Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")  (Letto 18516 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline boccia

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2013
  • Località: Roma
  • Post: 3117
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +161/-0

+Info

  • Last Active:Oggi alle 09:37:44 am
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #15 il: Novembre 28, 2016, 11:53:55 am »
OT: Per Tapatalk prova ad usare il comando "rispondi" dal menu al posto della risposta rapida...  ;)

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0

Offline piegel

  • iniziato
  • *
  • Data di registrazione: Nov 2016
  • Post: 8
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +0/-0

+Info

  • Last Active:Aprile 10, 2017, 04:08:30 pm
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #16 il: Novembre 28, 2016, 01:49:55 pm »
La Dahon Curve i3 è a piega centrale, quindi per occupare poco spazio deve avere un interasse corto.
Purtroppo la eez non va bene perché sono alto quasi 1.90.
In generale non ho problemi di budget, vorrei solo capire se la Brompton vale la pena. Purtroppo non trovo bici comparabili a prezzi accessibili, forse la Dahon Jifo 16, ma costa sempre 700 euro e non si trova usata, a questo punto cadrei su una Brompton usata a 800-900 e andrei sul sicuro.
Onestamente io vedo il mercato così segmentato: Brompton, Strida, altro. Non capisco le differenze che giustificano i prezzi delle Dahon a piega centrale rispetto a una Hoptown da 150 euro. Dove finiscono i 300 euro in più in media?

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0

Offline TicioTIX

  • maestro
  • ****
  • Data di registrazione: Feb 2013
  • Località: Bologna Croce Coperta <-> San Lazzaro Mura
  • Post: 444
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +45/-0

+Info

  • Last Active:Dicembre 15, 2016, 11:13:15 am
  • Proud Owner of ?3L "BiciKleine II" (Handlebar: ?)
      • Ass.ne "i Pedalalenta" - Castel Maggiore (BO)
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #17 il: Novembre 28, 2016, 04:57:42 pm »
... vorrei solo capire se la Brompton vale la pena.

Secondo me ... sì. Come però potrai capire da solo, non esiste una formula nella quale metti il valore delle variabili e ti dice si o no. Io, visto quello che risparmiavo a non andare in auto (bici-lavoro equivale a circa 11.500Km di auto in meno all'anno. Conta 1500€ di Brompton, 200€ di materiali di consumo - catena, due treni di gomme, pattini freno - 300€ di abbonamento treno+bus - fatto un anno solo, poi capito che non mi conveniva - e vedi tu come sia andata in due anni. Senza contare il risparmio di stress, di smog, e il guadagno di serenità, di libertà ... ). Ho calcolato che una Brommie me la ripagavo in tempi brevissimi e non ho rischiato un compromesso. A me è andata bene, anche se un amico mi ha detto che forse avrei potuto far lo stesso anche con una bici che costava la metà. Forse, non lo escludo. Ma al momento non rimpiango. Con, in più, il fatto che dove lavoravo prima, se pioveva, era treno, adesso è solo bus. E'come l'attrezzatura di un artigiano. Quella professionale costa molto di più, ma se inizi a usarla a fondo e ci devi contare ...

cadrei su una Brompton usata a 800-900 e andrei sul sicuro.

Sicuro ... sì, sempre che il primo utilizzatore l'abbia trattata bene. E'robusta, certo, ma maltrattarla non fa bene neppure a lei ...

Non capisco le differenze che giustificano i prezzi delle Dahon a piega centrale rispetto a una Hoptown da 150 euro. Dove finiscono i 300 euro in più in media?

Beh, diciamo: forse una progettazione un po'più accurata, forse controlli di qualità più spinti, materiali in generale un po'migliori (non sono il tipo di alluminio, come è pensato, saldato, assemblato) componentistica di livello differente (anche se magari non tutta è giustificabile. Vuoi un esempio: io i freni in 15km+15km li uso tre volte la mattina e tre la sera, il mio percorso è fatto così, e anche il cambio, uso solo due marce, la prima avrà fatto 10 km su 8000 ... magari una economica con qualche upgrade sarebbe potuta bastare ... ma ha ceduto il telaio, e quello non è upgradabile  :o parola orrenda).
Ecco forse, purtroppo, sul costo Tern pesa anche qualche spesa di marketing e di struttura in più ...

ciaociao
TT:

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0
"Avrebbe potuto pure permettersi un aeroplano o uno yacht, a lei però bastava una bicicletta pieghevole." Sasha Arango - La verità e altre bugie

Offline piegel

  • iniziato
  • *
  • Data di registrazione: Nov 2016
  • Post: 8
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +0/-0

+Info

  • Last Active:Aprile 10, 2017, 04:08:30 pm
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #18 il: Novembre 28, 2016, 05:26:27 pm »
Ok, ma andare in bici ha dei costi non monetari: il rischio di essere investiti, l'abbigliamento per il maltempo (che non costa poco), l'impossibilità di caricare materiali (es. spesa grossa dopo lavoro), l'impossibilità di portare altre persone, la sincronizzazione di orari con altri non ciclisti (es. esco con gli amici che a metà serata decidono di prendere la moto). Non ho sottomano la lista che mi ero fatto, quindi al momento non posso aggiungere altro.
In generale io amo andare in bici, mi migliora la giornata e la vita, sto a Milano perché è relativamente bike friendly, ma quando parlo di Brompton, pieghevoli e bici "care" in generale con gli amici, mi prendono per pazzo. Questo ha stimolato in me una riflessione su quanto ci stiamo allontanando dal "buonsenso". Negli anni a Milano mi sono reso conto che l'auto ci vuole, a questo punto mi chiedo se non stiamo caricando la bici, pieghevole o meno, di troppe aspettative.

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0

Offline TicioTIX

  • maestro
  • ****
  • Data di registrazione: Feb 2013
  • Località: Bologna Croce Coperta <-> San Lazzaro Mura
  • Post: 444
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +45/-0

+Info

  • Last Active:Dicembre 15, 2016, 11:13:15 am
  • Proud Owner of ?3L "BiciKleine II" (Handlebar: ?)
      • Ass.ne "i Pedalalenta" - Castel Maggiore (BO)
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #19 il: Novembre 28, 2016, 05:57:54 pm »
Ok, ma andare in bici ha dei costi non monetari: il rischio di essere investiti, l'abbigliamento per il maltempo (che non costa poco), l'impossibilità di caricare materiali (es. spesa grossa dopo lavoro), l'impossibilità di portare altre persone, la sincronizzazione di orari con altri non ciclisti (es. esco con gli amici che a metà serata decidono di prendere la moto). Non ho sottomano la lista che mi ero fatto, quindi al momento non posso aggiungere altro.

Personalmente quelli li considererei assolutamente, quasi tutti, costi molto monetari. Come ti dicevo, ognuno mette le proprie variabili sul tavolo: il rischio di essere investiti lo hai anche in auto (o peggio in scooter ... e non parlìamo del fatto che in bici io attraverso per lo più il centro storico mentre in auto sarebbe tangenziale, o, peggio autostrada, con certi nebbioni che non ti dico), materiali ne carico molti più di quelli che credi (o, per lo meno tutti quelli dei quali ho bisogno, portapacchi, borsa capiente davanti, ecc,. ho delle foto con dei carichi da Terzo Mondo  ;)), abbigliamento (un giubbetto e maglie che comunque userei la domenica per cicloturismo e due paia di pantaloni della tuta - 19.99 da H&M - più una mantella Hock comprata anni e anni fa), le altre persone (la mia compagna) vanno in bici anche loro, se esco con gli amici o li trovo già in centro o ci esco la sera e nel weekend (quando uso comunque l'auto che ho ed è ineliminabile, visto che i miei genitori abitano in un posto irraggiungibile in collina), la spesa la faccio con la suocera il sabato mattina, se ho bisogno di quattro uova o un litro di latte li carico eccome.
E poi insisto sulla morale: per me è la scelta, per te potrebbe benissimo non esserla.
Altra considerazione: di fronte a me ho un collega che abita a 200mt dalla Stazione Ferroviaria del suo quartiere e lavora(va), come me, a 2km dalla Stazione Ferroviaria di arrivo. Passa ore (alla settimana) in coda, fa mezz'ora al giorno alla cyclette in palestra, ma è un genio a trovare scuse (fa troppo caldo!, fa troppo freddo!, e se poi foro?, ...). Ma non cerco (più) di convincerlo, contento lui ...

In generale io amo andare in bici, mi migliora la giornata e la vita, sto a Milano perché è relativamente bike friendly, ma quando parlo di Brompton, pieghevoli e bici "care" in generale con gli amici, mi prendono per pazzo. Questo ha stimolato in me una riflessione su quanto ci stiamo allontanando dal "buonsenso". Negli anni a Milano mi sono reso conto che l'auto ci vuole, a questo punto mi chiedo se non stiamo caricando la bici, pieghevole o meno, di troppe aspettative.

Per chiarezza, ripeto, non ho buttato l'auto alle ortiche: ho solo drasticamente tagliato i chilometri, tutto qui. E questo, fortunatamente, mi basta  ;D
ciaciao
TT:

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0
"Avrebbe potuto pure permettersi un aeroplano o uno yacht, a lei però bastava una bicicletta pieghevole." Sasha Arango - La verità e altre bugie

Offline Hopton

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2011
  • Località: Lecco
  • Post: 4085
  • attività:
    60%
  • Reputazione: +156/-0

+Info

  • Last Active:Novembre 18, 2017, 03:34:37 pm
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #20 il: Novembre 28, 2016, 09:33:35 pm »
Per chiarezza, ripeto, non ho buttato l'auto alle ortiche: ho solo drasticamente tagliato i chilometri, tutto qui. E questo, fortunatamente, mi basta  ;D
Quoto Ticio in pieno: quando mi serve l'auto uso l'auto, quando posso usare la bici - senza dovermi per questo dare martelllate sugli zebedei - uso la bici. Alla fine vuol dire che la gran parte delle volte uso la bici, ma quando  la bici mi risulterebbe scomoda uso l'auto. Per esempio spesa grossa (con supermercato lontano) in auto, massimo una volta alla settimana, ma tante spese piccole e rapide nei negozi di quartiere o zone limitrofe rigorosamente in bici. A parte l'andare al lavoro in bici (quasi) sempre. Questo mi basta: in questo modo globalmente risparmio tempo e soldi, ed evito parecchio stress.
Tornando al tema principale, vista la tua altezza forse eviterei la Curve, e di sicuro eviterei la Eezz e la Jifo: sulle Eezz ci sono giusto salito e la Jifo l'ho provata un paio di volte, come dimensioni sono al pelo per me che sono 1,71, per te sarebbero improponibili. Nel tuo caso, e con le tue esigenze riguardo al bagagliaio, indubbiamente la Brompton sarebbe la scelta migliore... È una delle poche pieghevoli con cui una persona alta non rischia di avere una postura sacrificata. Altrimenti una Dahon di quelle belle robuste e funzionali, tipo Speed (P8, D7, D8), o la Vitesse. In quel caso dovresti però accettare il fatto che non ha le dimensioni che richiedi per la tua auto, ma devi per forza metterla nel bagagliaio? E se invece la poggiassi sui sedili di dietro, oppure sempre dietro ma a terra, dietro i sedili anteriori? Non sarà proprio la soluzione che cercavi, ma non credo che ogni volta che devi mettere la pieghevole in auto hai l'esigenza di metterci anche due marmocchi sui sedili posteriori, no? E in compenso pagheresti una cifra parecchio inferiore rispetto alla Brompton (la metà o addirittura qualcosa in meno...). Poi fai sempre a tempo in futuro, dopo aver sperimentato adeguatamente la cosa, a rivenderti la tua Dahon e fare il grande passo verso la Brompton. E a proposito, riguardo al tuo dubbio se la differenza di prezzo tra un bici del Decathlon ultraeconomica e una Dahon di fascia media è giustificata: per quando mi riguarda sì, lo è, la differenza qualitativa c'è tutta, hai una bici che obiettivamente è un altro pianeta. Del resto vivi a Milano: puoi farti un giro alla Stazione delle Biciclette o da Equilibrio Urbano, entrambi rivenditori Dahon oltre che di altre pieghevoli, e renderti conto di persona di come stanno le cose.
Mario
P.S. Ma tu hai la ragazza che non sopporta le bici pieghevoli, gli amici che quando ne parli ti prendono per pazzo... Il fatto che nonostante tutto tu sia approdato qui, per quanto con tutti i tuoi dubbi (che trovo più che legittimi per chi si è appena affacciato sul mondo pieghevole), francamente mi sembra quasi un miracolo. ;D

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0
« Ultima modifica: Novembre 28, 2016, 09:40:54 pm by Hopton »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Santena
  • Post: 4726
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +226/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 09:57:14 am
  • Solvitur ambulando (pedalando)
      • Bikes & Co on Pinterest
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #21 il: Novembre 29, 2016, 11:15:17 am »
io inizierei con lo scindere i 2 discorsi "fattibilità dello spostarsi in bici" e "prezzo di una bici di qualità" che non mi paiono così legati tra loro.

Questo forum è ovviamente pieno di esperienze di chi ha più o meno accantonato l'auto e sfrutta il binomio pieghevole/mezzo pubblico.
Come fatto presente da Hopton però non deve essere obbligatoriamente una scelta radicale e può continuare ad accompagnarsi all'uso dell'auto in tutte le occasioni in cui si rende necessaria. Per il sottoscritto vale lo stesso: spesa del sabato, acquisti ingombranti etc vengono fatti in auto ma ogni qualvolta è possibile evitarne l'uso sono ben contento di lasciarla nel box e prendere la pieghevole (ed io abito fuori città).
C'è qualcuno di noi che magari ha venduto la seconda auto perché è diventata superflua ma la maggior parte è semplicemente contento di aver ridotto drasticamente i km guidati  favore di quelli pedalati, con tutte le conseguenze positive che ciò comporta per se stessi e per il prossimo.
Direi quindi che la fattibilità non è in discussione, salvo particolari esigenze lavorative o familiari, ma forse più sovente si tratta di mancanza di volontà (vale sempre il detto "chi vuole trova modo, chi non vuole trova scuse"  ;) )

Sul costo di alcuni modelli anche io ho avuto le mie remore iniziali: da ciclista appassionato proprio non riuscivo a giustificare il prezzo di una Brompton o Dahon di fascia alta, specie dal momento che dovevo acquistare 2 bici.
A distanza di 5 anni però sia io che mia moglie pedaliamo su delle Brompton.
Se però dobbiamo disquisire del se e quanto sia giustificato il prezzo di una Brompton continuiamo nella DISCUSSIONE DEDICATA.


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0

Offline piegel

  • iniziato
  • *
  • Data di registrazione: Nov 2016
  • Post: 8
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +0/-0

+Info

  • Last Active:Aprile 10, 2017, 04:08:30 pm
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #22 il: Dicembre 04, 2016, 02:05:59 am »
Ormai è da luglio 2015 che seguo questo forum e che mi interesso di bici pieghevoli, per un certo periodo ho provato a convincere altre persone, ma il 99% di quelli con cui parlo vede la bici come un giocattolo per perditempo, e la pieghevole come un costoso giocattolo per buontemponi.
A me la bici piccola serve perché deve entrare nel bagagliaio senza essere vista da fuori, se devo lasciarla sui sedili posteriori ben visibile, tanto vale prendermi una Cadenza, che almeno ha le ruote grandi!

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2012
  • Località: avanti e indietro fra il Garda e Milano
  • Post: 2292
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +174/-0

+Info

  • Last Active:Oggi alle 07:02:53 am
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #23 il: Dicembre 04, 2016, 07:56:44 am »
Costoso giocattolo per buontemponi = tutto ciò che qualcun altro compra ma che a noi non serve o non interessa.

Mi spiego: ci sono telefoni cellulari da 19,90 e da 800€; entrambi servono benissimo per chiamare casa e dire "Cara, butta la pasta che sto arrivando", ma quelli da 800€ fanno anche un sacco di altre cose (che però si fanno anche con telefoni da 400€).
La tua Panda ti trasporta da A a B proprio come farebbe una Freemont (e magari fai meno fatica a parcheggiarla), ma per strada vedo un sacco di quegli scatoloni con una sola persona a bordo e senza grandi carichi.
Nel mio ambiente lavorativo c'è chi scuce senza batter ciglio dai 200 ai 1500€ per il modello di una locomotiva a vapore ottantasette volte più piccola del vero.
Per non parlare di abbigliamento e accessori, di attrezzature per la pesca sportiva, di fotografia eccetera...

Tutto questo sproloquio per dire che la percezione di cos'è un prezzo ragionevole per un bene è parecchio soggettiva. Fossi in te non mi preoccuperei più di tanto dei pareri altrui (a parte la tua compagna, ovviamente: è chiaro che certe spese vanno discusse in coppia).

Vittorio

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini")

Offline nino#

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2014
  • Località: Reggio Calabria
  • Post: 835
  • attività:
    15%
  • Reputazione: +53/-0

+Info

  • Last Active:Oggi alle 07:55:37 am
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #24 il: Dicembre 04, 2016, 08:35:50 am »
Quoto quanto detto da Vittorio.
Definire "costoso giocattolo per buontemponi" una bicicletta, qualsiasi essa sia (a meno che uno non prenda quella in oro massiccio, che, per inciso, esiste davvero...), mi sembra un controsenso.
Purtroppo si tende a disprezzare tutto ciò che sta al di là del proprio naso, senza neanche tentare di immedesimarsi, anche solo per un istante, negli altri...
L'affermazione dovrebbe farti capire la persona con cui hai a che fare: senza scadere nell'offensivo, si potrebbe ipotizzare che sia un po' affrettata nell'esprimere le sue opinioni...

E, soprattutto, non rendersi conto del fatto che ci stiamo lentamente avvelenando tutti e dell'importanza che avrebbe una decisiva svolta verso un modo di vivere più salutare, significa essere proprio chiusi mentalmente. Poi siamo tutti pronti a piangere quando siamo al cospetto dei problemi di salute e magari a lamentarci della sanità...

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0
Pieghevolista nel cuore (ex possessore di Dahon: Speed P8 e Ios XL) - Attualmente fornito di 28 urbana non pieghevole autoassemblata.
LASCIA L'AUTO PER LA BICI! FAI BENE A TE E FAI BENE A TUTTI!

Offline Matt-o

  • Moderatore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Nov 2011
  • Località: Sesto Fiorentino
  • Post: 3141
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +98/-2

+Info

  • Last Active:Novembre 19, 2017, 08:02:31 pm
      • Alcune delle mie foto (certe infattibili senza arrivarci in Brompton)
Presentazione e domanda
« Risposta #25 il: Aprile 04, 2017, 01:56:47 pm »
per rispettare il tema di questa discussione (e rendere quindi le informazioni più accessibili),

i contributi successivi sono stati spostati nella discussione:
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=10352.msg91924#msg91924


Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0
« Ultima modifica: Aprile 04, 2017, 01:59:55 pm by Matt-o »
Brompton M6L nera - CO2 NON emessa a settimana: 9.3 kg

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Santena
  • Post: 4726
  • attività:
    100%
  • Reputazione: +226/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 09:57:14 am
  • Solvitur ambulando (pedalando)
      • Bikes & Co on Pinterest
introduzione alla bicicletta pieghevole (alias "perchè?")
« Risposta #26 il: Novembre 12, 2017, 12:12:41 pm »
per rispettare il tema di questa discussione (e rendere quindi le informazioni più accessibili),

i contributi successivi sono stati spostati nella discussione:

http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=10802.0

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7.0
« Ultima modifica: Novembre 12, 2017, 12:15:05 pm by Sbrindola »