Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Torpado T170 Folding  (Letto 18357 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Hopton

  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #15 il: Luglio 20, 2013, 08:04:36 am »
Di Torpado in giro se ne vedono parecchie, un mio amico con cui pedalo spesso ha una MTB, e sicuramente non è una fabbrichetta della domenica. Penso che Hyperjeeg volesse dire che il fatto che una marca produca tante bici e da diversi anni non è una garanzia in automatico che sappia fare anche buona pieghevoli. Questo perché la tecnologia costruttiva delle pieghevoli ha una serie di particolarità che sono frutto di anni di studi e ricerche.
Detto questo, credo che comunque il nome Torpado di per sé un minimo di garanzia la dia, perché se una ditta produce tanti modelli da anni ed è ben presente sul mercato allora vuol dire che dovrebbe stare attenta prima di immettere sul mercato un modello di pieghevole, perché se dovesse far schifo potrebbe nuocere alla sua reputazione. Inoltre il tizio che ho conosciuto in treno possiede questa Torpado pieghevole che ha già qualche anno di vita e dice di esserne estremamente soddisfatto, e in effetti sembra solida... Altro non so dire, magari se la compri tu avremo da te una prima recensione su questa marca. :)
Mario
« Ultima modifica: Luglio 20, 2013, 08:07:13 am by Hopton »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline Hyperjeeg

  • assistente
  • ***
  • Post: 100
  • Reputazione: +11/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #16 il: Luglio 20, 2013, 04:36:29 pm »


"In questo forum, mi pare di capire e pregherei di essere corretto, tra le caratteristiche che si cercano più spesso c'è leggerezza e portabilità: caratteristiche "minori" nella torpado rispetto ad altri modelli..."

Scusa ma non ti seguo proprio, qui poi, "pregherei di essere corretto? chi?  minori rispetto ad altri modelli, quali? sicuro? e anche fosse non vedo cosa centri fi dall'nizio ho scartato per questioni di costi la dahon, il discorso verte s ben altro, e ripeto, se la dahon che tanto lavora da 30 anni tira fuori, fosse anche un solo modello, che non è stato preso amartellate, gettato su un dirupo, presenta crepe, il dubbio è la torpado sarà dello stesso "stampo"?
Ci si può affidare per anni in un uso su strade sconnesse come sono definibili certe parti di Roma. Tutto qui.
Una bici ultra eco si, già usata x anni, ecco il punto, il dubbio era solo questo, la dahon era solo come riferimento.
Poi io no ho detto nulla sulla torpado non la conosco, basta che vai sul sito torpado per vedere che produce diversi modelli fra cui mbk pro, carbonio alluminio e da qui deduco che non dovrebbe essere una fabbrichetta della domenica che produce esclusivamente bici eco di basso livello, e da youtube mi pare che in passato ha fatto anche gare con bici torpado....altro non ho cntrollato...

Ammesso e non concesso che riferisco sempre e solamente di mie personalissime opinioni, credo di essere stato in una certe misura frainteso: il mio discorso è stato ben compreso da Hopton, deduco dalla sua replica. Non sto assolutamente dicendo che la Torpado in questione faccia schifo o peggio (anche perché l'ho provata e potrei affermare il contrario, appare bella solida). Il punto è decisamente un altro.
Cercherò di essere un po' più chiaro con un esempio diverso. Una casa automobilistica produce solo auto di lusso (chessò, la Ferrari). Ha un certo know-how per produrre vetture performanti e non bada di certo a spese per la componentistica. Non produce fuoristrada. Perchè? Perché, non avendo mai affrontato tale segmento del mercato, dovrebbe necessariamente fare investimenti nel settore per sviluppare (o reperire sul mercato) tutte le quelle conoscenze tecniche che portano allo sviluppo di un fuoristrada degno di questo nome. Differenziale autobloccante, centrale, anteriore e posteriore, sospensioni dedicate, etc... sono caratteristiche importanti in un mezzo del genere, caratteristiche che l'azienda in questione dovrebbe implementare ex novo. Credo che a tutti siano note le vicissitudini di Porsche appena commercializzato il suo Cayman... Non è semplice. E' pur vero che il buon nome di un'azienda come Torpado debba in un certo senso fungere da garanzia di prodotto "non abbozzato", ma è certo - proprio perché tu me lo confermi - che il target di utente medio di tale azienda è diverso e diversissimo è il prodotto di riferimento.

Quanto alle caratteristiche che della Torpado ho, forse impropriamente, definite minori, mi riferisco per esempio, alla capacità di chiusura in piccolissimi spazi (dove punto di riferimento e credo di non poter essere smentito, è brompton) e il peso (la bici in questione è pesantuccia). Caratteristiche che su una mtb specialistica forse non sono importanti, ma certamente lo sono in una pieghevole.
Ma, ed è un giudizio personalissimo, la Torpado incontra magnificamente le tue aspettative, non posso che consigliarti di comprarla e farti delle buonissime pedalate in sua compagnia.

Alla prossima!!!
Jeeg

Offline attila666

  • iniziato
  • *
  • Post: 20
  • Reputazione: +1/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #17 il: Luglio 25, 2013, 12:56:20 am »
Intanto un sentito grazie a Hopton, scusate ma leggo solo ora, tra una cosa e l'altra, fra cui la mia ernia che ha deciso di ululare....
Alla fine l'ho presa, ci sono salito sopra e boh, premesso non salgo su una bici, vediamo...da 10 anni forse, dicevo comodissima, mi è parsa una normalissima bici intendo come posizione delle gambe, anzi tra il piede sul pedale in avanti e la ruota vi è uno spazio enorme impossibile anche rigirando il manubrio urtare il piede, ricorderò male ma con la vecchia MBK di misura perfetta per me il piede oltre un certo punto urtava la ruota...
Sella a dspetto di quel che pensavo bella morbida, comoda...
Ci sono diverse differenze fra questa che ho preso e la foto sul sito, il manubrio in alluminio con snodo affusolato con leva a farfalla?
il telaio, ed era proprio la critica che mi facevo a mente, presenta sulle saldature tubo manubrio e opposto alla giuntura le classiche placche di rinforzo.
La cerniera mi pare robusta, ho spinto torto ecc nessuno scricchiolio, la leva non ha il blocco, ma la lea comanda un'asta spinta da una molla, in soldoni aperta la leva non basta tocca tirare in alto far scorrere la base che è di fatto un chiavistello, solo così lo snodo si apre, mi pare un'idea ottima, anche perchè allentando la leva lo snodo si allenta e uno se ne accorge subito..
I freni..cavolo finalmente hanno fatto passi avanti mi ricordo quelli che avevo tremendi, questi li sfiori e inchiodi, si regolano in un attimo.
Poi certo, io non gi dò molto peso, i raggi sono verniciati neri, deduco non sono in inox e questa è certamente una differenza con, x esempio la dahon, le manopole del manubrio saran in comunissima gomma, il manubrio in sè non ha la levetta, ma onestamente non vedo a che serva visto che poi uno piega il tubo e il manubrio è cmq vincolato dai fili...

Il venditore è bravo, io volevo dilzionare la spesa, ma alla fine ho portato a casa un ciclocomputer di base union n10 a 10 euro (su scatola 20) e l'indispensabile casco, che mi ha dissanguato, mah un pezzo di polisterolo indurito...ma serve 40 euro un GIST ARES...boh se incontro api, calabroni vespe sono al sicuro ha le retine!!!! :D
La pompa l'ho (4.9 euro al lidol spinotto universale..)
Le luci come immaginavo sono solo di presenza, capirai 5 led bianchi "alta" luminosità davanti e catarinfrangente con 2 led rosi dietro, devo cambiare subito quello davanti, di notte non ci si vedrebbe nulla...però fà un effetto linea o lampeggio, lo riciclo per il lato bici per risultare + visibile....quindi ben venga che su una bici "a questo prezzo" ci sia di serie.
Ahh ovviamente è italiana ma, come immaginavo, made in Cina.

Il lato oscuro è l'ammortizzazione, quelle con gli amm. non potevo permettermele quindi pensavo o a una sella con molle, ma chiedo a voi che tipo (eco se possibile non ho pretese estetiche o di materiali, basta che non pesi una tonnellata) e se vale la pena.
O il tubo sottosella, canotto? ammortizzato, rimanendo sempre su cifre "umane" insomma non posso certo spendere 270E per la bici e 200 euro per un canotto o qualsivoglia ammortizzatore sottosella mi pare sproporzionato, no?
Fortuna che gli pneumatici mi piaiono i classici, non troppo bassi, posso vedere intanto quanto posso giocare con la pressione di quello posteriore, sacrificando un poco di rotolamento al confort magari...

Se avete consigli idee ecc fatevi avanti, in specie per la parte "salvaschiena"... ;D

Offline Hopton

  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #18 il: Luglio 25, 2013, 07:41:27 am »
Allora benvenuto nel club! Ma qualche foto? :)
Per la sella e il cannotto sella puoi controllare nelle apposite discussioni, troverai un sacco di informazioni.
Mario
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline attila666

  • iniziato
  • *
  • Post: 20
  • Reputazione: +1/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #19 il: Luglio 25, 2013, 02:03:19 pm »
 ;) ok ho fatto qualche foto ma niente critiche, fatte in una stanzetta scura, e di corsa e credo mi tremino le mani visto che la fot. sony nonostante lo stabilizzatore digitale ha sfocato un poco...
vediamo se riesco a mettere le foto:

qui sotto particolare snodo centrale si vede come la levetta funge anche da chiavistello si deve tirare su per sbloccare la cerniera, a vedere lo spessore sembra molo solida:


Uploaded with ImageShack.us

Qui una visione panoramica:



Uploaded with ImageShack.us

Qui dettaglio del manubrio, come si vede il manubrio non usa la levetta a stacco rapido, come si chiama? e si vede lo snodo in basso, ho montato il conta-km come dire come viene viene...



Uploaded with ImageShack.us

infine il dettaglio dei rinforzi sulle saldature magari iteressa come dettaglio:



Uploaded with ImageShack.us

Spero che la dimensione sia idonea le ho ridotte sul pc ma come si vede dalla prima mi son risultte sempre troppo grosse, le altre ho usato la funzione scala.
Nota il faro originale l'ho tolto, la luce come detto è ridicola 6 led non servono a un tubo, provvisoriamente ho riciclato due led da 3 watt e un pao di batterie litio di rimedio montate su un ex supporto per tenda in alluminio e fissato con elastici al suporto originale, questo perchè visto il caldo conto di uscirci la notte e voglio vederci bene.
Il lavoro come si intravede non è certo bello, ma a me adesso conta la praticità, in futuro conto di trovare un faro led adeguato ricaricabile a una cifra onesta, non certo certe follie che ho visto da 109E a 200E assurdo, chi conosce il mercato dei led, come funzionano ecc sà che sono cifre asurde, anche usando led di prima scelta e ottima resa (lumen/ watt elevato)
Basti dire che i due led da 3 watt le ho ricavati da vecchie torce cinesi da 5 euro, led lente e portapile e 3 funzioni max, minimo e lampeggiante, hanno diversi anni e funzionano ancora, anche se il led non è certo un cree o d marca nota,ma fanno cmq molta luce
Ok come detto spero che le foto vadano  bene, se no, ai mod. cancellate senza remore e scusatemi, magari indicatemi come devo postarle.  :)

Agg. se interessa ho scoperto che le pedivelle sono in metallo, pensavo alluminio, vabbò un pelo di peso in più, i parafanghi in plastica, meglio, anche se credo sia plastica "rigida" cioè oltre un certo limite mi sà che si spacca, il tubo sottosella sembrava acciaio invece è alluminio e i raggi come detto sono verniciati neri, ergo di ferro/acciaio.
Di serie è fornita di luci e campanellino a martelletto, visto che alcune bici da oltre 500 euro non forniscono tali accessori seppure ultraeco, direi che non è male, ho risparmiato 3 euro di campanello!!!

Agg. Come dimostrare che fidarsi dei negozianti.... mi sono accorto che mancava una informazione, sia in questa mia, che nel sito del produttore.
Il negoziante mi aveva detto che pesava 13kg circa, mentre la dahoon vitesse d7 11kg, sulle specifiche della dahoon ho visto che sono 11.8kg (se ricordo bene).
Non sono una bilancia uana ma pur trovando la bici notevolmente + leggere della mia vecchia biammortizzata....o sono messo peggio con i muscoli di quanto pensassi...bene ho preso una bilancia pesapersona digitale 100 gr tolleranza e pesata 2 volte, ed ecco la sorpresa, pesa ben 16.7 Kg, alla faccia dei 13 kg, boh toglimo pure 100 grammi del contakilometri, il cavalletto è ritenuto accessorio? pur dandolo di serie? boh saranno 200 grammi?
Insomma non è un peso piuma, anche se penso che i bracci dei pedali in acciaio forse le ruote contribuiscano per qualcosa.
La colpa è mia che nn ho sottolineato la cosa, in effetti non ci ho pensato, li per li ho sollevato la bici con un braccio solo e mi è sembrato fattibile...
A questo punto è nella media delle eco anche la Safari della mbm che dichiara, onestamente immagino 15kg (il nego a portaportese stranamente mi ha detto 16kg che l'abbia pesata e sia un virtuoso?)
Se 15 kg è il valore corretto direi che ci siamo, le guarniture si questa bici mi pare siano in aluminio, il portapacchi è certamente + leggero..
Cmq se il peso significa telaio ben carrozzato, per me và benissimo, nn so se si vede ma zona pedali c'è un tondino a graffetta serve a poggiare la bici da piegata senza che questa gravi sulla guarnitura, un piccolo segno che qualcuno ci ha pensato...

Domanda stupida. secondo voi è il caso di comprare il ferro per proteggere il cambio shimano? non sò se davvero serva.

Grazie e ciao.
« Ultima modifica: Luglio 25, 2013, 11:22:39 pm by attila666 »

Offline attila666

  • iniziato
  • *
  • Post: 20
  • Reputazione: +1/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #20 il: Luglio 25, 2013, 03:08:27 pm »
Allora benvenuto nel club! Ma qualche foto? :)
Per la sella e il cannotto sella puoi controllare nelle apposite discussioni, troverai un sacco di informazioni.
Mario

Grazie del benvenuto, come vedi ho cercato di postare due foto, spero vadino bene.
Riguardo il canotto ho visionato già diversi post nel forum ove si parla di, non ricordo il nome, quello di plastica con elastomero in due versioni ma dal costo assurdo, 170 euro approssimativamente, andava bene per me ma il prezzo no..
Poi quello a tubo con molla, prezzo interessante 19 euro mi pare, ma non ho ben capiro se è efficace o meno, pareri discordanti.
Non sò se vale la pena cambiare la sella per una con molle, questa sarebbe una doppia spesa, dovrei togliere quella di serie che non è affatto male, l'avevo giudicata male, pensavo fosse dura e scomoda e piccola, invece non è comodissima ma molto meglio delle mie aspettative...
Ahh chi ha idee è pregato di darmi una mano, siate "caritatevoli".. ;D
Salve

Offline attila666

  • iniziato
  • *
  • Post: 20
  • Reputazione: +1/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #21 il: Luglio 27, 2013, 09:57:32 am »
Novità, devo cambiare la sella, assurdo ma standoci sopra avevo una sensazione strana...guardandola bene mi sono accorto che è....storta, pende a destra guardandola da dietro, assurdo.
Per ora i "difetti" che vi ho trovato, sulla torpado t170, sono la sella, che cmq avrei cambiato dato che ne vorrei una più comoda, magari in gel e con le molle o elastomeri che sia, non mi aspetto che sotituisca l'effetto di una bici ammortizzata ma meglio di nulla sicuramente..
E il tubo sottosella, è di alluminio ma non è certo "bello" da vedere, questo per chi tiene anche a questi dettagli, a me basta che faccia il suo dovere, si blocca benissimo, non scende ne si muove...

Se qualcuno ha suggerimenti su tipo, o criterio di scelta della sella mi fà un favore.

Salve

Offline attila666

  • iniziato
  • *
  • Post: 20
  • Reputazione: +1/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #22 il: Luglio 29, 2013, 09:40:24 am »
Vabbò io aggiorno..
Cambiata la sella, domenica, Roma Portaportese morto di caldo a piedi col mio fido cane vado a quei negozietti-baracche che vendono bici e trovo un furbetto, col senno di poi, ma se non ero stanco e cotto dal sole lo avrei capito prima, visto ce entrando stava presentando a un signore, + sveglio di me a questo punto, una pieghevole safari mbm mi pare, dicendo che costava di norma 320E ma gliela lasciava a 290E, il bello è che a me un mese prima aveva chiesto 280E senza sconto....vabbò
Non avendo idea ne voglia di andare in giro per Roma a cercare selle, ho preso questa sella monte grappa, doppie molle, mbottitura extre stile old classico marrone simil cuoio alla cifra di 35E, riluttante e con dubbi l'ho presa.
Tornato a casa, sapendo cosa avrei scoperto te la trovo in rete a 14 euro!!! 7 euro di spedizione e forse 4-5 di contrassegno....eh l'onestà, l'etica....ehm cosa sono? :)
Vabbò quel che conta è che è comodissima, certo pesa 1,1 kg, un mattone che porta la mia pieghevole a 17.6 kg alla faccia della leggerezza...
Comincio a pensare che forse era meglio la safari col manbrio telescopico e con i suoi 15 kg dichiarati dal produttore (la Torpado si guarda bene sul suo sito nel dichiarare il peso della t170 e sospetto il perchè....bastardi dentro :) ).

Ora non resta che uscire e provarla, lo farò di notte, ecco perchè ho perso tempo ad attrezzare na buona illuminazione sia anteriore che posteriore per esserevisibilissimo e vederci bene.
Certo il faro anteriore è una mostruosità autocostruite con riciclo di parti, due led da 3 watt con lenti alimentate da coppia di pile litio recuperate da ex batteria per laptop...in totale nuovi gli elementi dovevano essere sui 4000-5000 mAh, ora forse sono a meno della metà come resa, ma conto sulla invariata bassa autoscarica e peso inferiore ad equivalenti batterie ni-mh che per arrivare ai 4.2Volt ci vorrebbero 3 elementi...
quando troverò un faro a prezzo onesto....
Morale chi è a Roma eviti portaportese in generale, nello specifico sconsiglio per i prezzi praticati questo signore, è facile capire chi, baracca, diciamo così, grande con molte bici esposizione sia sulla strada che sulla salita che porta sul retro.
Però ammetto che pare ferrato sul tema, mi ha sconsigliato il canotto ammortizzato anche perchè a suo dire non se ne trovano di + lunghi di 35 cm....e parlando mi sono accorto a casa che non mi ha fatto nemmeno lo scontrino, quindi si è ciulato anche l'iva da bravo italiano....poi sparlano dei cinesi che a me han sempre fatto lo scontrino (magari dietro incentivo....).

Ps ovviamente non faccio nomi così non creo problemi al forum, e cmq salvo lo scontrino e forse etica, ognuno può praticare il prezzo che vuole, colpa mia che ignoravo il valore medio della sella. :)

Offline attila666

  • iniziato
  • *
  • Post: 20
  • Reputazione: +1/-0
Re:Torpado T170 Folding
« Risposta #23 il: Luglio 30, 2013, 01:05:00 am »
Aggiungo, ho finalmente fatto il mio primo giro dopo anni, quindi un pò di comprensione...
Se ho impostato bene il contakilometri (union 10N) ho percorso in circa 56 minuti, 12.6 Km (V.le G marconi, porta portese, trastevere fino al ponte e dietrofront con qualche giretto ripassando per G marconi e poi pista ciclabile magliana) velocità max raggiunta (per un brevissimo periodo e che fatica) 30.3 km/h, velocità media 13,4 km/h, per me è un buon inizio, considerando che lo scopo era vedere come mi trovavo con la bici.
Intanto devo riconoscere che l'idea di cambiare sella con questa è stata geniale, passo sopra i san pietrini senza problemi, solo le buche + grosse si sentono, e forse è dovuto al fatto che per rendere + scorrevole possibile la bici ho messo al max le gomme, 4,5 bar (il nego le aveva gonfiate a 2 bar) ma sul copertone è riportato il valore minimo e massimo appunto 4,5 bar, certo così la ruota non assorbe un granchè, ma scorre molto meglio..

Sella promossa a pieni voti.

La sella, il tubo non si sono mossi di un mm, nonostante abbia preso almeno due grosse buche che non ho fatto in tempo a schivare, complice il fatto che sono uscito alle 23:00, il tubo non è sceso anche se la levetta non è certo stretta a morte.
Non ho sentito il minimo scricchiolio, il giunto o snodo pare inamovibile, solidissimo.
Ho pure verificato che la luce da me assemblata con due led da 3 watt recuperati da due torce cinesi da 5 euro e alimentato da 2 elementi litio recuperati da ex batteria laptop fà una luce ottima, ci vedo benissimo, e grazie a led lampeggianti praticamente la bici è un albero di natale, ma a me frega un piffero degli idioti che si faran qualche risata da sempliciotti quale sono, ma voglio essere il + visibile possibile, non posso fare nulla contro i deficenti al volante, ma almeno posso evitare i distratti o...quelli che ci vendono "poco".
Avevo delle remore su una "tromba" presa dai cinesi che fà un suono ultraforte...e invece il caso vuole che solo grazie ad essa un'auto che stava tagliando la pista ciclabile senza avermi visto s'è fermata sentendo la strombazzata, altro che campanellio di serie (quello che fà din, uno solo un matelletto su una molla che picchia su un cilindretto)...è pure leggera e bella da vedere, cromata..
Magari sbaglio, come detto non sono certo un esperto...ma ho l'impressione che le ruote non siano proprio drittissime, mi pare come se quella davanti abbia un leggerissimo "saltellio" cioè sia lievemente schiacciata, è difficile accorgersene, lo si sente a bassa velocità su asfalto liscio...
Ma è che sono un poco fissato su ste cose, magari una ruota a raggi, specie se "economica" è normale che non sia perfettamente sferica e abbia un minimo dondolio...
Non struscia mai sui freni è veramente minimo e mi pare non influisca sulla scorrevolezza e i raggi sembrano tutti belli duri tirati e non allentati.

In cocnclusione la pedalata mi ricorda una bici normalissima, purtroppo sono così fuori forma che una salitella mi ha distrutto, quindi non sò se è la bici che rende meno in salita o sono io.
il cambio è preciso nessun intoppo.
I freni perfetti, frena anche troppo oserei quasi dire...
Certo probabilente i 17 e rotti kg si fanno sentire e una bici da 11 deve essere ben altra cosa, ma direi che tolte le salite mi và benissimo, la carico in ascensore senza piegarla, piego solo il manubrio, la tengo su una ruota con una sola mano, perfetta.
E sarà una impressione ma mi piacciono le saldature mi paiono abbondanti e fatte a dovere danno proprio la sensazione di robustezza.
E come detto nn ho avvertito nessun cigolio nemmeno prendendo buche.
A questo punto credo che non scarterò del tutto l'idea di provare un canotto ammortizzato, ammessi che ne esista uno + lungo di 35 cm, sicuramente migliorerebbe ulteriormente la resa su fondi sconnessi, ma con questa sella non è + così indispensabile e diviene + difficile giustificarne il prezzo, parlando di canotti di qualità (a partire dalle 60 euro in sù...).

Ok credo di aver detto tutto, ovviamente sono solo osservazioni di un profano, di un utilizzatore, come dire, di base che poi credo sia proprio la tipologia di acquirenti a cui si rivolge questa bici....
Per ora, si sà è l'uso nel tempo a dare un giudizio definitivo, ne sono + che soddisfatto salvo piccoli dettagli come appunto la sorpresa del peso, la sella, che però è + un mo problema come si evince, e forse ruote economiche...:)

Tags: