Partecipate anche voi alla comunità pieghevole italiana

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Vello bike: austriaca artigianale  (Letto 9178 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Peo

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1473
  • Reputazione: +202/-2
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #15 il: Settembre 17, 2018, 02:43:14 pm »
Pronta già da qualche mese, ho trovato solo ora il tempo per impaginare e pubblicare la recensione della Vello Bike+ su Milano Folding Bikers.
Le foto sono mie mentre la penna è stata passata nuovamente al buon Vittorio.

------------------------------------------------------------------------------------------------------

VELLO Bike+

La “vittima” della nostra prova è questa volta una raffinata bici pieghevole a pedalata assistita di costruzione austriaca, ricca di caratteristiche innovative e dalla componentistica di grande qualità: vi presentiamo la VELLO Bike+.
Il telaio a diamante è d’acciaio al CrMo, con un aspetto da mini-bike che trasmette una rassicurante impressione di solidità e abbina la piega del carro posteriore (ormai da tempo non più esclusiva della Brompton) a un’inedita forcella anteriore ripiegabile, mentre per la trazione c’è una motoruota posteriore sistema ZEHUS che per caratteristiche e “filosofia” di impiego ne fa un unicum nel panorama delle biciclette a pedalata assistita.



La bici della nostra prova era di un grigio canna di fucile molto elegante (unico
colore disponibile per questa versione) e sprovvista dei parafanghi, che però sono previsti dal costruttore: un parafango tradizionale aderente alla ruota anteriore e uno sdoppiato posteriore, con una parte fissa posta davanti alla ruota all’interno del carro, che protegge la zona centrale del telaio, e una articolata per non interferire col ribaltamento del carro stesso.
La soluzione, un po’ più complessa di quella per esempio della Ahooga ma probabilmente più protettiva, non è facilissima da descrivere quindi rimandiamo al sito del costruttore: sito VELLO bike

Il telaio è predisposto per il montaggio di un portapacchi proprietario
o una staffa di carico anteriore (KlickFix o simili) sul cannotto di sterzo e di un portaborraccia sul tubo inclinato inferiore.
Nell’immagine si nota anche la soluzione inconsueta ma funzionale per i passaggio delle guaine dei cavi: staffe saldate al tubo del telaio nelle quali vengono fatte passare normali fascette serratavi da elettricista; in questo caso c’è solo il tubetto del fluido del freno posteriore e rimane libera la staffa che in altre versioni viene utilizzate per fissare il cavo di comando del cambio.



IL MANUBRIO
Il manubrio dritto è largo circa 62 cm e può essere piegato per il trasporto estraendo le due estremità, fissate da due collarini a eccentrico.



I due semimanubri sono trattenuti da un cavetto elastico...



... e dotati ciascuno di un nottolino che impegna una scanalatura nella parte centrale fissa, impedendo la rotazione; questo permette anche una modesta regolazione in larghezza, semplicemente sfilando di un paio di centimetri i semimanubri prima di fissarli.
Il sistema è solido e veloce da azionare, ma i due semimanubri una volta estratti rimangono liberi di penzolare; chi volesse assicurarli in qualche maniera dovrà arrangiarsi, per esempio utilizzando una fascetta elastica o di Velcro.



La parte centrale del manubrio è tenuta da una breve pipa fissa.



Sul cannotto di sterzo vi è un tradizionale collarino di blocco che però non permette di abbattere il piantone come sulle altre pieghevoli ma solo di ruotarlo di 90°, con un innesto dentellato che garantisce il blocco nelle due posizioni.
Data la possibilità di ridurre l’ingombro estraendo i semimanubri la manovra non appare indispensabile.
Il morsetto alla base del manubrio è un pezzo di pregiata fattura, con il logo del costruttore e comprende un piccolo fanale anteriore, alimentato con una batteria a pastiglia, molto elegante ma di potenza limitata, quindi utile soprattutto come luce di posizione. Si accende premendolo leggermente, con la sequenza acceso-lampeggiante-spento.



Lo stesso tipo di fanalino lo troviamo anche al posteriore, integrato nel morsetto che blocca il tubo reggisella; in questo caso, considerata la sensibile inclinazione verso il basso e la marcata direzionalità della luce generata dal LED, temiamo che la visibilità della luce non sia proprio ottimale. Per questo e anche per l’uso di batterie a bottone non ricaricabili, particolarmente “invasive” per l’ambiente, in attesa che il costruttore pensi a un sistema di illuminazione un po’ meno “stiloso” ma più pratico e potente, ci sentiamo di consigliare agli acquirenti della VELLO Bike+ di aggiungere un paio di fanali ricaricabili, anteriore e soprattutto posteriore, un po’ più potenti.



LA FORCELLA ANTERIORE
E veniamo a una delle peculiarità di questa bici, la forcella ripiegabile che permette di ridurre la lunghezza senza imporre uno scomodo smontaggio e rimontaggio della ruota anteriore. La cerniera, posta nella parte posteriore sotto il cannotto di sterzo, viene chiusa da due piastre che combaciano e vengono bloccate da una clamp a sua volta fissata da un manettino a galletto (lo stesso sistema delle articolazioni della Brompton, per intendersi).





La tenuta, una volta stretto il galletto, è più che sicura e secondo il costruttore più che sufficiente a garantire la sicurezza da aperture indebite (anche perché, data a naturale inclinazione dello sterzo, la gravità collabora a tenere chiusa la cerniera), ma vuoi per ragioni “psicologiche”, vuoi perché si tratta effettivamente di un’articolazione “vitale” (in tutti i sensi!), è stato aggiunto un robusto spinotto di sicurezza in stile aeronautico, legato con un cavetto metallico a una piastrina capocorda avvitata al supporto per la staffa di carico/portapacchi anteriore, così da non rischiare di perderlo a bici piegata ma anche per ricordarsi di inserirlo in sede prima di partire.



IL SISTEMA FRENANTE
I freni sono Shimano a disco ad azionamento idraulico, potentissimi ma al tempo stesso ben modulabili (solo con qualche “strizzata” più decisa siamo arrivati al bloccaggio della ruota posteriore). Nelle due immagini si possono vedere anche lo sgancio rapido della ruota anteriore (raffinatezza non proprio indispensabile su una pieghevole), il magnete che serve a tenere chiusa la bici piegata, sul tubo destro della forcella, e la staffa per il montaggio del freno V-Brake, di serie su altre versioni di questa bici.



« Ultima modifica: Settembre 18, 2018, 05:12:49 pm by Peo »
Dahon Vitesse D7  /  Dahon Classic III  /  Velital / Brompton M3(+8) L

Offline Peo

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1473
  • Reputazione: +202/-2
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #16 il: Settembre 17, 2018, 02:44:06 pm »
IL CARRO POSTERIORE
Come già detto, è articolato rispetto al telaio, stile Brompton, e per la chiusura si affida a un magnete, con un elemento di elastomero interposto fra attacco e telaio.



Una curiosità è la posizione della cerniera, davanti all’asse dei pedali e non dietro come sulla Brompton, il che fa sì che la distanza tra questo e il perno della ruota posteriore resti invariata durante la rotazione del carro, rendendo inutile la presenza di un tendicatena e permettendo, come in questo caso, l’uso di una trasmissione a cinghia. Data la conformazione del telaio principale, che non avrebbe lasciato abbastanza spazio per una ruota da 20” (a meno di ricorrere a un telaio a doppia culla inferiore, come sulla Ahooga), la cerniera è disposta obliquamente, di modo che la ruota va a disporsi accanto al telaio; lo si vede chiaramente soprattutto osservando la bici dal basso.



LA TRASMISSIONE
Come abbiamo appena accennato, la trasmissione è a cinghia dentata, con corona da 60 denti e pignone da 19 denti, per uno sviluppo metrico (distanza percorsa dalla bicicletta con un giro di pedivella) di quasi 5 m, abbastanza agile per l’impiego in città, grazie anche all’ausilio del motore, ma molto meno adatto a spunti velocistici e lunghi percorsi extraurbani (problema che evidentemente non si pone con le versioni “muscolari” dotate di cambio).
Le pedivelle sono della misura standard di 175 mm.



La tensione della cinghia può essere regolata con due tradizionali registri a vite alle estremità dei due bracci del carro, come sulle motociclette con trasmissione a catena o sulle bici senza cambio a deragliatore; il cappellotto nero sul lato destro del mozzo della ruota cela la presa per l’eventuale ricarica della batteria.



Sul lato sinistro invece spiccano il disco freno posteriore e il ricettacolo per il magnete di chiusura.





LA SELLA
La bici monta una Selle Royal Viento marcata con il logo Vello con scarico centrale, molto comoda nonostante l’aspetto sportivo.
Il binario di destra reca impressa la scala graduata per regolare la posizione.







Il tubo reggisella, invece, non ha la scala graduata per la regolazione di precisione dell’altezza. Di alluminio del diametro di 30,9 mm, è lungo 500 mm; con sovrapprezzo è disponibile da 600 mm, consigliato per persone di statura superiore a 185 cm.

I PEDALI
I pedali sono Wellgo d’alluminio, pieghevoli e dotati di catarifrangenti, con sblocco spingendo la parte mobile verso l’interno.





LE RUOTE
Le ruote sono da 20”, con cerchi d’alluminio Exal ZX19 con finitura nera opaca, entrambi a 32 raggi; questi sono montati incrociati in seconda all’anteriore e diritti (radiali) al posteriore. Di serie sono montati pneumatici Schwalbe Marathon Racer da 20x1,50 e camere d’aria con valvole Schrader.



IL SISTEMA DI PIEGATURA
Ecco come si presenta la bici da chiusa



…ed ecco l’inevitabile foto-confronto…



Come si vede, la differenza non è abissale: massa e dimensioni dichiarate sono 13,9 kg e 79x57x29 cm; noi abbiamo rilevato 88x62x38 cm, con qualche minima approssimazione (probabilmente la larghezza dichiarata è senza pedali), la lunghezza da aperta è 155 cm e il passo 105 cm. L’altezza massima della sella, con il tubo reggisella standard estratto fino al limite, è di 95 cm dal suolo.

Questa la sequenza di piegatura della Vello:
a) si apre l’articolazione della ruota anteriore allentando il manettino che blocca la clamp (come sulla Brompton), dopo aver estratto lo spinotto di sicurezza, che rimane appeso al suo apposito cordino metallico.



b) si solleva la bici prendendola per la sella e il manubrio; un piccolo slancio basta per sganciare il magnete del carro posteriore che si ribalta verso il davanti mentre la forcella si piega all’indietro.



c) si fissano tra loro la forcella e il carro posteriore con l’apposito magnete.



d) si abbassa il tubo reggisella, che – come sulla Brompton – va a bloccare il carro posteriore.



e) dopo aver allentato il collarino, si ruota di 90° il manubrio, lo si abbassa nel suo tubo telescopico e si estraggono uno o entrambi i semimanubri che restano penzoloni, appesi al loro richiamo elastico.



Nell’insieme la manovra non è completamente intuitiva e rispetto ad altre pieghevoli richiede di farci la mano, soprattutto per far “incontrare” correttamente forcella e carro piegati, ma non presenta particolari difficoltà. Forse non è la bici ideale per chi deve prendere un treno al volo, come può essere una Strida o una Brompton, ma dopo un minimo di pratica è comunque più agevole di una Ahooga, una Montague o una Birdy. Il principale ostacolo potrebbe essere il pedale sinistro, che va disposto con la pedivella rivolta orizzontalmente verso l’avanti prima di ribaltare il carro posteriore, per evitare che interferisca con il ribaltamento della forcella.
Come per la Ahooga, se si vuole velocizzare la manovra si può lasciare la ruota anteriore in posizione di marcia, a prezzo però di un sensibile aumento della lunghezza. Ma piuttosto che perdere il treno...
« Ultima modifica: Settembre 17, 2018, 10:26:42 pm by Peo »
Dahon Vitesse D7  /  Dahon Classic III  /  Velital / Brompton M3(+8) L

Offline Peo

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1473
  • Reputazione: +202/-2
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #17 il: Settembre 17, 2018, 02:44:37 pm »
TRASPORTO PASSIVO E PARCHEGGIO
Questo aspetto non è il punto forte della VELLO Bike+; sul sito del costruttore si mostra come spingerla “a carrellino” tenendo il manubrio estratto, ma la manovra non è semplicissima e il magnete centrale potrebbe aprirsi in caso di sollecitazioni un po’ più forti. Altrimenti, non rimane che sollevarla di peso e trasportarla a mo’ di valigia, in questo caso agevolati dalla comodità di presa sul tubo superiore del telaio.
Non è possibile parcheggiare la VELLO Bike+ in “stile Brompton”, ribaltando il carro posteriore perché questo si ribalta leggermente obliquo e quindi la bici non resta in equilibrio, per cui si fa ricorso a un tradizionale cavalletto laterale.

LA MOTORIZZAZIONE
E veniamo all’originale sistema di motorizzazione ZEHUS, progettato da una startup italianissima nata nell’ambito del Politecnico di Milano.
Cuore del sistema è la motoruota posteriore, che contiene il motore elettrico da 250 W di potenza e 20 Nm di coppia massima, l’elettronica di controllo, i sensori e la batteria da 160 Wh e 3000 cicli carica-scarica nominali che è per così dire “avvolta” intorno al motore. Tutto il blocco motore-elettronica-batteria pesa solo 3,2 kg. All’estremità destra del mozzo si trova la presa per la ricarica, celata sotto un cappuccio di gomma. Secondo l’impostazione del sistema ZEHUS, peraltro, la necessità di ricaricare la batteria è piuttosto remota, solo per il primo utilizzo o in caso di lunga inattività (regola d’oro per tutti gli accumulatori, di qualunque genere: mai lasciarli completamente scarichi).
Diversamente dalle altre bici a pedalata assistita, la VELLO Bike+ richiede un minimo di apprendistato per poterla sfruttare al meglio. In primo luogo è necessario uno smartphone su cui scaricare l’applicazione Bitride (compatibile con Android 4.2.3 e iPhone 4s e successivi) tramite la quale si controllano tutte le funzioni, quindi bisogna associarlo alla bici tramite collegamento Bluetooth. Per maggiori dettagli rimandiamo al sito www.zehus.it .
Stando alle istruzioni diffuse dal costruttore, la bici è comunque essere utilizzabile anche senza app, quanto meno nelle sue funzionalità di base.
Per attivare il motore occorre raggiungere una velocità di circa 8 km/h e dare tre giri di pedale all’indietro, dopo di che… basta pedalare. Il motore dispone di sei livelli di assistenza regolabili tramite app e anche con il più spinto (“Turbo”, impostato di default) l’assistenza è sempre dolce e graduale. Il ritardo del motore non è sempre costante; partendo da fermo dopo una sosta di qualche minuto può servire anche un giro completo di pedali per avvertire la spinta, mentre dopo una sosta di pochi secondi (per esempio a un semaforo) l’intervento è quasi istantaneo. Per “spegnere” il sistema senza smartphone basta coricare la bici su un fianco o “impennarla” in verticale sulla ruota posteriore.

La “filosofia progettuale” dello ZEHUS mira allo sfruttamento ideale dell’energia muscolare ed elettrica, con l’elettronica di controllo che realizza una sorta di ”vasi comunicanti”: in pratica quando si pedala con più energia di quella strettamente necessaria il motore lavora come un generatore, immagazzinando energia nella batteria, mentre se la resistenza al moto supera la potenza impressa sui pedali, il processo si inverte e il motore interviene in aiuto attingendo corrente dalla batteria. Proprio per questa ragione è impossibile indicare un’autonomia in chilometri, troppe essendo le variabili in gioco; in condizioni d’uso ideali l’autonomia (ovvero l’intervallo fra due ricariche) potrebbe essere infinita, come dichiarato dal costruttore.
Oltre ad attingere energia… dalle nostre gambe, il sistema ZEHUS sfrutta il più possibile il recupero di energia, richiamato dalla sigla KERS (Kinetic Energy Recovery System) resa celebre negli ultimi anni dalla Formula 1, anch’essa regolabile tramite app: non appena si smette di pedalare si avverte un leggero rallentamento, che si accentua se si muovono i pedali all’indietro, come in un freno a contropedale; il sistema non permette di frenare fino all’arresto, perché perde progressivamente di efficacia col diminuire della velocità, ma è molto efficace per mantenere la velocità più o meno costante in discesa. Su una scala di dimensioni e potenze completamente diversa, è un po’ la stessa cosa che avviene con la frenatura elettrica a recupero dei treni… che peraltro esiste da più di un secolo!
Poiché in bici in genere si è abituati a sfruttare l’inerzia e la ruota libera, bisogna fare l’abitudine a queste particolarità, ma bastano davvero pochi metri per capire che con la Vello Bike+ conviene non smettere mai di pedalare e affidarsi alla gestione elettronica del motore per il bilancio energetico.

SU STRADA
Una volta in sella, la VELLO Bike+ conferma la prima impressione e si rivela estremamente precisa nel seguire le traiettorie, senza che si avverta nessun accenno di flessione od oscillazione.
Anche l’inevitabile ma leggero sbilanciamento delle masse, con il posteriore gravato dalla motoruota, non si avverte minimamente. Il telaio chiuso e non articolato garantisce una grande robustezza anche su strade molto sconnesse e anche la forcella ribaltabile, grazie al suo doppio sistema di blocco, non deve impensierire nemmeno in caso di guida “aggressiva”.
Con un’impostazione complessivamente non sportiva e la possibilità di sfruttare il “freno motore” per non prendere troppa velocità in discesa, il poderoso impianto frenante appare perfino sovrabbondante rispetto al necessario. Il rapporto di trasmissione corto impedisce di spingere in velocità, per cui per poter mettere davvero alla frusta telaio e freni probabilmente occorrerebbe, come per la Ahooga, provare la versione “muscolare” per poterne apprezzare le doti velocistiche e di leggerezza (fino agli 8,9 kg dichiarati dal costruttore per la versione monomarcia Airborne One con telaio in titanio).

CONCLUSIONI
A chi si rivolge questa bici?
Sicuramente a chi è affascinato dalla tecnologia, a chi ne apprezza lo stile e i raffinati dettagli costruttivi, ma anche al ciclista urbano – pendolare o no – che non ricerca prestazioni spinte ma vuole un mezzo dalla massima semplicità d’uso (“pedala e dimenticati di avere una batteria” potrebbe essere il suo slogan) per muoversi senza fatica e… senza sudare. Con ogni probabilità il sistema si fa apprezzare al suo meglio su percorsi che alternano salite e discese, piuttosto che in una città pianeggiante come Milano, dove le salite più acclivi sono i cavalcavia…
Unica nota dolente, il prezzo, specie ora che sul mercato si affacciano proposte (anche pieghevoli), di bassa gamma sì, ma a prezzi abbondantemente sotto i 1000 euro. I 3299 euro di questa versione non sono certo pochi e per chi vuole si può spendere ancora di più optando per il telaio in titanio (700 euro in più e 1 kg in meno) o per il cambio centrale Schlumpf (499 euro), anche se bisogna comunque pensare la Vello Bike+ (come qualunque altra bici equipaggiata con il sistema ZEHUS) non come un’esercitazione tecnologica fine a sé stessa nè una “semplice” bicicletta dotata di un motore ausiliario, bensì come un “sistema integrato” e autonomo per lo sfruttamento ottimale dell’energia elettrica e … delle nostre gambe. Potrebbe essere la strada del futuro per la mobilità ciclistica urbana?

Un ringraziamento agli amici del negozio "La stazione delle Biciclette" che ci hanno dato in prova questo gioiellino tecnologico.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Dahon Vitesse D7  /  Dahon Classic III  /  Velital / Brompton M3(+8) L

Offline sergiozh

  • maestro
  • ****
  • Post: 421
  • Reputazione: +18/-1
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #18 il: Settembre 18, 2018, 02:19:45 am »
Se ti regalassero una pieghevole vello con la condizione che devi usare solo quella bici per 5 anni sceglieresti un modello con batteria o un modello in titanio senza batteria ?

Ho letto che nei progetti velio ci sarebbero anche versioni della bici in carbonio. Si sa se la faranno ?
« Ultima modifica: Settembre 18, 2018, 02:25:55 am by sergiozh »

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4883
  • Reputazione: +230/-1
  • Solvitur ambulando (pedalando)
    • Bikes & Co on Pinterest
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #19 il: Settembre 18, 2018, 09:46:22 am »
Nell'incontro con V. Voder non si é parlato di versioni in carbonio, ma solo titanio.
Le bici assemblate da loro vengono proposte con telaio centrale in titanio ma forcella e carro posteriore in acciaio.
Sarà poi disponibile un telaio completamente in titanio "nudo" da assemblare con componentistica di propria scelta e a proprie spese.
Vedo più probabile la possibilità di usare componenti in carbonio come nel caso di tubo sella, manubrio etc piuttosto della realizzazione di telaio e forcella, vista la complessità geometrica del perno per il carro e dello snodo della forcella. La realizzazione di queste parti in carbonio in basse tirature avrebbe probabilmente costi più alti e non dimentichiamo che lo snodo anteriore dovrebbe comunque essere realizzato in metallo.

Offline giosatta

  • iniziato
  • *
  • Post: 42
  • Reputazione: +4/-0
  • Brompton M6L RL
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #20 il: Settembre 18, 2018, 03:50:44 pm »
L'interasse del carro posteriore è da 135 mm?
"It is wholly a confusion of ideas to suppose that the economical use of fuel is equivalent to a diminished consumption. The very contrary is the truth." (William Stanley Jevons, "The Coal Question", 1865)

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4883
  • Reputazione: +230/-1
  • Solvitur ambulando (pedalando)
    • Bikes & Co on Pinterest
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #21 il: Settembre 18, 2018, 03:55:28 pm »
Non ho misurato ma credo di si, visto che monta Nexus 7 e Alfine 11

Offline giosatta

  • iniziato
  • *
  • Post: 42
  • Reputazione: +4/-0
  • Brompton M6L RL
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #22 il: Settembre 18, 2018, 04:37:52 pm »
Anche a me sembrava 135 e 100 all'anteriore.
Personalmente a me piace moltissimo "dalla vita in giù" (telaio, carro e forcella) Invece il tubo sella e il manubrio li vedo non altrettanto all'altezza (ovviamente impressioni in foto).
In modo particolare, il sistema di piega del manubrio mi sembra un problema non risolto. Tra l'altro hanno risolto bene l'eccentrico del carro, magari potevano lavorare su una variazione di quello.
Anche le lucine secondo me sporcano solo la linea senza aggiungere vantaggi.
La versione elettrica invece penso che sia una delle più riuscite, visto che mantiene la linea pulita e la trazione posteriore, cosa che nella maggior parte dei casi si perde (Brompton compresa). Se Zehus ora curasse un pochino anche l'estetica del motore (e visto che ci sono facessero anche una versione per carri più stretti) il risultato sarebbe davvero più che riuscito.
Con un paio di accorgimenti diventa davvero una bellissima bici, ma è vero che siamo alle prime versioni e c'è tutto il tempo di migliorare - e chissà, di racimolare i soldi per aggiungerla alla collezione :)
p.s. complimenti per la recensione
« Ultima modifica: Settembre 19, 2018, 11:20:36 am by giosatta »
"It is wholly a confusion of ideas to suppose that the economical use of fuel is equivalent to a diminished consumption. The very contrary is the truth." (William Stanley Jevons, "The Coal Question", 1865)

Offline sergiozh

  • maestro
  • ****
  • Post: 421
  • Reputazione: +18/-1
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #23 il: Settembre 19, 2018, 12:54:10 am »
Per me dovrebbero aggiungere un'ammortizzazione facoltativa alla ruota anteriore e fare pure una versione in carbonio.

Qualcuno ha un'idea di quanto peso si risparmierebbe con un telaio in carbonio ? Le pieghevoli per me dovrebbero essere leggerissime per poterle portare piegate facolmente. Per questo mi piace molto la versione in titanio da 9 kg.
« Ultima modifica: Settembre 19, 2018, 12:56:02 am by sergiozh »

Offline Hopton

  • gran visir
  • *****
  • Post: 4124
  • Reputazione: +157/-0
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #24 il: Settembre 19, 2018, 07:43:18 pm »
Cerco di abbassare il livello della discussione aggiungendo le mie considerazioni.  :P
A mio avviso ha una linea bella e accattivamente a bici "spiegata", ma decisamente meno a bici piegata. Da chiusa sembra un po' un quadro di Picasso, diciamocelo...  ::)
E le considerazioni di Vittorio sul meccanismo di piega corroborano il mio sospetto, e cioè che si tratta forse di una bici poco adatta al pendolarismo, immaginatevi dover fare tutte quelle operazioni ogni mattina, prima di salire su un treno, per poi avere comunque un catafalco da gestire... La foto con il confronto da piegate tra Vello e Brompton mostra bene il concetto: al di là del fatto che ovviamente la Vello ha dimensioni maggiori, io ad occhio sospetto che anche una buona pieghevole classica da 20" a piega centrale sarebbe comunque più facilmente gestibile sui mezzi pubblici, perché anche se le dimensioni da piegata (79 x 56 x 28) sono inferiori (ma mica tanto nel caso di Dahon Vitesse o Speed, ad esempio), la verità è che le dimensioni pure e semplici non dicono tutta la storia. La Vello sembra avere da piegata una serie di protuberanze e sporgenze che paiono fatte apposta per impigliarsi dove e quando meno te lo aspetti, in situazioni tipo salite o discesa da mezzi pubblici, strettoie etc.
Insomma io la vedo sicuramente adatta a chi non deve farci intermodalità spinta. Ovviamente dico tutto ciò senza nulla togliere alla considerazioni di natura più tecnica espresse nelle recensioni di Sbrindola, Peo e Vittorio, e che evidenziano che si tratta di un'ottima bici, è solo che dopo tanti anni di pendolarismo il mio punto di vista è inevitabilmente un po' deformato.
Mario
« Ultima modifica: Settembre 19, 2018, 08:25:08 pm by Hopton »
"La città è fatta per le persone, non per scatole di metallo". (Ayfer Baykal, assessore all'ambiente, comune di Copenhagen)
Brompton M6L blu cobalto, Strida Evo Silver

Offline carlo

  • BTwin Tilt 5 Nexus 8v Brompton H6-12%RD black
  • gran visir
  • *****
  • Post: 926
  • Reputazione: +92/-0
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #25 il: Settembre 20, 2018, 01:44:05 pm »
L'avevo vista e fotografata a Verona nel corso della fiera della bicicletta, credo che se si va al post dovrebbe esserci una mia foto.
Edit, ne parlavo qui:
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=8993.msg94323#msg94323

In my opinion è una bici elegante e sobria, molto bella aperta. Me ne innamorai, poi il responsabile dello stand me la fece vedere da vicino e la "smanettai" (non l'ho provata perché era dentro la fiera), poi la cominciò a chiudere e fu meno accattivante perché era alquanto pasticciata la cosa. Insomma la scartai come soluzione "intermodale", poi non so se è stata aggiornata o modificata.

All'epoca non la ritenni una cosa interessante, ciao  :P
« Ultima modifica: Settembre 20, 2018, 01:47:32 pm by carlo »
La teoria della relatività? Mi è venuta in mente andando in bicicletta...
Albert Einstein

Offline carlo

  • BTwin Tilt 5 Nexus 8v Brompton H6-12%RD black
  • gran visir
  • *****
  • Post: 926
  • Reputazione: +92/-0
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #26 il: Settembre 21, 2018, 11:11:00 am »
Andando a spulciare tra il materiale dello scorso anno mi sono ritrovato anche la brochure della bici, se volete metto le foto  :)
La teoria della relatività? Mi è venuta in mente andando in bicicletta...
Albert Einstein

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 9906
  • Reputazione: +173/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #27 il: Ottobre 02, 2018, 10:20:17 pm »
metti metti  :)
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline marcododo

  • assistente
  • ***
  • Post: 192
  • Reputazione: +6/-0
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #28 il: Ottobre 04, 2018, 10:40:36 am »
Interessanti queste pieghevoli Vello!
Sto cercando di capire su cosa orientarmi per il mio rientro in questo mondo. Sono partito subito con l'idea della Brompton, perchè l'ho conosciuta e l'ho apprezzata subito  :D, ma, considerando che le mie necessità sono cambiate dal lontano 2011, che la mia intermodalità non comprende mezzi pubblici, ma auto e bici, potrei prendere in considerazione anche questo mezzo, nel bagagliaio dovrebbe starci, anche se non è molto capiente.
Ho letto che Sbrindola l'ha provata da Bike ID a Torino, è stato solo un caso perchè c'era il co-fondatore, oppure hanno qualche mezzo in negozio da poter vedere e provare?
 
Brompton M6L Black&Lime

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4883
  • Reputazione: +230/-1
  • Solvitur ambulando (pedalando)
    • Bikes & Co on Pinterest
Re:Vello bike: austriaca artigianale
« Risposta #29 il: Ottobre 04, 2018, 12:10:03 pm »
Ti confermo che BikeID ha una Vello disponibile per il test.
Si tratta della Bike+ con trasmissione a catena ma rispetto a quella visibile sul sito ha i V Brake al posto dei freni a disco.
Se ti interessa ti consiglio di contattare Andrea per concordare il momento della prova in modo che ti possa seguire al meglio.

Tags: