Benvenuto

Se la vostra richiesta di registrazione viene rifiutata o non ricevete risposta entro 24 ore
scriveteci e sarete attivati manualmente (ma prima verificate che la nostra email di attivazione non sia  finita nella cartella di SPAM)
aren't you a robot? write us an email to activate an account
info@bicipieghevoli.net

Autore Topic: fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)  (Letto 7200 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3297
  • Reputazione: +212/-0
Premessa: uso la bici molto poco col buio e mai su strade non illuminate, e in più ho una discreta visione notturna, per cui la mia esigenza è essere visto più che vedere.

La mia dotazione attuale di lucine posteriori ammonta a quattro stabilmente installate sulla bici: la Reelight SL-120 (con condensatore) e tre lucine da Decathlon: questa sotto la sella


e due di queste

da affibbiare al tubo reggisella (qui sono in posizione di trasporto, sui tubi del carro posteriore, dove non impicciano quando alzo e abbasso la sella).

In più ho questa, sempre Decathlon,

attaccata al borsello che a volte aggancio alla sella (però il borsello stesso va a coprire il catarifrangente di serie e le due luci attaccate al tubo reggisella).

In definitiva, siccome ero un po' stufo di lucine attacca-stacca e di laccetti di silicone, avevo voglia di qualcosa di più "serio" e soprattutto stabile, da non dover mettere e togliere ogni volta.
L'unico posto papabile era quindi alla base del tubo reggisella, più o meno dove Brompton mette la sua luce di serie.
Dopo aver guardato in giro e rotto le scatole a un po' di negozianti e in privato a qualche amico del forum, mi sono deciso per il fanalino con catarifrangenti integrati Toplight Flat di Busch & Muller, questo qui:


In realtà io avevo concupito la versione S, con diffusore di luce

ma quando sono andato alla Stazione delle Biciclette per ordinarlo, l'altro era pronta consegna, e in offerta, e io non sono mai stato molto paziente, e insomma mi sono lasciato convincere...

Comunque sia, è un bell'oggettino, leggero ma dall'aria passabilmente solida; alimentato a batterie (due stilo AA) o accumulatori ricaricabili, con interruttore di accensione a slitta nella parte inferiore e mini led verde il cui spegnimento indica che con lo scaricarsi delle batterie la luminosità è scesa sotto quella prescritta da non so più quale apposita norma tedesca (e figurarsi se i tedeschi non avevano una norma per qualcosa....). Ha solo la luce fissa e a guardarlo non ha certo la potenza di un retronebbia, ma direi che si fa vedere e anche sotto un angolo abbastanza ampio, a differenza di altre lucine a LED economiche che calano bruscamente appena ci si sposta un po' di lato.

Nel frattempo mi ero studiato un po' come fissarlo, perché nelle intenzioni del produttore quello sarebbe un fanalino da attaccare a un portapacchi (che non ho), con passo delle viti a scelta di 50 e 80 mm.
Per copiare l'attacco Brompton (nel mio caso utilizzando il bullone di attacco del parafango) e nel contempo alzarmi un po' per non rischiare che la luce finisse coperta dal parafango, l'unica cosa che ho trovato nei vari Brico e co. è questa staffa a T da 110x140 mm:

che guarda caso ha un passo proprio di 50 mm tra i due fori interni.
Adattarla è stato facile: ho messo in morsa e piegato a mano il fusto subito sopra il foro più basso e tagliato via le estremità delle due ali (non sono diventato grammomaniaco, anche se ho levato 25 g in tutto: è solo che avevo voglia di giocare un po' col Dremel e il disco da taglio). Un'altra passata di Dremel con la molettina conica è servita ad allargare un po' il foro, leggermente troppo stretto per il bullone, ed ecco l'accrocchio montato sulla bici per le ultime regolazioni.

Se la livella non mente, è appena un po' oltre la verticale, in modo che il fanalino guardi un filo verso l'alto, cioè dritto negli occhi degli automobilisti.
Il fatto che il foro sia leggermente eccentrico e quindi il montaggio non sia perfettamente in asse non mi entusiasma dal punto di vista teorico, ma di fatto si nota assai poco; d'altra parte per fare un foro centrato avrei dovuto eliminare la parte con il foro preesistente e quindi abbassare il fanale di un paio di centimetri; cosa che ho subito escluso per ovvie ragioni di visibilità, dato che già adesso mi sembra abbastanza a pelo del parafango. L'ideale sarebbe stato trovare una staffa un po' più lunga ma le uniche che ho trovato in giro erano roba da carpenteria pesante... La soluzione più elegante sarebbe realizzarla su misura, magari in alluminio, ma ho già detto che la pazienza non è il mio forte...

Ed ecco come si presenta il fanale a lavoro finito:
   

Carino, vero?

La posizione mi sembra abbastanza protetta, la visibilità più che accettabile e non interferisce minimamente con la sella quando viene abbassata: che cosa vuoi di più dalla vita? Un lucano?
Adesso, quando prima o poi smetterà di piovere arriverà il momento del collaudo su strada.


Vittorio
« Ultima modifica: Dicembre 05, 2014, 07:45:19 am by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline lilla

  • apprendista
  • **
  • Post: 53
  • Reputazione: +0/-0
fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #1 il: Dicembre 09, 2014, 03:27:40 pm »
Bel lavoro Vittorio!  :)
ti ricordi?...io ho chiesto da poco consiglio sull'acquisto di una Vigor.
La bici è arrivata lunedì scorso, completa di parafanghi e portapacchi, ed è spettacolare!  ;D ;D
...solo che non ho ancora avuto modo di provarla... ::)
Adesso pensavo a dotarla di luci... pensavo proprio alle reelight. Tu le hai messe nella tua Vitesse, come ti ci trovi? Hanno una buona resistenza? Disturbano nella piega della bici?
In alternativa ho visto le magnic, ma, sebbene molto efficaci, sono troppo care... dopo la Vigor non posso permettermi di spendere oltre 100 euro in luci...

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3297
  • Reputazione: +212/-0
fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #2 il: Dicembre 09, 2014, 04:26:03 pm »
Ciao Lilla,

felicitazioni per il tuo acquisto! Io ho montato quasi subito le Reelight modello SL120, quelle con il condensatore che permette di mantenere attivo il lampeggio per qualche tempo anche da fermo (cosa che spesso richiama l'attenzione di qualche premuroso astante che mi avvisa delle luci "rimaste accese" per timore che si scarichino). Devo dire che mi ci trovo benissimo, sapendo che anche se mi dovessi dimenticare tutte le altre luci (o dovessero scaricarsi tutte insieme), avrei comunque questa "rete di sicurezza".
Chiaramente la potenza luminosa è relativamente modesta ma non trascurabile. Certo, le Magnic sembrano un'altra cosa, ma come giustamente dici anche il prezzo...
Il loro montaggio richiederà una mezzoretta in tutto e non presenta grosse difficoltà, giusto un minimo di attenzione nella regolazione del traferro, ovvero la distanza fra i magneti e i corpi illuminanti.
A questo proposito ti inserisco il collegamento a un paio di vecchie pagine in cui chiedevo aiuto per il montaggio e riferivo il risultato (i miei primi interventi sul forum... sembra una vita fa).
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=432.45
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=432.60
Seguendo le istruzioni (ma se ne parla anche nella discussione che ho segnalato, se hai voglia di leggerla tutta), ho montato entrambe le luci sul lato sinistro ("lato auto"; in Gran Bretagna le monterebbero sulla destra), così restano all'interno della bici piegata, in posizione molto protetta e senza intralciare la piega. L'unico vincolo che impongono è la necessità di alzare il manubrio un po' di più prima di piegare la bici, per evitare l'interferenza con una delle manopole. Ma vedrai, ci si abitua in fretta.

Vittorio

Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline lilla

  • apprendista
  • **
  • Post: 53
  • Reputazione: +0/-0
fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #3 il: Dicembre 09, 2014, 07:17:57 pm »
Grazie Vittorio, sempre molto esauriente!
Ma qui nel forum non c'è nessuno che abbia le magnic?...eventualmente posticipo la spesa e nel frattempo metto da parte un po' di soldini...poi magari fanno qualche offerta nel periodo natalizio...hai visto mai... ;)

Offline Sbrindola

  • aka Raffaele
  • Global Moderator
  • gran visir
  • *****
  • Post: 4928
  • Reputazione: +230/-1
  • Solvitur ambulando (pedalando)
    • Bikes & Co on Pinterest
fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #4 il: Dicembre 10, 2014, 01:35:27 pm »
purtroppo non mi risulta che qualcuno del forum le abbia mai acquistate: il costo fino ad ora ha sempre frenato anche i più compulsivi amanti di gadget come il sottoscritto ::)
Pur essendo una soluzione "definitiva" al problema luci grazie al principio di funzionamento, IMHO hanno il limite di venire a trovarsi un po' troppo in basso e francamente nel traffico serale esiterei ad affidarmi solo a queste, rendendo quindi insufficiente il corposo investimento.
Per l'offerta natalizia ci credo poco... nel caso facci sapere.  :)

Offline lilla

  • apprendista
  • **
  • Post: 53
  • Reputazione: +0/-0
fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #5 il: Dicembre 10, 2014, 04:45:51 pm »
Un paio di giorni fa ho contattato questi della magnic su facebook, chiedendo uno sconto se avessi acquistato due luci (una anteriore e una posteriore) Mi hanno detto che non possono spedire entro quest'anno perché hanno troppe richieste, ma che uno sconto sono disponibili a farlo. Al che ho chiesto a quanto ammontasse lo sconto ma non mi hanno più risposto. Una singola magnic costa 59 euro. Prendendone 2 sono 118 euro (troppi!!!). Non credo che lo sconto possa essere più di tanto.
Inoltre il nuovo modello non mi piace un granché, preferivo il prototipo che si vede in alcuni video. E ho chiesto pure se fosse disponibile proprio quello, ma mi hanno risposto che quel primo modello è impossibile averlo. Tra l'altro in un forum americano ho letto che le Magnic possono dare problemi di montaggio, che la luce è soggetta a vibrazioni e che la staffa che la tiene, proprio a causa di queste vibrazioni,  si può rompere...con la conseguenza che la luce (=59 euro) si perde chissà dove...
Quindi ho pensato alle Reelight. Mi piaceva l'ultima serie, la rl770, con tre magneti tutti posteriori e i fari un po' più potenti...solo che si pone il problema di far passare il cavo dalla ruota posteriore al faro frontale...e in una pieghevole questo passaggio non è proprio il massimo, specialmente per la mia Vigor, che ha i cavi dentro il telaio. Non credo vi si possa inserire pure questo della luce anteriore ma smentitemi se sbaglio...
Allora mi sono diretta verso la serie sl650 della reelight, che ha due magneti e un diverso accumulatore (si dice così?) per ruota. Però mi pare di capire, da alcuni commenti trovati qua e là,  che non faccia così tanta luce.
Non è che io debba fare chissà quali giri notturni, però non vorrei nemmeno una luce "inesistente"... ho cercato dei video per controllarne la resa, ma non ho trovato nulla.
Per le reelight sl650 anteriore e posteriore ci sono un bel po' di offerte a buon prezzo in rete...oppure aspetto le magnic l'anno prossimo, ma si tratterebbe comunque di una cifra vicina alle 100 euro...sempre più confusa... :(

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3297
  • Reputazione: +212/-0
fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #6 il: Dicembre 10, 2014, 05:57:47 pm »
Come sempre, è questione di esigenze e di gusti, ma io non mi imbarcherei a dover montare tutto l'impianto elettrico, specie con il vincolo di dover far passare i cavi di alimentazione nella piega del telaio se non all'interno del telaio stesso (si può fare, intendiamoci, ma ne vale la pena?). Quello che apprezzo delle Reelight che ho io è proprio il fatto di non avere in giro nessun filo: solo magnete e luce.
Quando giravo in bici tradizionale, con la classica dinamo mangia-energia attaccata alla ruota davanti, il più delle volte ero al buio lo stesso perché si era bruciata una lampadina, o si era ossidato o staccato un connettore, o si era spezzato un filo... Mai più!
Sicuramente i modelli Reelight che hai visto tu illuminano di più delle mie che, oltretutto, essendo montate all'altezza del mozzo della ruota, non sono nella posizione più visibile in assoluto, ma non so se valga la pena di cominciare a tirare dei fili, con tutti i fanali, fanalini e fanaletti autonomi che ci sono in giro.
A questo punto, se vuoi coprire tutte le tue esigenze di illuminazione (vedere e farsi vedere) con due sole luci, io ti consiglierei di cercare (e anche solo al Decathlon se ne trovano a palate) un paio di faretti con ricarica USB (o a pile, preferibili se conti di usarli raramente, mentre gli accumulatori sono più adatti a un uso regolare) e chiuderla lì. Se invece la pensi come me, che più luci ci sono meglio è, potresti abbinare le Reelight piccole (SL100 o 120) e qualche altra luce anteriore e posteriore a piacere.

Vittorio
« Ultima modifica: Dicembre 10, 2014, 09:39:29 pm by Vittorio »
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline lilla

  • apprendista
  • **
  • Post: 53
  • Reputazione: +0/-0
fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #7 il: Dicembre 10, 2014, 06:25:47 pm »
Le reelight che dici tu, Vittorio, sono quelle che si montano all'altezza della ruota? Io pensavo alla serie 650 perché c'era la possibilità di sistemare il faretto più in alto, senza la schiavitù della ricarica, io sono una gran pigrona, mi piace l'idea  di avere già la bici "pronta" per l'uso.
Inoltre in questo modo non ci sarebbero interferenze nella piega, perché le luci sarebbero poste alle estremità della bici, fronte/retro.
Non mi va di far passare un cavo dalla ruota posteriore a quella anteriore, però credo che un cavo ben sistemato per ruota non mi creerebbe problemi...almeno non spesso...ho sempre avuto la tradizionale dinamo con filo...che confusione!
Ad ogni modo, quale che sia il modello, Vittorio, mi confermi di esserti trovato bene con le reelight? Da quanti anni le usi? E sono sempre le stesse o le hai sostituite nel tempo?

Offline occhio.nero

  • Federico
  • Amministratore
  • gran visir
  • *****
  • Post: 10106
  • Reputazione: +176/-1
  • hai voluto la vita?... e mo' pedala!
    • il mio nome è al termine del mio viaggio
Re:fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #8 il: Dicembre 10, 2014, 08:32:05 pm »
mi raccomando, localizziamo i contributi nelle discussioni dedicate.

Segnalo a questo scopo:

luci ad induzione (senza batteria) Reelight&co
http://www.bicipieghevoli.net/index.php?topic=432

;)

Federico
Tikit; DahonMuP24; Nanoo; DashP18; BromptonS6L
pedaliamo, pieghiamo, moltiplichiamoci

Offline lilla

  • apprendista
  • **
  • Post: 53
  • Reputazione: +0/-0
Re:fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #9 il: Dicembre 10, 2014, 08:35:31 pm »
Ok, chiedo scusa, dopo la eventuale risposta di Vittorio, mi sposto nella sezione dedicata alle reelight! ;D :P

Offline Vittorio

  • gran visir
  • *****
  • Post: 3297
  • Reputazione: +212/-0
Re:fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #10 il: Dicembre 10, 2014, 09:44:13 pm »
Ciao Lilla, confermo che le Reelight SL120 sono quelle che si montano sul mozzo della ruota; le ho da un paio d'anni, sono sempre le stesse e mi ci trovo benissimo.

Scusa, Federico, ho fatto anch'io la mia parte nel far slittare la discussione; se ritieni, taglia e sposta pure.

Vittorio
Dahon Vitesse D7 (ex "Due Calzini") - Dahon Espresso D24 ex Boccia

Offline lilla

  • apprendista
  • **
  • Post: 53
  • Reputazione: +0/-0
Re:fanale non rimovibile da portapacchi (Busch & Muller su Dahon Vitesse,...)
« Risposta #11 il: Dicembre 10, 2014, 11:52:40 pm »
Grazie mille!!! ;)

Tags: