Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: Jazz: il treno regionale per Trenitalia  (Letto 11943 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline NessunConfine

  • gran visir
  • *****
  • Post: 1887
  • Reputazione: +102/-0
Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« il: Luglio 20, 2014, 02:20:10 pm »

Nel 2012 Ferrovie dello Stato Italiane e Alstom, a seguito di una gara pubblica, hanno firmato un contratto del valore complessivo di circa 450 milioni di euro per la realizzazione di 70 treni elettrici regionali a un piano.

Interamente “made in Italy” il treno, ribattezzato Jazz da Trenitalia, è progettato e realizzato nei centri di eccellenza di Savigliano, Sesto San Giovanni e Bologna, e si avvale di tutta l’esperienza e la tecnologia di Alstom nel settore dei treni regionali.

I nuovi treni regionali costituiscono l’evoluzione del modello Coradia Meridian esistente, a garanzia dell’affidabilità del convoglio e di un rapido processo di omologazione.

Confortevole e versatile, Jazz ha una livrea vivace e moderna caratterizzata da un forte contrasto tra lo sfondo antracite opaco e le marcate pennellate di colore che esaltano la dinamicità e la compattezza del treno, attualizzandone il design. La nuova livrea sarà applicata all’intera flotta di treni regionali di Trenitalia.

Riciclabili per il 95% e in grado di ridurre le emissioni di CO2 , i nuovi treni sono dotati di un impianto di video sorveglianza, schermi luminosi per le informazioni, scritte in braille oltre a impianto di diffusione audio e prese di corrente a 220V per l’alimentazione di cellulari, PC portatili e tablet. Per realizzare la nuova flotta saranno utilizzate 85 tonnellate di acciaio, 1.070 chili di vernice e 340 metri quadri di pellicola antigraffiti per la livrea.

Per rispondere al meglio alle diverse esigenze di mobilità dei passeggeri e degli operatori, il nuovo treno circolerà in configurazioni differenziate: metropolitana (con più posti in piedi), regionale (con più posti a sedere) e regionale a più lunga percorrenza (con maggiore spazio per i passeggeri), aeroportuale (con più spazio per i bagagli). Sarà inoltre possibile modificare la configurazione con interventi semplici e rapidi per rispondere in modo flessibile alle differenti domande di mobilità.









Fonte | Link
Foto | Link
Foto 2 | Link
Foto 3 | Link
Foto 4 | Link
« Ultima modifica: Luglio 20, 2014, 02:21:56 pm by NessunConfine »
Lorenzo - Tern Link P9

Offline Fabrizio_1

  • maestro
  • ****
  • Post: 438
  • Reputazione: +48/-0
  • alieno ben mimetizzato ;-D
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #1 il: Luglio 20, 2014, 05:05:06 pm »
Dovrebbero essere a breve operativi anche in Piemonte
Brompton M3R +8%

Offline bic

  • apprendista
  • **
  • Post: 88
  • Reputazione: +8/-0
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #2 il: Luglio 20, 2014, 05:29:04 pm »
Qualcuno sa come riconoscere l'allestimento? Io è da un po' che lo prendo tutti i giorni ma non so qual'è, sembra uguale a quello visibile nelle foto e credo che sia quello con la massimizzazione dei posti a sedere, quasi tutte file da due piuttosto strette.
Posso dire che ci sono seri problemi per le biciclette che non hanno spazi e direi anche per le pieghevoli, forse anche coi bagagli in generale. Sono curioso di vederlo alla prova dei classici Giovedì rientro studenti universitari...

La scelta del gradino non mi pare eccezionale, sicuramente non ci sarà stata alternativa, forse l'aveva già fatto notare Vittorio (non ho trovato il post).
Non credo sia per nulla modulare ma tanto, almeno nella mia regione, non mi pare adeguino mai il numero di carrozze, probabilmente anche per il discorso delle locomotrici.

Piccola nota a margine: l'apertura/chiusura del bagno crea difficoltà a diverse persone e secondo me alcuni pulsanti sono troppo a rischio di uso accidentale tant'è che la scorsa settimana il capo treno ne stava uscendo pazzo. Un utente si era seduto nel posto dei disabili e aveva appoggiato il bagaglio davanti a sé, attivando dopo pochi secondi la chiamata di SOS. Passato qualche minuto, il capo treno non era ancora riuscito a spegnere l'avviso sonoro, una ragazza in bagno per chiudere la porta deve aver azionato analogo bottone :)

In conclusione a me va bene ma non entusiasma, altri ne sono molto soddisfatti (secondo me perché è nuovo e alcuni di quelli vecchi erano troppo vecchi, quello con le panchine strette li batte tutti :P ) Spero solo che il silenzio (del treno, in viaggio) e la pulizia durino il più possibile.

Dahon Speed D7 "Jolly Rasta"

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3096
  • Reputazione: +207/-0
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #3 il: Luglio 20, 2014, 05:43:35 pm »
Confermo che quello è l'allestimento ad alta densità, e i treni attualmente in servizio in Piemonte dovrebbero essere cinque, tutti sulla relazione sfm Torino-Asti. Per le bici normali c'è pochissimo da scegliere: vestiboli o spazio invalidi se non occupato. Il mio post con le piantine lo trovi qui:
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=156.195
ma inserisco qui le piantine aggiornate perché di là non posso più fare aggiornamenti. Visitando il treno la settimana scorsa ho scoperto che per le pieghevoli c'è un'alternativa che sulla carta non si poteva notare. In pratica, poiché con l'allestimento "alta densità" ci sono alcuni sedili degli ambienti a pavimento basso che si trovano in posizione alquanto svantaggiosa (quasi senza finestrino e affacciati sugli schienali dei sedili posti più in alto quasi come su un muro), si è scelta una soluzione a mio avviso non priva di interesse: le sedute (identiche a quelle degli altri sedili) sono ribaltabili con richiamo a molla in posizione alta, di modo che se il treno non è troppo affollato gli spazi corrispondenti possano essere utilizzati per bagagli (o bici).

 

Di conseguenza ho ripreso e aggiornato le piantine degli interni pubblicate nell'altra discussione, indicando anche questi possibili posti bici, che porterebbero il totale a 15 (o 13; non sono sicuro se anche nella carrozza 3 ci sia la stessa possibilità), quindi non troppi di meno rispetto ai Jazz di Trenord, anche se in questo caso con l'incognita della disponibilità o meno di questi spazi.
 

 

In ogni caso, come si vede nelle foto inserite più sopra da NessunConfine, le bagagliere sono molto ampie, per cui i fortunati possessori di Strida e Brompton non dovrebbero incontrare grandi difficoltà.

Infine, una precisazione: la modularità non sta nel variare la composizione del treno (anche perché essendo un treno articolato sarebbe parecchio complicato) ma negli allestimenti che possono variare anche di parecchio utilizzando gli stessi componenti.
Sugli inconvenienti dei vari pulsanti, sono abbastanza normali nei primi tempi di esercizio di un rotabile così tecnologico, poi col tempo passeggeri e soprattutto ferrovieri ci faranno la mano. Le vecchie "centoporte" con le panche di legno non si guastavano mai, ma era un progetto di più di cento anni fa...

Vittorio
« Ultima modifica: Luglio 21, 2014, 04:26:04 pm by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline Fabrizio_1

  • maestro
  • ****
  • Post: 438
  • Reputazione: +48/-0
  • alieno ben mimetizzato ;-D
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #4 il: Luglio 21, 2014, 06:57:51 am »
Le vecchie "centoporte" con le panche di legno non si guastavano mai, ma era un progetto di più di cento anni fa...

Vittorio

Ho fatto ancora a tempo a prenderne una o due, sulle Nord se non ricordo male, se non sbaglio erano di III classe, se era effettivamente così quelle che ho preso io erano state passate e II perché la III era già stata tolta.
Brompton M3R +8%

Offline gip

  • gran visir
  • *****
  • Post: 992
  • Reputazione: +232/-0
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #5 il: Luglio 21, 2014, 07:40:05 am »
'Centoporte'....che nostalgia! Su quelle però portarsi la bici era un'impresa.
Solo chi pedala va avanti!

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3096
  • Reputazione: +207/-0
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #6 il: Luglio 21, 2014, 03:33:45 pm »
'Centoporte'....che nostalgia! Su quelle però portarsi la bici era un'impresa.

 :D :D :D
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline SaraRonzinante

  • iniziato
  • *
  • Post: 14
  • Reputazione: +5/-0
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #7 il: Marzo 02, 2016, 09:04:26 pm »
Sono gli etr425, vero?
Nelle tratte dei Castelli (albano, frascati, velletri) NON sono ammesse bici, pieghevoli si.
effettivamente lo spazio, nell allestimento alta affluenza, scarseggia

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3096
  • Reputazione: +207/-0
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #8 il: Marzo 02, 2016, 10:45:06 pm »
Sì, sono gli ETR.425. In effetti l'unico spazio sicuro per una pieghevole è quello accanto alla ritirata, nella carrozza centrale; per gli strapuntini bisogna sperare che i posti non siano già stati occupati.

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3096
  • Reputazione: +207/-0
Re:Jazz: il treno regionale per Trenitalia
« Risposta #9 il: Novembre 21, 2017, 06:47:03 pm »
OT
'Centoporte'....che nostalgia! Su quelle però portarsi la bici era un'impresa.

Sono felice di annunciare che ho trovato un'eccezione: la settimana scorsa ho viaggiato su un treno storico della Fondazione FS e ho riscoperto una particolarità delle carrozze "centoporte": nell'ultimo modulo di sedili all'estremità, in corrispondenza del volantino del freno di stazionemaneto, la panchetta non è da due posti ma più corta e lascia una nicchia che sembra fatta apposta per... una Strida!


Se ci sta un passeggino, come quello che ho fotografato, che da piegato è ben più ingombrante...

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Tags: