Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Brompton Kinetics 18" Alfine 11  (Letto 524 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 10029
  • Reputazione: +176/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome Ŕ al termine del mio viaggio
Brompton Kinetics 18" Alfine 11
« il: Aprile 05, 2021, 12:03:32 pm »
Brompton Kinetics BigApple 18x2.00  Alfine 11

Due sono le cose che non mi sono mai piaciute nella Brompton, e che ne limitano gli scenari: le ruotine e il cambio.
  • Le ruotine da 16", con la pressione a 6 atmosfere e la sezione ridotta, sono una vera scocciatura quando devi affrontare strade rattoppate, sanpietrini, o anche sterrati leggeri. Le vibrazioni che salgono dal terreno costringono a rallentare pesantemente, maledicendo ogni singola asperitÓ che non riesci a schivare.
  • Il cambio 3x2: al di lÓ dei giochi delle tre carte (che si automatizzano ben presto), anche nella versione wide range Ŕ comunque limitato. Sostituendo la corona, devi decidere su che puntare: le ridotte per affrontare le salite, o le lunghe per evitare l'effetto criceto in discesa?


Due caratteristiche che mi hanno spinto a cercare in rete una alternativa. Ma la Brompton rimane al momento imbattibile su tanti fronti. Gli ingombri da piegata, il comfort di guida, la robustezza del telaio, la capacitÓ di carico.

Quindi mi sono fatto coraggio, e dopo due anni di meditazione, ho puntato sull'allestimento proposto dalla Kinetics di Glasgow, nella versione ruote da 18" e cambio Alfine 11 marce.



Il configuratore sul loro sito vi permette di settare le varie opzioni. Per i copertoni c'era la variante ruote da 20", ma con una sezione inferiore, meno adatta nel compito di assorbire le vibrazioni.  Per il cambio c'Ŕ anche il leggendario Rohloff, ma avendo giÓ dato un rene per tutti il resto, ho deciso di "accontentarmi".

Il manubrio da turismo, Brompton l'ha levato dal catalogo. La leggenda vuole che qualche cliente abbia fatto causa all'azienda per non essersi trovato le leve freni a portata di mano, nel momento del bisogno. Le impugnature inferiori, infatti, allontanano le mani dai comandi. Presuppongono quindi - al pari degli alcolici - un uso consapevole. Ma sono impagabili per modificare l'assetto e quindi  scaricare le tensioni che si accumulano all'aumentare del tempo in sella. Permettono inoltre di aumentare l'efficienza nella spinta, avvicinando la postura a quella delle bici da corsa.

Il cambio Alfine 11 a mio avviso ha le marce fin troppo ravvicinate tra loro. Peccato. Si perde l'occasione di estendere lo sviluppo metrico. Ma anche cosý, il risultato Ŕ soddisfacente. Con la corona originale Brompton 44 denti,  la prima marcia ha 178 cm di sviluppo metrico, con cui affrontare le lunghe salite. Lo svilppo dell'11-ma  marcia non l'ho misurato, ma Ŕ supereriore alla configurazione originale 3x2 nella variante con doppia corona a  34-50 denti (che io tengo fissa sulla 34denti).
Per poterlo regolare ci sono due tacche gialle da far combaciare. La cambiata deve essere azionata a pedali fermi, specie in salita, altrimenti si rischia di sfilare il cavo, e allora sono dolori, che per rimetterlo servono gli attrezzi e bisogna conoscere la procedura.  E' spiegato tutto nel manuale dedicato, preziosissimo perchŔ spiega passo dopo passo le azioni da intraprendere (ci sono dei trucchetti da tenere a mente).
Le due pulegge mi hanno fatto penare non poco. Le viti con cui sono arrivate erano infatti troppo corte, per cui, avvitandole a fine corsa, bloccavano le pulegge. Sono stato quindi costretto a sostituirle con una misura pi¨ lunga. Vanno anche ingrassate all'interno. Rimane il tendicatena plasticoso di Brompton. Amen.



Ho scelto volutamente di non sovraccaricare la bici di parafanghi e portapacchi. Il peso giÓ Ŕ aumentato di suo. Senza contare che con la borsa anteriore originale e le possibilitÓ di carico aggiuntive che offre una pieghevole, non ne sento la necessitÓ. GiÓ una borsa sottosella bikepacking permette una ulteriore espansione dei volumi senza tutti gli sbattimenti a cui invece costringe una eventuale borsa fissata al portapacchi.

Essendo questo un allestimento speciale, seguono alcune "stonature", inevitabili quando si parla di adattamenti di un telaio ottimizzato con altre caratteristiche:

  • La forcella anteriore non Ŕ perfettamente allineata. Forse un grado. La sensazione finale Ŕ che il manubrio sia leggermente inclinato da una parte. Ma ci si fa l'abitudine dopo pochi minuti di guida. In aggiunta, non ha i fermi di sicurezza presenti invece sulla forcella originale (con i quali Ŕ praticamente impossibile che la ruota anteriore possa staccarsi). Lo sgancio rapido Ŕ quindi da controllare ogni tanto (ma ancora non mi sono perso nulla).
  • La leva cambio sporge vistosamente dalla curva manubrio. Forse la variante a singola levetta non ha questo problema. Ma al di lÓ dell'aspetto estetico, la cambiata non Ŕ influenzata. Molto precisa. E' possibile inoltre spingere a fondo le levette per cambiare due marce contemporaneamente.
  • Il pedale sinistro, durante la piega  rischia di sbattere contro il fodero posteriore, maggiorato per ospitare il copertone Schwalbe Big Apple 18x2.00 50-355.
  • I freni a disco (io ho preso la versione meccanica) sono assolutamente sovradimensionati, ma credo sia una scelta obbligata per poter adattare il carro posteriore alle varie configurazioni previste da Kinetics.



Dal momento del pagamento, ho aspettato quasi tre mesi. Sicuramente la pandemia, la variante inglese e la Brexit hanno influenzato i ritardi.

Qualche delusione sul servizio clienti. Secondo me fa tutto l'artigiano. Tra l'altro ha una gestione abbastanza "creativa" degli ordini. Avevo pagato anche i copertoni, ma non sono mai arrivati (come mai Ŕ arrivato il bonifico associato a questa voce. Aveva garantito me l'avrebbe fatto, ho insistito due volte per email, senza risposta, dopodichŔ mi sono arreso).

Il negozio ZioBici di Roma ha curato tutto il setup, montando sul telaio originale il kit Kinetics, fatto spedire direttamente lý. Senza il suo prezioso contributo (e le osservazioni che sono seguite, riportate in questa recensione) non mi sarei mai avventurato.

Per concludere: la sensazione di guida Ŕ spettacolare. E' tornato il piacere di prendere la Brompton a Roma. Ovviamente per un uso intermodale "spinto", sconsiglio questo allestimento. Tra l'altro, senza parafanghi, se piove Ŕ un problema. Dovendo quindi decidere su cosa investire, la Brompton originale rimane la prima scelta. Questo allestimento Ŕ per tutti coloro che ...  (terminate voi a piacimento).  ;D




 
 
« Ultima modifica: Aprile 05, 2021, 12:25:21 pm by occhio.nero »
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline gip

  • gran visir
  • *****
  • Post: 941
  • Reputazione: +231/-0
Re:Brompton Kinetics 18" Alfine 11
« Risposta #1 il: Aprile 06, 2021, 08:55:18 am »
Gran lavoro Federico. Ma cosa ci dici della piegatura?
Solo chi pedala va avanti!

Offline Sandro

  • iniziato
  • *
  • Post: 10
  • Reputazione: +0/-0
Re:Brompton Kinetics 18" Alfine 11
« Risposta #2 il: Aprile 06, 2021, 09:38:38 am »
Veramente molto bella! Complimenti.

Offline Littleirons

  • assistente
  • ***
  • Post: 184
  • Reputazione: +7/-0
Re:Brompton Kinetics 18" Alfine 11
« Risposta #3 il: Aprile 07, 2021, 11:33:15 pm »
Complimenti anche da parte mia!
Concordo pienamente sul fatto che le ruote ad elevata pressione di gonfiaggio siano il punto debole della Brompton, specialmente per noi italiani, alle prese con fondi stradali urbani che negli ultimi anni non hanno fatto che peggiorare a causa di una matutenzione sempre pi¨ scarsa. Anche per questo utilizzo a Torino la Brompton solo per tragitti brevi, preferendo Strida con Big Apple e Nanoo per i percorsi pi¨ lunghi, evitando cosý di danneggiare ulteriormente la mia giÓ sgangherata cervicale.
Brompton M6L/ Strida LT White/ Nanoo 12" Red

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 10029
  • Reputazione: +176/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome Ŕ al termine del mio viaggio
Re:Brompton Kinetics 18" Alfine 11
« Risposta #4 il: Aprile 08, 2021, 01:29:33 pm »
cosa ci dici della piegatura?

gli ingombri aumentano, ma non di molto. Come ho scritto, sconsiglio per˛ questa configurazione per l'intermodalitÓ spinta.

A conti fatti, ritengo che questa customizzazione non stravolga i vantaggi della Brompton, attenuando invece moltissimo il problema delle vibrazioni.

Speriamo che la casa madre recepisca presto le innovazioni che vengono dagli artigiani, perchŔ secondo me ci potrebbe essere mercato. Tanto pi¨ che la produzione in serie dovrebbe abbassare i costi e rendere questa versione un po' pi¨ "popolare" di quanto sia ora.
Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Online jeby

  • maestro
  • ****
  • Post: 341
  • Reputazione: +53/-0
    • jeby's blog
Re:Brompton Kinetics 18" Alfine 11
« Risposta #5 il: Aprile 26, 2021, 01:58:37 pm »
Complimenti, bellissimo mezzo, anche esteticamente secondo me i pneumatici maggiorati danno un tocco in pi¨ (ma io sono di parte, li ho messi enormi sulla mia  ;D)
Mu Uno+ con cambio automatico Sram Automatix e cinghia Gates Carbon Drive

Tags: