Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Post recenti

Pagine: 1 2 3 4 5 6 ... 10
1
Dahon / Re:Dahon Curl
« Ultimo post by Nexus81 il Agosto 04, 2021, 11:31:18 pm »
Ciao a tutti di nuovo. Vorrei condividere nel forum la mia preliminare esperienza con l’elettrificazione della dahon curl grazie al kit della Pendix. Mi sono fatto il regalo dei 40!!!😅
La versione scelta non è il modello base, ma quella intermedia, la e300, dotata di batteria da 330Wh e coppia fino a 65Nm con possibilità di settare la potenza su 3 livelli.
Mi sono affidato ad un negozio storico di Roma che è anche centro autorizzato Pendix e devo ammettere che mi hanno trasformato la bici anche in considerazione del fatto che mi hanno sostituito la corona con una da 44 denti, leggermente più piccola , ma che vi assicuro mi permette di usare la 4a tranquillamente con poco sforzo anche in modalitá smart cioè intermedia.
Apprezzo la silenziositá in marcia e l’assenza di attrito in marcia se il motore è spento. Pesa secondo me il giusto , 6,5 kg tutto incluso. Mi piace il fatto che è switchabile, ovvero se un domani decidessi di sostituire la mia dahon con una brompton o anche passarla ad un’altra mia bici mtb muscolare da 29 pollici, ebbene si puó fare con il dovuto settaggio del diametro della ruota che puó fare solo l’officina autorizzata.
In marcia con la Eco , l’assistenza è minima ma riesco a sentire subito l’aiuto, che non è mai invasivo ma costante e fluente grazie al sensore di coppia e non di pedalata.
Certo il costo è alto, ma ho deciso di sposare l’idea di conservare una bici molto valida , la curl il cui costo comunque si aggira da listino sui 1000€, che passare piuttosto ad una nuova scarsa ebike ( una ebike con motore centrale buona si aggira almeno sui 2000-2500€ minimo).
Allego qualche foto e poi vi aggiornerò con nuove esperienze. Intanto le primissime sensazioni sono emozionanti e super positive.















2
presenza: visiva ed acustica / Re:luce posteriore con sensore di frenata
« Ultimo post by Vittorio il Agosto 01, 2021, 12:47:26 pm »
La settimana scorsa mi sono fatto un piccolo regalo, a me e alla bici sportiva da 28” che tengo a casa, che da parecchi anni era equipaggiata di un vecchio fanale posteriore a LED alimentato con due pile stilo, che però aveva la sgradevole abitudine di sganciarsi dalla sua staffa a ogni sobbalzo un po’ forte. Dopo averlo raccattato, rimontato e incollato più volte, mi è capitato sott’occhio il Sigma Blaze con carica USB e funzione di stop. Attirato da un invitante prezzo di 14,95€ (sconto 40%), l’ho ordinato su Deporvillage, pagandolo poi alla fine 23,94€ con le spese di spedizione, cioè più o meno a prezzo pieno.
Nelle prime foto la confezione, di cartone leggero interamente riciclabile, e il contenuto: fanale, foglio di istruzioni in sei lingue (fra cui l’italiano), cavetto USB per la ricarica e laccio di gomma per il fissaggio al tubo reggisella, con diametri da 25 a 32 mm.
     
Per diametri maggiori occorre procurarsi un laccio di misura opportuna, per esempio un O-Ring o un elastico robusto, da agganciare alle alette laterali della basetta, fornita di un sottile strato di gomma che migliora l’aderenza al tubo reggisella. In caso di rottura, il laccio è dichiarato disponibile come ricambio.
Nelle istruzioni si suggerisce, dopo aver montato il fanale la prima volta, di tagliare l’eccedenza per non schermare la luce lateralmente (la visibilità è buona su un arco di 150-180°).

Credo che sia consigliabile tagliare dalla parte opposta alla linguetta di presa, in modo da facilitare i periodici smontaggi e rimontaggi per la ricarica. Questa dura circa 3 ore e avviene tramite la presa mini-USB chiusa da un coperchietto di gomma nella parte inferiore.

Il fanale è dotato di cinque LED complessivamente: uno più in alto come luce di posizione, due come luce di stop e uno ciascuno come indicatore di carica bassa (blu), nella posizione indicata dal simbolo della batteria,

che si accende quando la capacità della batteria scende sotto il 30%, e uno arancio per la calibrazione.

Il pulsante di accensione è nella parte superiore, abbastanza comodo da raggiungere anche stando in sella.

Il funzionamento è piuttosto semplice: prima di partire, tenendo la bici verticale, si preme il pulsante di accensione che avvia la calibrazione, indicata dal lampeggio per alcuni secondi del piccolo LED arancio. Quando la calibrazione è terminata il LED passa a luce fissa,  indicando che il fanale è attivato in modalità diurna.
La prima pressione sul tasto di accensione imposta la funzione diurna, in cui il LED della luce di posizione è spento ma si accende automaticamente in caso di abbassamento della luminosità ambiente (per esempio un sottopassaggio); per prevenire il rischio di dimenticarlo acceso, in assenza di movimento della bici il fanale si disattiva dopo circa 9 minuti,
Una nuova pressione attiva la modalità notturna, con il LED di posizione sempre acceso a luce fissa (non è previsto il lampeggio) e una terza spegne il fanale. In modalità notturna il piccolo LED spia arancio rimane spento e non è presente lo spegnimento automatico.

In entrambi i casi, quando viene rilevata una decelerazione o una forte inclinazione laterale, gli altri due LED, di intensità e dimensioni maggiori, si accendono per circa 3 secondi, anch’essi a luce fissa.

In base alle informazioni fornite dal produttore, la durata a piena carica è di circa 7 ore (ma non si specifica se in regime “giorno” o “notte”...), la visibilità è di 500 m (ma non si specifica se della luce di posizione o dello stop) e il tempo di ricarica di circa 3 ore.
Fin qui la teoria, desunta dalle istruzioni e dalle prove che si possono fare a casa; appena possibile qualche ritorno d’esperienza dopo i primi giri.

Vittorio
3
Dahon / Re:Dahon Curl
« Ultimo post by Nexus81 il Luglio 29, 2021, 07:33:23 pm »
Ciao a tutti, ho seguito il consiglio di gip per acquistare l’attacco aggiuntivo del pedale rimovibile di marca MKS, sfruttando il foro filettato in più che c’era. Posto qualche foto.
Invece il problema del portapacchi non in linea ormai ci ho rinunciato, e ci ho fatto l’abitudine. Non è poi così tragico perchè alla fine svolge la sua funzione per bene. Certo ho cercato su internet pezzi di ricambio ma non si trovano ( ed in questo rimpiango non avere una brompton).





4
orientamento,intrattenimento,fitness,... / Re:Contachilometri (col filo o senza?)
« Ultimo post by boccia il Luglio 25, 2021, 07:31:18 am »
Sì può darsi, ovviamente.
5
orientamento,intrattenimento,fitness,... / Re:Contachilometri (col filo o senza?)
« Ultimo post by Vittorio il Luglio 24, 2021, 11:21:55 am »
Forse pile più o meno fresche?
Vittorio
6
orientamento,intrattenimento,fitness,... / Re:Contachilometri (col filo o senza?)
« Ultimo post by boccia il Luglio 24, 2021, 09:06:39 am »
A proposito di batteria della trasmittente, nel mio caso riscontro una durata molto variabile, a prescindere dall'utilizzo. Ormai ci ho fatto l'abitudine e mi porto una batteria di scorta...  ::)
7
orientamento,intrattenimento,fitness,... / Re:Contachilometri (col filo o senza?)
« Ultimo post by Vittorio il Luglio 23, 2021, 06:24:38 pm »
Una decina di giorni fa ho dovuto sostituire la batteria CR2032 della trasmittente del mio computerino; vero che in tutto il 2020 la bici si è mossa pochissimo, ma siccome l'avevo sostituita nel settembre 2019, direi che non mi posso proprio lamentare...
Vittorio
8
borse, zaini, portapacchi, carrelli ... / Re:portapacchi posteriore (universale e non)
« Ultimo post by Vittorio il Luglio 23, 2021, 04:39:16 pm »
In effetti Peo è una decina di centimetri più alto e tiene la sella abbastanza alta per distendere bene la gamba nella pedalata. Lo stesso vale per me, per questo non mi è venuto in mente che ci potesse essere un problema di altezza, mi spiace. Fai bene a non appoggiare niente di pesante e/o fragile sul freno.
Facci sapere come la risolvi

Vittorio
9
borse, zaini, portapacchi, carrelli ... / Re:portapacchi posteriore (universale e non)
« Ultimo post by Kiara il Luglio 23, 2021, 12:48:10 pm »
Purtroppo le mie verifiche non hanno avuto buon esito  :(: evidentemente Peo è MOLTO più alto di me (che non arrivo al metro e 70) e quindi tiene la sella molto più alta, ed il suo zaino parecchio più corto del mio, che in sostanza riesco a far stare nella posizione prevista solo ripiegandone quasi 10 cm in alto.
Questo sarebbe il meno, tanto non è mai completamente pieno: quello che non mi garba è che comunque, anche così, non ha luce sotto e finisce a poggiare direttamente sul freno. E visto che di norma dentro c'è un tupperware in vetro col pranzo più almeno almeno la borraccia da mezzo litro, non mi sembra un buon allestimento.
Un vero peccato, perchè il sistema dei moschettoni proposto da Vittorio ha dimostrato di essere l'opzione migliore, alla fine, visto che su entrambi gli spallacci il mio zaino ha due fettucce trasversali che consentivano giusto giusto un aggancio in sicurezza (ho fatto la prova da un lato solo perchè non avevo 2 moschettoni idonei, ma già così era perfetto). Ottino anche il blocco sul tubo della sella, visto che lo zaino ha anche una cinghia per il fermo in vita.
Insomma, o compro lo zainetto sgrauso di Decathlon e pensiono il mio (a cui sono TANTO affezionata  :'(), oppure mi devo arrendere all'opzione portapacchi  :(
10
presenza: visiva ed acustica / Re:luci ad induzione (senza batteria) Reelight&co
« Ultimo post by Vittorio il Luglio 22, 2021, 06:00:46 pm »
Branson.

Per il Maglev cinese, però, CRRC l'aveva presentato nell'ottobre 2016

Vittorio
Pagine: 1 2 3 4 5 6 ... 10