Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Dahon Bullhead  (Letto 40231 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline blorenzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 40
  • Reputazione: +1/-0
Dahon Bullhead
« il: Novembre 30, 2011, 01:49:29 pm »
Ciao a tutti!!! Dopo mesi di indecisione finalmente sono passato anche io al mondo delle pieghevoli ;D
Ho comprato su eBay dal venditore tedesco Velokontor una Dahon Bullhead a 519? + 12 di spedizione. La bici è arrivata piegata e già montata (ad esclusione di pedali e manubrio) e nell'imballo era presente una scatola con all'interno: chiave a brugola misure 5 e 6 mm adatta per le regolazioni del manubrio e per la piega della bici, un flaconcino di vernice per i ritocchi, una fascia riflettente salvapantaloni, catarinfrangenti anteriore e posteriore oltre ovviamente a istruzioni molto dettagliate e 3 fogli stile "istruzioni IKEA" per la piega, il manubrio e la "dahon postpump". Nel prezzo il venditore ha incluso anche la sacca "CarryOn Cover" nel "borsello" da applicare sotto il sellino.

La bici adotta il sistema di piega LockJaw Hinge che consiste in due snodi sui 2 tubi orizzontali che vengono serrati con meno di mezzo giro della chiave a brugola e il mantenimento da piegata è garantito dai consueti magneti.

Il manubrio permette un vasto range di regolazioni e durante la piega, per ridurre gli ingombri, può essere posto parallelamente al telaio e ciò è facilitato dalla presenza di una linguetta sul canotto sterzo e da 2 cave analoghe sul supporto del manubrio in modo da avere solo 2 posizioni possibili(perpendicolare e parallela) e avere sempre la ruota nella giusta direzione.

Nonostante sul sito Dahon e nell'inserzione del venditore fosse specificato "cambio Nexus a 7 marce", la bici è arrivata con un Nexus a 8 marce...che bello!!! ;D

il modello esatto è SG-8C31 ed ha un gear ratio del 307%, i rapporti sono ben spaziati e sono perfetti sia per le salite sia per spingere in pianura e discesa (la 5° corrisponde al rapporto 1:1). Sul sito Shimano questo cambio risulta avere un'efficienza standard ma non ho rilevato alcuna perdita di potenza nella trasmissione. La possibilità di cambiare da fermo unita alla leva a manopola si adattano a ogni situazione (stop al semaforo e ripartenza, ecc.).
Per il resto gli stessi componenti e qualità delle altre bici Dahon di fascia "Premium".Punto a favore sono le Big Apple di serie quindi parafanghi e cerchi adeguati.

Nelle 2 volte in cui ci sono uscito l'ho trattata veramente male ::) la notevole rigidezza del telaio e la possibilità di alzarsi tranquillamente in piedi durante la pedalata per spingere con più forza mi hanno spinto a portarla sui sampietrini di Monteverde e sugli sterrati di Villa Pamphili (che non sono sempre tranquilli); la bici non ha fatto una piega, il telaio non si flette e la spinta sui pedali va diretta alla ruota...sembra di portare una MTB con l'agilità di un monopattino ;D. Naturalmente questo tipo di telaio ha come svantaggio quello di rendere la bici piegata leggermente più ingombrante di quelle con piega tradizionale ma se non si è vincolati dalla necessità di usarla per un'intermodalità spinta non è un problema. Io ad esempio la tengo nell'armadio e ci sta tranquillamente (insieme a parecchia altra roba :D)


Ciao a tutti,
Lorenzo
« Ultima modifica: Novembre 30, 2011, 10:43:47 pm by occhio.nero »
Dahon Bullhead 2011

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9877
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #1 il: Novembre 30, 2011, 07:16:16 pm »
grazie del contributo! :)

se non ho capito male, il manubrio si può anche sfilare per una maggiore compattezza. Confermi?


da altra discussione:
Anche io volevo prendere la Bullhead (che mi piaceva molto di più), ma poi mi son detto: con tutti i soldi che spendi sei sicuro di rischiare che sulla metro ti facciano storie perchè superi le dimensioni massime? Allora ho preferito non rischiare.


segnalo la discussione:
Manubrio piega corsa su Dahon Bullhead
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=977
« Ultima modifica: Marzo 15, 2012, 06:09:40 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline blorenzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 40
  • Reputazione: +1/-0
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #2 il: Novembre 30, 2011, 09:12:55 pm »
Praticamente questo supporto cilindrico con questa linguetta verticale dal profilo arrotondato è solidale alla forcella, una volta fissato il dado del tappo superiore non ruota.

Il supporto manubrio ha a sua volta 2 scanalature complementari alla linguetta del supporto cilindrico ruotate tra loro di 90°

perciò una volta accoppiati i 2 elementi cioè avendo fatto combaciare la linguetta con una delle 2 scanalature, il manubrio stesso sarà solidale con la forcella.

La bici piegata solo a metà si presenta così:


Ora per ridurre gli ingombri del manubrio si allenta il supporto (quello con le scanalature) e si sfila il tutto dal supporto cilindrico (quello con la linguetta)


Si ruota il tutto di 90° e si reinserisce facendo combaciare la linguetta con l'altra scanalatura e si stringe


Ultimo passo facoltativo, si allenta la brugola che permette la rotazione verticale del supporto manubrio, si piega quest'ultimo verso il basso e si stringe:


Spero sia stato più chiaro ora che ho messo le foto, anche se sembra macchinoso vi assicuro che già dopo un paio di volte lo si fa in massimo 20 secondi (10 secondi se non si piega il manubrio verso il basso). La piega totale (bici a metà + manubrio ruotato e abbassato) con un buon allenamento può essere effettuata tranquillamente in 30-40 secondi; per chi deve prendere un bus di corsa sono tanti ma in fondo come ho già detto non è una bici per l'intermodalità spinta
Dahon Bullhead 2011

Offline keyfaber

  • maestro
  • ****
  • Post: 281
  • Reputazione: +1/-0
  • Casco sempre in testa!
    • Percorso quotidiano casa-lavoro
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #3 il: Dicembre 02, 2011, 06:52:43 am »
Non mi è chiara una cosa.... ??? Per ripiegare e aprire la bicicletta devi utilizzare sempre una brucola?
HopTown 20", reggisella ammortizzato Suntour SP8-NCX, pedali alluminio MKS FD-7, sistema KlickFix su cannotto per zainetto, sistema luci Reelight
CO2 NON emessa a settimana: 10,094 Kg (tempo permettendo!)

Offline blorenzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 40
  • Reputazione: +1/-0
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #4 il: Dicembre 02, 2011, 08:08:42 am »
Sì, è una chiave a T fornita insieme alla bici. Sembrerà una noia doversi portare appresso al brugola ma a parte questo la piega è veramente veloce semplice. Io ad esempio ho un borsello sottosella in cui tengo la scatoletta per le forature e un attrezzo multiuso Decathlon con brugole, cacciaviti ecc. quindi il fatto di dover usare la brugola non mi condiziona avendola comunque sempre con me. Oggi faccio una foto alla chiave e la pubblico ;)
Dahon Bullhead 2011

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9877
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #5 il: Dicembre 20, 2011, 11:27:15 pm »
Appena saputo che Lorenzo aveva comprato la Bullhead,  galvanizzato dalle foto dettagliate che aveva pubblicato e memore della mia passata infatuazione per il modello SmoothHound.... come un implacabile cane da tartufo ho cominciato un lento ed instancabile lavoro di tampinamento che mi ha portato al fatidico incontro.
Con me, la gloriosa (ha qualche anno ma se li porta benissimo!) Dahon Mu P24, in versione "nuda".

La Bullhead appartiene alla famiglia delle "mini biciclette", da cui eredita il telaio. La Dahon però ha aggiunto una caratteristica interessante: la possibilità di piegarla per ridurre gli ingombri durante il rimessaggio (vedasi le discussioni nella sezione "caratteristiche tecniche e funzionali" per una introduzione alla  piega e al parcheggio).

Delle Dahon che siamo abituati a vedere in giro, condivide le ruote (da 20") e le dimensioni: il confronto con la Dahon MuP24 rivela che il triangolo manubrio-movimento-sellino risulta pressocchè identico. La riduzione della lunghezza del tubo orizzontale viene compensata dalla presenza della  pipa manubrio (assente nella P24) in modo che la distanza sellino-manubrio sia comparabile (circa 62 cm per la taglia "large" che ha comprato Lorenzo).
Come primo risultato, proprio grazie all'introduzione della pipa, ho percepito un miglioramento del comfort di guida: lo sterzo è meno "nervoso" di quello della P24.

il confronto tra la Dahon MuP24 e la Bullhead

A mio avviso la Dahon ha voluto diversificare la produzione orientandosi a modelli  che privilegino una maggiore robustezza, questo ovviamente a scapito degli ingombri da piegata.
Nella foto seguente si vede come lo spazio occupato dalla Bullhead ecceda delle zone gialla e rossa, quest'ultima annullabile a patto di sfilare completamente il manubrio.

gli ingombri a confronto

La maggiore robustezza sarebbe a mio avviso garantita:
  • dalla geometria a quadrilatero che duplica lo snodo centrale  e riduce le leve applicate dal manubrio e dal sellino. Immagino che  lo stress sulle giunture e sui punti di saldatura sia quindi inferiore, a tutto vantaggio delle  sezioni (e gli spessori?) del telaio.
  • dall'assenza dello snodo manubrio e dalla presenza di una pipa di caratteristiche simili a quelle montate sulle city bike: è possibile regolarne l'altezza e l'inclinazione attraverso la chiave a brugola fornita in dotazione.

(dettaglio di uno dei due snodi centrali, della pipa manubrio e della chiave a brugola necessaria per regolarli)

Lorenzo ha già spiegato approfonditamente le azioni da compiere per piegare il manubrio: sono possibili solo  due posizioni (pipa dritta o ruotata di 90gradi) garantite dalle due guide. In alternativa, è possibile sfilarlo e lasciarlo penzoloni (per eliminare l'ingombro individuato dalla zona rossa della figura precedente).

Intendo aggiungere qualcosa sulla tecnologia dei due  snodi centrali (identici, se non per la diversa inclinazione).
Al contrario di quanto si possa pensare, è sufficiente mezzo giro (od un quarto, non ricordo), affinchè lo snodo venga sbloccato. Questo grazie all'adozione   (suppongo) di un "albero a camme" (vedere lo schema nella figura seguente). La bontà della chiusura non è quindi legata a quanto forte stringo le brugole, ma alla rotazione dell'albero che alza ed abbassa il perno verticale (blu in figura) e quindi serra i segmenti frastagliati del telaio, portati a combaciare.

(dettaglio di uno dei due snodi centrali)

L'unica manutenzione necessaria sembra essere quella applicabile alla ghiera inferiore (n.2, colorato viola in figura), che regola la battuta del perno verticale.
Un suo allentamento a mio avviso rischierebbe di creare di pericolosi giochi, con la conseguente frizione (e consumo) dei due segmenti.
Resta da verificare, con il tempo, la bontà di questa soluzione.
Qualche interrogativo sul perno verticale nero demandato alla rotazione dei segmenti una volta liberati. E' sufficientemente robusto per assorbire eventuali stress del telaio piegato?

La Bullhead pesa qualche chilo in più della P24. Il cambio interno Nexus ad 8 marce risulta vistosamente più grande di quello SRAM a 3 marce.

(i mozzi posteriori delle due bici)

L'assenza del deragliatore permette di nascondere la catena sotto il corrugato, a tutto vantaggio della pulizia (dei vestiti e della bici). Aumenta un po' il rumore e l'attrito, ma niente che non sia tollerabile. Comunque sia, il corrugato è facilmente rimovibile.

(il dettaglio del corrugato copri catena)

La bici è equipaggiata con  copertoni maggiorati (Schwalbe 2x2.0 se non ricordo male), a tutto vantaggio del comfort di guida.
L'attacco sellino montato permette un maggior arretramento della sella, rispetto a quello della MuP24, per adattarsi meglio alle persone più alte.
Il trasferimento passivo si realizza controllando la bici dal sellino, con entrambe le ruote libere di rotolare (almeno in avanti).

(la bici nel trasporto passivo e nel confronto da piegata)

Il meccanismo di piega è sensibilmente più lento, non tanto per lo sblocco dei due snodi centrali, quanto per la rotazione del manubrio, che và allentato (con l'apposita brugola), sfilato, ruotato, infilato stretto di nuovo.
Considerata l'importanza della suddetta chiave a brugola (senza la quale è impossibile piegare la bici), mi sarei aspettato che trovasse naturale alloggiamento nel telaio. Nella realtà invece  viene fornita "sciolta". Che ognuno trovi il modo di portarla con sè.

Concludendo, la Bullhead interpreta a mio avviso le esigenze di chi è  più attento alla robustezza che all'intermodalità (dove sono  preferibili una  piega veloce ed ingombri ridotti).
Una utenza consapevole di  disporre di un mezzo che all'occorrenza riesce a "scomparire", senza per questo concedere troppo ai compromessi che le altre bici pieghevoli invece chiedono come tributo.

PS: chiedo aiuto a Lorenzo, per correzioni/aggiunte/osservazioni...
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline blorenzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 40
  • Reputazione: +1/-0
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #6 il: Dicembre 21, 2011, 12:19:02 am »
Una recensione veramente chiara e precisa, il disegno del meccanismo a camme della piega è spettacolare (anche io ho pensato fosse quello il principio di funzionamento..mi informerò);D
Confermo che la chiusura avviene con meno di mezzo giro di una chiave a brugola da 6 mm (penso non più di 120° come rotazione) e che gli pneumatici sono Schwalbe Big Apple 20x2.00.

Probabilmente sono andato un po' contro la tendenza a scegliere la bici più piccola e più leggera e ciò è giustificato dall'uso che ne devo fare: avevo bisogno di una bici per girare in città che entrasse nel mio armadio poichè nella nuova casa non ho nè cantina nè garage (e ripostiglio fin troppo pieno).
La dimensione da piegata perciò non era un problema durante la scelta anche perchè nella tratta urbana quotidiana per recarmi all'università sono molto ben collegato coi mezzi pubblici e l'alternativa con la bici sarebbero 3 strade ad alto scorrimento e con frequenti incidenti gravi (circonvallazione Gianicolense-via Majorana/via Grimaldi-viale Marconi...chi è di Roma ed è pratico della zona sa di cosa parlo) perciò l'unico requisito che ho cercato è stata la somiglianza ad una bici standard per quanto riguarda stabilità, rigidezza e feeling di guida.

Termino il post con le impressioni sul primo giro urbano degno di questo nome (20 km in totale secondo google earth): discesa da Monteverde a Trastevere (asfalto e pavè), ciclabile del Tevere (foglie impastate a fango, cocci di bottiglia e ancora pavè), attraversamento ponte della musica e giro panoramico di via del Corso e centro storico, ritorno a casa con tram (nessun problema con i passeggeri, più che altro curiosità). In definitiva lo ritengo un acquisto azzeccatissimo per le mie esigenze, la bici è scattante e reattiva e nello zigzagare tra le auto va che è un favola  ;D
Dahon Bullhead 2011

Offline sim1

  • gran visir
  • *****
  • Post: 950
  • Reputazione: +56/-4
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #7 il: Dicembre 21, 2011, 12:18:52 pm »
Buongiorno a tutti.

Son indeciso tra Speed P8, Bullhead e Dash P18.

Mi chiarite le idee delle differenze tra Bull e Dash?

Grazie!
Dott. Ing. Simone Lomuoio Tern Link D8 ND w/o
CO2 NON emessa a settimana: 9.36 kg - Carburante RISPARMIATO a settimana: 4.99 litri

Offline blorenzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 40
  • Reputazione: +1/-0
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #8 il: Dicembre 21, 2011, 12:56:55 pm »
La Bullhead e la Dash P18 sono sostanzialmente la stessa bici...il telaio è identico e lo stesso vale per il meccanismo di piega.
Le uniche differenze sono il cambio e gli pneumatici montati di serie (interno a 8 rapporti e Schwalbe Big Apple 50-406 (20 x 2.00) per la Bullhead, esterno classico a 18 velocità e Schwalbe Kojak 35-406 (20 x 1.35) per la Dash).

Queste differenze sono giustificate dalle diverse destinazioni d'uso dei due modelli: la Bullhead è una bici da città, la Dash è una bici da strada (sul sito Dahon sono inserite in queste 2 categorie differenti).

La Bullhead che ho preso io ha un cambio che non necessita praticamente di manutenzione e non ha bisogno di regolazioni frequenti ma soprattutto, non avendo parti esposte, non rischia di rompersi come i comuni deragliatori a causa di detriti, radici, urti ecc..(da segnalare inoltre che il cambio interno permette l'utilizzo di una catena più corta che non è sottoposta a flessioni longitudinali riducendo così l'usura anche di corona e rocchetto)
Il range dei rapporti è eccellente, sono ben spaziati tra loro e permettono di affrontare salite anche ripide (I° marcia) e di ottenere velocità sostenute (8° marcia). Gli pneumatici Big Apple sono l'ideale per la città e riducono di molto le vibrazioni e gli scossoni dovuti a marciapiedi, buche e pavè (io ci sono addirittura andato su uno sterrato medio e la bici si è comportata egregiamente). Se poi vuoi più reattività li gonfi a pressione più alta e, sacrificando un po' il comfort, otterrai una scorrevolezza incredibile (l'ho provati su strada e su pista ciclabile gonfiati al massimo e si comportano come gli pneumatici da strada più sottili)

Nella tua scelta dovresti valutare se dai la priorità alle dimensioni da piegata ridotte o alla robustezza del telaio, in questo modo potresti escludere la P8 o le altre 2....tra Bullhead e Dash come ho scritto prima dipende dall'uso che ne vuoi fare....in città e su sterrati senza dubbio la Bullhead da guerra urbana, su strada la corsaiola Dash.

Spero di esserti stato d'aiuto ;)

Lorenzo

P.S. le gomme naturalmente le puoi sostituire dopo...alla fine la cosa che veramente cambia tra le due bici è il cambio :D
Dahon Bullhead 2011

Offline sim1

  • gran visir
  • *****
  • Post: 950
  • Reputazione: +56/-4
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #9 il: Dicembre 21, 2011, 01:11:15 pm »
Grazie per la risposta.

Infatti una delle domande che volevo porti era se il cambio ti permetteva di superare tutte le condizioni. Infatti con la mia MTB 21 per i giri in città uso solo 3 rapporti.

Intermodalità spinta non mi interessa, mi serve una bici robusta che posso portarmi chiusa nel bagagliaio e un aiuto per i miei tour fotografici cittadini.

Ora devo cercare un venditore perchè su e-bay quello dove l'hai presa tu ne aveva due disponibili e le ha vendute tutt'e due...

(Se uno sei tu ti fischieranno le orecchie..)
Dott. Ing. Simone Lomuoio Tern Link D8 ND w/o
CO2 NON emessa a settimana: 9.36 kg - Carburante RISPARMIATO a settimana: 4.99 litri

Offline blorenzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 40
  • Reputazione: +1/-0
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #10 il: Dicembre 21, 2011, 01:41:39 pm »
Guarda prima di acquistarla ero uno di quelli che abituato ai 27 rapporti della MTB diceva "ma con meno di 10 rapporti che ci fai?".....naturalmente mi sbagliavo di grosso, gli 8 rapporti del nexus 8 sono veramente più che sufficienti, forse sono addirittura troppi, ne basterebbero 5 più spaziati.
Il primo rapporto è molto morbido e io che abito sul colle del Gianicolo a Roma lo trovo veramente perfetto tra sali-scendi del quartiere, l'ottava velocità invece mi permette agevolmente di filare nel traffico a velocità sostenute e di non essere di intralcio alle auto. La possibilità di cambiare da fermo e di passare, con il comando del cambio revoshift, dalla prima all'ottava e viceversa in un attimo è veramente una manna nelle fermate improvvise e ai semafori.

Calcola che è un modello che non verrà più prodotto e che quelle che vedi in vendita sono le scorte in magazzino....una volta terminate ti dovrai rivolgere all'usato ma bici come questa credo sia difficile trovarle così. Comunque ho appena controllato su ebay e il venditore ne ha ancora 2 disponibili (e credo parecchie in magazzino per il momento)..probabilmente dopo le festività e con i nuovi modelli in arrivo se ne rimarranno altre in magazzino il prezzo calerà ulteriormente...
Dahon Bullhead 2011

Offline sim1

  • gran visir
  • *****
  • Post: 950
  • Reputazione: +56/-4
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #11 il: Dicembre 21, 2011, 03:26:22 pm »
Domanda, ma il cambio non è a 7 rapporti? Sulla scheda c'è il Nexus 7
Scusate la mia ignoranza.
Dott. Ing. Simone Lomuoio Tern Link D8 ND w/o
CO2 NON emessa a settimana: 9.36 kg - Carburante RISPARMIATO a settimana: 4.99 litri

Offline Marcopie

  • apprendista
  • **
  • Post: 98
  • Reputazione: +16/-1
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #12 il: Dicembre 21, 2011, 03:27:45 pm »
Guarda prima di acquistarla ero uno di quelli che abituato ai 27 rapporti della MTB diceva "ma con meno di 10 rapporti che ci fai?"
In realtà i "27 rapporti" sono al massimo una dozzina, il resto sono doppioni...

Offline sim1

  • gran visir
  • *****
  • Post: 950
  • Reputazione: +56/-4
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #13 il: Dicembre 21, 2011, 03:29:24 pm »
Ri-domanda:

perchè non verrà più prodotto?

qual è il sostituto?

Dott. Ing. Simone Lomuoio Tern Link D8 ND w/o
CO2 NON emessa a settimana: 9.36 kg - Carburante RISPARMIATO a settimana: 4.99 litri

Offline blorenzo

  • iniziato
  • *
  • Post: 40
  • Reputazione: +1/-0
Re:Dahon Bullhead
« Risposta #14 il: Dicembre 21, 2011, 06:39:28 pm »
Domanda, ma il cambio non è a 7 rapporti? Sulla scheda c'è il Nexus 7
Scusate la mia ignoranza.

Teoricamente monta il nexus 7 però la bici che è arrivata a me come tutte le Bullhead vendute da Velokontor arrivano con il cambio a 8 rapporti (evidentemente in Germania il modello prevede quest'altro cambio)

Guarda prima di acquistarla ero uno di quelli che abituato ai 27 rapporti della MTB diceva "ma con meno di 10 rapporti che ci fai?"
In realtà i "27 rapporti" sono al massimo una dozzina, il resto sono doppioni...

Quello che dici è vero, mi sono espresso male, intendevo che venendo da una bici con maggiori combinazioni di rapporti tra rocchetto e corona il passaggio a una bici con una singola corona e cambio al mozzo a 8 rapporti avrei perso qualcosa...evidentemente mi sbagliavo...sarei infatti curioso di provare una brompton a 3 marce per vedere se con ancora meno rapporti la pedalata sia possibile senza problemi (farò presto un salto da bbike ;))

Ri-domanda:

perchè non verrà più prodotto?

qual è il sostituto?

Guardando sul nuovo sito Dahon --> http://dahonbikes.com/index.php/bikes/show/342.html tra i modelli 2012, l'unico con tecnologia di piega Lockjaw Hinge come la Bullhead, è la nuova Dash P18 che si differenzia dalla vecchia per i pedali sfilabili e per il manubrio Andros mi sembra....ho perciò dedotto che la Bullhead non essendo più in catalogo non verrà più prodotta.
Inoltre penso che la nuova Dash verrà proposta a un prezzo simile a quello che il modello precedente aveva al momento della sua uscita che si aggirava intorno ai 750-800? mi sembra.
Se sei veramente interessato a una bici con questo tipo di telaio per non spendere una fortuna ti converrebbe approfittare degli sconti che stanno facendo i venditori sui prodotti rimasti in magazzino ;)
Dahon Bullhead 2011

Tags: