Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: cicloturismo (pianificazione del percorso online)  (Letto 5449 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Roma
  • Post: 9825
  • attività:
    65%
  • Reputazione: +170/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 09:43:41 am
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
      • il mio nome è al termine del mio viaggio
cicloturismo (pianificazione del percorso online)
« il: Aprile 19, 2014, 04:21:39 pm »
segnalo:

costruire un percorso intermodale (strategie)
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=186

software per progettare e condividere percorsi (tracce GPS, mappe,... )
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=890.0

Navigatore GPS (non smartphone)
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=820.0

algoritmo per percorsi più belli (e non più brevi)
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=8006

l'elenco delle discussioni legate al tema "pianificazione intermodale" recuperabile cliccando sul tag "pianificazione"  in testa ed in fondo a questa discussione

alcune risorse su internet:
- cartografia su desktop
- cartografia su smartphone

-------------------


Era da un po' di tempo che volevo pubblicare una piccola "guida" su come pianificare un percorso cicloturistico sfruttando i potenzi mezzi offerti da internet.
L'esperienza di un viaggio recente credo possa aiutare ad inquadrare le problematiche e le soddisfazioni insite in questo tipo di "approccio esplorativo".
Ovviamente è solo un inizio. Ben vengano altri contributi.
Alcuni degli argomenti trattati successivamente trovano un approfondimento nelle discussioni recuperabili cliccando sul tag "pianificazione"  in testa ed in fondo a questa discussione (oltre ai link che ho disseminato lungo il testo).


!!! AVVERTENZE !!!
Quanto segue contiene immagini e riflessioni adatte ad un pubblico indulgente.
Si sconsiglia quindi la lettura ai puristi del sellino, ai virtuosi della pedalata, nonchè ai tutinati della domenica.

 ;D
 
Pianificare un percorso su internet non è cosa intuitiva, ma comprese le regole fondamentali, ci si può avventurare fino ad ottenere risultati sorprendenti.
In mancanza di esperienza, è preferibile partire con destinazioni modeste, in modo da cimentarsi con gradualità in questo campo.   
Lasciata la rassicurante quotidianità del nostro pc connesso ad internet, ognuno potrà sperimentare una realtà molto più complessa... nel bene e nel male.  ;)

L'obiettivo di questa escursione era quello di raggiungere il paese di Formia (LT) sfruttando la ferrovia Roma-Cassino (anzichè la ben più comoda e mille volte sfruttata Roma-Napoli) in un percorso intermodale treno-bici-gambe  ;D.
Già in passato avevo individuato (sempre su internet) un percorso che partiva dalla stazione ferroviaria di Pofi e arrivava a destinazione passando per Itri. Stavolta volevo osare qualcosina in più: scendere con il treno ad Aquino e scavallare la catena del parco regionale degli  Aurunci, che vedono nel "monte" Redentore l'ultima imponente propaggine prima di scendere in picchiata sulla costa.
 :o

Così mi sono affidato ad una delle tante piattaforme gratuite che permettono di elaborare un percorso. Io uso www.ridewithgps.com:  una volta effettuato il login su clicca su "plan" (freccia verde nella figura seguente) e si comincia.


Nella pianificazione del tracciato generalmente evito:
  • le strade principali (trafficate e pericolose)
  • i saliscendi: l'altitudine guadagnata deve essere difesa con ogni mezzo, poichè faticosamente conquistata a forza di pedali.  ;D

Nella suddetta piattaforma, sono disponibili diverse cartografie (freccia arancione nella figura precedente). In generale passo da una all'altra per analizzare i diversi aspetti :
  • "mappa": è la classica cartografia di google map, utile per individuare la viabilità
  • "satellite": mi aiuta ad individuare le aree verdi (parchi, riserve, etc etc)
  • "esri topo": identifica i rilievi (e quindi le salite da affrontare) sulle medie e lunghe distanze, per tracciare una direzione sommaria (ad esempio privilegiando le vallate)
  • "osm cycle": per i dettagli finali, nei punti più critici (come spiegato di seguito)

Si può pensare di tracciare una prima bozza indicando solo due punti: partenza ed arrivo (es: stazione di Aquino e Formia), attendere che il computer calcoli il percorso, quindi aggiungere dei punti intermedi (trascinando il tracciato con il mouse) che forzino il ricalcolo della rotta in base a dove si desidera passare (privilegiando strade secondarie, aree verdi, pasticcerie, ...  ;D ).

Sempre nella figura precedente, nella parte inferiore è presente un grafico riassuntivo con cui analizzare tre parametri fondamentali:
  • la distanza complessiva (nel mio esempio 47.1km, riquadro verde nella figura precedente)
  • l'altimetria ("ele"): con cui analizzare salite e discese, quota massima, ascesa totale,  .... . Nel mio caso ho costruito un percorso senza saliscendi rilevanti (con una ascesa totale di 1046m) , ed un  picco massimo di 982 metri al km 33.9. Passando il mouse sopra il grafico altimetrico (vedi riquadro celeste nella figura precedente) , viene associato il corrispondente punto lungo il percorso. Utile per posizionare waypoint strategici che aiutino la navigazione una volta sul posto, "on the road" (es: marcare con un waypoint il picco da raggiungere, in modo da sapere, durante la pedalata, quanto manca alla fine della tortura  ;D ).
  • la linea della pendenza ("grade", freccia viola nella figura precedente): personalmente quando vedo pendenze sopra al 5% (scala graduata nel riquadro giallo in basso a destra, nella figura precedente) che si protraggono per distanze oltre il mezzo chilometro, comincio a farmi due conti in tasca (e magari metto in conto il fatto che scenderò e spingerò  ::) ).  Che ognuno prenda consapevolezza dei propri limiti e li affronti con serenità: ho imparato a mie spese che è meglio camminare per un chilometro che intestardirsi sui pedali a rischio di entrare in riserva molto-ma-molto prima di raggiungere la tanto sospirata meta. In fin dei conti, accantonata l'onta del ciclista-che-non-deve-scendere-mai (dal sellino), scegliendo salite secondarie, si può approfittare per una camminata, diversificando lo sforzo muscolare e rilassandosi un po'. E' importante esaminare anche le pendenze negative: lunghe discese oltre il 5-10% richiedono freni, cerchioni e copertoni  in buono stato.


Nel tracciare il percorso, il navigatore ignora quei tratti che non risultano percorribili (es: un sentiero), di fatto rendendo vana la mia volontà di scavallare gli Aurunci. Per aggirare questo limite,  ho dovuto quindi comporre parte del percorso in modalità manuale.
Per maggiore chiarezza, riporto nella figura seguente un dettaglio del percorso (tra il km 30 e il 36, dove la strada finisce in mezzo alle montagne) con settata la cartografia "OSM Cycle" (freccia blu nella figura seguente), per visualizzare (oltre alle curve di livello e alle zone ricoperte dalla vegetazione arborea) anche:
  • le strade asfaltate (la classica linea bianca)
  • le strade bianche (linea tratteggiata marrone)
  • i sentieri (linea tratteggiata blu)



Il navigatore del server riesce a seguire fino al secondo livello (strade bianche), il che vuol dire escludere (giustamente) i sentieri. Nel mio caso, poichè il tratto di sentiero era breve, ho deciso di considerarlo nel mio percorso, disattivando il navigatore ("follow road, nel pannello a destra, che compare cliccando l'icona indicata dalla freccia viola nella figura precedente) per passare alla modalità "Linea spezzata" (sul sito "draw lines", che unisce tutti i punti che aggiungo manualmente cercando di seguire il sentiero).
Senza questa forzatura, il motore di ricerca avrebbe proposto ben altro percorso, reindirizzandomi sulle solite strade.
Sottolineo l'importanza di misurare la lunghezza (ed il dislivello) dei tratti non pedalabili, durante i quali potrebbe essere necessario caricarsi la bici sulle spalle.  :-\

PS1: nel pannello di destra sopra menzionato, è possibile distinguere tra trekking, ciclismo e automobile (il che immagino tarerà diversamente la sensibilità del navigatore nel calcolo della rotta).
 
PS2: le strade bianche..... hanno in verità tante sfumature di grigio. Alcune si pedalano facilmente, altre - al contrario - costringono a scendere dal sellino. Come anche i sentieri. Alcuni comodi da camminare, altri faticosi anche in un trekking.

A questo link:
http://ridewithgps.com/routes/4472380
è possibile analizzare la traccia che ho confezionato.

--------------------------------

Fin qui la teoria.

Ho concluso la progettazione al PC la sera prima della partenza. Le previsioni meteo erano ottime e potevo contare su almeno 7 ore di luce.
50km per una ascesa di 1000 metri non sono uno scherzo, ma una persona mediamente allenata con a disposizione una giornata intera non dovrebbe avere problemi (escluse disgrazie, sfighe, febbri di natura ignota, ....  :o ).

Mi sentivo tanto fiducioso da prestare molta poca attenzione al bagaglio, quando, al contrario, proprio perchè non si conosce il percorso, si dovrebbe eccedere in precauzioni di ogni sorta (kit di attrezzi completo, batterie extra per navigatore e cellulare, vestiario polivalente, acqua e cibo in abbondanza, ....).

Ma la mia prima preoccupazione era - al contrario - di partire più leggero possibile, in previsione del tratto di sentiero in cui mi sarei ritrovato con un pezzo di ferro da portare di peso.  :-\
Ero talmente fiducioso da lasciare a casa anche gli attrezzi per riparare la bici..... compreso lo spray contro le forature:o (beata incoscienza!)
Ovviamente è una leggerezza che sconsiglio vivamente, pena trovarsi in mezzo al nulla con una ruota bucata e la disperazione che monta.  :-\

Anche nella scelta della bici ho dato maggiore peso agli ingombri (viaggiando in treno sotto Pasqua, avevo paura di trovare treni affollati all'inverosimile).
Così sono partito..... con la Brompton;D Ve la immaginate su strade bianche e sentieri con quei ridicoli pneumatici ?!?!?  :o

Per la borsa, ho escluso quella originale per due motivi: evitare eccessive sollecitazioni all'attacco (causate dal fondo sconnesso) e preferire una borsa messenger più  comoda (ancorata al manubrio), in previsione del tratto sconnesso durante il quale sapevo già che me la sarei caricata a tracolla.

Detto questo, il tempo per prepararmi era finito. La notte incombeva; l'indomani avrei dovuto prendere il treno. Non rimaneva che spengere la luce ed andare a dormire.

La mattina dopo mi sono svegliato in ritardo, così non ho potuto provvedere a preparare le provviste per il viaggio. Ho avuto modo di fare una dignitosa colazione prima di salire sul treno, confidando che avrei trovato qualcosa alla stazione di arrivo.

Avendo scelto di partire il venerdì mattina, mi sono risparmiato il ritorno dei pendolari per le vacanze di Pasqua. Il treno è deserto, posso parcheggiare la Brompton senza difficoltà accanto al mio sedile.
 

Con un laccio (che non manca mai nel mio equipaggiamento) la assicuro al bracciolo per evitare oscillazioni durante la marcia.

Scendo alla stazione di Aquino da una uscita secondaria, nella desolazione totale  :-\ . Potrei sfruttare il sottopasso per affacciarmi all'altra uscita con la speranza di trovare un bar dove recuperare un po' di zuccheri, ma l'aspetto della stazione non lascia presagire nulla di invitante.



Considerato che mi aspettano almeno dieci chilometri pianeggianti (poco impegnativi dal punto di vista energetico) durante i quali attraverserò almeno  due paesi,  decido di proseguire confidando in qualche punto ristoro più avanti.

Dopo neanche 5 chilometri, girovagando per il paese di Aquino, mi imbatto in un bar-tavola calda che cattura la mia attenzione.  :P
 


L'aspetto è spartano e la cucina verace, mi fermo per un pranzo con tanto di primo, secondo, contorno dolce e caffè. Converto la bottiglia di acqua in una birra da 66, e faccio man bassa di torta (risulterà assai gradita nella pausa merenda tra le montagne).
Sono consapevole che sto deliberatamente violando ogni norma salutista del perfetto pedalatore tutinato  ;D  , ma l'esperienza del ciclocammino  di Santiago nel 2004 mi ha donato la vista: al diavolo le barrette energetiche e altre porcate chimiche sottovuoto..... mi sparo grassi insaturi, besciamella, frittura ed altre amenità in perfetta letizia!  ;D
 


Riprendo il tracciato completamente rinnovato e con un problema da affrontare: come fissare il navigatore GPS? Per seguire il tracciato devo avere il display a "portata di occhio", quindi recupero per strada una bottiglia di plastica, la apro a metà con il coltellino  e la fisso al manubrio aiutandomi con un laccio ed una fascetta di velcro (immancabili nella mia dotazione di serie).
Riesco anche a tagliarmi un dito, per fortuna la ferita non è profonda, il sangue si coagula velocemente  :'( . In mancanza di un cerotto, decido di fasciarlo con un fazzoletto di carta con intorno un'altra fascetta di velcro (ho finito le scorte, spero anche le esigenze  ;D ).



Attraverso l'autostrada su uno di quei ponti che ognuno di noi avrà almeno una volta nella sua vita guardato sfrecciando a 130 all'ora con una domanda in testa: chi ci passerà mai?  ::) Questa volta tocca a me affacciarmi dall'alto, mentre il fiume di macchine corre veloce sotto di me.



Il percorso prevede altri due paesi dove rifornirmi di acqua, gelati, cornetti, stecche di cioccolato, ....  ;D







Uscito dagli abitati, la natura mi accoglie con i suoi panorami primaverili, lasciandomi pedalare su stradine secondarie nella campagna in fiore.



E' in queste situazioni che benedico la presenza del navigatore e apprezzo il lavoro di pianificazione al PC: solo in questa maniera è infatti possibile allontanarsi dalle arterie principali (inquinate, trafficate, squallide, ....).



Mi chiedo cosa penseranno i contadini guardando passare uno straniero su una biciclettina assai bizzarra  ;D



Avvicinandomi al paese di Esperia (che non attraverserò) mi lascio ingannare da una scorciatoia che vedo visualizzata sul navigatore e che mi risparmierebbe quasi un chilometro.
Peccato che la strada conduca in una proprietà privata, costringendomi a fare dietro front per recuperare il percorso tracciato al PC.
Capisco allora perchè mi era sfuggita durante la fase progettuale: semplicemente non c'era. La cartografia sul mio navigatore Garmin, al contrario di quella disponibile online su ridewithgps (che si appoggia ad OSM www.openstreetmap.org) per la pianificazione del tragitto,  è fin troppo ottimista e vede passaggi dove in realtà non ce ne sono.  ???
Non è la prima volta che succede, ma la speranza di risparmiarmi qualche curva finisce sempre per prevalere.  ;D

Chiedo informazioni ad una famiglia che abita nelle vicinanze. Tra una chiacchiera con Luigi,  il padrone di casa, e un bicchiere di succo di frutta (nonchè un cerotto per il taglio al dito) finisco per rilassarmi una buona mezz'ora (beatamente ignaro di cosa mi aspetti più avanti  :-\ ).



Ho superato i 20 km della pianura: appena sotto il paesino di Esperia, parte la salita al parco regionale dei monti Aurunci.



Il pomeriggio è assolato e la temperatura gradevole, accetto di buon grado di scendere dal sellino e spingere per un buon tratto. Pur avendo equipaggiato la Brompton con la doppia guarnitura, lo sviluppo metrico della prima marcia non mi permette di rimanere sui pedali.



Poco male... mi godo il panorama circostante.





Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7615.0
« Ultima modifica: Gennaio 12, 2015, 02:30:39 pm by occhio.nero »


Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Roma
  • Post: 9825
  • attività:
    65%
  • Reputazione: +170/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 09:43:41 am
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
      • il mio nome è al termine del mio viaggio
cicloturismo (pianificazione del percorso online)
« Risposta #1 il: Aprile 19, 2014, 08:52:28 pm »
Grazie alle indicazioni di Luigi, capisco il significato della piazzola lungo la salita: "Sono 82 le impronte di dinosauri ad oggi rinvenute su masse rocciose stratificate ed appartengono ad almeno tre specie, quadrupedi e bipedi, sia carnivori che erbivori con impronte di due specie, quella tipica dei sauropodi a grandi piedi (simili a quelli degli elefanti) e quella dei teroidi, cioè a tre dita (come i polli), risalenti a oltre 120 milioni di anni fa, nel Cretaceo, quando la zona montana di San Martino era invece una piana marina." (fonte)



La pendenza torna pedalabile superata l'area archeologica del “Pozzo di San Martino”



dove approfitto per una merenda a base di crostata ricotta e cioccolato.



Ancora qualche strappo e arrivo alla piana di Pollica: qualche minuto per godermi l'ultimo sole, prima che le montagne ad ovest lo nascondano dalla mia vista.



La strada è ancora asfaltata, incontro una macchina che scende e un ciclista MTB che quando mi vede arrivare e gli racconto i miei propositi, mi guarda come se fossi un marziano.  ;D
In effetti la Brompton è un controsenso, ora che la strada si fa bianca, un misto di ghiaia, canaloni e massi.  :-\

Sono arrivato al limitare della vallata,  davanti a me si alzano inequivocabili le montagne..... comincio ad accusare un accenno di ansia, con la giornata che volge all'imbrunire e lo scavallamento che si impone allo sguardo.  :-\



Da qui in avanti abbandono la strada rassicurante per inseguire la direzione che mi indica il navigatore:  il famoso sentiero che si perde nel bosco e sale il fianco della montagna per gli ultimi 200 metri di dislivello.    :'(
Spero che la cartografia on line (su cui ho costruito la traccia) sia fedele alla realtà. Confido anche   nelle batterie del GPS (le ricarico ogni volta la sera prima), perchè senza una mappa, un cristiano nei paraggi e alcun segno sui sassi, non mi rimarrebbe che fare dietro-front prima di trovarmi nel buio pesto.    :-\



E' ora di caricarmi la borsa a tracolla, perchè più alleggerisco  la bici, meno fatica faccio a spingerla lungo il sentiero sconnesso. Ma anche così, più volte sono costretto a caricarmela in spalla..... e solo per brevi tratti, perchè la fatica si impenna non appena sollevo le ruote da terra.    :-\



Oltre alle mucche, che mi guardano silenziose, una strana presenza ulula tra le montagne poco sopra di me. Immagino chissà quale feroce creatura appostata in attesa del mio passaggio, pronta a straziare le mie carni ed i miei propositi di raggiungere Formia in giornata.  :o
La bestia immonda me la ritrovo poco più avanti...... in verità trattasi di un cane innocuo.....  che alla mia vista si allontana con la coda tra le gambe.



Terminato il sentiero, la strada bianca risulta impraticabile sui pedali (ma anche con una mtb artigliata non avrei avuto energia sufficiente per scavallare in sella). Controllo sul navigatore la strada che rimane prima della "forcella di Fraile" (termine della salita), stanco ma rincuorato di mantenermi sul percorso. 





Raggiungere la forcella è stata una liberazione. Ho recuperato gli ultimi raggi di sole, prima che scomparisse oltre l'ennesima schiera di montagne, mentre davanti a me, 969 metri più in basso, intravedevo il golfo e Gaeta.  ;D





Accantonata la salita, mi sono dovuto concentrare sulla discesa. Sulla Brompton ho maledetto prima i pneumatici  (sulla ghiaia è un esercizio di continuo equilibrismo) poi  le leve freno (l'angolazione obbligatoria stressa i polsi ed i tendini oltre ogni misura, quando si devono affrontare discese di km e km con pendenze superiori al 5% e continui tornanti che costringono alla prudenza).
Il tratto bianco per fortuna non supera qualche centinaio di metri, ma anche sull'asfalto è bene prestare molta attenzione. Infatti le strade di montagna possono nascondere buche, brecciolino e discontinuità appena dietro la curva. Arrivarci in piena velocità, con una bici pieghevole può essere molto pericoloso.  :-\

Una nota positiva và invece all'impianto frenante: 12 km di discesa affrontati con coraggio e dedizione.
Il surriscaldamento dei pattini e del cerchione possono infatti rendere molto difficile la frenata, fino a comportare la rottura del cerchione stesso.







Concludo il racconto del viaggio con alcune considerazioni (della serie: "non fate come me"  ;D ):
  • Se si parte in solitaria, sempre meglio informare qualcuno sul percorso che si seguirà, dandosi un appuntamento telefonico a fine giornata. Una frattura a seguito di una caduta nel bel mezzo del nulla può complicare parecchio le cose. 
  • Considerare ampie scorte di acqua, soprattutto nel periodo estivo (almeno un litro e mezzo), soprattutto in assenza di informazioni su eventuali fonti lungo il percorso.
  • Per fronteggiare il forte dispendio energetico legato alla pedalata, partire con una riserva di cibo (miele, parmiggiano, frutta secca) già in borsa. Non è detto che lungo la strada si trovi qualcosa aperto.Avete mai provato a pedalare senza carburante in corpo?  :-\
  • Considerata l'importanza di orientarsi (specie in montagna) il navigatore GPS diventa cruciale (le mappe cartografiche sono assai scomode da consultare in bici). Assicurarsi di avere batterie di riserva. Sconsiglio l'uso di uno smartphone come navigatore per un uso prolungato, declassandolo a navigatore di scorta, nel caso in cui il primo cessasse di funzionare.
  • La Brompton non nasce per affrontare le montagne. Se decidete di portarvela con voi, sappiate quando è il momento di scendere e spingerla/caricarla di peso.
  • Il tempo può variare. Trovarsi nel bel mezzo del nulla sotto la pioggia non è uno scherzo e non và sottovalutato. Porto sempre con me una mantella, anche se le previsioni mettono sole ovunque.


Con una tenda appresso, avrei potuto spezzare in due il viaggio. In alternativa, meglio prendere un treno la mattina presto (ho incominciato a pedalare dopo le 13, con una ricca pausa pranzo  ;D ), per aumentare il numero di ore di luce a disposizione.
Nel caso si decida di passare la notte fuori, verificare la presenza di acqua potabile nei paraggi.

Tornato a casa, ho scaricato la traccia del navigatore sul software gratuito "Garmin Base Camp", dove ho potuto verificare la sostanziale coerenza tra la traccia reale (in verde scuro nella figura seguente) e la linea spezzata (in viola) costruita a tavolino prima di partire. Specie nel tratto di sentiero, dove avevo proceduto alla composizione manuale.
Il software permette di visualizzare il grafico della velocità e della quota registrate durante l'escursione.



Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7615.0
« Ultima modifica: Aprile 22, 2014, 11:26:16 am by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline Alexxo

  • maestro
  • ****
  • Data di registrazione: Mar 2013
  • Località: Genova
  • Post: 331
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +39/-0

+Info

  • Last Active:Maggio 22, 2016, 09:32:45 pm
cicloturismo (pianificazione del percorso online)
« Risposta #2 il: Aprile 21, 2014, 11:16:05 am »
Complimenti per il giro! :-)
Ed anche per la pianificazione ed il racconto… ;-)

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk



Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7615.0
Brompton M6L Desert Sand / Tern Eclipse P9 White / Montague Swissbike X70 Black-Red

Offline Andre@

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Ago 2013
  • Località: Roma
  • Post: 865
  • attività:
    5%
  • Reputazione: +53/-0

+Info

  • Last Active:Giugno 12, 2019, 11:04:19 am
  • Io pedalo ... e l'ho voluto ;)
cicloturismo (pianificazione del percorso online)
« Risposta #3 il: Aprile 21, 2014, 01:02:30 pm »
It's my Tern P9 ... Ex-Frecciarossa ... Bellizzzima  ::)    -    E-MtB: La Pinta

Offline mancio00

  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2013
  • Località: avigliana
  • Post: 1163
  • attività:
    0%
  • Reputazione: +45/-0

+Info

  • Last Active:Gennaio 28, 2019, 10:51:29 pm
cicloturismo (pianificazione del percorso online)
« Risposta #4 il: Aprile 22, 2014, 09:38:11 am »
Uau che impresa, soprattutto la pianificazione, m'inchino a cotanta saggezza... Certo che mangi come un cinghiale, questa è stata la mia prima impressione leggendo il tuo racconto, ma solo perché eri appena all'inizio e strideva con il giro che ancora dovevi intraprendere, cibo che alla fine, ammetto che ti abbia dato quella carica per affrontarlo ed uscirne vincitore!!!


Massimo

Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7615.0
MassimoBrompton S6E Orange Black

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Data di registrazione: Lug 2011
  • Località: Roma
  • Post: 9825
  • attività:
    65%
  • Reputazione: +170/-1

+Info

  • Last Active:Oggi alle 09:43:41 am
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
      • il mio nome è al termine del mio viaggio
cicloturismo (pianificazione del percorso online)
« Risposta #5 il: Aprile 22, 2014, 11:29:20 am »
:D

grazie per le considerazioni e gli apprezzamenti.
In merito all'alimentazione, sono il peggiore esempio da seguire.  ;D Del resto il mio approccio è più orientato al  turismo che allo sport.  ;)
Quindi se devo scegliere tra una esplorazione gastronomica e una "tappa cronometro".... la prima tutta la vita!!!!  ;D

------------


da altra discussione:

Google Maps pensa ai ciclisti ed introduce le pendenze
http://www.tecnoandroid.it/google-maps-pensa-ai-ciclisti-ed-introduce-le-pendenze/

(Image removed from quote.)

 

ho scoperto come si possono inserire le mappe dinamiche all'interno di un post.



Linkback: http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=7615.0
« Ultima modifica: Aprile 24, 2017, 05:12:11 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci