che la utilizzano appare chiaro che si parla di un movimento molto limitato e questo è stato oggetto di dibattito e i dubbi sono ancora aperti.

Oltre a questo, i test di laboratorio eseguiti e pubblicizzati dall'azienda che detiene il brevetto sono stati ripetuti da laboratori indipendenti e i risultati sembrano contrastanti, in particolare pare che la testa del manichino utilizzato dall'azienda sia composta da una gomma ad alto grip, fattore non riscontrabile in una testa umana reale.
Questo materiale fa sì che durante lo slittamento delle calotte in fase di test, la parte interna appaia sempre in perfetta posizione rispetto al cranio del manichino.
Altri laboratori hanno evidenziato che utilizzando un manichino differente, ciò non avviene e si riscontra quindi un triplice slittamento: la calotta esterna sulla superficie d'impatto; quella interna su quella esterna; il cranio su quella interna. Quest'ultima secondo la tecnologia MIPS è un'eventualità che non dovrebbe avvenire.

A monte c'è però da dire che MIPS cerca di risolvere un problema reale e, a prescindere dai risultati più o meno efficaci, si tratta dell'unica tecnologia attiva attualmente in commercio che affronta la questione.

Avevo già accennato al fatto che le normative attualmente in vigore per l'omologazione di sicurezza appaiano evidentemente obsolete, sia nei test che nei requisiti e in futuro, tra le tante revisioni, è già stato chiesto di introdurre dei test specifici per la resistenza allo scorrimento delle calotte esterne da eseguire su superfici di materiale differente.
A mio parere un casco che calza alla perfezione, ben allacciato, con una calotta tondeggiante e liscia che possa scivolare sull'asfalto senza impuntarsi è più che sufficiente per la disciplina ciclistica.

A proposito del discorso "calotta liscia e tondeggiante" devo dire che è un fattore molto sottovalutato sia da alcuni costruttori che dagli utenti: più la calotta esterna è liscia e tondeggiante, più il casco è sicuro.
Spigoli, prese d'aria, nervature aggressive, cambi di superficie a beneficio dell'estetica, corna e orecchie varie applicate sui caschi da bambino... tutto questo crea elementi di fortissimo disturbo (se non d'impossibilità) nel caso di scivolamento da impatto e, inoltre, creano dei punti pericolosi che concentrano certe forze dinamiche e le disperdono internamente su una superficie ridottissima.

Riprendo questo vecchio messaggio per parlare nuovamente della tecnologia MIPS sempre più presente nei moderni caschi.
Ho appena pubblicato un lungo articolo che offre una panoramica sullo stato attuale e sui diversi punti di vista universalmente dibattuti.

Questo il link, spero che sia di vostro interesse: MIPS innovazione o marketing? https://90rpm.blogspot.it/2017/11/mips-innovazione-o-marketing.html

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=1171.0

Offline Matt-o

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Nov 2011
  • Località: Sesto Fiorentino
  • Post: 3173
  • attività:
    35%
  • Reputazione: +99/-2

+Info

  • Last Active:Maggio 23, 2018, 12:39:21 pm
      • Alcune delle mie foto (certe infattibili senza arrivarci in Brompton)
il casco (introduzione)
« Risposta #429 il: Novembre 30, 2017, 08:17:40 am »
Brompton M6L nera - CO2 NON emessa a settimana: 9.3 kg

Offline veeg

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2012
  • Post: 880
  • attività:
    35%
  • Reputazione: +90/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 17, 2018, 01:02:59 pm
  • RUN!RUN!RUN!
      • 90RPM
il casco (introduzione)
« Risposta #430 il: Dicembre 05, 2017, 03:48:12 pm »